12 Novembre 2019, 12.48
Gavardo Valsabbia Garda
Legambiente

«Tocca al Garda depurare le sue acque»

di red.

«Ogni bacino idrologico-imbrifero deve provvedere alla depurazione dei propri reflui fognari, così come sancito dal T.U. Ambiente» afferma Legambiente intervenendo sulla questione Garda-Valsabbia


I rappresentanti dei Circoli provinciali di Legambiente Brescia si sono riuniti in consiglio sabato scorso 9 novembre presso la sede di Via Ventura Fenarolo per discutere e trovare una posizione condivisa su alcuni fra i più urgenti ed impattanti problemi che affliggono l’intera provincia di Brescia.

Fra gli argomenti all’or4dine del giorno quello relativo alla depurazione dei reflui fognari della sponda bresciana del lago di Garda, stante il processo decisionale in corso, è stato valutato fra i più urgenti e degni di attenzione, sulla base anche del progetto di fattibilità tecnico-economica pubblicato da Acque Bresciane lo scorso agosto che individua l’attiguo bacino del fiume Chiese quale sede dei due maxi impianti di depurazione (uno a Gavardo e uno a Montichiari) a servizio dei reflui provenienti dalla rete di collettamento dei comuni gardesani e il fiume Chiese quale corpo recettore delle acque depurate.

Ecco cosa afferma Legambiente in una nota:


Premesso che il progetto in questione è ritenuto lacunoso e tutt’altro che esaustivo nella comprensione delle ragioni che hanno portato alla scelta sopra citata, i Circoli provinciali convengono che:

• ogni parte del territorio della Provincia di Brescia ha pari dignità: prerogative e peculiarità devono essere mantenute e incentivate;
• sia il bacino del Garda che quello del fiume Chiese scontano problematiche vecchie di decenni, sempre ignorate, a cui urge dare risposte precise, risolutorie e lungimiranti;
• la tutela di tutti gli ecosistemi è prerogativa imprescindibile per garantire a noi e soprattutto alle generazioni future un’adeguata qualità di vita;
• una programmazione territoriale oculata e finalizzata a garantire il benessere e la salute delle popolazioni deve essere il presupposto di ogni scelta politica, economica, sociale.

Pertanto all’unanimità i rappresentanti dei Circoli provinciali di Legambiente affermano che:

1) Ogni bacino idrologico-imbrifero deve provvedere alla depurazione dei propri reflui fognari, così come sancito dal T.U. Ambiente;

2) Devono essere adottate le migliori tecnologie esistenti per garantire un’altissima qualità di depurazione;

3) La stima dei  costi energetici e di gestione deve avere un peso rilevante nell’iter decisorio in modo da non incidere sulle tariffe  che andranno a carico delle bollette di tutti gli utenti della provincia;

4) Il rispetto della normativa che riguarda il consumo di suolo deve essere uno dei punti fondanti del processo decisionale.

L’iter procedurale per la depurazione della sponda bresciana del lago di Garda dovrà quindi individuare la migliore soluzione possibile per garantire la reale e duratura risoluzione dei tanti problemi che le negligenze del passato hanno reso sempre più tangibili; tutto ciò senza coinvolgere l’attiguo bacino del fiume Chiese che sconta anni di incuria e sfruttamento intensivo delle sue acque per cui si rendono necessari urgenti interventi riqualificanti.



Commenti:
ID82230 - 12/11/2019 18:13:41 - (Tuco) - si fara

fiumi di parole...inutili, il depuratore si fara a Gavardo piaccia o meno e pagheremo pure l'energia elettrica necessaria a pompare la merda sei signori del lago nel nostro fiume,,,,doppio guadagno per i soliti......

ID82233 - 13/11/2019 07:04:04 - (ubaldo) - Bravo Tuco

Evita anche di fare le coccole a tua moglie, tutto inutile, piaccia o meno le corna te le farà lo stesso. Sto scherzando neh, con simpatia :)

Aggiungi commento:
Vedi anche
10/06/2019 10:04:00

Gestione acque fra Garda e Valsabbia: i desiderata di Legambiente Il Circolo Legambiente Brescia Est dice la sua sull'ipotesi di realizzare un depuratore del Garda a Gavardo e Montichiari. E non solo

25/07/2019 07:12:00

Appuntamento a Palazzo Broletto Le associazioni riunite che si oppongono ad ogni ipotesi di scaricare nel Chiese la depurazione del Garda annunciano la manifestazione organizzata per questo venerdì 26 luglio a Brescia

04/02/2020 18:06:00

«Serve una soluzione giusta ed efficace» Legambiente: «Per il collettamento dei reflui gardesani occorre superare l’attuale progetto, ne serve uno nuovo che non scarichi nel Chiese»

11/06/2020 07:21:00

La carica delle 111 Sono tante le “mamme del Chiese” che, riprese carta e penna, in una lettera aperta dicono la loro sui lavori portati avanti in sede di “tavolo tecnico” in merito alla depurazione dei reflui nell’impluvio del Garda

28/07/2019 15:20:00

No alla depurazione del Garda nel Chiese In Broletto, alla manifestazione contro l’idea di coinvolgere il Chiese nella depurazione del Garda, per Vallesabbianews c’erano anche Marisa Viviani e Armando Ponchiardi. VIDEO



Altre da Gavardo
06/07/2020

«Il clima è già cambiato, noi cosa aspettiamo a cambiare?»

Questo il titolo del Webinar organizzato da Gavardo In Movimento per questo giovedì sera, 9 luglio, con l'intervento di tre esperti in tematiche ambientali

06/07/2020

Una federazione per la tutela del Chiese e del lago d'Idro

Le 17 associazione del “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro” hanno dato vita a una federazione per meglio incidere sulle questioni ambientali del territorio: priorità il no al maxi depuratore a Gavardo e Montichiari

05/07/2020

L'ultimo reduce è «andato avanti»

Saranno celebrati questo lunedì mattina nel cimitero di Sopraponte i funerali dell’alpino Bortolo Mora, ultimo reduce della frazione gavardese

05/07/2020

L'Isolo

D’estate, quando abitavo nel “grattacielo”, mia mamma apriva la finestra che dava sul Naviglio. Allora entrava un refolo di vento, un’aria fresca che dava sollievo. Laggiù si vedeva l’Isolo...

05/07/2020

Di corsa per dire no al depuratore

Partito da Montichiari, è giunto a Gavardo attorno alle 10.30 di ieri Carmine Piccolo, una corsa di protesta nell’ambito dell’iniziativa Brescia Art Marathon

02/07/2020

Il giudice Albertano ritorna a Gavardo

Sarà presentato questo venerdì 3 luglio al Parco Baronchelli a Gavardo l’ultimo libro della saga dell’investigatore medievale ideata da Enrico Giustacchini

01/07/2020

Pedopornografia online, scarcerato

Il 35enne di Gavardo trovato in possesso di materiale pedopornografico ha collaborato ed è stato scarcerato. Dovrà presentarsi dai Carabinieri tre volte alla settimana

01/07/2020

Parchi pubblici comunali, manutenzione e controlli

Predisposto, a Gavardo, un piano di manutenzione e sostituzione delle attrezzature da gioco danneggiate. Da oggi, 1 luglio, i parchi resteranno chiusi nelle ore notturne per prevenire assembramenti ed evitare rumori molesti

01/07/2020

«Lo scenario Gavardo e Montichiari non è affatto la soluzione migliore»

Lo evidenziano due studi realizzati dalle due Amministrazioni comunali e dalle associazioni ambientaliste, inviati al ministero dell’Ambiente come osservazioni per il tavolo tecnico

01/07/2020

«Dannoso per il Chiese, inefficace per il Garda»

Anche per lo studio realizzato dai comitati e dalle associazioni ambientaliste mette in luce tutte le criticità del bacino del Chiese come possibile corpo recettore, ma anche che non è la soluzione migliore per lo stesso lago