Skin ADV
Mercoledì 22 Febbraio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]



 
    


Giochi d'acqua

Giochi d'acqua

by SimoGuzz



20.02.2017 Villanuova s/C Roè Volciano

21.02.2017 Agnosine

20.02.2017 Bagolino Valsabbia

20.02.2017 Agnosine

21.02.2017 Valsabbia

20.02.2017 Bione

21.02.2017 Pertica Alta

21.02.2017 Vestone

20.02.2017 Giudicarie

20.02.2017 Gavardo






27 Dicembre 2016, 07.22
Idro
Lettere

A che «livello» sta il nuovo ingresso di Idro?


«"Sto zitto che è meglio", questo è il senso che si può dedurre dalle risposte alle nostre domande poste al sindaco Nabaffa durante il consiglio comunale del 22 Dicembre...

Infatti la strategia del Sindaco è stata molto semplice ovvero non rispondere ai quesiti che gli avrebbero potuto causare imbarazzi (notevoli) e liquidare con uno stantio “è colpa di chi mi ha preceduto” le  domande riguardanti il nuovo accordo (30 giugno 2016).

E’ ormai chiaro ai più che la convenzione  che il sindaco di Idro si appresta a firmare è collegata all’accordo tra la  Regione Lombardia e le Province di Trento e Brescia , ma nonostante ciò l’amministrazione Nabaffa continua a dichiarare l’esatto opposto.

Vogliamo ora fare un po’ di chiarezza:
L’accordo dove si prevede la nuova regola dei livelli del lago d’Idro con una escursione di ml. 3.25 non sarà firmata dal Sindaco, in quanto gli enti firmatari sono la Regione Lombardia e le Province di Trento e Brescia, ma all’interno  di questo accordo vi è la convenzione per la gestione associata dei fondi di confine, con ente capofila la Regione Lombardia, che dovrà essere firmata dal Sindaco per poter ottenere il finanziamento per il nuovo ingresso al paese di Idro (4.500.000 di euro)
In pratica per aver il nuovo ingresso il comune di Idro dovrà anche accettare la nuova regola del lago in quanto parte integrante della convenzione.

Anche il gruppo Amici della terra sostiene che “È inaccettabile che per il lago si parli ancora di una escursione tale, e che un sindaco debba scegliere fra sacrificare l’ambiente o realizzare un’opera “
Anche Il gruppo di minoranza in provincia di Trento del Movimento 5 stelle chiede che le questioni ambientali vengano divise dalle opere finanziate con i fondi di confine.

Quindi il dubbio nasce spontaneo: siamo tutti noi che non sappiamo leggere i documenti?
Di per sé accettare il finanziamento per il nuovo ingresso è un passo dovuto alla popolazione visti i continui ritardi per la realizzazione di questa necessaria opera , ma se per questo bisogna cedere sui livelli del lago allora è una questione completamente diversa. Ricordiamoci anche che il sindaco ha rinunciato in passato già due volte ai soldi per realizzare l'ingresso al paese.

Inoltre il Sindaco dichiara che L’UNICA strada percorribile per la difesa  del lago è quella dei ricorsi contro le opere  riducendo , di fatto , a pure quisquilie il bilancio idrico , la regola di gestione, la qualità delle acque e la tutela delle spiagge

Non è la prima volta che ci troviamo di fronte all’ambiguità del Sindaco (assessore  alla comunità montana e savanella inserita nel progetto del 2011) sulla gestione del lago e questa ci sembra proprio la classica goccia che fa traboccare il vaso perchè dopo 8 anni dal suo insediamento i risultati ottenuti sono nulli e addirittura ci troviamo in una situazione decisamente peggiore.

Gruppo di minoranza Lago e Paese.
Seguono le firme.
 
.in allegato c'è l'accordo fra Regione Lombardia e Trento


AccordoLombardiaTrento.pdf








 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID70318 - 27/12/2016 08:20:07 (robvi) Credo ci voglia un pò di pragmatismo.
Sapendo ormai bene quale è il livello degli amministratori Regionali e Provinciali (ma i veri capiscuola sono quelli nazionali), credo che gli amministratori locali farebbero bene a prendere i soldi proposti, ed a firmare tutte le convenzioni che gli vengono sottoposte. Una volta fatti i lavori (e quelli poi non ce li toglie più nessuno), torneremo a parlare dei livelli del lago ...


ID70322 - 27/12/2016 11:21:58 (Baldo degli ubaldi) x robvi
Concordo in parte con lei, è vero che quando ti danno dei fondi la logica vuole il prendi tutto quello che puoi , ma se per anni hai sbandierato "il lago non si vende ma si difende" un minimo di coerenza ci vuole.


ID70323 - 27/12/2016 11:36:27 (Dru) stallo
Diciamo pure che questa è la santa verità, diciamo pure che con Salvaterra in sella la sorte del nostro povero paesello avrebbe avuto sorti decisamente più rosee e diciamo anche che chi lavora nella continua contraddizione ha come risultato lo stallo definitivo in quanto la contraddizione è il volere gli entrambi opposti, sicché al dunque non si sviluppa né l'un né l'altro.


ID70325 - 27/12/2016 15:46:13 (Leonardo10) Vuoti proclami
Questo accordo sancisce l'inutilità di otto anni di proclami. Ricorsi perdenti per un vuoto di strategia.


ID70326 - 27/12/2016 18:30:30 (GGA) Idro= Italia
Credo che idro rappresenti esattamente l'italia,voglia di cambiamento ma non in casa propria, calza perfettamente.Punto e a capo.questione lago, numerose perplessita' mi attanagliano.livelli, cm su cm giu.... ma di che stiamo parlando?Non nevica piu come una volta , quindi materia prima scarsa, con cosa lo volgiamo riempire il lago?La pioggia è solo momentanea lo sappiamo tutti.( vedi genova saper prevedere è cosa alquanto divina).Combattere per il lago? ok ci sto ma per la qualità del lago non per i cm, sappiamo bene che il grano cresce con l'acqua e che gli abitanti di idro non riempiono la pancia con l'acqua del lago........ il resto sono squinzillacchere e garbugli medioevali. Per quanto appoggiare questo o quel politico uscito di scena è solo storia.


ID70328 - 27/12/2016 19:49:25 (Leonardo10) Italia
La qualità del lago dipende dalla qualità delle acque ( vedi alla voce fognature) e da un ' equilibrata gestione dei livelli. Non e' che piove meno, piove con intensità diversa, così come diverso deve essere l'impiego dell'acqua a valle. Si tratta di superare concezioni di sfruttamento delle acque, a monte e a valle del lago,oramai ingiustificate alla luce dei progressi tecnologici avvenuti anche in ambito irriguo. Quest' accordo si muove invece pienamente in una vecchia logica di sfruttamento che nulla ha a che fare con la tutela, non solo del lago, ma più in generale della risorsa acqua.


ID70330 - 27/12/2016 22:08:44 (blb)
La vicenda “Lago” dell’amministrazione Nabaffa ha dell’inverosimile:Nabaffa viene eletto come colui che non accetta accordi e colui contro le opere malvage della Regione. Appena eletto nel 2009 mette subito in discussione l’accordo di programma del 2008 (forse pensando di poter far di meglio) con il quale i suoi predecessori dovevano condizionare il percorso ormai segnato dell’approvazione delle opere con modifiche del progetto preliminare e con delle garanzie precise (traversa a livello attuale traversa, pulizia acque, manutenzione spiagge, ente gestore partecipato dai comuni, opere compensative).


ID70331 - 27/12/2016 22:09:51 (blb)
L’amministrazione Nabaffa Oltre a non ottenere modifiche dell’accordo 2008 ( rifiutando 2,7 milioni di euro di opere compensative previste dallo stesso) da modo a Regione Lombardia di non applicare quanto si era impegnata a fare con l’accordo stesso.Viene fatto il progetto definito che recepisce solo in parte quanto si era stabilito nell'accordo del 2008. Parte della traversa è sotto il livello di uscita naturale del lago(Savanella),e tutte le altre conquiste rimangono sulla carta.


ID70332 - 27/12/2016 22:10:28 (blb)
Accortosi che aveva perso anche quello guadagnato con l’accordo del 2008 L’08/11/2016 Nabaffa presenta ricorso al tribunale delle acque chiedendo a Regione Lombardia tra le altre cose di rispettare l’accordo di programma del 2008 e di riportare nei progetti tutta la traversa a livello di quella attuale (a 367,2 mt quota idrometro). Il ricorso non è preso in considerazione perché presentato in ritardo. Nel ricorso, tra l’altro, vengono citati in giudizio anche gli altri comuni lacustri rompendo ogni rapporto proprio con i soggetti con i quali doveva essere portata avanti la difesa del lago. Oltre al danno la beffa.


ID70333 - 27/12/2016 22:11:26 (blb)
Nel 2011 l’amministrazione approva un progetto provinciale del ponte dell’ ingresso al paese nel quale è prevista anche la costruzione del canale nell’alveo che abbasserebbe la quota dell’attuale traversa (la “savanella” appunto. Nei progetti delle opere del lago la si vuole togliere, in quelli dell’ingesso la si approva ….boh.. ).


ID70334 - 27/12/2016 22:11:44 (blb)
L’Iter di approvazione delle opere del lago va avanti e le osservazioni del comune di Idro vengono rigettate perché fuori luogo o non presentate secondo la legge. Si arriva alle conferenze di servizio nelle quali il no del comune di idro non ha nessun peso.Si arriva al bando gara delle opere e nei sessanta giorni previsti per fare ricorso contro il bando il comune di Idro non muove un dito. L’opera è appaltata


ID70335 - 27/12/2016 22:12:36 (blb)
Ora come mazzata finale abbiamo anche il fatto che il progetto del ponte di ingresso prima citato ha trovato finanziamento nelle opere strategiche dei fondi ODI ma che furbescamente Regione Lombardia ha condizionato alla condivisione e accettazione da parte del comune di Idro della regolazione del lago con escursione a 3,25mt.


ID70336 - 27/12/2016 22:18:09 (blb)
si stava meglio quando si stava peggio... Mai detto fu piu' azzeccato in questo caso....


ID70348 - 28/12/2016 15:38:27 (Giacomino) Questa volta
sembra che sia la politica e non la burocrazia la colpevole dei ritardi.


ID70535 - 06/01/2017 20:17:12 (mananto)
Mi sembra di notare un certo gongolamento da parte del Gruppo Lago e Paese ogni volta che eventi e circostanze si coalizzano contro il sindaco e la sua amministrazione. Sia chiaro che, per quanto riguarda l'ingresso, la posizione dell'attuale amministrazione è indifendibile. Per quanto riguarda invece l'altro aspetto della questione, i livelli e le opere di sicurezza come meglio volete chiamarle, non vedo queste declamate ambiguità da parte del primo cittadino. Le opere dovevano concludersi nel 2013 con l'escursione di mt 3,25 avallata da altri sindaci. Dieci anni fa ho partecipato a diverse assemblee indoor ed open, patrocinate dalle allora amministrazioni di Idro e Bagolino, firmato una petizione pro-lago insieme a migliaia di persone, assistito ad un Consiglio comunale in cui, all' unanimità, si dava contro agli intendimenti della Regione salvo, dopo manco un anno, ritornare sui propri passi e affrettarsi a firmare un accordo contrario alle primarie intenzioni


ID70536 - 06/01/2017 20:24:44 (mananto)
Questo per dirvi che tutto il mondo è paese. Le incoerenze ci sono state da ambo le parti. Il post chiaramente invita al dibattito su due argomenti che dovrebbero essere distinti ma che l'ineffabile Regione Lombardia (la stessa del bravo ed illustre Formigoni) ha pensato bene di conglobare come fece il malizioso Renzi nella formulazione dei quesiti referendari.


ID70541 - 07/01/2017 15:09:56 (brogio) per mananto
Concordo solo in parte con quanto ha esposto nel suo commento. Non mi piace parlare di ambiguità, caso mai di poca chiarezza dell'attuale sindaco. Scrive infatti su Idro Informa che "...in questo periodo mi sto accingendo a firmare una convenzione per la realizzazione dell'ingresso al paese...tale convenzione scaturisce all'interno di un programma di interventi strategici finanziati dal fondo dei comuni di confine". Poi prosegue "Il nuovo accordo di collaborazione (tra la Regione Lombardia e la Provincia di Brescia) pur essendo fatto rientrare nell'ampio programma di interventi strategici... non impone al Comune di Idro nessun riconoscimento, nè implicito nè esplicito, delle nuove opere di regolazione che Regione Lombardia vuole realizzare sul nostro lago, proprio per avere uno svaso a disposizione delle utenze irrigue ed idroelettriche di mt. 3,25 nel territorio lombardo e svincolato dal trentino".


ID70542 - 07/01/2017 15:21:12 (brogio) segue per Mananto
Questo per dire in poche parole che, allo stato attuale delle cose, è impossibile scindere le due problematiche. A meno che il sindaco non voglia continuare con la strategia adottata per l'accordo di programma 2008, ritenuto valido solo per la parte che riguardava i finanziamenti per la valorizzazione del lago e da scartare per tutto il resto. Se manterrà la sua coerenza non dovrebbe firmare la convenzione, altrimenti dovrebbe rimangiarsi tutte le sue accuse in merito alla presunta vendita del lago "per trenta denari", divenuti nel frattempo cinquanta. Per ovvi motivi di spazio non ho potuto riportare nel suo intero l'intervento del sindaco, spero che le omissioni non abbiano fatto perdere il senso di quanto volesse dire il il primo cittadino di Idro. Io francamente ho capito poco pur avendo letto tutto l'intervento



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/01/2017 08:05:00
Livelli del lago, partita ancora aperta Le precipitazioni sono scarse, il lago d'Idro riesce ad ogni modo a garantire il minimo deflusso vitale al fiume Chiese. Coi lavori per le nuove opere di regolazione al via, quella dei livelli, è una partita ancora tutta da giocare

08/06/2016 16:58:00
Troppa acqua per il lago d'Idro Dovrebbe essere regolato fra i 367,20 e i 368,50 metri sul livello del mare. Invece le acque del lago continuano a salire. Come mai?


16/10/2016 09:10:00
Cosa si muove sul lago Egr. direttore, il gruppo di minoranza Lago e Paese di Idro chiede cortesemente spazio per una breve riflessione sul Lago d’Idro

22/08/2014 07:54:00
Piove... e il lago ride Una stagione turistica da buttare, con tutta quest'acqua. Sul lago d'Idro è andata bene solo per i livelli, mai così stabili


01/07/2015 07:11:00
Acque trentine per l'agricoltura lombarda E' stato sottoscritto ieri a Trento un accordo sull'utilizzo delle acque del Chiese, che prevede maggiore disponibilità dei bacini a monte del lago d'Idro. Scongiurati così danni economici per l'agricoltura e livelli troppo ballerini per il lago




Altre da Idro
20/02/2017

Piccoli, ma generosi

Un gesto oltremodo significativo, quello dei bimbi della scuola dell'Infanzia di Idro, che hanno donato il materiale didattico arrivato da Santa Lucia per i loro coetanei terremotati del Centro Italia (1)

17/02/2017

Per Valsabbia e Valvestino più di 46 milioni di euro

Quella che era una proposta di ripartizione dei fondi per i Comuni confinanti, per Idro, Bagolino e Valvestino, ieri a Nozza è diventata accordo (5)

17/02/2017

Livelli del lago: escursione a 1,30

Escursione del lago contenuta durante la realizzazione delle opere di regolazione. Nulla osta perchè così possa essere anche a lavori terminati. VIDEO (65)

13/02/2017

Lino Brambilla è «andato avanti»

Si svolgeranno questo martedì 14 febbraio nella chiesa parrochiale di S. Michele i funerali dell’alpino per vent’anni capogruppo delle Penne nere di Idro

13/02/2017

Paracadutisti e alpini in compagnia

Giornata dedicata al tesseramento per il nuovo anno questa domenica per i paracadutisti della sezione "Lago d'Idro" e del gruppo alpini di Mura che si sono ritrovati a pranzo sul lago

12/02/2017

Respinta la sospensiva dell'appalto

La Seconda Sezione del Tar di Brescia ha respinto la richiesta di misura cautelare presentata da Collini Lavori Spa,che sollecitava l’annullamento dell’assegnazione della gara indetta dalla Provincia di Brescia. Il ricorso il prossimo 17 maggio
(12)



10/02/2017

Scoperta una dinastia di stampatori di Lonato

Su sollecitazione del professor Severino Bertini, ricercatore ed insegnante di storia e filosofia al Liceo, le classi 3AL e 5AL dell’Istituto Perlasca hanno effettuato una ricerca sugli stampatori valsabbini e bresciani all’Archivio di Stato di Venezia, dove hanno scoperto alcuni documenti inediti

28/01/2017

Billy è stato ritrovato

Billy è scappato domenica scorsa mentre si trovava nella zona della Paul, alle spalle di Lemprato di Idro. I proprietari lo stanno cercando. Aggiornamento ore 19

28/01/2017

Valle Sabbia Restart, premiata la valorizzazione del territorio

Elena Avanzini, Giovanni Nabacino e Daniele Pirlo sono i tre vincitori del bando rivolto a giovani potenziali imprenditori dalla Comunità montana con enti e aziende del territorio, per l’avvio di una start-up (3)



26/01/2017

Tamponamento ai Tre Capitelli

Dinamica curiosa e grande rischio per l'incidente che ha coinvolto due autovetture luingo la 237 del Caffaro, proprio di fronte alla macelleria Pizzoni che si trova in località Tre Capitelli a Idro (1)

Eventi

<<Febbraio 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia