Skin ADV
Venerdì 22 Settembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Sospiri... a Venezia

Sospiri... a Venezia

di Pier Angiola Belli



20.09.2017 Vestone Barghe Valsabbia

20.09.2017 Valtenesi

21.09.2017 Giudicarie Storo

21.09.2017 Treviso Bs

20.09.2017 Prevalle

20.09.2017 Idro

20.09.2017 Mura

21.09.2017 Lavenone

20.09.2017 Sabbio Chiese

20.09.2017 Valsabbia






08 Marzo 2017, 08.09
Idro
Lettere

Nuova regola ed ente gestore

di Giuliano Rizzardi
Giuliano Rizzardi interviene con questa lettera nella discussione in atto che riguarda il lago d'Idro e la sua regola di gestione. Pubblichiamo volentieri

E’ ormai entrato nel vivo delle nostre comunità il dibattito sul nuovo progetto strategico che ha interessato nuovamente il Lago d'Idro o meglio, come è stato definito, progetto di “valorizzazione area vasta Lago d'Idro”. 
Se ne è ampiamente discusso anche nelle recente riunione degli Amici delle Terra cui mi è capitato di portare un contributo di riflessione domenica scorsa. 

Come è noto il nuovo progetto area vasta Lago d'Idro persegue due obiettivi: la sicurezza idraulica e il potenziamento infrastrutturale con vari specifici interventi sulle reti viarie, tra cui figura anche il finanziamento del nuovo ingresso di Idro, in un'ottica di rilancio del sistema turistico e ambientale che avrà il suo epilogo nella realizzazione della pista ciclabile attorno al periplo del lago. 

La copertura dei vari interventi, per una considerevole cifra di circa € 46.000.000, tranne che per quello da ultimo citato per il quale è previsto un mero impegno, è stata trovata sui fondi ODI (Fondi comuni di confine) o meglio sui quei capitoli dei fondi ODI destinati a finanziare progetti strategici di rilevanza regionale od interregionale.

Il nostro è considerato progetto strategico a valenza interregionale, infatti è stato voluto da entrambi gli enti superiori, Provincia di Trento e Regione  Lombardia (promotori), con quest'ultima quale capofila, destinata cioè a vigilare sull'attuazione del progetto nel suo insieme. 

Nella logica dei Fondi Odi possono invero essere compresi, per dare connotazione al carattere strategico, anche opere già finanziate. Questo è il motivo per cui nel progetto si è nuovamente inserito il tema della sicurezza idraulica, quindi delle nuove opere ed in particolare l’attività di coordinamento della gestione della risorsa idrica di interesse comune. 

Venendo al dunque, ciò che giustamente preoccupa, allarma e sconcerta è il previsto ritorno alla regola di escursione di 3,25 mt.
Con un colpo di spugna si sono cancellati anni di battaglie ed in particolare la regola di 1,30 mt. che per quanto dettata da esigenze contingenti ha dimostrato in questi anni di  soddisfare in modo equilibrato i plurimi utilizzi della risorsa idrica, legati cioè agli usi produttivi e ricreativi.

Ed il fatto che il ritorno al passato sia organicamente e sistematicamente inserito con il finanziamento dei suddetti  interventi infrastrutturali, rende comprensibile e ampiamente giustificabile la critica di coloro che vedono in questo nuovo progetto un'inaccettabile logica di scambio, se non addirittura un ricatto vero e proprio. 

Per scongiurarlo, si dice, che gli interventi strutturali sul sistema viario sono slegati da quello della sicurezza idraulica, gli uni sarebbero regolati da un apposita Convenzione sottoscritta dai vari enti locali solo per presa adesione e condivisione, l’altro formerebbe invece l’oggetto di un Accordo di collaborazione sottoscritto solo dai due enti promotori. 

L’argomento mi pare debole.
Contrasta infatti con ogni evidenza logica prima ancora che giuridica.
Il nesso è stato ben colto dal Movimento 5 Stelle Trentino che giustamente ha detto che trattasi di un atto complesso e unitario.
Né potrebbe essere diversamente.

La Convenzione che regola il finanziamento dei vari interventi è la conseguenza di un progetto strategico più generale nel quale il tema della sicurezza non è contemplato come orpello formale ma come elemento essenziale dell’accordo, che ne sostanzia, come detto sopra, la strategicità.
I singoli interventi in altre parole vengono finanziati perché parti inscindibili e tra loro collegate di un progetto comune e d’insieme. E poiché la parte non può essere slegata dal tutto che la comprende, né, da che mondo e mondo, si è mai visto una conseguenza (la Convenzione che disciplina nel dettaglio i singoli interventi) vivere senza una premessa che la fonda (l’Accordo che contempla e gli interventi e l’attività di coordinamento della gestione della risorsa idrica), mi pare un esercizio sofistico assai vano quello di sostenere che sono atti antonomi e separati.

Invero trattasi di atti strettamente connessi ed interdipendenti o, come si suole dire, che stanno e cadono insieme.
Per rendersene conto è sufficiente mettere bene a fuoco che l’Accordo generale approva, tra l’altro, le schede dei singoli interventi, tra cui la scheda che riguarda il nuovo ingresso di Idro.
E per converso la Convenzione, che si ribadisce disciplina nel dettaglio i singoli interventi (costi, termini di avvio delle progettualità, di liquidazione dei contributi ecc.), approva la relazione programmatica nella quale il tema della gestione  della risorsa idrica è espressamente contemplato. 

D’altra parte, il nocciolo vero (politico) della questione non sta tanto nella rassicurazione che la sottoscrizione della Convenzione apposta dai Sindaci non determina comunque acquiescenza (rinuncia tacita) ai ricorsi giurisdizionali presentati avverso le nuove opere.
In disparte al fatto che la questione in materia di acquiescenza, in diritto, è uno della più controverse, in concreto diventa irrilevante e non si pone affatto per la ragione ovvia ed elementare che la cause sono state trattenute in decisione e siamo in attesa a giorni di conoscerne l’esito. 

Indulgere su questo argomento
è un altro modo sottile per eludere la domanda politica di fondo che purtroppo non ha ottenuto alcuna risposta nella citata riunione tenuta dagli Amici della Terra.

Ovverosia, che si fa contro il previsto ritorno alla regola dei 3,25 mt.?
Come territorio, comuni, associazioni e liberi cittadini si intende mettere in campo una strategia difensiva e di contrasto che dovrebbe avere come primo atto dirimente quello di impugnare nelle competenti sedi la gravità di una decisione che ipoteca in modo irreversibile, una volta ultimate le nuove opere, il futuro delle nostre acque. Oppure, come si sente dire, è preferibile non prendere posizione perché, in fin dei conti, l’accordo prevede di ritornare ad un regolamento, quello del 2002, che già c’era e rispetto al quale nulla si può fare. 

La questione diventa dunque di capitale importanza.
Assecondare quest’ultimo ragionamento significa, mi permetto di dire, non avere compreso fino in modo la complessità della vicenda del Lago d’Idro e rassegnarsi, dopo anni di lotte aspre e accese, all’ineluttabilità di quanto ora sancito nel nuovo accordo. 
E’ appena il caso di rammentare che il regolamento del 2002, che non venne peraltro mai approvato dal Comune di Idro, contiene una regola provvisoria, che lascia quindi del tutto impregiudicata la questione della futura regola di gestione. 

Il presidente Bordiga Gianluca auspicava nel suo intervento il superamento di condotte divisive. 
Non si può che essere d’accordo con lui, purché ciò avvenga nella chiarezza e nel reciproco riconoscimento  ella verità dei fatti per come sono accaduti, recenti e meno recenti. 

Serve un urgente presa di posizione verso questa nuova decisione, riprendendo il tema dell’ente gestore e del rinnovo delle concessioni irrigue  scadute dal 1987. Fatto unico e paradossale perché gli agricoltori utilizzano l’acqua in regime di prorogatio sulla base di fabbisogni censiti negli anni trenta del secolo scorso!
D’altra parte, lettera morta è rimasto in questi anni l’accordo quadro tra Regione Lombardia e Provincia di Trento del 2006 che conteneva tutti i criteri e le indicazioni operative per pervenire alla corretta definizione del cosiddetto bilancio idrico del bacino idrografico del Lago d’Idro e del Fiume Chiese. 

Serve inoltre uscire da una lettura ancora troppa faziosa e distorta dell’accordo del 2008.
Quell’atto fu coraggiosamente assunto dai Sindaci di allora ben consci dell’impopolarità che quella scelta avrebbe comportato, l’unico modo però per imporre alla Regione precise garanzie su come le opere avrebbero dovuto essere costruite e sugli scopi di sicurezza del loro utilizzo.

E’ inaccettabile lo sdoppiamento di personalità cui è stato sottoposto l’accordo 2008.
Dileggiato nelle piazze e lodato nelle cause per dimostrare che la savanella, il famoso canaletto sotto la quota dell’incile naturale, è un elemento con esso contrastante ed incompatibile. 

Concludo rammentando che occorre guardare alla storia del lago nella complessità dell’evoluzione che ha avuto e negli obiettivi miglioramenti che si sono gradualmente raggiunti in questi anni, che vanno strenuamente difesi. 
E l’accordo del 2008 può ancora costituire un baluardo di difesa delle nostre ragioni perché lì, e non altrove, sono contenute tutte le garanzie che ci occorrono per fare valere i nostri diritti.

Idro, lì 07 marzo 2017 
Giuliano Rizzardi 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID71383 - 08/03/2017 10:21:48 (blb)
... che l'ultimo accordo non faccia bene al lago per gli aspetti della regolazione mi sembra chiaro... che convenzione e accordo (in contrasto di quanto affermato dal sindaco ) siano una cosa sola mi sembra chiaro (anche perche' anche nell'allegato della convenzione firmato dal sindaco e' scritto chiaro che si condividano gli aspetti della regolazione)... Mi e' sembrata anche chiara sulle pagine FB la presa di posizione del presidente degli amici della terra che in un post del 16 febbraio si schiera nettamente contro la firma dell'accordo 2017 ... concepito " con la logica del tutto o niente" e paventando ripecussioni della stessa sugli esiti dei ricorsi pendenti del comune di Idro.. Questa presa di posizione non mi sembra sia stata confermata da ADT in assemblea... Sarebbe bello sapere (in risposta anche all'appello ad un'unità di intenti) se secondo gli ADT sta firma il comune di Idro la doveva mettere o no...


ID71389 - 08/03/2017 18:42:59 (bobdylan)
Molto chiaro e preciso il discorso di Rizzardi, bisogna riprendersi il Lago per difendere gli importanti risultati raggiunti,purtroppo si è perso molto tempo con ricorsi su ricorsi e mentre si ricorreva la Regione è andata avanti!!


ID71390 - 08/03/2017 19:10:09 (pluto) TRENO
Ho visto su you tube l’intervento del sindaco Nabaffa e il riferimento al treno che hanno cercato di fermare o fare deragliare in tutte le maniere è sintomatico di come l’approccia sia stato allora sbagliato e lo è tuttora perchè su quel treno ci dovevamo salire e lo dovevamo guidare NOI e ADP 2008 conteneva anche il biglietto per salirci SU QUEL TRENO ma purtroppo la storia la conosciamo. Ovviamente il sindaco non legge queste strr. sui blog anche se lui è sempre pronto al dialogo , mi auguro che almeno gli Amici della Terra riflettano su questo tema.


ID71391 - 08/03/2017 21:26:10 (Leonardo10) Chiarezza
Quanto esposto sopra e' molto chiaro, meno chiara e' la posizione dei comitati. Sono contro lo sfruttamento a 3,25,contro la Regione Lombardia e contro la Provincia di Trento firmatare dell' accordo 2017,ma nulla dicono nei confronti del terzo (per idro) firmatario dell' accordo 17: il sindaco. Da anni predicano trasparenza e chiarezza, ma quando tocca a loro....


ID71397 - 09/03/2017 13:49:35 (Cipi2) opinione
Personalmente trovo molto irresponsabile il comportamento del sindaco del comune di Idro. Da una parte porta avanti ricorsi contro le opere di trasformazione del lago in una diga (opere essenziali per potere avere un'escursione di 3,25m) e dall'altra accetta che dopo i lavori per la realizzazione delle stesse la regola di gestione sia 3,25m.Secondo voi che opinione del sindaco può avere l'associazione che si sta battendo da anni contro queste opere? per me è scontata!


ID71399 - 09/03/2017 14:04:01 (Beppe60)
Stavolta le faccio i complimenti Cipi2. Perché applica lo stesso giudizio ai due sindaci firmatari.Questo mi sembra molto onesto. Penso che sia legittimo scagliarsi contro l'adp. Ma se si è rigidi su qualsiasi accordo, qualsiasi accordo deve restare inaccettabile.


ID71401 - 09/03/2017 14:29:45 (Cipi2) risposta
Credo che, quando la partenza sia la messa in sicurezza e l'arrivo sia la nuova diga del lago d'idro, sia dovere morale dubitare di qualsiasi accordo ed entrare nel merito delle questioni. Dire no su qualsiasi accordo? ovviamente la risposta è no, però proposte alternative e più econbomiche ai lavori che abbassano la quota del dvm di più di un metro sono stati presentati e mai accolti, anche perchè (ormai è chiaro e lampante) il desiderio finale di RL e a questo punto anche del Trentino è quello di permettere un'escursione maggiore di quella possibile grazie alle opere oggi esistenti.Con questo ragionamento e con la considerazione che ai nostri amministratori basta l'uovo oggi (soldi per opere o soldi per compensazioni varie) e non la gallina domani (possibilità di entrare in ente gestore paritetico che stabilisca la regola di gestione del lago) l'opposizione è un obbligo.


ID71408 - 09/03/2017 22:35:33 (blb) x cipi
concordo su quanto dici che sia inaccettabile che venga scavato l'alveo. converrai allora che il problema insito delle opere e' lo scavo dell'alveo ma non la galleria . La galleria si puo' accettare a maggior ragione con uno sfioratore davanti. La galleria aumenta la sicurezza del lago diventa impossibile fermarla... La savanella e' una violenza non giustificata dalla sicurezza. Ora Cipi se leggi l'art 3 adp 2008 si ribadisce che la nuova traversa doveva essere a livello dell'attuale (niente savanella) poi stramazzo davanti alla galleria, con scritto che essa doveva essere usato solo in caso di protezione civile. piu tutto il resto scritto in adp.. Che altro potevamo volere?



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
24/09/2015 13:02:00
«Salvaterra, di nome e di fatto» Ci scrive Giuliano Rizzardi da Idro, ripercorrendo le vicende legate alla regolazione del lago d'Idro, fornendo la sua personale e assai lucida interpretazione di alcuni "passaggi" degli ultimi 8/9 anni. Pubblichiamo volentieri


02/10/2013 07:13:00
Ora è più chiaro L'argomentazione di questa lettera riguarda i lavori di sistemazione delle aree a lago di Ponte Caffaro, di cui abbiamo già scritto. Pubblichiamo volentieri

26/04/2014 06:51:00
Le cicale e le formiche Lettera lunga ed articolata, quella pervenuta ieri sera in redazione a firma della signora Elena Bini. Riguarda il lago d'Idro e le sue questioni. Per chi se ne interessa la lettura è doverosa. Pubblichiamo volentieri


16/10/2016 09:10:00
Cosa si muove sul lago Egr. direttore, il gruppo di minoranza Lago e Paese di Idro chiede cortesemente spazio per una breve riflessione sul Lago d’Idro

09/03/2012 10:00:00
I quattro punti di Rovatti Franco Rovatti, presidente del Comitato Difesa lago d'Idro e fiume Chiese, interviene in merito alle questioni del lago. Pubblichiamo volentieri.



Altre da Idro
20/09/2017

Franco, quarant'anni col sorriso

Tanti auguri a Franco, di Idro, che proprio ieri, martedì 19 settembre, è entrato a far parte della schiera degli ...anta
(1)

14/09/2017

«Insoliti incontri», domenica una visita guidata a Idro

È in programma per domenica pomeriggio, 17 settembre, una visita guidata alla Pieve di Santa Maria ad Undas a Idro. Appuntamento alle ore 17

04/09/2017

Droga e uccelli proibiti, valtrumplino nei guai

I carabinieri di Idro e i colleghi forestali di Concesio, hanno arrestato un venticinquenne di Lodrino con la passione per il bracconaggio e per gli stupefacenti
(1)

01/09/2017

Una taglia sullo stalker

E' stata promessa una ricompensa in denaro, per chi saprà dare indicazioni utili alla identificazione di un un sordido individuo che esponendo volantini diffamatori ha preso di mira una donna residente a Idro
(1)

01/09/2017

«Insoliti incontri», si parte da Idro

Sarà la Pieve di Idro a ospitare la prima delle tre opere che usciranno dalla Collezione Paolo VI – arte contemporanea di Concesio per fare mostra di sé in Valle Sabbia. VIDEO


29/08/2017

Avviamenti lavorativi

L’analisi degli avviamenti lavorativi consente di mettere in evidenza quanti nuovi rapporti di lavoro si sono istaurati, in un dato periodo, con uno o più datori di lavoro. E nel caso del turismo? E in Valle Sabbia?


29/08/2017

«Insoliti incontri» e due

Prima Idro, poi Capovalle e per ultimo Bagolino, ospiteranno quest'anno le opere d'arte contemporanea "prestate" alla Valle Sabbia dalla Collezione Paolo VI




28/08/2017

Fin che la barca va...

Ventiquattr’ore di baldoria, culminata con l’attraversamento del lago d’Idro su barche realizzate con cartone e scotch


25/08/2017

Lavori all'incile

In due mesi verrà ripulito l'incile del lago dai detriti e realizzata una vasca di "decantazione". Estate trascorsa senza deroga al minimo deflusso vitale grazie all'impegno straordinario di HDE
(3)

24/08/2017

«I Nomismagici»

L’eclettico artista vestonese Claudio Gurra ha dato alle stampe il suo primo libro di racconti per bambini

Eventi

<<Settembre 2017>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia