Skin ADV
Lunedì 21 Agosto 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Toscana - Bagno Vignoni

Toscana - Bagno Vignoni

di Marina Dotti



20.08.2017 Paitone

21.08.2017 Gavardo

19.08.2017 Vobarno Roè Volciano

19.08.2017 Bione

19.08.2017 Idro

19.08.2017 Giudicarie

20.08.2017 Casto

20.08.2017

19.08.2017 Mura

19.08.2017 Garda






25 Novembre 2015, 18.23
Giudicarie Storo
Incidente

Cervo investe auto a Storo

di a.p.
E' successo l'altra notte, di nuovo nel tratto di strada fra Condino e Storo, sempre nei pressi della stazione di servizio

L’altra notte la signora Bruna Berti di Storo, mentre stava viaggiando sulla sua autovettura per fare rientro a casa, in direzione nord lungo la 237 del Caffaro, all’altezza della stazione di servizio dei fratelli Leotti, in località Staiade tra Condino e Storo, è stata centrata da un cervo che si apprestava ad attraversare il nastro d’asfalto.

Il cervo, del peso di circa 80 chilogrammi, dopo essere sbalzato sul cofano è rovinato al suolo non dando più segni di vita.

«Da aprile fino a oggi, in quella stessa tratta, è il quinto caso che si verifica. Si tratta di animali che in quelle ore serali vanno ad abbeverarsi lungo l’alveo del fiume Chiese» hanno commentato Mauro Foglio e Gianluca Faes, entrambi cacciatori, convinti che se lasciassero fare a loro di questi episodi ne accadrebbero molti di meno.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID62776 - 25/11/2015 20:22:11 (Tc) ...
come ci sono arrivati i cervi? Naturalmente o introduzione? Chi la fece? Cinghiale docet...


ID62782 - 26/11/2015 08:01:04 (dumbo) Il titolo i sembra paradossale
Credo sarebbe stato opportuno titolare che "auto investe cervo", così come in effetti accade agli essere umani. Non ho mai sentito che un uomo investe un auto ! al di la di tutto proporrei tassativamente un abbattimento totale di questi animali che ormai rappresentano solo un rischio per tutti noi.


ID62783 - 26/11/2015 08:40:43 (tiger68) dumbo
io invece abbatterei tutti i dumbo che la pensano come te perchè sono gli animali o meglio bestie più pericolose per la natura ... non mi sembra giusto eliminare una specie che in quei posti c'è sempre stata basterebbe regolamentare il traffico ad una velocità moderata di questi casi ne accadrebbero meno senza neanche l'intervento dei cacciatori.


ID62785 - 26/11/2015 09:29:30 (NICK) che tristezza
entrambi cacciatori, convinti che se lasciassero fare a loro di questi episodi ne accadrebbero molti di meno....che tristezza una frase del genere scritta in un articolo che dovrebbe fare informazione.


ID62786 - 26/11/2015 09:51:55 (punto) ma per favore.......
se anche il cervo e' stato introdotto cari miei siamo messi male!!!!! il cervo e' una specie autoctona della zona montana (ALPI) come lo è il gallo forcello,il gallo cedrone la coturnice e il capriolo , lo stambecco e il camoscio ....Purtroppo,e dovete farvene una ragione,cari miei difensori della natura,la natura fà il suo corso e l'animale più vorace e di dimensioni più grandi prevale sul più piccolo ecco perchè vengono praticate le caccie di contenimento..... se salvaguardiamo tutto ricordatevi che in un futuro non proprio prossimo prevaricherà il CERVO che e' un bovide cioe' simile ad un bovino,(Pensate al fabbisogno alimentare giornaliero) e le speci inferiori scompariranno,cosa che e' già successa in alcuni paesi dell'est europa....a voi la scelta....per il discorso attraversamento strade....purtroppo non possiamo abituarli ad attraversare sulle striscie pedonali.... ogni giiorno ci imbattiamo in animali morti investiti


ID62787 - 26/11/2015 10:54:32 (NICK) x punto
Seguendo questo ragionamento, quanti esseri umani andrebbero sterminati per permettere alle specie animali di non estinguersi?


ID62788 - 26/11/2015 10:56:23 (mago) cocciante
e pensare che non e' nemmeno primavera.... cervo a primavera.....


ID62789 - 26/11/2015 12:32:57 (Tc) punto..
Sei cosi sicuro che sia una specie completamente autoctona,non sempre e' cosi...in molte zone e' stato appositamente introdotto,perche' troppi in altre e i verdi e pseudoambientalisti-animalisti non vogliono che si limitano con le doppiette e poi grazie alla sua proliferazione si e' diffuso a dismisura colonizzando luoghi dove prima non c'era...non avendo poi nemici naturali il gioco e' fatto...e intanto i cacciatori bramano il poterlo cacciare,non si tratta di essere paladini della natura,si tratta di vedere oggettivamente come vengon gestite certe specie...e chissa' perche' c'e' sempre lo zampino dell'uomo in mezzo...il cinghiale insegna...l'orso idem...e si potrebbe andare avanti...


ID62792 - 26/11/2015 17:04:03 (bob63) donna al volante...
Sbaglio o anche l'altra volta al volante c'era una donna, propongo di togliere la patenti a tutte le donne. L'introduzione di specie e il successivo controllo sono cose complesse ( e pericolose) che spero e credo vengano fatte da persone qualificate, di cervi caprioli ecc. ne muoiono x svariati motivi, incluse malattie e incidenti, penso ne tengano conto.


ID62794 - 26/11/2015 19:42:52 (alkill) il cervo
come giustamente fatto notare "punto" il cervo è una specie a larga diffusione originario di Europa-asia e nordamerica, diviso in varie sottospecie. In Italia un tempo, non migliaia ma 300 anni fa era diffuso come molti altri animali un tutta l'Italia.Sulle Alpi non si è mai estinto.E ora che si prendano provvedimenti per evitare questi incedenti con per es campagne di prevenzione (non di stermino)....gli automobilisti si devono ficcare nella zucca di prestare particolare attenzione nelle zone dove la fauna selvatica è presente.(gli animali non hanno il nostro intelletto...) Di notte andate piano!. E non pensate che i cervi siano numerosi come cavallette, semplicemente in quel punto c'è un passaggio di animali x recarsi al fiume, quindi in campana quando si passa di li.


ID62798 - 26/11/2015 23:14:23 (Capitano) Non è un cammelo ma un crine di cavallo..
Per precisare: il cervo dà il nome alla famiglia dei cervidi, non dei bovidi


ID62939 - 04/12/2015 12:30:35 (rey) rey
chiedo scusa alla redazione per il linguaggio definito da voi scurrile,ma la frase del sig faes e foglio dovrebbe farvi riflettere cara redazione.io sono contro la caccia indiscriminata,i due signori sopra non penso da quel che dicono.a ragione il sig alkill dove ce fauna selvatica bisogna andare più piano in auto.mi avete ripreso per il mio linguaggio, ma sig valdini presti più attenzione anche alle provocazioni che mettono negli articoli.buona giornata


ID62940 - 04/12/2015 15:34:10 (Tc) rey
mi dica lei un posto in montagna dove non c'e' fauna selvatica...anche in strada di campagna...lei va ai 30/40 in questi luoghi? Perche' non solo i cervi fanno parte di fauna selvatica,ci sono molte altre specie piu' piccole e anche piu' rare,ma siccome non fanno danno all'auto non fanno notizia e tutto questo pensiero pseudoanimalista va a farsi fottere...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/09/2015 07:41:00
I cervi e la barista Due cervi di dimensioni massicce sono andati a sbattere nottetempo contro una Golf, procurando notevoli danni

06/12/2014 16:45:00
Santa Barbara fra Condino e Storo Questa domenica, 7 dicembre, sia i vigili del fuoco di Condino sia quelli di Storo, anche se in maniera diversa, festeggeranno la patrona Santa Barbara

10/10/2016 07:39:00
Doppio investimento di cervi Lo scontro violentissimo fra un'auto e i due ungulati è avvenuto di primo mattino a Darzo, lungo la 237 del Caffaro

31/05/2014 07:48:00
«Non toccate i piccoli di cervo» Le femmine di capriolo o di cervo, confidando nell'assenza di odori e nel mimetismo, spesso abbandonano temporaneamente i loro piccoli. Anche solo toccarli equivale a condannarli


08/12/2014 17:15:00
Santa Barbara, fra Condino e Storo La ricorrenza di Santa Barbara è assai sentita nella Valle del Chiese. Domenica, sia a Condino sia a Storo, in onore della patrona hanno festeggiato i vigili del fuoco volontari appartenenti ai due circondari



Altre da Giudicarie
19/08/2017

Incontri ravvicinati

All'area di servizio alle Staiade di Condino sono stati avvistati due esemplari di Ibis Eremita, una specie in via d’estinzione (2)

18/08/2017

La morra rivive a Brione

Per iniziativa della Pro loco di Brione, questo sabato pomeriggio presso l’androne del municipio si terrà una sfida al gioco che un tempo faceva da padrone nelle osterie

15/08/2017

La montagna accessibile

Nell'ambito della rassegna d’arte e cultura in corso nell’antica chiesa di San Barnaba a Bondo di Sella Giudicarie questo giovedì si terrà un incontro con i rappresentanti del Cai bresciani e trentini su come vivere la montagna per le persone con disabilità

15/08/2017

Ferragosto in Valle del Chiese

Gastronomia, feste alpine, momenti di tradizione e di folclore e attività sportive: il Ferragosto della Valle del Chiese propone una ricca offerta grazie alle iniziative proposte dalle associazioni locali e dagli enti pubblici

14/08/2017

Volpi e cinghiali, un problema che si aggrava

Aumenta la presenza di esemplari di volpi e cinghiali sul territorio di Storo e Darzo. Ora ad occuparsene è il consigliere provinciale Tonina che dopo aver presentato un’ interrogazione è tornato ieri l'altro ad incontrare la gente esasperata dalla situazione

11/08/2017

Nuovi mezzi per la Polizia locale del Chiese

La Polizia locale Valle del Chiese manda in pensione due Fiat Punto ormai obsolete, sostituite da due Alfa Romeo Giulietta acquistate grazie a un conveniente appalto Consip (3)

10/08/2017

Frana fra Storo e la Valle di Ledro

A causa del violento temporale che si è abbattuto nel tardo pomeriggio di oggi, è caduta una frana sulla strada che da Storo porta alla Valle di Ledro (1)

10/08/2017

Assistenza ai bagnanti sull'Eridio

I numerosi casi di annegamento nelle acque dei laghi bresciani, in particolare Garda e Sebino, hanno riproposto la questione della presenza di bagnini anche sulle spiagge lacustri. Qual è la situazione sul lago d’Idro?

09/08/2017

Chiesa di San Lorenzo: restauro, spettacolo e festa

Questo giovedì momenti religiosi e di festa nella ricorrenza di San Lorenzo presso l’antica chiesetta che domina l’abitato di Condino a Borgo Chiese

09/08/2017

Una notte in palafitta

Per due turisti genovesi si è realizzata l'emozione di vivere nelle Palafitte di Ledro, grazie al concorso "Una notte in palafitta, un salto all'età del bronzo"

Eventi

<<Agosto 2017>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia