26 Novembre 2019, 15.48
Gavardo Valsabbia
Maxi depuratore del Garda

Circoli del Pd: «Nuovo studio di fattibilità indipendente»

di Redazione

Duro affondo dei Circoli del Partito Democratico della Valle Sabbia e della Bassa Orientale nei confronti del presidente e dei consiglieri provinciali che hanno bocciato la mozione Apostoli, con la richiesta di un nuovo studio da un ente terzo


Riportiamo integralmente il documento sottoscritto dai circoli del Partito Democratico della Valle Sabbia e della Bassa Orientale inviato al presidente della Provincia Alghisi, ai consiglieri provinciali e al segretario provinciale del Pd Zanardi relativo alla questione del depuratore del Garda, a seguito della bocciatura della mozione che richiedeva un nuovo studio di fattibilità.

--------------------------------------------------------

A seguito della votazione del Consiglio Provinciale che ha portato alla bocciatura della mozione finalizzata a promuovere un nuovo studio di fattibilità per il progetto del cosiddetto “depuratore del Garda”, i circoli PD della Bassa Valle Sabbia e della Bassa Orientale, riunitisi per valutare le conseguenze dello sconfortante episodio, intendono ribadire con fermezza quanto segue.

Il voto contrario sulla mozione da parte della maggioranza in Provincia riveste particolare gravità avendo sancito una pericolosa frattura dell’ente rispetto ai territori coinvolti nell’annosa vicenda della localizzazione dell’impianto, con l'ulteriore insopportabile beffa che a provocarla siano stati proprio i nostri rappresentanti, proposti e sostenuti nella lista “Comunità e Territorio”.

Il voto sulla mozione ha palesato una preoccupante discontinuità con quanto il Partito Democratico ha sempre sostenuto a livello provinciale, essendosi di fatto esclusa qualunque forma di coinvolgimento e di attenzione alle istanze dei molti Comuni e comunità, che quel progetto -appare sempre più evidente -debbano semplicemente rassegnarsi a subire.

Le successive dichiarazioni del Presidente e del suo vice lasciano semplicemente esterrefatti: che credibilità può infatti avere la tardiva promessa di commissionare ad AATO/Acque Bresciane un approfondimento tecnico sullo stato di salute della condotta sub-lacuale, quando tale richiesta poteva essere assecondata semplicemente approvando la mozione? Forse c’è già un team di professionisti pronto a dichiarare lo stato di calamità?

Con forza chiediamo invece al Presidente della Provincia di farsi carico una buona volta del problema, nonché nell’esercizio del proprio ruolo, agendo in maniera concreta e diretta a tutti i livelli, affinché si possa rimettere sulla giusta via il procedimento, senza ulteriori inaccettabili forzature.

Chiediamo pertanto al Presidente Alghisi e ai consiglieri provinciali:

● di rivedere i motivi per cui si esclude a priori un approccio unitario, in sinergia con l’autorità d’ambito della sponda veronese, alla depurazione dei reflui dei Comuni rivieraschi;

● di richiedere una specifica valutazione delle ragioni che impedirebbero la sostituzione della condotta sub-lacuale, che offrirebbe per contro una forte semplificazione del tracciato del collettore rispetto a quello fin qui ipotizzato, con evidenti benefici in termini di costi e tempi di realizzazione;

● di promuovere attivamente la realizzazione di un nuovo studio di fattibilità, INDIPENDENTE DAL GESTORE, che miri alla migliore soluzione perla depurazione dei reflui dei Comuni rivieraschi;

● di appoggiare una soluzione che consenta, in ultima analisi, di tutelare tutti i territori interessati, anteponendo la ricerca di una soluzione di buon senso all’esclusivo interesse del gestore.

Con altrettanta determinazione, chiediamo al Segretario Provinciale e alla Direzione del Partito Democratico di valutare ogni possibile azione affinché i nostri rappresentanti in Consiglio Provinciale facciano onore al loro ruolo, anteponendo quindi l’ascolto delle istanze del territorio e della base del partito (da non frequentare solo per la raccolta di incarichi e prebende) ai “cattivi consigli” di sopravvivenza politica che già hanno prodotto gravi e difficilmente rimarginabili lacerazioni.

