Skin ADV
Giovedì 19 Gennaio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]



 
    


I colori invernali del Chiese

I colori invernali del Chiese

di Antenore Taraborelli



17.01.2017 Vestone

18.01.2017 Sabbio Chiese

18.01.2017 Bagolino Giudicarie Storo

17.01.2017 Villanuova s/C

17.01.2017 Idro Bagolino Anfo Valsabbia Giudicarie Garda

17.01.2017 Gavardo Valsabbia

18.01.2017

17.01.2017 Roè Volciano

17.01.2017 Giudicarie

18.01.2017 Vestone



23 Febbraio 2016, 07.45
Giudicarie Storo
Lettere

Storo: dati preoccupanti per l'ambiente


In una lettera il punto di vista del Comitato "Bene comune" di Storo sulle questioni ambientali che affliggono l'area, fra terra, aria e suolo. Il Comitato chiede un confronto con l'Amministrazione comunale

Negli ultimi mesi l'interesse per le questioni ambientali a Storo è tornato ad essere alto. Purtroppo però questa rinnovata attenzione deriva dalla conferma o dalla scoperta di notizie preoccupanti  sullo stato di salute del territorio che ci circonda.
Terra, aria, acqua. Su ciascuno di questi elementi si possono riscontrare problematiche evidenti.

Terra, come evidenziato dalle circa 30 mila tonnellate di rifiuti da lavorazione del bario e dalla scoperta di metalli pesanti addirittura a livello superficiale nell'area antistante gli stabilimenti della Mineraria Baritina a Darzo.

Aria, perché il livello di polveri a Storo, ma ormai anche nelle frazioni di Darzo e Lodrone, lo si vede letteralmente ad occhio nudo, senza contare le evidenze olfattive che ciascuno di noi ha potuto riscontrare in questo inverno poco piovoso.

Acqua, considerati gli allarmanti dati diffusi da Appa sullo stato di salute del fiume Chiese ma anche l'apparente calo della falda acquifera sottostante la piana di Storo, che causa problemi all'agricoltura e fa pensare a costosissimi sistemi di irrigazione alternativi.

Su ciascuna di queste situazioni il Comitato Bene Comune - Storo ha una posizione molto semplice e, crediamo, di buon senso.
Laddove non ci sono certezze o ci sono chiari dubbi sulla qualità delle analisi effettuate è necessario approfondire e migliorare i controlli in modo da dissipare i dubbi ed avere un quadro affidabile della situazione sul quale valutare eventuali interventi.
Dove invece le evidenze sono incontestabili si deve semplicemente procedere rimettendo le cose in ordine.

Per andare nei dettagli delle specifiche questioni:

(1) i dati evidenziano come la qualità delle acque del Chiese rilevata all'altezza del ponte dei tedeschi sia pessima, e non solo per i livelli di Ph ma anche per le sostanze che vi si ritrovano disciolte. 
Raccontare che il tutto sarebbe causato dai tempi di rilascio delle acque effettuati a monte non pare credibile.

Questi interventi possono certo avere un effetto, ma a quanto ne sappiamo noi non un effetto delle dimensioni riscontrate, né possono avere a che fare con le tracce di anticrittogamici rilevate.

Sempre a tema acqua ricordiamo come molti segnali facciano pensare che essa si sia abbassata nel corso degli anni, e se ciò corrispondesse al vero ci sarebbero seri rischi per la piana di Storo, visto che l'agricoltura intensiva che in massima parte vi si pratica è basata su colture come il mais che si avvantaggiano proprio della forte risalita capillare dovuta ad avere una falda "alta".

Prima di pensare a faraonici progetti di irrigazione andando a captare l'acqua da Riccomassimo riteniamo allora sia il caso di verificare come sta effettivamente la falda ed identificare le eventuali ragioni per un suo abbassamento. 
Se ad esempio il fenomeno fosse verificato e si scoprisse che dietro ad esso c'è l'eccessivo e continuato prelievo a fronte delle mutate condizioni meteorologiche, con anni assai più siccitosi che in passato, sarebbe prioritario intervenire sulle cause dell'abbassamento e non investire risorse per milioni di euro in improbabili sistemi di irrigazione sulla cui efficacia sarebbe comunque lecito nutrire più di un dubbio.

(2) A quanto abbiamo potuto verificare e comprendere, le analisi effettuate dalla Provincia negli scorsi anni sull'area boschiva di proprietà della Mineraria Baritina riguarderebbero solamente il terreno superficiale.
Non si sarebbero dunque compiute verifiche sul sottosuolo, e nemmeno sulle acque che defluiscono dalla zona di deposito del materiale di risulta.
Ciò nonostante le analisi riportano un elenco lungo e preoccupante di metalli pesanti quali ad esempio cromo, arsenico, rame, cobalto, piombo, mercurio eccetera.

Ci viene detto che i quantitativi rinvenuti non sono preoccupanti, ma se le analisi riguardano davvero solo il terreno presente in superficie cosa potrebbe nascondersi nel sottosuolo?
Ci sono fondate ragioni (e qualche testimonianza) che inducono a credere che nella zona possano essere sepolti da decenni altri rifiuti oltre alle 30 mila tonnellate di resti della lavorazione del bario dei quali si è accertata la presenza.

Anche in questo caso quindi la soluzione da mettere in campo appare chiara: approfonditi e certosini controlli sul terreno e sul sottosuolo, ma anche su piante ed acque presenti nell'area.
Solo a quel punto si potrà dire quale sia la gravità della situazione determinando se sia o meno necessario agire a tutela della salute pubblica e dell'ambiente.

(3) Infine la qualità dell'aria. A dire che nel Comune di Storo non sia buona non lo dicono solo le analisi svolte a seguito delle sollecitazioni dei cittadini e del Comitato, lo si vede ad occhio nudo e lo si percepisce "a naso".

La domanda da porsi qui è semplice: i dati danno un'immagine veritiera della situazione oppure no?
Noi del Comitato Bene Comune riteniamo ci sia più di una ragione per ritenere che i dati reali siano più preoccupanti di quelli usciti dallo studio Appa.

Ad esempio in passato abbiamo più volte ricordato come avessimo richiesto tutta una serie di analisi che in un primo momento ci vennero promesse ma che poi non vennero mai effettuate (Pm 2,5 per dirne una) per "problemi tecnici" e non possiamo dimenticarci che la disposizione della centralina fissa a Storo in via Battisti era a nostro giudizio ben lungi dall'essere ottimale per verificare la piena portata dell'inquinamento (noi avevamo suggerito Piazza Cortella come luogo ideale per questa rilevazione).

Anche il periodo di rilevazione 2014-15, particolarmente umido, ha probabilmente aiutato a fornire un quadro meno realistico della situazione.
Se ad esempio le analisi fossero state effettuate durante l'attuale periodo autunno-inverno osiamo sostenere che i livelli di polveri sarebbero risultati assai più preoccupanti. A fronte di ciò, il Comitato  ribadisce quanto affermato già in passato: a Storo serve almeno una centralina di rilevazione fissa dell'aria, come se ne trovano disposte lungo l'asta dell'Adige (anzi a quanto ci risulta SOLO lì), che fornisca dati approfonditi su tutta una serie di elementi che le analisi del 2014-15 non hanno potuto evidenziare
. Ricordiamo che questa posizione era stata condivisa dall'attuale Amministrazione Comunale che in campagna elettorale l'ha inserita nel proprio programma.

Con questa lettera il Comitato chiede pubblicamente un incontro all'amministrazione comunale per discutere di quanto enunciato sopra.
Per informazione e trasparenza anticipiamo anche quelle che sono alcune delle cose che riterremmo utile realizzare a Storo, ovvero l'acquisizione e la messa a disposizione dei cittadini dei dati sulla mortalità da tumore riguardanti la popolazione del Comune, un controllo preciso sulla qualità delle sostanze che fuoriescono dal depuratore comunale e, data la gravità dei problemi, l'istituzione di un'apposita commissione ambiente.
Speriamo che l'attuale maggioranza voglia trovare il tempo per ascoltarci.

Il Comitato Bene Comune - Storo

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/01/2016 06:52:00
La minoranza interroga Storo sull'inquinamento «Che fine ha fatto il Comitato Bene Comune?». E’ questa solo una delle domande in tema ambientale che l’opposizione storese rivolge alla maggioranza consiliare

11/01/2017 11:32:00
Gasolio nel Chiese Una macchia oleosa ha galleggiato per un po' sull'acqua del fiume e nell'aria c'era anche l'inconfondibile odore di gasolio. Il soprallogo dei vigili però non ha avuto esito 

02/09/2015 07:46:00
Acqua «saponata» nel Preane Il fenomeno è apparso solo nell'ultimo tratto del torrente, per circa 2/300 metri, prima dell'incointro fra il rio e il fiume Chiese


08/10/2016 13:27:00
Cosa c'è nell'acqua del Chiese? Cosa sono qui corpuscoli che galleggiano sull’acqua del fiume Chiese a Villanuova sul Clisi?

26/05/2007 00:00:00
L'Enel vince sui sindaci Da Storo sarà erogata acqua ma a troppe condizioni. Franco Rovatti del Comitato di difesa del lago d'Idro e del fiume Chiese: «I sindaci hanno calato le braghe».



Altre da Giudicarie
18/01/2017

Pane autoctono con il grano di Storo

Non solo farina gialla per polenta ma anche quella ricavata dalle spighe di grano per prodotti a km 0. E a breve anche le gallette saranno prodotte in casa (1)

18/01/2017

La rotonda «quadrata» sul Caffaro

Nel corso della prossima estate il traffico al confine col Trentino verrà deviato sul nuovo ponte e solo allora si riuscirà a capire come meglio utilizzare quello vecchio (1)

17/01/2017

Dei costi e dei benefici

Sotto la lente dei 5Stelle, con un'interrogazione a risposta scritta del consigliere provinciale per Trento Filippo Degasperi, il tunnel che dovrebbe unire Valvestino e Bondone, ma anche le decisioni prese in merito all'utilizzo sull'Eridio dei Fondi ex-Odi (6)

17/01/2017

Tamponamento a Condino

Due feriti non gravi, è il bilancio di un tamponamento avvenuto a Condino lungo la 237 del Caffaro



16/01/2017

Mobilitazione contro l'antenna Telecom

Amministratori e cittadini di Condino sulle barricate contro il potenziamento di un impianto dell’azienda di telecomunicazioni nel centro del paese

15/01/2017

Sant'Antonio Abate anticipata di tre giorni

Prima le benedizioni presso le stalle degli allevatori locali e poi il tradizionale pranzo contadino per la festa del protettore degli animali di allevamento della zona di Condino

13/01/2017

Fuoristrada con l'autobus

A rischio di ribaltamento, l'autobus che scendendo da Cimego si è intraversato e poi ha puntato dritto verso il guard rail. Per fortuna nessuno si è fatto male



12/01/2017

La chiesa del convento diventa una sala di incisione

Anche il coro Sette Torri, di Storo, inciderà sotto le navate dell’abazia di Condino un cd in occasione del suo 25° di fondazione

11/01/2017

Papaleoni nuovo presidente

Rinnovate le cariche dell’ente imbrifero montano della Valle del Chiese, che a seguito delle fusioni dei Comuni è passato da quindici a otto delegati

10/01/2017

Conosci la tua Cassa Rurale

Al via il percorso formativo per soci e clienti promosso dalla Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella. Iscrizioni entro il 26 gennaio

Eventi

<<Gennaio 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia