Skin ADV
Venerdì 21 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



19 Luglio 2014, 12.42
Idro Anfo
Lettere

«Mio malgrado, devo alcune precisazioni in merito. Ci provo»

di Gianfranco Seccamani
Prosegue il dialogo chiarificatore su alcune vicende amministrative di Anfo fra Gianfranco Seccamani e alcuni lettori.

Caro direttore,
mi offra, la prego, ancora un po' di spazio per chiarire alcuni punti sulle questioni da me affrontate nei giorni scorso. Dopodichè, se mi sarà possibile, almeno per qualche giorno cercherò di riposare.

Per ciò che riguarda il passaggio di consegne, quando ho assunto l’incarico di sindaco, succedendo al Commissario, questi mi ha ben spiegato quali fossero le questioni in sospeso ed ho firmato il “Verbale“ del passaggio.
Se pure il passaggio, per qualcuno, possa essere considerato traumatico, ci sono questioni che non possono essere sottaciute, vista l’importanza che esse rivestono.

Da tenere presente che pur  “perdendo” le elezioni, seppure in Minoranza, si rimane a tutti gli effetti Pubblici Amministratori. Con annessi e connessi. Il “bene del paese“ non vale solo per chi  “vince“. Il senso civico non è un’astrazione.

Vale l’esempio recente: per sottoscrivere l’AdP 2012 (che recepisce in toto l’AdP 1008) una Delibera di Giunta mi autorizza alla firma. Pochi giorni dopo, l’Accordo è stato ratificato dal Consiglio comunale.
Nel caso di specie, qualora Lei non ravvisi nessun abuso di potere, ritenevo di essere stato chiaro: l’AdP 2008 firmato dal Sindaco Bonardelli non è mai stato ratificato dal Consiglio. Non esiste Delibera in merito. Qui sta la differenza.

La prendo un po’ lunga: non sono un Tecnico, qualora lo fossi, e mi venisse affidato il compito di redigere un progetto riguardante l’opera in questione (pista) o qualsiasi altra, quale sarebbe la prima e fondamentale cosa da fare? 
Verificare se tale opera è conforme agli Strumenti Urbanistici vigenti!

Poniamo che gli Amministratori siano  anche Tecnici, e verificato che l’opera non risulta conforme, quale atto consequenziale dovrei  (dovrebbero) approntare?
Convocare il Consiglio comunale, in base all’art.34 comma V del DLgs 267/2000 e ratificare l’Accordo.
I progetti ad esso connessi, diventerebbero così facendo conformi. Come prescrive la Legge.

Si evita così di trascinare la questione per anni, evitando di complicare la vita a tanti, ed evitare pure le aule Giudiziarie.
Se così fosse stato, pensi a quante rogne in meno, quanti discorsi avremmo evitato etc.
La posizione di chi firma prima la Conformità e poi in autotutela la revoca, non spetta al sottoscritto stabilire quale responsabilità comporti, certo è che si parla di Professionista stipendiato adeguatamente.
Risparmio di elencare i problemi che discendono tra le due firme. Basti dire che siamo arrivati ad un passo dal precipizio.

Se il lettore di VSN, o chiunque sia, si pone la domanda del perché il Sindaco abbia dovuto emettere Ordinanza di chiusura del Compendio, deve rileggere attentamente le lettere citate nella precedente missiva.
Lì ci sono le risposte.

Ho l’impressione che i fatti vengano capovolti: chi è stato messo in difficoltà è il comune di Anfo, la Rocca e tutti coloro che per un motivo o l’altro avevano a che fare con il Compendio. Non il contrario.
L’evento franoso dell’anno successivo, da Lei definito irrisorio, per quanto riguarda la 237 era di competenza esclusiva della Provincia. Per quanto riguarda il Compendio del Demanio. Esattamente come l’evento del 28/02/11.

Per ciò che riguarda l’incarico-ordinanza di somma urgenza da Lei prospettato, non era compito del Sindaco.
Personalmente ritengo che la questione andava gestita in prima persona dal Prefetto, sì da superare tutte le tagliole burocratiche. Uno ordina e gli altri eseguono.
A Idro e Lavenone non c’è la Rocca, non il cambio di amministrazione e nessuno decise di  “soprassedere“.

Non deve suonare strano (ID 47378) La richiesta del comune era di superare il limite temporale di sei anni, contratto in essere al tempo.
La proposta del Demanio; venti anni a 32.000 euro l’anno. Non sono in grado di spiegare il perché. Se non erro, nel 2010 entra in vigore la Legge denominata “federalismo demaniale“, e questo viene comunicato al comune.
Così da poter scegliere tra le due opzioni.

Il resto è stato spiegato nella precedente.
Va da sé che qualunque fosse stata la scelta, il discorso sicurezza (e responsabilità connesse) sarebbe passato in capo al Comune. Ad oggi il Comune non è “proprietario“ e non lo sarà in futuro. Perché la proprietà è dello Stato. E tale rimarrà. A meno che lo Stato non decida di vendere, per fare cassa. Ma questa è un’altra storia.

Rimane da chiarire,
e questo non posso farlo io, chi e perché decise di “soprassedere“, dopo lo stacco del masso il 28/02/11.
Qualcuno dovrebbe spiegare quale sia la differenza tra lo scrivere la lettera del 20/06/11 e non nell’immediatezza dell’evento del 28/02.
I “ripetuti eventi franosi“ e “lo stacco di massi di notevoli dimensioni tra lo Statuto e Avanzata“ erano antecedenti al 28/02 (!!!). La differenza può essere il masso del 28/02/11?.
Parere strettamente personale: avrebbe significato “Fuoco amico“ . A buon intenditor ……

Accidenti, mi vedo costretto a tediare i lettori, Lei compreso.

Pista Ciclo-Pedonale: la prevista posa del collettore interessa l’intero tracciato e non solo alcuni tratti. Non sarebbe funzionale.
Si può benissimo affermare che “non vi è notizia in tal senso“ perché è la verità. Mai in nessun Consiglio si è discusso di AdP, di Opere correlate e conseguentemente del Collettore. Non una parola una. Mai.
Mai dagli amministratori di allora fu fatto cenno dell’opera collegata alla pista.  Vuole sapere come è andata veramente? Ok . La prego però di non ridere!

Subentrata la nuova amministrazione si palesano i primi problemi in merito al Progetto. Viene presentato Ricorso al TAR per l’annullamento del Progetto e dell’ AdP. Da parte di un privato cittadino.
Conoscendo la posizione del Sindaco in merito all’opera, l’allora Presidente CM, ripete allo stesso, di non rompere le Palle, di non lamentarsi, non creare problemi, perché la “pista è praticamente gratuita (o quasi).
Al che il Sindaco chiede spiegazioni in merito e allora, solo allora viene messo a conoscenza del progetto correlato (collettore).
Ribadisco che in Comune non esistono documenti in merito. Il Documento congiunto, citato nella precedente, fisicamente non esiste!

Il Sindaco, chiama A2A per avere conferma in tal senso
, ed effettivamente ottiene risposta positiva.
Gli viene spiegato che c’è una lettera inviata dal Comune in tal senso. Non senza imbarazzo, chiede di avere copia della lettera. Del 17/02/2009, prot. 471.
Così l’amministrazione viene messa a conoscenza del Collettore! Attenzione: non è una barzelletta!!!

Lei afferma che “non c’è nessun miracolo se l’affidamento dell’incarico al professionista è avvenuto qualche mese dopo.
Le fasi tecniche di un’opera vanno dallo studio di fattibilità, all’esame della compatibilità urbanistica ed ambientale, alla progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva“.

Perfetto.

Ma tutto questo deve avvenire prima o dopo aver ricevuto incarico alla progettazione, a seguito di regolare Bando di Gara?
L’incarico al professionista X, viene affidato ancora prima di aver effettuato la Gara di Appalto? Se si invitano cinque professionisti per partecipare alla gara, come è possibile indicare il vincitore ben quattro mesi prima che vengano aperte le buste? Gli altri quattro, non hanno nulla da dire? Si può rinunciare a 84.000 euro di parcella allegramente?

 A2A conferma che il progettista “a seguito della lettera (17/02/09) ci ha inoltrato offerta per la prestazione e noi gli abbiamo affidato l’incarico per la progettazione“. La lettera del 17/02 è conseguente ad un incontro in Comune tra A2A e la presenza del Sindaco (di allora). Ribadisco quanto scritto nella precedente: quindi? tutto regolare?

Lo scrive anche Lei: il professionista deve verificare la compatibilità urbanistica. Ma se scopre che non è compatibile, chiude un occhio, meglio due? Oppure, facile facile  (è amministratore pubblico) convoca un Consiglio comunale e lo si rende agli effetti di Legge compatibile? Il progetto.
Perché ciò non sia avvenuto, rimane un mistero. Forse per paura di dover discutere di AdP? L’opera di collettamento non è stata abbandonata con pregiudizio certo .

Il Collettore può, è questo l’augurio di tutti, essere realizzato, indipendentemente dalla Pista. Viste le diverse finanziabilità delle opere. Se rilegge attentamente la lettera del 17/02/09 vi è scritto che “atteso che i tempi di realizzazione della Pista Ciclabile sono già definiti ed il crono programma prevede l’avvio dei lavori indicativamente entro Gennaio 2010 etc.”
Ricordo che il cambio di amministrazione avviene a Maggio 2011. I lavori potevano iniziare in tutta tranquillità. Il tempo c’era. Perché non è andata così?

Una domanda viene a questo punto spontanea: se come affermato dall’allora Presidente CM al Sindaco di Anfo che la Pista l’avrebbe avuta “gratis“ (o quasi) risulta congruo che il costo previsto per la Pista fosse ben oltre il Milione di euro? Comunque?
Per quanto riguarda i rapporti con il comune di Idro: nulli.

Eccessivo livore contro la precedente amministrazione.
Effettivamente non nutro grandi simpatie. Eppure ne facevo parte!
Può, forse, bastare l’articolo apparso su queste pagine a fine 2007: "Anfo si affida al Coordinamento"

Anche se la firma non è la mia (ero dimissionario) è tutta farina del mio sacco. Pienamente condiviso da tutta l’amministrazione.
A quanto pare le cose sono andate un po’ diversamente. Leggermente.
Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. Come ebbi modo di scrivere agli allora amministratori “li avevamo con le palle sul ceppo“. Peccato che qualcuno abbia consegnato la scure al boia!

Indovini a chi sono state tagliate, le palle! Qualcuno ha persino perso la voce.
Eravamo in posizione di previlegio. Ecco cosa ci siamo giocati
Aspetto di essere sbugiardato. Sappiamo da chi.

Gianfranco Seccamani

Ps: per le eventuali conferme, i protagonisti delle vicende oggetto della presente sono tuttora viventi. Chiedere è lecito, rispondere è …..
Accidenti a me e a Lei Kyselak, sono le 02,40 e ancora sto scrivendo.
La ringrazio per l’attenzione con cui segue le vicende lacustri e non. Se vuole altre informazioni, mi telefoni, se non vuole rivelare l’identità. Facciamo prima. Spero di essere stato sufficientemente esaustivo. Buona lettura.
Alla prossima?


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID47445 - 19/07/2014 14:57:05 (Mel) Caro Gianfranco
Troppo lunga leggerla per dare risposte chiare. Mercoledì sera ci sei in comune? A che ora? Ho poca memoria ma qualcosa mi sfugge magari se ci vediamo possiamo fare un buon Unto della situazione ... Ciao


ID47446 - 19/07/2014 15:27:34 (g.v.p@libero.it) Volentieri
Ben volentieri . Dalle 20.45 a notte inoltrata . Grazie ,ciao


ID47449 - 19/07/2014 18:06:58 (kyselak) per Seccamani
La ringrazio per le precisazioni e mi spiace aver abusato della sua pazienza costringendola al computer in ore impossibili. Nel suo primo post, ravvisando la possibilità di acquisire il compendio a titolo non oneroso ha parlato dell'avvio delle pratiche burocratiche in tal senso. Ora invece afferma che il Comune non diverrà mai proprietario a meno che lo Stato non decida di vendere per fa cassa. Non ho chiari i due concetti. C'entra forse la legge sul federalismo demaniale? Penso che, oltre all'allora Presidente della Comunità Montana anche il privato ricorrente conoscesse la posizione dell'attuale Sindaco in merito alla pista ciclabile altrimenti non riesco a spiegarmi la tempistica del ricorso al Tar. Leggendo poi i contenuti della sentenza ho avuto l'impressione che l'Amministrazione comunale abbia pilotato tale ricorso nel quale si fa espresso riferimento alla presunta non conformità allo strumento urbanistico vigente. Il dover rifondere alla


ID47450 - 19/07/2014 18:22:06 (kyselak) segue per Seccamani
controparte la somma di € 6.000,00 oltre agli accessori di legge, è la naturale conseguenza di un'operazione audace se non temeraria. Sarebbe stato troppo facile pretendere l'annullamento dell'Accordo di Programma adducendo a pretesto un vizio di illegittimità nella procedura da parte del Comune amministrato. C'era tutto il tempo per ovviare al problema o addirittura di sostituire il progetto senza tanti funambolismi. Mi sembra di rileggere la stucchevole querelle sui livelli del lago. L'Adp dispone che saranno di mt 3,25, il buon senso afferma che dovrebbero restare nel range di mt 1,80, ma che invece si pretende rimangano gli attuali 1,35. Salvo poi scoprire il no intransigente alle opere di sicurezza, il no agli utilizzatori a valle, le presunte vendite lacustri, le palle o le frane e l'approvazione di soppiatto della savanella.


ID47452 - 19/07/2014 18:32:04 (kyselak) segue per Seccamani
Sempre per quanto riguarda la pista ciclabile non mi sembra corretto affermare che c'era tutto il tempo per dare avvio ai lavori, quando era assodato che, in mancanza dell'adesione del Comune di Idro, la Regione non svincolava i danari. Per quanto riguarda l'incarico al professionista la situazione in effetti sembra ingarbugliata e merita un approfondimento in separata sede. In attesa di vederci più caro, mi appello al diritto anglosassone, e voglio essere garantista ravvisando un refuso di digitazione nella lettera citata nel suo precedente post e trasmessa dal Comune ad A2A dove si legge di aver "già affidato la progettazione della pista medesima" con un forse più corretto di aver "affidato già uno studio di fattibilità". E' certamente una mia supposizione, un chiarimento si potrebbe avere conoscendo la data di assegnazione dell'incarico da parte di A2A o meglio ancora sapere a che titolo il professionista abbia inoltrato richiesta all'Azienda


ID47453 - 19/07/2014 18:45:02 (kyselak) per Seccamani
S'impone una certa cautela in questo argomento. Per il resto ho apprezzato la replica significando che mi trova sulla sua stessa lunghezza d'onda in tema di passaggio di consegna dall'amministrazione uscente alla subentrante, di tempistiche nelle diffide o ingiunzioni da parte del demanio, di costi della pista ciclabile alla luce anche della mancata previsione di protezione nella zona interessata dai recenti movimenti franosi. Infine prendo atto della mancanza di recepimento dell'AdP da parte del Consiglio comunale, cosa invece che mi risulta avvenuta negli altri Comuni firmatari. La ringrazio di avermi chiarito le varie competenze, confesso, pensavo che, oltre al Prefetto, il Sindaco, quale Ufficiale di Governo e responsabile della Pubblica Sicurezza avesse maggiori voci in capitolo che i proprietari.


ID47454 - 19/07/2014 18:51:54 (kyselak) finisco
Mi scusi, nel penultimo commento, proprio alla fine ho scritto "inoltrato richiesta all'Azienda", intendevo correttamente dire "inoltrato offerta all'Azienda" (A2A).La frase così concepita non avrebbe senso.La saluto cordialmente


ID47455 - 19/07/2014 18:55:24 (g.v.p@libero.it)
Per chiarimenti ulteriori : 3475752672 .Gianfranco


ID47459 - 20/07/2014 07:08:07 (Leonardo10)
Ad Anfo, con corraggio e traparenza, si è scelto di chiarire tutte le questioni riguardanti la vita del paese. Forse le risposte fornite non accontenteranno tutti, ma quantomeno è innegabile che sia stata manifestata in modo limpido l'intenzione di spiegare ogni vicenda. A Idro invece è stata scelta la via opposta: il silenzio, Nella speranza che la vicenda savanella venga dimenticata, che il mancato ingresso al paese non venga portato a conoscenza dei più. Eppure, se guardiamo il dossier lago il sindaco Nabaffa, il 26.10.2010 aveva impiegato solo 5 giorni per rispondere piccato ad una lettera del ex sindaco Salvaterra.Spegando chiaramente che chi amministra è chiamato a rispondere delle prorpie scelte. Perché oggi la stessa regola non vale più? Perché il consiglio comunale non viene convocato? Sempre che non lo si voglia convocare ad agosto quando sono tutti al mare.


ID47468 - 20/07/2014 10:43:59 (g.v.p@libero.it) Consiglio comunale
Il Consiglio pu essere convocato anche dalla minoranza .


ID47472 - 20/07/2014 11:53:02 (Dru) Sono sorpreso dalla sua "particolare" competenza Kyselak
Mi disporrò con lei per un'approfondimento sul tema della "preghiera di supplica." Quello che qui emerge è molto interessante sul piano squisitamente storico dell'amministrazione di Anfo. Oggi però sarei sollevato se pubblicamente Seccamani ci ragguagliasse sui prossimi provvedimenti in tema e sulle sue speranze a proposito.


ID47475 - 20/07/2014 12:38:49 (g.v.p@libero.it)
Per Dru . Magari ci vediamo per una pizza . GF


ID47479 - 20/07/2014 13:07:24 (Leonardo10)
La ringrazio, la sua precisazione è quanto mai opportuna.


ID47485 - 20/07/2014 17:51:23 (kyselak) per Leonardo 10
Sono d'accordo con lei. Gianfranco Seccamani è stato corettissimo e trasparente. Lo stesso non si può affermare per gli esponenti del Comune di Idro e cortigiani compresi. Non ho mai mancato di sottolineare l'onestà intellettuale dell'estensore. Se non sbaglio, la lettera della sig. Salvaterra cui fa cenno, rimarcava come il sindaco Nabaffa confondesse ad arte l'accordo di programma con il protocollo d'intesa per la ripartizione del finanziamento.


ID47486 - 20/07/2014 18:04:05 (kyselak)
Per cortesia sig. Seccamani mi dica perchè secondo lei il Comune di Anfo non potrà mai diventare proprietario del compendio quando invece si era adoprato per acquisirne a titolo non oneroso. E' cambiato qualcosa nello scenario legislativo o nelle mosse strategiche?


ID47487 - 20/07/2014 18:08:38 (kyselak) per Dru
Leggevo proprio stamane sulla stampa locale dell'effettiva possibilità di apertura della Rocca nel 2015. Purtroppo non ho potuto partecipare alla riunione perchè l'ho saputo all'ultimo momento. Se qualcuno dei partecipanti ci vorrebbe ragguagliare tanto di cappello.


ID47489 - 20/07/2014 19:14:47 (g.v.p@libero.it) precisazione
Acquisire e il vocabolo utilizzato dal demanio . La Rocca e stata effettivamente in vendita in due occasioni, anni ottante se non erro . Nel caso di specie , acquisire non significa comprare .In base al contratto precedentemente citato , bisogna presentare un programma pluriennale di interventi . Qualora non fosse rispettato , il demanio si riprenderebbe il compendio . La vendita non e mai stata in discussione .Ho saltato gli accenti.


ID47490 - 20/07/2014 19:16:55 (g.v.p@libero.it)
Non ero presente alla riunione . IL Direttore , ne sono certo avra modo di scrivere in merito .


ID47492 - 20/07/2014 22:58:12 (kyselak)
Adesso ho capito. Presentando un programma pluriennale atto al recupero ed alla fruizione si sarebbe potuto avere in gestione il compendio a titolo non oneroso. In caso di mancata presentazione del piano il canone annuo sarebbe stato di 32.000. Grazie per il chiarimento


ID47757 - 26/07/2014 17:28:44 (bobdylan) bobdylan
Ho letto gli scritti di Seccamani e trovo la sua posizione molto confusa o meglio di "comodo",non capisco da che parte è stato,da che parte sta e dove starà. Boh!!!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/10/2014 07:13:00
I paradossi del lago d’Idro La questione del lago è comparabile ad un giallo di Agatha Christie che bisogna leggere fino all’ultima pagina per avere sentore di chiarezza

27/02/2012 22:38:00
Belotti: «Avanti lo stesso» Questo pomeriggio a Milano (lunedì) c'è stata una riunione del Collegio di Vigilanza. I sindaci di Anfo e di Idro hanno negato la loro firma ed è saltato il Piano Integrato d'Ambito.

21/03/2010 09:40:00
«Controricorso»: Idro si sfila L'amministrazione comunale di Idro annulla la delibera che dava mandato all'avvocato di resistere al ricorso pendente davanti al tribunale delle acque.

24/04/2013 07:20:00
La VIA è ok Non c'è più nessun ostacolo alla realizzazione delle opere di regolazione del lago d'Idro. La Valutazione di Impatto Ambientale ha ottenuto l'ok anche da parte degli ultimi due Ministeri

18/07/2014 07:00:00
In merito alla lettera di Seccamani Egr. Direttore, ho letto con attenzione la lettera del sig. Gian Franco Seccamani in merito alle questioni della Rocca d’Anfo e del Lago d’Idro e la ritengo un contributo prezioso...



Altre da Anfo
20/09/2018

Precisazione sul concerto commemorativo Anfo - Bondo

Nel corso del Concerto per la pace andato in scena alla Rocca d'Anfo non è stato colto l'appello per la pace e la non violenza sottoscritto dai quattro corpi musicali


19/09/2018

I venerdì della Rocca

Inizierà questo venerdì, 21 settembre, il ciclo di eventi dedicato ad alcuni approfondimenti storici e culturali relativi ad Anfo e al territorio valsabbino 

17/09/2018

Note per la pace

Dopo la puntata di sabato con un concerto nella Rocca d'Anfo, la manifestazione "Note per la Pace" ha avuto il suo epilogo domenica a Bondo


15/09/2018

Mistero ad Anfo

Un rumore improvviso a cui fatto seguito uno sferragliare di lamiere, dopodiché si è udito qualcuno gridare “aiuto”. Poi più niente

12/09/2018

Ad Anfo il Concerto per la Pace

La kermesse dedicata al centenario della fine del primo conflitto mondiale continua questo sabato, 15 settembre, in Rocca con un grande evento internazionale 

07/09/2018

Ricordo di Getulio Alviani

Riportiamo il testo dell’intervento con cui Giancarlo Marchesi, durante il convegno organizzato lo scorso sabato ad Anfo, ha ricordato l’artista di fama internazionale - e amico - che iniziò la sua carriera a Vestone  (1)

06/09/2018

Francesco Tesei in scena ad Anfo

Questo sabato, 8 settembre, per la rassegna Nuvole il più grande mentalista italiano si esibirà in uno spettacolo fuori dagli schemi. Pochissimi i posti ancora disponibili 

04/09/2018

Sotto al bilico

Se l’è vista brutta il 67enne alla guida di una Hyundai che nel percorrere un tornante è finito col muso sotto il rimorchio di un tir (10)

02/09/2018

L'arte contemporanea invade Anfo

Decine di opere d’arte e installazioni fanno bella mostra di sé nel borgo affacciato sull’Eridio, a 50 anni dall’evento dedicato all’avanguardia artistica. Un video e un convegno per ricordare l’evento (1)

31/08/2018

Ad Anfo l'avanguardia artistica

A 50 anni dal grande evento dedicato all’avanguardia artistica, Anfo porterà nuovamente al centro dell’attenzione l’arte contemporanea con una cinquantina di artisti provenienti da tutta Italia e dall'estero




Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia