Skin ADV
Mercoledì 16 Gennaio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Ghiaccio

Ghiaccio

by Aldo



14.01.2019 Pertica Alta

14.01.2019 Val del Chiese Storo

15.01.2019 Idro Bione Mura Roè Volciano Valsabbia

14.01.2019 Paitone Prevalle Valsabbia

14.01.2019 Roè Volciano

15.01.2019 Vobarno

14.01.2019 Gavardo Muscoline

14.01.2019 Garda

14.01.2019 Garda

15.01.2019 Salò Garda






02 Febbraio 2018, 13.23
Gavardo Valsabbia
Porta a porta

«Porta a porta o Punto di raccolta?»

di red.
Egregio Direttore, Le scrivo per informare di un disagio nato con la raccolta "porta a porta" nel comune di Gavardo, nella frazione di Sopraponte...

Tale disagio si è palesato solo nel giorno 31 gennaio 2018 con un estemporaneo avviso del comune, un foglietto volante di cui allego la foto, fatto recapitare nelle cassette postali quando la partenza del servizio era prevista per il 2 febbraio: non propriamente un preavviso, oltretutto mai esplicitato negli appositi incontri formativi.

La scarna comunicazione riporta "Avviso agli utenti: considerata la difficoltà a raggiungere con il veicolo apposito tutti gli edifici di questa strada a fondo cieco, si informa che i contenitori per la raccolta dei rifiuti col sistema porta a porta DOVRANNO ESSERE DEPOSITATI all'inizio della strada, ossia all'incrocio con la via principale".

Tralasciando la totale mancanza di dettagli dell'avviso e la subdola scelta di modalità e tempistiche di comunicazione, in quanto "porta a porta" trovo inconcepibile che tale raccolta sia silenziosamente divenuta a "punti di raccolta".

Per la situazione in questione, in via Fostaga, la distanza massima dal punto di raccolta sarebbe di 90-100 metri per i residenti più penalizzati.
Tragitto da contestualizzare: strada in salita con persone residenti anziane che dovrebbero per 4 giorni a settimana, ogni sera portare i contenitori ed ogni mattina ritirarli, occupando nelle relative notti il piccolo parcheggio che risulta sempre saturo di auto (con capacità "ufficiale" inferiore a sette auto), trasformandolo quindi nel punto di raccolta dei contenitori di una ventina di famiglie, con ulteriore disagio per i residenti confinanti.

Come è stato fatto correttamente notare da un funzionario del comune, precedentemente i cassonetti risultavano sì più distanti di 200 metri rispetto a tale punto, ma con il dettaglio non indifferente della piena accessibilità diurna e notturna 7 giorni su 7 (quindi al primo passaggio utile in auto ognuno portava i propri rifiuti), che la raccolta porta a porta non consente, prevedendo come è logico che sia delle tempistiche ben definite.

In quanto contribuenti TARI (tributo destinato a finanziare sia i costi relativi al servizio di raccolta che di smaltimento dei rifiuti) oltre che per le problematiche pratiche per i soggetti con difficoltà motorie, trovo iniquo e scorretto che per la sola "colpa" di vivere nelle frazioni del comune, si venga estromessi da tale servizio (su suolo pubblico), visto che le frazioni sono sempre esistite e doveva essere considerato tale aspetto nella fase di pianificazione di un passaggio tanto radicale e in ogni caso non comunicandolo a cose fatte il 31 gennaio 2018 dopo mesi di occasioni mancate.

Esistono realtà ben più impervie, con amministrazioni che si sono sapute organizzare con mezzi consoni alle proprie strade, penso che sia un dovere provvedere a questa evidente ed oggettiva disparità di trattamento, dato che stiamo sì parlando di una strada a fondo cieco, ma trattasi di suolo pubblico, con un cortile finale.

In questi due giorni, con ripetute telefonate dirette, si è tentato di comunicare con il comune, ricevendo risposte di attesa, di apparente interessamento, ma anche di poco "istituzionali" (con uscite colorite del tipo "se vuole chiamare Striscia la Notizia lo faccia, anche se chiamasse la CNN non cambierebbe nulla").

Sui social network è stato scritto che lagnarsi solo commentando non serve a nulla: mi trovo pienamente d'accordo.
E visto che i commenti dei "leoni da tastiera" (pro o contro che siano) compaiono e scompaiono con altrettanta facilità e per evitare che con il tempo si accettino passivamente le condizioni imposte a sorpresa a 24-36 ore dalla partenza del porta a porta, penso che dare un’eco mediatica possa essere un aiuto per la causa e la ringrazio per questo.

La mia vuole essere una lettera costruttiva e non distruttiva, siamo tutti favorevoli al cambiamento, ma senza essere trattati come cittadini di serie B.

Ringrazio anticipatamente tutte le istituzioni competenti che
prenderanno a cuore la questione (che posso dedurre interessi anche altre frazioni non coperte dal servizio nonostante siano raggiunte da strade di competenza comunale), trovando una soluzione nonostante le criticità, che erano prevedibili e potevano essere prevenute e in ogni caso comunicate con un decoroso preavviso.
 
L'impegno è richiesto a tutti e tutti devono fare la propria parte in questo passaggio: i cittadini con senso civico nel differenziare più e meglio di prima. Le istituzioni, nel fornire un adeguato servizio.

Davide Scassola - Gavardo
-------------------------------------------------------
Ci siamo.

E i problemi quando si comincia con una cosa nuova sono inevitabili.
Ricordiamo che i gestori di questo nuovo servizio hanno messo a disposizione un numero di telefono per questo genere di segnalazioni, che è lo 0365 1985916.
Invitiamo tutti a segnalare gli eventuali disagi prima di tutto a loro, come credo che il signor Scassola abbia fatto, visto che poi si è rivolto al municipio.

Detto questo, Vallesabbianews è disponibile a pubblicare lettere ed ospitare commenti purchè siano, come quello del sig. Scassola, costruttivi.

Direi che è iniquo, se non da sciocchi, dopo un giorno o due, ma anche dopo tre o sei mesi, dichiarare fallito l'esperimento del "porta a porta".
Semmai diamo il nostro contributo per migliorarlo.
I conti li faremo più avanti, senza sconti per nessuno.

Ubaldo Vallini




Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75060 - 02/02/2018 14:00:15 (Tc) ...
e' un bel problema...capisco benissimo che fare 90/100 mt con secchi pesanti per portarli in fondo alla via,non sia la soluzione migliore,capisco anche pero' che nemmeno l'operatore preposto alla raccolta non possa fare altrettanto e in maniera multipla...pero' il cittadino lo paga questo porta a porta...possibile non ci sia un mezzo piccolo che possa passare per questa via?...


ID75064 - 02/02/2018 18:17:11 (robvi) Sacchi pesanti ???
Sicuro ?


ID75066 - 02/02/2018 18:54:50 (Tc) ...ho scritto secchio...
Per una persona anziana portare un contenitore (alias secchio,ora sono contenitori,una volta era secchi della spazzatura)) pieno di vetro/lattine per 100 mt non credo sia cosi leggero,per un operatore portare e buttare tutti quelli della via idem ;-)


ID75071 - 03/02/2018 08:56:08 (Dioniso) Sottoscrivo
pienamente le considerazioni del Direttore Vallini.


ID75076 - 03/02/2018 13:49:22 (blurex)
Voglio sperare che come dice Ubaldo si tratti di disguidi normali in fase di inizio del servizio. Diversamente sarebbe un grosso problema.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/02/2018 11:42:00
C'è ancora da spiegare Il “porta a porta” ha preso il via, ma forse non se n’è parlato abbastanza.
Aggiornamento ore 17 di domenica


11/05/2018 08:26:00
Videotour E’ iniziato in questi giorni il videotour di Vallesabbianews fra i centri valsabbini che quest’anno hanno introdotto la differenziata Porta a Porta

19/09/2018 06:09:00
Raccolta porta a porta: i risultati di una buona gestione pubblica I primi dati ufficiali sul servizio di raccolta porta a porta, ai quali la stampa ha dato ampio risalto, mi permettono di condividere con i lettori gavardesi, ma non solo, di Valle Sabbia News, alcune riflessioni personali...

01/02/2018 13:45:00
Finito il conto alla rovescia Il countdown è terminato: questo venerdì 2 febbraio, a Gavardo e Roè Volciano, inizia concretamente la grande sfida della raccolta porta a porta in Valsabbia, che proseguirà poi con gli altri 24 Comuni

27/06/2018 07:55:00
A Gavardo con l’umido Il VideoTour di Vallesabbianews.it fra i centri valsabbini che quest’anno hanno introdotto la differenziata Porta a Porta, ha fatto tappa a Gavardo



Altre da Valsabbia
15/01/2019

Multe per i furbetti del sacchettino

Sono una decina e interesseranno episodi di abbandono rifiuti registrati nelle scorse settimane a Bione, Idro, Mura e Roè Volciano (6)

14/01/2019

Data, luogo e... foto

Segnalateci gli episodi di degrado del territorio, in particolare riguardo alla pessima abitudine di alcuni di gettare rifiuti. Renderemo pubblica ogni vostra fotografia (5)

13/01/2019

Pochi ma buoni

Dieci agenti per sedici Comuni valsabbini dove vivono quasi 30 mila abitanti. Eppure, oltre che compiere tutte le mansioni loro delegate, gli agenti dell'Aggregazione di polizia locale della Valle Sabbia trovano il tempo di effettuare servizi antidroga
(3)

12/01/2019

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

11/01/2019

Lake Idro: un cuore, due valli

L’Eridio protagonista alle fiere turistiche in Olanda e in Germania per la promozione turistica della nuova allenza fra Valle Sabbia e Valle del Chiese
(2)

11/01/2019

Aggiornamento, utile e necessario

Il Responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) è una figura disciplinata nell’ordinamento giuridico italiano. Ecco le date per la formazione con SeIL, a Sabbio Chiese

08/01/2019

Fiamme in tangenziale

Prima il botto, poi le fiamme. A prendere fuoco all’interno della galleria San Martino, in territorio di Sabbio Chiese, del materiale trasportato su un camioncino del Servizio manutenzione strade

08/01/2019

Nuovo sito dei Paracadutisti

Nuova presenza online della sezione Paracadutisti Lago d’Idro che nella prossima assemblea di febbraio intende modificare il nome aggiungendo il toponimo Vallesabbia

08/01/2019

«Il lato opposto della pelle»

Il libro dell’autore valsabbino Luca Bonini, responsabile dei consultori familiari della Cooperativa Area, verrà presentato questo sabato, 12 gennaio, alla Libreria Tarantola di Brescia 


08/01/2019

Niente prescrizione

Alla famiglia di Sara Comaglio, la giovane morta per incidente stradale al sottopasso di Prevalle sette anni fa, Anas ha versato circa 400mila euro. Il processo sulle responsabilità arriverà comunque a conclusione: udienza il prossimo 21 gennaio
(3)



Eventi

<<Gennaio 2019>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia