Skin ADV
Giovedì 13 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








Pensiero d'autunno

Pensiero d'autunno

di Gianfranco Fenoli



12.12.2018 Prevalle

11.12.2018 Agnosine Sabbio Chiese Valsabbia

11.12.2018 Gavardo

13.12.2018 Vobarno

12.12.2018 Provaglio VS

11.12.2018 Bagolino

12.12.2018 Agnosine

12.12.2018 Idro

12.12.2018 Gavardo

12.12.2018 Vobarno Bagolino Gavardo Villanuova s/C Prevalle Salò






05 Ottobre 2018, 09.50
Gavardo Valsabbia
Conferenza

Acqua pubblica, le ragioni del sì

di Davide Vedovelli
Sala gremita a Gavardo per la prima serata del ciclo di incontri organizzato dal Comitato Referendario per il Sì Acqua Pubblica Valle Sabbia in vista del referendum consultivo del prossimo 18 novembre 

La sala dell'Auditorium “C. Zane” di Gavardo gremita per la prima delle quattro serate organizzate dal Comitato Referendario per il Sì Acqua Pubblica Vallesabbia. A guidare l'incontro Mariano Mazzacani, fondatore e coordinatore del Comitato di Brescia e - in video perché non è potuto essere presente per un impegno improvviso - Don Fabio Corazzina, che ha spiegato l'importanza dell' “oro blu” per gli esseri umani e i motivi per cui la sua gestione deve restare pubblica.
 
Il rischio è che nei prossimi anni i privati monopolizzino questa risorsa indispensabile per la vita ed insostituibile e la rendano accessibile solo a pochi e solo a pagamento.

In alcune regioni francesi, dove l'acqua è gestita dai privati, dai paesi sono scomparse le fontane pubbliche dalle piazze e questa risorsa è reperibile solo a pagamento. Il comitato referendario, in vista del referendum consultivo previsto per il 18 novembre, chiede che i sindaci dei paesi interessati rispettino la volontà dei cittadini.
 
Mariano Mazzacani ha sottolineato come l'ente pubblico sia in grado di gestire autonomamente il servizio idrico e non abbia bisogno di privati che inevitabilmente puntano al profitto. Durante la serata sono stati presentati alcuni dati, tra cui le perdite del sistema idrico, che a Gavardo raggiungono il 50 per cento. Molti gli interventi a fine serata, a dimostrazione di quanto questo tema sia caro ai cittadini e alla popolazione.
 
Ora le serate informative continueranno in altri Comuni. Prossimo appuntamento a Vobarno l'11 ottobre, presso la Biblioteca comunale, sempre con Mariano Mazzacani.
 
 






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID77784 - 05/10/2018 12:13:19 (Filippo Grumi) sala piena
Complimenti agli organizzatori della serata e a chi si sta dando da fare nel comitato referendario per il si. Speriamo che la gente capisca l'importanza di questo appuntamento e che vada a votare per far rimanere l'acqua un bene pubblico


ID77788 - 05/10/2018 17:56:13 (Tc) Filippo Grumi...
Vero...sempre che lascino le fontanine pubbliche...tipo proprio a Gavardo che han tolto quella del parcheggio (venendo da Prevalle) prima della piazza...o quella del ponte di villanuova prima di salire a Prandalio,chiusa talmente tanto che per poter bere un bicchier d'acqua ci vuole 1 settimana...


ID77792 - 05/10/2018 21:53:50 (1977) William Donini
Bella serata ... peccato aver visto tra i presenti poche facce di centrodestra .. l'acqua è un bene di tutti , privatizzarla significherebbe creare un monopolio gestionale con il rischio solo di aumentare le tariffe e diminuire gli investimenti ... Penso che la gestione publica , se efficiente sia la miglior soluzione ...


ID77794 - 05/10/2018 23:18:04 (Tc) pero'...
L'acqua non dovrebbe aver nessun color politico,quando si ha sete si deve bere tutti e' un diritto dell'umanita' intera e quando manchera',perchè' verra' quel giorno,allora sara' dura se tutta privata...sara' guerra...altro che petrolio...in certe parti del mondo succede gia'...ed in zona europa i ghiacciai montani si stanno ritirando vertiginosamente...per non piangere tra 20,sarebbe meglio pensarci ora e seriamente...quelli che insistono sulle privatizzazioni l'han gia' capita...brutto monito...


ID77795 - 05/10/2018 23:22:10 (blurex)
Meno male che l'acqua è pubblica, le tariffe aumentano anche con effetto retroattivo, e anche le perdite negli acquedotti che sono colabrodo (non solo a Gavardo) e i contratti con i gestori si avvicinano alla scadenza. E chi dovrebbe gestire questa materia? Una delle cose più pietose che ho visto nella mia breve vita da amministratore è stata un'assemblea dell'AATO di qualche anno fa. Francamente non so se i privati possano fare di peggio.


ID77796 - 06/10/2018 07:43:31 (alfo70) Sig
Donini, cosa c'entra la politica ad una pubblica assemblea??? Come fa notare Tc, non è questione di colore politico. Io ero lì,sono andato via a metà serata per un impegno urgente di lavoro. Dovevo essere lì con la bandiera in mano?? Sempre le solite polemiche.Alfonso


ID77797 - 06/10/2018 09:49:54 (groppello62)
Siamo tutti d'accordo che l'acqua è un bene pubblico: per l'oro blu si prevedono i prossimi con flitti in Africa. Ma decenni di gestione pubblica hanno portato al suo criminale spreco per l'impossibilità di risorse tecniche ed economiche, soprattutto nei comuni medio piccoli per la sua tutela ed il suo uso corretto. Penso che gestioni miste siano la soluzione. D'altra parte credo che l'acqua venga sprecata perché si crede inesauribile, ma anche perché costa troppo poco. Non è questione di far profitti, magari a una società francese, ma proprio per il rispetto dovuto.


ID77801 - 06/10/2018 16:53:05 (PETER72) Storia che si ripete...
Ventisei milioni di italiani con il referendum del 2011 avevano già provato a tirar fuori l’acqua dal sistema di mercato, ma l’intento non è stato raggiunto anche perché espertoni di economia prima, la magistratura amministrativa e le scelte politiche di potere poi, hanno contribuito a far rientrare dalla finestra ciò che a suo tempo era uscito dalla porta. La redistribuzione dei benefici derivanti dall’utilizzo di una risorsa come l'acqua che va facendosi sempre più scarsa e per questo sempre più preziosa per l’intera comunità, se non sarà salvaguardata come servizio pubblico essenziale attirerà sempre più gli appetiti famelici di chi segue solo la logica del mero profitto... e fu così che in poco tempo un litro d'acqua costó più di un litro di benzina


ID77806 - 06/10/2018 21:05:59 (skyrunner968)
Risposta a Groppello 62, ma monito a tutti: l'impossibilità di risorse tecniche ed economiche va ricercata nel continuo finanziamento con soldi pubblici di opere lontane dai bisogni di tutti e vicine al desiderio di pochi. I soldi ci sono sempre stati ma sono stati spesi male e gestiti anche da alcuni criminali, favorendo investimenti privati su progetti non mirati al benessere della collettività ma mirati allo spreco e alla spesa di massa.


ID77809 - 07/10/2018 05:54:20 (1977)
Non mi sembra di essere stato polemico anche perche non ho usato parole come "Non cera nessuno" ma ho scritto peccato aver visto poche ....Complimenti agli Organizzatori


ID77811 - 07/10/2018 15:09:38 (GGA) Bene
La privatizzazzione degli acquedotti è stata fatta perché gli stessi sono obsoleti e fatiscenti ingestibili ai comuni per troppe spese a tappare falle ecc ecc , si pensava che privatizzandoli con un ente , questi si fosse attrezzato e avrebbe dato un miglior servizio. Queste erano le premesse. ovvio che il privato sobbarcandosi l'enorme rottame esistente doveva cautelarsi , come? aumentando l'acqua che puntualmente ha fatto, e la qualità dell'acqua? un lontano ricordo , ora abbbiamo del buon cloro che esce dai rubinetti, ( la famosa acqua del sindaco) . Possiamo ancora tornare indietro ma serve che i comuni mettano davvero le mani a questi acquedotti colabrodo che anche il privato non riesce di fatto a sistemare, come? la politica dovrebbe intervenire è lei infatti la detentrice della bacchetta magica. o no? Bando alle chiacchere, tutti i nostri acquedotti hanno non meno di 60 anni i più giovani quindi serve una ben più ampia visione.( vedi


ID77874 - 11/10/2018 12:46:44 (alfo70) 1977
Meno male che non ha scritto, "cera"Controlli bene allora.


ID77879 - 11/10/2018 19:30:17 (1977)
Grazie della correzione... Cercherò in futuro di fare più attenzione a ciò che scrivo


ID77894 - 12/10/2018 17:06:44 (alfo70) 1977
Sempre attenzione a quello che si scrive , ma soprattutto a quello che si "dice".Alfonso



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/10/2018 09:47:00
A Vobarno per parlare di acqua pubblica
Questa sera - giovedì - per iniziativa del Comitato Referendario Acqua Pubblica Valle Sabbia, Mariano Mazzacani sarà a Vobarno, in Biblioteca comunale, per approfondire il tema della gestione delle risorse idriche


01/10/2018 10:00:00
Quattro appuntamenti sull'acqua pubblica Giovedì sera a Gavardo la prima di quattro serate in Valle Sabbia in vista del prossimo referendum consultivo provinciale sull’acqua pubblica, promosse dal Comitato Referendario Acqua Pubblica Valle Sabbia

23/07/2018 09:52:00
Nasce in Valle Sabbia il Comitato Referendario Acqua Pubblica In vista del referendum consultivo provinciale del 28 ottobre si è costituito un comitato per difendere “l’oro blu”

19/11/2018 10:45:00
Acqua pubblica, vince il «sì» A livello provinciale si è registrato un forte astensionismo, ma chi si è recato alle urne ha votato quasi all’unanimità per la gestione pubblica. Vediamo com’è andata nei Comuni della Valle Sabbia 

08/10/2018 10:03:00
Al via la campagna referendaria «social» A poche settimane dalla data del referendum consultivo provinciale sull’acqua pubblica, la campagna entra nel vivo anche sul web con alcuni video realizzati dagli studenti 



Altre da Gavardo
12/12/2018

Aspettando Santa Lucia

La Santa più amata dai bambini farà tappa, nella giornata di oggi – 12 dicembre – in diversi paesi valsabbini. Non mancheranno, come da tradizione, tè, vin brulè, cioccolata calda e piccoli doni  

12/12/2018

Sulla Rsa «La Memoria»

In merito alle vicende che hanno interessato la casa di riposo gavardese, dice la sua anche l’ex assessore Angela Elisa Maioli (2)

11/12/2018

Autonomia? Fino a che punto?

Sul tema dei Cda delle Onlus, messo in evidenza dal "caso" della "La Memoria" di Gavardo, dice la sua anche Ernesto Cadenelli
(1)

11/12/2018

Tentata truffa online

Vorrei condividere con più persone possibili un nuovo tentativo di frode che gira tra gli acquirenti online, per il quale sono stato contattato ieri (3)

11/12/2018

Quale depuratore per il Garda?

Giovedì 13 dicembre a Gavardo un incontro con tecnici e politici sul progetto del depuratore del lago di Garda promosso dal comitato ambientalista Gaia (1)

09/12/2018

Due bambine, un prete e una nonnina

Sabato, festa dell’Immacolata, è stato un giorno denso di avvenimenti. Ho partecipato al battesimo di due belle bambine, Mary Jo e Luna.

09/12/2018

Un dentista per tutti

Proprio per tutti, anche per le persone che hanno un reddito bassissimo. Lo trovate a Gavardo, con la proposta di “odontoiatria sociale” praticata da dottor Chiaruttuini

07/12/2018

«Grazie Commissario»

L'ex vicesindaco Sergio Bertoloni dice la sua in merito alla nomina del "vecchio" Cda e di quello "nuovo" voluto dal Commissario prefettizio Anna Pavone.
Aggiornamento ore 11:45


07/12/2018

Il «Caso La Memoria» preoccupa Arlea

Arlea è un’associazione di livello regionale, senza scopo di lucro, che in Provincia di Brescia rappresenta e tutela una cinquantina di Fondazioni bresciane dedite all’assistenza (6)

07/12/2018

3° Concerto dell'Immacolata

Anche quest’anno nella serata dell’8 dicembre non poteva mancare il tradizionale appuntamento con il Concerto natalizio del Corpo Bandistico “Nestore Baronchelli” di Sopraponte



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia