22 Agosto 2020, 07.25
Idro Anfo Treviso Bs Capovalle
Amministrazioni

L'isola ecologica si fa in quattro

di val.

E' stato inaugurato ieri a Idro il Centro raccolta rifiuti che da quindici giorni è in funzione per i cittadini dei Comuni di Idro, Anfo, Capovalle e Treviso Bresciano. Ora l'intera Valle è servita


Operativo già da un paio di settimane, è stato inaugurato ieri a Idro l’ultimo Centro di raccolta fra quelli che servono i Comuni della Valle Sabbia.
Qui potranno essere differenziare i rifiuti che non sono oggetto della normale raccolta porta a porta i cittadini di Anfo, Capovalle e Treviso Bresciano, oltre naturalmente quelli di Idro.

Progetto e realizzazione della Comunità montana, di concerto con le quattro municipalità.
E’ costato 715 mila euro e a pagarlo saranno i cittadini che ne usufruiscono, un po’ alla volta, direttamente in bolletta, come prevede la normativa.

Con questa, la Valle Sabbia si è dotata di dieci isole “green”
.
Da quando la raccolta differenziata viene gestita “in house” attraverso la società pubblica Sae sono state realizzate quelle di Sabbio Chiese (anche per Barghe e Provaglio) e di Villanuova. Prima sono state quella di Bagolino, Preseglie (anche per i Comuni di Agnosine, Bione e Odolo), Casto (con Mura), Vobarno (con Roè Volciano), Gavardo (con Muscoline e Vallio), Serle e Paitone.

«Crediamo molto nello sviluppo sostenibile del nostro territorio.

Per raggiungerlo dobbiamo dotare di tutte le strutture necessarie le singole zone affinché i cittadini possano collaborare concretamente per rendere il più verde possibile la nostra grande valle – ha detto in occasione del taglio del nastro il presidente della Comunità montana Giovanmaria Flocchini -. Il percorso presenta ancora molte tappe, ma oggi possiamo ufficializzare una nuova significativa realizzazione che dimostra quanto l’attenzione sia massima verso tutte le comunità e le aree del nostro articolato territorio”.

Con Flocchini, per l’occasione, erano presenti anche i sindaci di Idro (Aldo Armani), di Anfo (Umberto Bondoni), di Capovalle (Natalino Grandi), per Treviso Bresciano c’era l’assessore Raffaele Vezzola.

Nel centro di raccolta, posizionato in località Arco, raggiungibile con una strada sterrata che presto troverà adeguata sistemazione, sarà possibile conferire agevolmente, attraverso una rampa che permetterà di posizionarsi sopra ai containers, rifiuti ingombranti, imballaggi misti, verde e ramaglie, carta/cartone, imballaggi in vetro, plastiche, legno, metalli, inerti polistirolo, olio vegetale, olio minerale, rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, batterie al piombo, toner, abiti usati, ma anche rifiuti pericolosi.

«La Valle Sabbia tutta è ora dotata delle strutture idonee al conferimento di ogni tipo di rifiuto – ha affermato l’assessore comunitario di partita e sindaco di Barghe, Giovan Battista Guerra -. Chi ancora lascia rifiuti in giro non ha proprio più alcuna scusa».




Vedi anche
16/11/2017 11:15

Lavori all'isola ecologica Saranno accolti anche i suggerimenti dei cittadini che abitano nelle vicinanze per i lavori di sistemazione e ampliamento dell’area per la raccolta dei rifiuti di Villanuova in vista del nuovo sistema di raccolta

06/05/2017 09:19

Valsir e le scuole di periferia L'azienda valsabbina ha finanziato con 75 mila euro un progetto di innovazione scolastica che ha portalo lim e computer in tutte le classi di Elementari e Medie di Anfo, Bagolino, Capovalle, Idro Ponte Caffaro e Treviso Bresciano

06/05/2020 15:21

L'Unità pastorale sul web È quella di Santa Maria ad Undas che raggruppa le parrocchie di Anfo, Capovalle, Idro e Treviso Bresciano che ha sfruttato gli strumenti online per mantenere i contatti con i fedeli durante questo periodo di distanziamento forzato

28/01/2016 07:05

Un'isola per quattro Quattro giovedì per parlare di raccolta differenziata, per vedere di utilizzare al meglio gli strumenti che già ci sono, prima di introdurre altre novità

20/01/2016 17:28

A fuoco l'isola ecologica di Nozza Violento incendio quello che ha avvolto il cassone della raccolta del verde, all'interno dell'isola ecologica di Nozza.
Aggiornamento ore 19



Altre da Idro
23/09/2020

«Le ombre dell'Eridio»

Questo venerdì, 25 settembre, a Idro la presentazione del giallo d'esordio dello scrittore bresciano Paolo Tognola, promossa dalla Biblioteca comunale

20/09/2020

Travolto in bicicletta

Dinamica in corso di accertamento quella che ha portato alla caduta di un ciclista tedesco che stava pedalando lungo la 237 del Caffaro alla Pieve di Idro

20/09/2020

Di Mura il motociclista morto a Idro

Si chiamava Oliviero Bertelli il centauro deceduto a Idro questo sabato pomeriggio. Aveva 53 anni. Lascia moglie e due figli. Attonita la comunità del Savallese. Ecco come è successo

19/09/2020

Idro: mortale ai Tre Capitelli

E’ andato a sbattere contro un’auto che stava manovrando per entrare in una stradina laterale. Inutile ogni tentativo di rianimazione

16/09/2020

Problemi col trasporto studenti da Bagolino

Si è verificato un disguido con il servizio trasporto studenti di Bagolino diretti all’Istituto Polivalente di Idro

05/09/2020

Incidente sulla «Ginestre»

Eliambulanza e Soccorso alpino in azione a Vesta di Idro, per soccorrere due turisti in difficoltà su una delle ferrate che incorniciano la zona. Pochi i danni fisici, per fortuna

04/09/2020

«Silhouette», a Crone la mostra del Fotoclub 8 Marzo

Verrà inaugurata questa sera – 4 settembre – e sarà visitabile fino a domenica l'esposizione fotografica del club di Vestone in collaborazione con la Biblioteca di Idro. Ingresso libero nel rispetto delle norme anti Covid

28/08/2020

«A macchia di barolo»

Nuova distribuzione dei fondi per i Comuni di confine, quella mediata a Brescia, che premia anche i Comuni “di seconda fascia”

26/08/2020

Sostegno trentino all'economia lacustre

La giunta della Pat, su proposta del consigliere pentastellato Alex Marini, si è impegnata a trovare il modo di concertare con la Regione Lombardia la valorizzazione dell'Eridio

20/08/2020

Fuori strada ai Tre Capitelli

Avrebbe fatto tutto da solo il conducente di una fiat Punto che nella notte è finito in un prato dopo aver abbandonato la 237 del Caffaro