Circolo PD Bedizzole
Circolo PD Calcinato
Circolo PD Calvisano
Circolo PD Carpenedolo
Circolo PD Montichiari
Circolo PD Remedello
Circolo PD Barghe
Circolo PD Gavardo
Circolo PD Prevalle
Circolo PD Roè Volciano
Circolo PD Vallio Terme
Circolo PD Villanuova Sul Clisi
Circolo PD Vestone
Circolo PD Vobarno



Vedi anche
03/07/2019 10:30:00

Consiglio comunale sul tema depuratore È convocato per questo giovedì sera a Gavardo il consiglio comunale ad hoc sul tema del maxi depuratore del Garda. Intanto il presidente della Provincia annuncia la convocazione del tavolo di confronto

15/06/2020 10:25:00

Cristina Almici: «Indispensabile coinvolgere il territorio» Il consigliere provinciale e componente della Commissione Ciclo Idrico chiede alla Provincia un tavolo di confronto e ribadisce la necessità, per tutti i soggetti coinvolti, di visionare lo studio del professor Bertanza, che diede inizio a tutto

28/02/2020 09:05:00

Nessuno studio alternativo a Gavardo e Montichiari Una doccia gelata quella uscita ieri dall’incontro della Cabina di regia per il depuratore dei Comuni del Garda. Unica concessione uno studio ambientale sulle ricadute per il Chiese

24/04/2020 09:30:00

Consiglio Provinciale: mozioni su depuratore e Rsa La riunione in streaming ha approvato il bilancio 2020 ma al centro dell’attenzione ci sono state due importanti mozioni

01/07/2020 07:00:00

«Dannoso per il Chiese, inefficace per il Garda» Anche per lo studio realizzato dai comitati e dalle associazioni ambientaliste mette in luce tutte le criticità del bacino del Chiese come possibile corpo recettore, ma anche che non è la soluzione migliore per lo stesso lago



Altre da Valsabbia
03/08/2020

Comuni di confine, «riparto dei fondi non equilibrato»

Quattro milioni a testa per quattro anni ai due Comuni di confine della Valtellina e solo 700mila euro ciascuno all'anno per gli undici Municipi bresciani, tra cui i valsabbini Bagolino e Idro. La polemica

03/08/2020

Valsir, controllo totale

Non solo in Valsir, ma anche per Oli, Marvon e Alba, è stata messa in pratica una massiccia operazione di controllo e prevenzione del rischio Covid

02/08/2020

Fiume Chiese e Lago d'Idro, per un uso sostenibile dell'acqua

E' stata approvata qualche giorno fa, a firma del consigliere trentino del Movimento 5 Stelle Alex Marini, la proposta per un progetto di ricerca applicata per assicurare un uso sostenibile delle risorse idriche dei territori trentini e bresciani

01/08/2020

«Le risposte è bene che arrivino dal Ministero»

Comitati e associazioni ambientaliste, in un comunicato unificato che riportiamo integralmente, invitano i sindaci dei Comuni dell'asta del Chiese, in merito al Tavolo tecnico sulla depurazione del Garda, a respingere qualsiasi soluzione tecnica non vagliata dalla politica

01/08/2020

A piedi e in bici per credere in sé stessi

Torna il progetto educativo di cooperativa Area che utilizza l’esperienza del viaggio di gruppo come strumento di riabilitazione e integrazione sociale alternativo al carcere minorile. Coinvolti 20 adolescenti posti in regime di “messa alla prova” da parte Tribunale dei Minorenni di Brescia

01/08/2020

Presidio alla Tematrade

Operai in agitazione nel sito produttivo di Prevalle. Sul tavolo delle trattative l'erogazione del fondo antiusura, la cassa integrazione, le paghe arretrate ed un'istanza di fallimento. VIDEO

30/07/2020

Facebook no grazie

Banca Valsabbina aderisce alla campagna di sensibilizzazione contro i fenomeni di odio sempre più diffusi sul web e sospende gli investi pubblicitari sul più popolare dei social

30/07/2020

Le mamme del lago: «Ci siamo anche noi»

Le Mamme del Lago prendono spunto dalla lettera da noi pubblicata sottoscritta da una delegazione delle mamme del Chiese. E dicono la loro

30/07/2020

Falso allarme

«Tre morti nel lago d’Idro» questa la notizia che è stata nell’aria per più di due ore attorno al lago d’Idro. Invece no, per fortuna

29/07/2020

Da «aiutiAMObrescia» un aiuto alla Cogess

La cooperativa sociale di Barghe, e in particolare il suo ambulatorio per bambini autistici, hanno ricevuto da “aiutiAMObrescia” 30mila euro a sostegno della ripresa delle loro attività nel post Covid