Skin ADV
Giovedì 20 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



08 Giugno 2014, 07.57
Idro
Lettere

La savanella di Idro

di Alessandro Vaglia
«Caro direttore, avevo annunciato che dopo le elezioni avrei condiviso coi lettori di Vallesabbianews alcuni documenti. Eccomi, le chiedo di pubblicarmi questo scritto perchè chi desidera informarsi lo possa fare»

La Savanella a Idro è, ancora in progetto, un canale di sfogo scavato nell'alveo del fiume emissario il lago, che misura circa 4 metri di larghezza e 1,2 metri  di profondità.
E' lunga tutto lo sbocco dell'emissario dal lago; è opera idraulica che serve per garantire il Deflusso Minimo Vitale (l'acqua che deve bagnare il letto del fiume in continuo subito a valle) ad una quota che è garantita per legge da un deflusso minimo di 5m3 al secondo a 366,75 metri.

Le due diverse opinioni sulla SAVANELLA sono...

Ambientalisti: la SAVANELLA viene costruita per permettere un abbassamento della quota di traversa, che è a 367m, di almeno 1,20m, in modo da permettere un escursione del lago di almeno 3 metri dal massimo  e di abbassarlo ad un livello di minimo, inferiore al minimo certificato negli accordi di programma, di ancora un 1,20m.

Regione Lombardia: l'opera consente di garantire il Deflusso Minimo Vitale e una maggiore flessibilità e tranquillità operativa mantenendo l'acqua in sfioro a 366,75 metri nei periodi di magra, circa un 25cm sotto la traversa delle paratoie (nuove) che si pone a 367metri.

Se a Idro la Giunta Nabaffa vince è anche perché il racconto costruito intorno a quest'opera, racconto ben documentato nei vari ricorsi persi o appena presentati dal comune e da un giornalismo di quartiere, ha costruito negli anni due diversi fronti, gli irriducibili e paladini del Lago contro le opere che formano un fronte ben compatto con gli ambientalisti da una parte  e i venditori del Lago, o praticamente coloro che del Lago si servirebbero  per altri e meno nobili scopi, dall'altra.

Ma sarà davvero tutto oro ciò che luccica in quel  fronte dei paladini e difensori delle acque? e d'inverso i "banditi" del Lago sono persone così distanti dall'acqua da volerla svendere al miglior offerente?

Vediamo di approfondire un poco...

Nel Giugno del 2011, durante l'amministrazione Nabaffa, si certifica in Giunta comunale il progetto definitivo dell'entrata al paese che attraverserà l'abitato della frazione Pieve subito a ridosso della vecchia paratoia con integrata in diverse tavole l'aborrita SAVANELLA.

Le domande che subito sorgono spontanee fra i "banditi" sono 3

1) Perché l'amministrazione, che si é costruita una reputazione proprio attorno  l'argomento SAVANELLA, dimostrandosi a parole e a ricorsi nemica di quest'opera, recepisce in alcune tavole per il progetto d'entrata al paese proprio la SAVANELLA ?

2) Perché il fronte compatto della giunta, che ha sostenuto quest'opera, non ha mai fatto cenno in questi anni dell'importante realizzazione dell'entrata al paese con chicchessia, tranne sventolarla ai quattro poli solo gli ultimi due giorni di campagna elettorale, in conseguenza della denuncia fatta dai loro avversari?

3) Perché il fronte ambientalista, che a parole sembra sempre così compatto e agguerrito contro la SAVANELLA, informato dei fatti ancora in Agosto del 2013, di questo connubio tra Regione, Provincia e Comune sull'opera della SAVANELLA, ha fatto spallucce del caso ?

.in foto le due note che indicano la SAVANELLA in progetto...
Chi volesse avere le tavole a dimensione naturale dal peso informatico di 7 e 10 MB faccia esplicita richiesta all'indirizzo di posta vagliaalessandro@gmail.com.


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID45284 - 08/06/2014 10:55:05 (Leonardo10) una spiegazione necessaria
Ora che la contingenza elettorale è stata superata, una spiegazione tenica dettagliata, da parte del sindaco, sarebbe quanto meno opportuna. Perché se dal 2011, come sembra, la savanella è stata accettata, dal 2011 non esiste più la contrarietà alle opere per la cosi detta sicurezza del lago d'idro.


ID45303 - 08/06/2014 21:19:46 (Leonardo10)
Mi permetto di insistere. I comitati fondano la loro autorevolezza anche sul fatto che da anni leggono tutti i documenti riguardanti le opere da realizzarsi a idro. Quale interpretazione conclusiva sostengono ragionevolmente che il fine delle opere non è solo la sicurezza ma anche l'utilizzo delle acque per scopi irrigui ed energetici. chi vuole le opere sono la regione e a cascata la provincia. E allora viene da chiedersi è ragionevole che la regione e la provincia che da anni vogliono la savanella regalino a idro l'ingresso al paese in cambio .di niente? E ancora, si sostiene che gli interrogativi posti dal sig vaglia siano cattiverie o le analisi di un incompetente, ma qui c'è un progetto ci sono delle tavole un capitolato, se si vuole annichilire il sig vaglia basta analizzare punto per punto i documenti e dimostrare che il canale non è la savanella ma un canale provvisorio. E i comitati cosa dicono?


ID45308 - 08/06/2014 22:51:27 (kyselak)
Concordo sui contenuti dello scritto di Alessandro. Purtroppo ritengo utopistico pretendere un chiarimento dal parte del Sindaco o dei Comitati. A loro interessava unicamente vincere le elezioni e bisogna riconoscere che ci sono riusciti alla grande. Certamente alcune argomentazioni elucubrate in campagna elettorale sono paradossali. In merito al restringimento della carreggiata da Lemprato a Crone si è addirittura arrivati a dire che è stata colpa della minoranza per il solo fatto che auspicava più sicurezza per i ragazzi delle scuole. Ma la frittata è stata concepita nel lontano 2008. Il paese è stato diviso ad arte tra i difensori e i venditori del lago. Abbiamo trovato mille contraddizioni in questi slogan, ma non c'è stato nulla da fare. Coloro che si professano quali difensori del lago hanno visto confermato il consenso plebiscitario senza combinare granchè nel quinquennio precedente. Anzi, hanno indebitato il Comune ai massimi


ID45309 - 08/06/2014 23:01:01 (kyselak) segue
storici, rigettando finanziamenti cospicui e contraendo mutui. Quando poi si sono accorti di non riuscire più a far quadrare le spese correnti per via delle spese indotte, a regime due anni dopo l'assunzione dei mutui, riconducibili al rimborso delle quote capitale ed interesse hanno pensato bene di aumentare le tasse istituendo la TASI e l'addizionale IRPEF. Andate per favore a Ponte Caffaro e a Baitoni e guardate come sono tenute le spiagge e le passerelle. Altro che Idro!. La fortuna di confinare per rocce e bosco con la Provincia autonoma di Trento sta dando benefici insperati. Ma continuerà questo andazzo? La fortuna bisogna meritarsela. Se Trento stringe i cordoni (Bolzano lo ha già fatto) saranno dolori. Ma il nostro grido di dolore non viene recepito dalla popolazione di Idro e penso purtroppo che sarà così per molti anni.


ID45313 - 08/06/2014 23:41:15 (Dru) Kyselak
Lei mi disse, non molto tempo fa, che non era istruito... Come sono allora quelli istruiti ? :-) li vorrei conoscere...


ID45317 - 09/06/2014 00:28:19 (Leretico) La fede e la realtà
Spesso le persone sono così attaccate a quello in cui credono che si rifiutano di vedere la realtà. Si fanno ingannare, si fanno turlupinare, si fanno manipolare, ma non cedono all'idea a cui si sono aggrappati. Nemmeno quando le opere a Idro si faranno e la savanella sarà realizzata potranno mai credere che l'amministrazione abbia tradito, abbia ingannato. Eppure i fatti sono tutti lì da vedere, inconfutabili. Ma non basta. Questa è la misera posizione dei fanatici. Di quelli che preferiscono la menzogna alla verità. La fede assoluta alla ragione. Ma tutto questo idealismo ha un prezzo: casse vuote, interessi della comunità calpestati, interessi di parte, e solo di una certa parte, tutelati. È difficile capire tutto ciò, ma tant'è accade. Ma non è troppo tardi per la verità. La forza della verità supera i fanatismi e gli inciuci, supera le manipolazioni e le menzogne. È solo questione di


ID45318 - 09/06/2014 00:31:43 (Leretico) continua
tempo e i nodi verranno al pettine. E quando il momento della consapevolezza arriverà non vorrei essere nei panni dei mentitori, dei manipolatori, dei furbetti e di chi tira le fila di tutto questo.


ID45321 - 09/06/2014 07:42:18 (Aldo Vaglia)
Caro Dru, solo a Idro si puo' pensare che, cio' che conta di piu' per il lago, e': quanto piu' vicino all'acqua possano appoggiare il culo gli stranieri. Il sindaco, in trasferta, che e' una persona pensante (anche per questo prende voti), di fronte ad una legge di civilta'come quella del deflusso minimo vitale, non puo' che convenire che la difesa del patrimonio ittico del lago, una delle


ID45322 - 09/06/2014 07:49:39 (Aldo Vaglia) continua
...la difesa del patrimonio ittico del lago e' una delle priorita'; da qui deriva la giusta condivisione della savanella. Poi torna tra la realta', di parte dei suoi elettori, e non puo' che far finta di essersi sbagliato.


ID45325 - 09/06/2014 09:38:49 (Leonardo10)
Avete ragione ma io rimango fermo, questo punto deve essere chiarito. O è un canale provvisorio o è la savanella, o si è difeso il lago o si è ceduto. Qui non stiamo argomentando di un'opera d'arte, ma di un progetto tecnico che come tale può essere misurato e spiegato con precisione. I comitati hanno letto interpretato e spiegato ogni singolo documento riguardante le opere, e qui invece tacciono. Perché? Qui non si tratta di calunnie ma di interrogativi, e chi ha sempre spiegato anche con pubbliche assemblee ha il dovere morale di chiarire. Chi afferma di essere nel vero e nel giusto perché dovrebbe temere un chiarimento punto su punto, perché accontentarsi di domande fatte ad arte durante la campagna elettorale?


ID45335 - 09/06/2014 12:36:21 (Dru) Cari interlocutori
Chi non risponde ai quesiti normalmente non lo fa perché non crede nella capacità di sintesi del dialogo, lo fa infine, di non rispondere, perché crede che rispondere, ai fini della realizzazione della sintesi, sia impossibile e cioè contraddittorio. Quando un padre non risponde ad un figlio è perché il padre crede che rispondere ad un figlio sia troppo complicato e preferisce quindi il silenzio, anche il silenzio è una risposta. Il silenzio appunto ci dice, da parte di chi non risponde ad una domanda, che quella parte preferisce, ai fini di una realizzazione del mondo deliberato dal giudizio posto sotto forma di quesito(la domanda e la risposta appunto), non rispondere. Non rispondere è sempre: non so se la mia risposta concepisca, realizzi, formuli una corrispondenza di come stiano le cose fra il domandante e il rispondente,


ID45336 - 09/06/2014 12:37:18 (Dru)
al fondo non rispondere é mancanza di fiducia nella verità. Cari interlocutori, non rispondere é la forma più avanzata dell'egoismo portato in luce nel tempo moderno dal tramonto delle verità...


ID45337 - 09/06/2014 12:43:01 (Dru) Cercate sempre di estremizzare per comprendere
Quando un padre non risponde ad un figlio perché ancora neonato appunto non lo fa perché crede che il figlio non comprenda, quando non lo fa perché adulto non lo fa perché crede nuovamente che il figlio non comprenda, infine é la comprensione che va messa sotto la lente d'ingrandimento se vogliamo intendere i motivi che inducono il nuovo mondo a dare sempre meno spiegazioni di sé e a essere sempre più frantumato.


ID45338 - 09/06/2014 12:54:17 (Dru) Il senso padre figlio
Può essere invertito al fine di questo discorso sulla Savanella, ma siccome il padre rappresenta la tradizione (il potere, le istituzioni)) e il figlio il mondo nuovo (la potenza, le Opere), è appunto la tradizione che non dà più risposte al mondo nuovo, perché non può (contraddittorio sarebbe il farlo) infine darne.Questa la risposta filosofica a chi si domanda perché la figura del padre è al tramonto e questa è anche la risposta specifica del perché Salvaterra prima e Nabaffa poi non possono nulla sulle Opere e quindi gli rimane solo di non rispondere.


ID45339 - 09/06/2014 13:16:00 (Dru) Qualcuno si potrebbe ora domandare perché identifico Salvaterra con Nabaffa
Semplice, perché sia l'uno, che vuole incidere sulle opere, sia l'altro, che vuole fermarle, lascio a voi di decidere chi è l'uno chi è l'altro (sempre un modo di far diventare altro voler incidere che volere fermare) , non sanno che le cose così non sono, le cose così le vogliamo e, volendole, vogliamo che siano altro da sé. Ma questo è l'inconscio della coerentizzazione del processo nichilista che vuole la trasformazione dell'esser sé e, infine, vuole appunto la trasformazione dell'essere che, se trasformato, può solo diventare l'altro da sé e cioè il nulla, l'impossibile o contraddittorio appunto che dice alla verità dell'"essere che è", "l'essere è il non essere".


ID45343 - 09/06/2014 13:41:18 (Dru)
Non sei d'accordo Leonardo10?


ID45344 - 09/06/2014 13:49:27 (Dru) Guardate alla disciplina e a ogni sistema gerarchico insito in essa
La disciplina e ogni sistema gerarchico insito in essa esprime la volontà delle verità della tradizione (il Padre)di fermare le Opere (il figlio), di dirgli: Opere, voi siete sotto la mia giurisdizione e legislazione, se non farete come comandano le mie leggi non sarete Opere. Ma le Opere che non sono Opere è contraddizione e un Padre che vuole le Opere comandare è destinato al tramonto. Non per niente la disciplina è espressione del Potere e la libertà lo è della Potenza. Il Potere sulla Potenza è al suo tramonto.


ID45345 - 09/06/2014 13:51:51 (kyselak) per Dru
Non bisogna confondere la voglia di sapere con l'istruzione.La mia voglia di conoscere tutte le sfaccettature delle scelte delle varie amministrazioni comunali mi porta a far notare diverse contraddizioni su quanto afferma il Sindaco di Idro, i comitati ambientalisti e i firmatari dell'accordo di programma. Però quando si parla di filosofia ho il buio totale e non so risponderti. Questi sono i miei limiti e dei quali ne sono assolutamente consapevole.


ID45346 - 09/06/2014 14:06:32 (kyselak)
scusami la digressione ma ho dimenticato un chiarimento in merito al tuo post. I livelli del lago come da documenti progettuali dovrebbero essere da un max di 370,00 ad un minimo di 366,75. La famosa escursione di mt 3,25. I livelli medi di oscillazione saranno invece: da mt 369,00 per garantire la zona sensibile di Baitoni (e la provincia autonoma di Trento è molto attenta a ciò) e per evitare problematiche alle costruzioni vicino al lago a Ponte Caffaro a mt 367,20 per garantire il deflusso minimo vitale. Quindi un'oscillazione media di mt 1,80 contro l'attuale di mt 1,30 garantita dall'accordo prefettizio del 2007 e dall'Adp successivo. Con la savanella si intenderebbe forzare il minimo di invaso riconducendolo a mt 366,75.Sembra chiaro che la lotta sui livelli è pretestuosa. Lo sanno anche i muri che i comitati non vogliono le opere per consentire, come dice scherzosamente Vaglia, un refrigerio dei glutei degli stranieri. Idra permettendo.


ID45349 - 09/06/2014 14:42:57 (Dolcestilnovo)
Cari frequentatori di questo blog, sembra a me o i paladini del lago che non si vende eccetera si sono squagliati come gelato alla fragola in queste prime giornate di (benedetta) calura? Forse che, finite le elezioni e con Nabaffa con ancora lo scettro del comando, la loro funzione si e', diciamo, esaurita? Oppure, annichiliti dalla logica druesca e dalla comparsa di documenti che, ohibo', il loro protetto gli aveva abilmente occultato, sono annegati nella savanella nabaffiana? Mai come in questo caso si potrebbe parlare di annegamento in un bicchier d'acqua, dato il modestissimo deflusso d'acqua che la povera savanella consente.


ID45352 - 09/06/2014 14:47:15 (idro) Che strano
Ma come mai qui non leggo commenti della sig.ra Bini e il fronte degli ambientalisti .....


ID45358 - 09/06/2014 15:42:45 (Leonardo10)
Sig.vaglia le risponderò in coda, qui per non annoiare i lettori le esporro' una mia illusione. Vede io credo che se le sue tesi sulla savanella si dimostrassero vere, avremmo una nuova verità, e come si sa la verità libera. In sintesi: il sindaco ammettendo che ha firmato un accordo sottobanco con la provincia sarebbe libero di non essere più ilPortavoce dei comitati, e tornerebbe legittimamente e autonomamente ad essere l' amministrstore del paese. I comitati cesserebbero di essere comitati elettorali e amministratori occulti e tornerebbero ad essere liberi comitati per la difesa del lago e del territorio. L'opposizione, venendo meno l'accusa di essere l'unica venditrice del lago, cesserebbe di starsene comodamente in un angolo e svolgerebbe il suo ruolo di stimolo e di controllo. Ma forse è tutto un 'illusione, e se anche l'essere lo fosse? Nichilista?


ID45362 - 09/06/2014 15:59:58 (Aldo Vaglia) Per Leonardo 10
Potrebbe essere un'illussione, ma potrebbe anche essere una speranza.


ID45363 - 09/06/2014 16:05:09 (Dolcestilnovo) Leonardo10
Prima di tutto complimenti a Dru: speriamo che la sua logica faccia risvegliare le coscienze troppo a lungo soggiogate dall'oscurantismo del binomio - fatale e deleterio - amministrazione-comitati. A lei Leonardo10, chiedo solo se le sembra plausibile che un tacchino vada in giro a strillare "E' Natale, e' Natale!!!". Quando il tacchino fara' questo allora Nabaffa ammettera' di avere firmato sottobanco, il nano confessera' che ha trafugato al popolo italiano miliardi di euro di tasse non pagate, il PD riconoscera' le porcate perpetrate nel Montepaschi, Orsoni benedira' il MOSE come fonte di suo arricchimento personale eccetera eccetera. E Cenerentola arrivera' al ballo in Rolls Royce ascoltando in canna Starway to Heaven.


ID45365 - 09/06/2014 17:38:00 (Leonardo10)
In effetti è difficile che accada. Ma sarebbe comunque auspicabile che il sindaco inizi in autonomia ad occuparsi del paese che lo ha eletto, e i comitati cessino di fare i sindaci occulti e decidano di occuparsi solo del lago o in alternativa si candidino direttamente e alla luce del sole alla guida del paese. Non vorrei che fosse idro a fare la fine del tacchino.


ID45367 - 09/06/2014 18:15:05 (Leretico) La fine del tacchino
Ebbene la fine del tacchino Idro l'ha già fatta. Se il sindaco ammettesse quello che lei Leonardo10 chiede, dovrebbe contestualmente dimettersi perché è inconcepibile presentare ricorsi a nome del comune sapendo che nel frattempo sulla stessa materia si è trovato un accordo seminascosto con la provincia e con la Regione. Siccome è successo proprio questo, allora a tutti quelli che sono usi allo stepito e si stracciano le vesti un giorno sì e uno no, direi di procedere mordacemente verso l'indirizzo del comune di Idro. Che portino pure i forconi, i bidoni per riscaldarsi la notte, e facciano, questa volta per una vera e giusta ragione, un assedio per ribellarsi all'inganno e alle menzogne.


ID45368 - 09/06/2014 18:19:32 (idro) commenti interessanti PERO'....
non leggo quelli della proff.sa Bini o dei Comitati salva cemento di Idro dove sono ??? non saranno mica andati tutti in vacanza neeeee


ID45369 - 09/06/2014 18:21:09 (Leretico) continua
Ho come la sensazione che invece tutto questo non accadrà. Conosco le dinamiche del voto di scambio, pratica durissima a morire. Si accendono fuochi, si fanno presidi solo quando c'è un interesse concretissimo di mezzo, non per l'ambiente, le rive, i rospi e la vegetazione. E quale era il vero interesse di quegli strani figuri che occuparono il municipio nel 2008? Ora è chiaro come il sole per cosa si battevano, basta leggere bene quelle tavole e non farsi irretire dalle voci delle sirene. Tutto è chiaro in quei disegni, basta avere il coraggio della verità. Ma chi è avvinto in indicibili accordi, chi fa finta di volere il bene comune mentre mira solo al proprio tornaconto, non protesterà, non sarà disposto nemmeno a guardare in quelle carte, per la paura che, come uno specchio, rimandino l'immagine della soperchieria e dall'inganno.


ID45375 - 09/06/2014 19:40:53 (kyselak)
lo ripeto all'unisono. Ai comitati interessava solo vincere le elezioni non importava come e con quali mezzi, ma vincerle. Sono portavoce degli operatori turistici ai quali interessa avere sempre i campeggi pieni a discapito di tutto il resto. Qualità delle acque, ingresso al paese, apertura della Rocca, viabilità alternativa alla stretta di Lemprato, ecc.sono optional per la maggioranza dei cittadini di Idro che si trastullano felici e beati nonostante l'aumento dell'imposizione tributaria adottata dall'Amministrazione.


ID45394 - 10/06/2014 17:09:47 (kyselak) per Idro
stanno ancora festeggiando il successo elettorale. Stasera dovrebbero materializzarsi tutti alla prima seduta del Consiglio comunale ove abbonderanno applausi ed incitamenti per il confermato sodalizio e sberleffi per la minoranza. Se volete partecipare ai lavori congressuali, ricordate di non azzardare critiche alla maggioranza se non volete essere additati come venditori di terza fascia del lago. Meglio ancora se vi unirete agli applausi.


ID45395 - 10/06/2014 17:35:07 (Dolcestilnovo) a kyselak
Primo consiglio comunale assolutamente da filmare, passera' ai posteri come sommo simbolo di auroreferenzialita' e trionfo del kitsch. Che lei sappia ci sara' anche la claque? Ricchi premi? Cotillons? Speriamo vivamente che almeno il Sindaco ci risparmi i suoi sempiterni luoghi comuni e la balla cosmica che lui vuole essere il sindaco di tutti. Ah natura natura perch di tanto inganni i figli tuoi?


ID45418 - 11/06/2014 17:18:15 (Dolcestilnovo)
Mi giunge voce (il solito uccellino) che ieri il CC e' stato in tono assai dimesso. Giunta ridotta all'osso, un vicesindaco che, seppur galantuomo, e' abbastanza una sorpresa, i protagonisti della passata legislatura confinati nel ruolo di assistenti. Il Sindaco non ha mancato di dire, in un discorso abbastanza banale, che sara' il sindaco urbi et orbi (in barba a quello che e' sotto gli occhi di tutti). Mi si riferisce di clamorose arrampicate sui vetri stile Messner con stridore di unghie sulla situazione della zona artigianale di farfugliamenti imbarazzanti del Sindaco sulla savanella, di mancata risposta su altre tematiche sollevate dalla minoranza. Alla fine qualche furbacchione ha lanciato il grido di allarme che coloro che sono contro l'Amministrazione dovrebbero astenersi di scrivere inesattezze sui blog. Forse intendeva democraticamente che dovrebbero astenersi dallo scrivere proprio. Insomma l'uccellino si e' divertito un casino e attende il prossimo CC con impazienza.


ID45419 - 11/06/2014 18:15:36 (kyselak)
mi piacerebbe sapere quali sono le inesattezze espresse sul blog. Forse le loro contraddizioni?



