21 Luglio 2020, 08.00
Gavardo Prevalle Muscoline Provincia
Maxi depuratore del Garda

Troppe incongruenze fra gli studi 2018 e 2019, i sindaci scrivono al ministro

di Cesare Fumana

In una lettera inviata direttamente al ministro dell'Ambiente Costa, i sindaci di Montichiari, Gavardo, Muscoline e Prevalle, a nome dei colleghi dell'asta del Chiese, mettono in evidenza tutti gli errori presenti nei due studi e un iter procedurale non corretto


Dopo due anni di richieste, Acque Bresciane ha fornito al sindaco di Montichiari, Marco Togni, lo studio che aveva commissionato nel 2018 all’Università di Brescia.

Questi l’ha pubblicato sulla sua pagina Facebook: “Siccome lo studio è stato pagato con i soldi di tutti i contribuenti bresciani – scrive Togni –, ritengo doveroso renderlo pubblico oltre che inviarlo direttamente al Ministro Costa (e non al ministero) così che lo si renda conto di persona di alcune cosette interessanti”.

E di “cosette interessanti” ce ne sono molte, a cominciare dai 6 differenti scenari che compaio nello studio del 2018, ai soli 4 rimasti in quello del 2019.

Così, dopo un’attenta analisi e un raffronto fra i due studi, i sindaci di Montichiari, Gavardo, Muscoline e Prevalle hanno scritto nero su bianco le varie incongruenze, ed hanno inviato una lettera direttamente al ministro dell’Ambiente Sergio Costa (anche in questo caso non al ministero) perché si renda conto di persona della situazione.

I sindaci definiscono lo studio del professor Giorgio Bertanza «un pacchetto unico e preconfezionato».

Nello studio «si legge che l'analisi comparativa tra i diversi scenari è stata effettuata considerando aspetti di tipo ambientale, economico, impiantistico e urbanistico, ispirandosi ai criteri di confronto definiti nel regolamento della Regione Lombardia sulla disciplina degli scarichi in fase di emanazione. Con piacere apprendiamo quindi - scrivono i sindaci contrari all'ipotesi che i reflui fognari prodotti dal Garda vengano trattati a Montichiari e Gavardo - che l'Università aveva già affrontato lo studio 2018 ispirandosi ai princìpi del nuovo regolamento regionale in fase di varo».

A luglio 2019 l'Università di Brescia consegna un aggiornamento «inserendo a sua completa discrezione due criteri aggiuntivi che rendono del tutto soggettiva e non più oggettiva la comparazione degli scenari».

Secondo gli amministratori del Chiese, tra lo studio del 2018 e quello del 2019 ci sarebbero palesi incongruenze. «Gli abitanti equivalenti dello stesso bacino passano di colpo da 584.213 a 634.677. Prima si asserisce che, nell'ipotesi dello scenario 1 (Peschiera) si dovrà procedere alla realizzazione del depuratore intercomunale di Visano destinato a servire anche Remedello e Acquafredda, ma nella pagina successiva si sostiene, erroneamente, che a Visano esiste già un impianto che sarà mantenuto e adeguato».

Ma i presunti errori non si fermano qui. «Parlando dello scenario 4 (Peschiera-Gavardo-Montichiari), si dichiara che il bacino di Montichiari è di 160 mila abitanti, mentre in una seconda tabella risultano 145 mila.

E ancora: nello studio del 2019 in merito ai vincoli presenti sono stati presi in considerazione molti più Comuni rispetto a quello di un anno prima, mentre è "sparito" Muscoline. E infine, in entrambi gli studi non è mai stata presa in considerazione la classificazione sismica», che vede Gavardo e Montichiari in zona 2, quindi molto più a rischio di Peschiera che è in fascia 3. Infine i costi, che «dal 2018 al 2019 sono incredibilmente lievitati».

In conclusione, i sindaci puntano il dito su «un iter per molti aspetti carente e viziato nella forma», avvisando il ministro di essere pronti «a far valere le nostre ragioni in tutte le sedi opportune, non solo in merito ai temi ambientali, ma anche a quelli relativi all'impiego di risorse pubbliche».

Al termine della lettera, inoltre, mettono in risalto che il Ministero è «essere finanziatore di 100 milioni di soldi pubblici», nonché a capo della Cabina di Regia e del Tavolo tecnico, pertanto detiene una grande responsabilità nelle scelte che verranno compiute: «Le scrivo apertamente questo perché a seconda delle valutazioni finali del Tavolo tecnico e quindi di un eventuale avvio della Via da parte dell’autorità procedente, saremo costretti a far valere le nostre ragioni in tutte le sedi opportune, non solo in merito ai temi ambientali, ma anche a quelli relativi all’impiego di risorse pubbliche».


Vedi anche
15/04/2020 10:00

Compensazioni solidali Il comitato Gaia Gavardo scrive una lettera aperta ai sindaci del Chiese e in particolare ai primi cittadini di Gavardo e Montichiari con una proposta in merito al progetto del maxi depuratore del Garda a seguito dell’emergenza coronavirus

06/09/2019 10:46

I dubbi degli amministratori Sono ancora tanti i nodi da sciogliere sulla questione della realizzazione del doppio depuratore a Gavardo e Montichiari. A breve l’incontro tecnico in Ato con Acque Bresciane

14/02/2020 07:00

I sindaci chiedono un incontro urgente al ministro dell'Ambiente In una lettera i 23 sindaci dell’asta del Chiese e il presidente di Comunità montana chiedono un incontro al ministro Costa, che in un’interrogazione parlamentare “congela” l’attuale progetto di depurazione e apre a soluzioni alternative

28/02/2020 09:05

Nessuno studio alternativo a Gavardo e Montichiari Una doccia gelata quella uscita ieri dall’incontro della Cabina di regia per il depuratore dei Comuni del Garda. Unica concessione uno studio ambientale sulle ricadute per il Chiese

04/09/2020 10:13

I comitati ambientalisti: «Non ci arrendiamo» La notizia del via libera del ministro Costa alla realizzazione del maxi depuratore ha suscitato rabbia e grande delusione tra le associazioni, senza per questo spegnere la loro combattività. Il commento del Comitato Gaia e del Tavolo delle Associazioni



Altre da Prevalle
25/09/2020

Depuratore, i sindaci convocano la Conferenza dei Comuni

L'Ufficio d'Ambito ha ricevuto in data odierna un'ulteriore richiesta, tramite lettera, da parte dei sindaci di ben 50 Comuni bresciani. Obiettivo la convocazione della conferenza in cui presentare una mozione che fissa tre punti fondamentali

21/09/2020

Mascherine made in Prevalle

Prosegue la produzione di mascherine “Face cover Mercury”. Una produzione made in SABA Confezioni, una delle prime aziende, a marzo, a convertire parte della sua produzione per affrontare così l’emergenza nazionale

21/09/2020

Fronte del «no», i sindaci raccolgono adesioni

In vista della riunione della Cabina di regia i sindaci dell'asta del Chiese puntano ad un ulteriore aumento delle adesioni per la convocazione della conferenza dei sindaci nell'Ufficio d'Ambito

18/09/2020

L'assessore Magoni ad Ecomuseo: «La vostra ricchezza è il lavoro di squadra»

Meravigliata dalla ricchezza dell'enogastronomia e della cultura del nostro territorio, l'assessore regionale al Turismo Lara Magoni, in visita a Prevalle, si è complimentata con Ecomuseo del Botticino per la sinergia vincente tra i suoi Comuni

18/09/2020

Omsi, maxi investimento da 30 milioni

Futuro in chiave 4.0 per la Omsi Trasmissioni, da due anni impegnata nel nuovo sito logistico e produttivo di Prevalle

17/09/2020

Fallita la Tematrade, il ramo d'azienda torna alle ex Pasotti

I dipendenti del polo produttivo di Prevalle tornano in carico al fallimento delle ex Industrie Pasotti, condizione necessaria per uscire dallo stallo in cui si trovano da mesi. Seguirà l'insinuazione al passivo per i compensi non ricevuti

14/09/2020

Per una scelta consapevole e responsabile

In vista del referendum costituzionale Acli Valle Sabbia e la lista civica “Uniamo Prevalle” organizzano questo mercoledì, 16 settembre, una serata informativa per aiutare i cittadini a fare chiarezza sul quesito e sulle ragioni del sì e del no

14/09/2020

96 candeline per nonna Maria

Tanti auguri di buon compleanno a Maria Tobanelli, di Prevalle,  che proprio oggi, 14 settembre, compie 96 anni

09/09/2020

A Prevalle la prima edizione della «Notte Bianca»

Questo sabato sera, 12 settembre, le vie del paese saranno animate dal grande evento organizzato dall'Amministrazione comunale per dare impulso alle attività commerciali e agricole prevallesi

09/09/2020

Jacopo e le automazioni

Complimenti a Jacopo Podavini, di Prevalle, che ieri, 8 settembre, si è brillantemente laureato in Ingegneria dell'Automazione Industriale all'Università degli studi di Brescia