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/10/2014 07:13:00
I paradossi del lago d’Idro La questione del lago è comparabile ad un giallo di Agatha Christie che bisogna leggere fino all’ultima pagina per avere sentore di chiarezza

08/03/2013 09:29:00
«Noi la pensiamo così» Il sindaco di Vestone Gianni Zambelli ci chiede ospitalità per ribadire qual è la posizione dell'Amministrazione comunale vestonese sulle questioni del lago d'Idro. Concediamo volentieri

21/05/2014 07:00:00
Il lago dei mille tradimenti Le lettere anonime sono un atto vergognoso e fraudolento. Quella ricevuta nei giorni scorsi dalla signora Ettacani è simbolica di tutta una storia che da anni si protrae velenosa sul lago d’Idro

12/06/2014 12:57:00
Sul Lago e la Savanella, nel primo Consiglio a Idro È stata la mia prima volta! Debbo dire che per la  Prima non ho avuto particolari emozioni e sorprese; è per come lo attendevo, un consiglio comunale


18/03/2013 07:21:00
SILMAS e il Lago d’Idro Due anni di studio sul lago d'Idro hanno evidenziato alcune problematiche e messo le basi per ulteriori approfondimenti. Elena Bini: «Dove si può è doveroso intervenire subito»



Altre da Idro
17/09/2018

Quando la quotidianità non premia, bisogna osare

Dal Polivalente all'Istituto di Valle e poi al futuro, con quali prospettive e progettualità? Se lo chiede e ce lo chiede il professor Alfredo Bonomi con questa disanima che lancia il cuore oltre l'ostacolo
(2)

13/09/2018

Un dialogo tra gli enti e le famiglie

Sarà un’utile e interessante incontro quello in programma a Idro questo sabato, 15 settembre, all’interno della rassegna “Nuvole” tra gli operatori dei servizi del territorio e le famiglie dei pazienti affetti da disturbi psichici 

13/09/2018

Il lago d'Idro e la Valle Sabbia protagonisti di «Mela verde»

La nota trasmissione di Canale 5 ha dedicato al territorio intorno all’Eridio due puntate speciali che andranno in onda nei prossimi giorni

11/09/2018

A passo d'asino

Questo sabato, 15 settembre, un'esperienza di trekking outdoor adatta a tutta la famiglia targata AttivAree - Valli Resilienti. Prenotazione obbligatoria entro il 12 settembre 

10/09/2018

Borse di studio per studenti meritevoli

C’è tempo fino al 30 settembre per presentare la domanda di assegnazione di uno dei premi di studio istituiti dal Comune di Idro per agevolare gli studenti residenti 

08/09/2018

Sbatte in sorpasso

E’ andata bene: nessun ferito nella carambola d’auto generata da un sorpasso azzardato ai Tre Capitelli, lungo la 237 del Caffaro in territorio di Idro. In quel tratto di strada quest'anno sono già state sospese 60 patenti
(14)

04/09/2018

Servizio civile, due posti a Idro

Il Comune valsabbino aderisce al progetto di Servizio Civile Nazionale offrendo a due giovani l’opportunità di intraprendere un percorso di natura educativa o assistenziale (1)

18/08/2018

Domenica la Corsa per la vita del Lago d'Idro e del Fiume Chiese

Torna per il secondo anno consecutivo la manifestazione podistica non competitiva di 7 e 14 km, con partenza e arrivo sul lungolago di Crone organizzata dagli Amici della Terra Lago d'Idro e Valle Sabbia con la collaborazione dell'Aics

17/08/2018

Eutrofizzazione e meromissi

«Che cosa sta succedendo al lago d’Idro?» il grido d’allarme arriva corredato di fotografie da un “residente estivo” dell’area dei Tre Capitelli, a Idro (3)

16/08/2018

Minorenni in difficoltà in montagna

Ragazzina 14 enne soccorsa con l’eliambulanza . Stava raggiungendo con amici la Croce di Perlè, che sovrasta il lago d’Idro, quando ha avuto un malore



Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia