Skin ADV
Mercoledì 19 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Vita da cani

Vita da cani

di Maria Rosa Marchesi



17.06.2019 Garda

18.06.2019 Anfo

17.06.2019 Gavardo Vallio Terme

18.06.2019 Vobarno Valsabbia Provincia

18.06.2019 Garda Valtenesi

17.06.2019 Idro Vobarno Valsabbia

18.06.2019 Vobarno Valsabbia Garda Valtenesi

18.06.2019 Vestone Casto

17.06.2019 Vobarno

17.06.2019 Sabbio Chiese Valsabbia



03 Febbraio 2019, 09.56
Gavardo Muscoline Garda Valtenesi
Lettere

Un depuratore «per» il Garda

di Davide Boni
Gentilissimo Direttore, con la presente sono a condividere con Lei e con i suoi lettori la mia grande preoccupazione per la piega che ha ormai assunto il dibattito attorno al tema della depuratore “per il Garda” (non del depuratore “del Garda”!)...
 
Da ambientalista convinto e da consigliere comunale pro tempore (nel comune di Toscolano Maderno, Brescia) mi sento in dovere di intervenire, cercando sponde anche in territorio Bresciano/Mantovano/Trentino.

Vorrei lanciare un appello ai cittadin* ed alle realtà associative impegnate nella difesa delle acque che sono attive lungo il bacino del Fiume Chiese così come attorno al Lago di Garda (Sarca e Mincio compresi).

Le nostre comunità, pur tragicamente sprofondate in un presente che traccia già la storia del futuro che il pianeta si troverà a vivere nel prossimo decennio, non sembrano capaci o non hanno il coraggio di sollevare lo sguardo per diventare consapevoli di ciò che ci attende ed assumere provvedimenti conseguenti facendo sentire la propria voce.

Riepilogo sommariamente alcuni dei fatti che hanno riguardato le acque attorno al Garda negli ultimi sei mesi (in ordine cronologico):

– la sospensione per circa due settimane nel mese di luglio dell’erogazione di acqua da pubblico acquedotto in un comune gardesano a causa di una possibile contaminazione;

– l’emergenza Legionella e polmonite che ha interessato nell’autunno i territori della Bassa Bresciana attorno al Fiume Chiese, epidemia che rappresenta un unicum a livello mondiale e che parrebbe connessa alla scarsità d’acqua presente nel fiume Chiese, da cui si attinge acqua a fini idroelettrici, industriale ed agricolo;

- la disastrosa diminuzione dello spessore del ghiacciaio del Mandrone che sembra aver perso due metri di spessore nella sola scorsa estate ( si stima che entro fine secolo l’80% dei ghiacciai delle Alpi sarà scomparso);                                                                       

– gli sversamenti di acque luride nel Sarca poi confluite nel Garda;

- un referendum consultivo sulla gestione dell’acqua in Provincia di Brescia ed il contestuale avvio dell’iter autorizzativo per numerose opere che servono per far fronte alle infinite infrazioni comunitarie che “vanta” la provincia di Brescia in tema di inquinamento delle acque, interventi che i cittadini si troveranno a pagare con aumenti in bolletta;

- l’attivazione del canale scolmatore dell’Adige per evitare che Verona ed il Polesine venissero sommersi durante la disastrosa tempesta Vaia;

- uno degli inverni più asciutti di cui si abbia memoria;

– la discussione che sta avvenendo in queste ore circa il passaggio della competenza della gestione delle concessioni idroelettriche alle Regioni;

Solo a me sembra che tutte queste questioni ( le acque) siano la stessa questione (l’acqua)?

Solo a me sembra che il dibattito attorno ad un’opera pubblica che prevede un ammortamento almeno trentennale da quando entrerà in esercizio riguardi tanto il tema della localizzazione del sito di depurazione quanto il tragico scioglimento dei ghiacciai che l’inquinamento di tutte le acque attorno al Garda (Adige, Chiese, Mincio)?

L’ incapacità di “unire i puntini” ha lasciato spazio all’affermarsi di approcci tanto parziali quanto inconcludenti: da un lato il tentativo di forzare la risoluzione dei problemi attraverso scelte che sono vissute come imposizioni dall’alto dai singoli territori.

Dall’altro una risposta localistica tesa a fomentare la rivalità tra presunte piccole patrie che ha afflitto soprattutto il tema del ramo bresciano dell’opera di collettazione delle acque.

Ma come non capire che un empasse nel bresciano significa un empasse per il progetto tutto?

Se mi si consente una battuta, che ci fossero tensioni geopolitiche per il controllo dell’acqua tra Turchia e Siria o tra Palestina ed Israele lo sapevo, ma che lo stesso destino fosse riservato ai rapporti tra Media Valle del Chiese ed Alto Garda Bresciano mi pare una cosa al contempo tragica e ridicola!

Parlare del Garda non significa parlare delle sue coste, ma del significato che hanno circa 50km cubici di acqua pulita nel cuore inquinato del bacino padano, alimentati dal più esteso bacino glaciale che c’è in territorio italiano.

Nel 2013, nel corso del dibattito che ha condotto all’approvazione della sciagurata riforma Delrio che ha abolito-senza-abolire le Province, la Società Geografica Italiana presentò una propria proposta: riaggregare le 20 Regioni e le 110 Province attorno a 36 Dipartimenti, costituiti sulla base dei legami ambientali ed economici fra territori contigui; per le nostre zone era prevista la creazione di un Dipartimento che accorpasse Province di Brescia, Verona e Mantova.

Il Garda al centro geografico anziché periferia di diecimila regni!

Questa è la scala del nostro problema. Dà forse fastidio immaginarsi questo distretto chiamandolo dipartimento del Garda? Lo si chiami allora dipartimento delle acque tra l’Adamello ed il Po, ma questa è la scala del tema.
Non certo se un eventuale depuratore vada messo a Toscolano Maderno o a Muscoline!

Lancio dunque un appello ai cittadin* ed alle realtà associative impegnate nella difesa delle acque che formano il bacino del Fiume Chiese così come attorno al Lago di Garda ( Sarca e Mincio compresi) ed Adige:

PROPOSTA ZERO: proporre una moratoria di 6 mesi nel percorso burocratico di avanzamento delle pratiche relative al depuratore per dare modo di “organizzare il coraggio” ai territori;
   
PROPOSTA NUMERO 1: durante questo periodo di moratoria, sul modello delle “certificazioni/ garanzie partecipate” attivare un percorso teso a far conoscere contestualmente alla cittadinanza le problematiche del Fiume Chiese così come quelle del sistema Sarca – Garda - Mincio allo scopo di far conoscere le criticità oggi esistenti nei vari dei comprensori (partendo dall’Adamello ed arrivando fino al Po’).

Tale percorso deve contemplare la possibilità di visitare i depuratori di Peschiera dG e/o di Palazzolo/Rovato per vedere di persona le infrastrutture che sono parzialmente oggetto del contendere.

Per parlare di acqua gli interessati devono prima avere la possibilità di bagnare le mani nel Lago d’Idro soffocato dall’assenza di acqua,vedere il Basso Chiese in asciutta 7mesi l’anno mentre girano le turbine del microidroelettrico ed ai campi arriva il 10% dell’acqua che viene sparata dagli irrigatori, osservare gli scolmatori del Garda che vomitano liquami nel Lago durante i temporali, l’inquinamento dei Laghi di Mantova e del suo Polo Chimico, respirare l'odore della parte della Provincia di Brescia in cui stanno la maggior parte del milione e quattrocentomila maiali censiti che spesso non è collegata alle fogne, ascoltare le frane al Passo Brizio ed al Passo Lobbia, parlare con gli abitanti della parte di Provincia di Verona che si salva dalle piene dell’Adige grazie al canale scolmatore del Garda e con quelli della parte dove il 60% degli abitanti ha subito la contaminazione degli acidi perfluoroacrilici; interrogare il Mella che cambia colore; camminare lungo l’Oglio e le torbiere del Lago d’Iseo; la Caffaro, le diossine delle anguille del Lago e la paura di bere dalle fontane al PCB...

La difesa dell’acqua dev’essere un obbiettivo che si persegue letteralmente “da cima a fondo” altrimenti la tentazione di scaricare su chi sta a valle le disattenzioni di chi sta a monte diventa irresistibile ed il senso di reciproca responsabilità per la salvaguardia di ciò di cui ognuno é custode evapora rapido.

Nelle prossime settimane cercherò di redigere un documento che cerchi di chiarire nel dettaglio i temi sopra accennati e di verificare l’eventuale sostegno alle proposte sopra citate da parte delle realtà più varie: dal Mountain wilderness alle associazioni dei Pescatori, dai Comitati spontanei al CAI, da Legambiente agli amici della Terra.

Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Sortirne tutti insieme è politica. Sortirne da soli è avarizia.

Davide Boni, consigliere Comunale di Toscolano Maderno (Brescia)


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID79502 - 03/02/2019 10:11:40 (Carletto) GRAZIE
Grazie Sig. Boni, parole pacate e razionali come queste sono purtroppo ormai una rarità anche su questioni così importanti.Le auguro di poter riuscire nel suo intento e di prevalere sulle becere intenzioni di figuri che anche recentemente hanno biecamente cavalcato l'onda emozionale in quel di Gavardo e Muscoline.Mi sento solo di darle un consiglio: aspettate che passi la tornata elettorale delle comunali, i personaggi appena citati mirano principalmente a quello.


ID79504 - 03/02/2019 12:09:52 (turk182) Fuffa
Per onestà intellettuale il caro consigliere Boni dovrebbe attivarsi per far si che il suo comune si candidi ad ospitare il depuratore per il Garda altrimenti è facile fare gli ambientalisti a casa propria con il territorio degli altri. Il buon consigliere dimentica che è "solo" da 7 anni che si parla di questo collettore a Visano che , guarda caso non è "del Garda" neppure lui


ID79506 - 03/02/2019 12:55:42 (Filippo Grumi) carletto
i "beceri figuri" sono anche quelli che sul lago stanno zitti per lo stesso motivo per cui lei dice che altri si agitano dalle "nostre" (forse non sue a quanto pare) parti ovvero per la campagna elettorale? non credo che vincerebbe le elezioni il Sindaco di Padenghe (ad esempio) se dovesse dire ai suoi "il depuratore del garda lo facciamo qui da noi", oppure loro sono i soliti santi e i cattivi stanno solo di qui? cerchi di pensare al bene del suo paese e non ai suoi rancori personali....


ID79507 - 03/02/2019 13:29:29 (MARCO1967) Bravo...
Un plauso all’articolo del Sig,Boni qualcosa di condividile ha scritto, come invece non condivido le affermazione del sig Carletto che dispiace dirlo lancia accuse gratuite e fuorvianti (e lo fa di proposito ).A Muscoline chi si è organizzato contro il depuratore è stato in primis l’attuale sindaco Comaglio che non ha certo di bisogno di fare campagna elettorale ,mentre a Gavardo i più attivi sono stati quelli del comitato Gaia sempre impegnati a difesa del territorio , e non ha fare campagna elettorale usando come pretesto la contrarietà alla costruzione del depuratore a gavardo.Buona giornata sig.Carletto


ID79508 - 03/02/2019 14:41:20 (piccoli) marco1967
mi scusi ma "𝙚 𝙣𝙤𝙣 𝙃𝘼 𝙛𝙖𝙧𝙚 𝙘𝙖𝙢𝙥𝙖𝙜𝙣𝙖 𝙚𝙡𝙚𝙩𝙩𝙤𝙧𝙖𝙡𝙚", proprio non si può leggere. E' persino urtante. Per favore rilegga sempre prima di cliccare su AGGIUNGI


ID79509 - 03/02/2019 14:58:47 (Tc) ...bha
a me fa sorridere,che gli ambientalisti convinti,non vogliano il depuratore sui propri territori e poi sui loro stessi territori si spargono i liquami/fanghi di depurazione,non si e' ancora capito che se la merd@ non va andare a mare...andra' a terra...e alla fine torna sui nostri piatti...forse e' questo il problema piu' grande,non la costruzione di un depuratore in se...


ID79510 - 03/02/2019 17:10:57 (caterina_monf)
Il sindaco di Muscoline sta facendo campagna elettorale a Gavardo? Sembra questo. Qualcuno mi spiega? Grazie


ID79511 - 03/02/2019 17:23:13 (MARCO1967) Scusate ...
Ha proprio ragione sig.”piccoli”, spero non succeda più.


ID79518 - 03/02/2019 22:19:49 (Carletto)
Comprendo il suo commento, in effetti sentire una proposta che arriva proprio da Toscolano, l'unico comune che negli ultimi 20 anni è stato talmente malgestito da far sembrare degli statisti gli ultimi visti a Gavardo può sembrare strano, però se ragioniamo così tra "non nel mio comune" o "senti da che pulpito" la situazione non si smuoverà mai.Rimane un enorme bacino d'acqua dolce inquinato e mal collettato vicino ad un fiume che sta scomparendo.Per quel che può valere per salvare il Garda io il depuratore lo farei installare nel mio giardino.


ID79526 - 04/02/2019 20:09:09 (Geppo1950) si nel mio giardino
Perdonate, io sono convinto che verranno a Gavardo, ci diranno; quanti debiti avete ? 12.000.000 di euro..Bene ecco quà l'assegnino, e domani ecco il depuratore,ma.. vedremo spero naturalmente di sbagliare.buona serata a tutti.


ID79817 - 02/03/2019 22:21:20 (1977)
E' vero .. responsabilità ...condivisione ... bene comune ... se è cosi urgente lo potete fare a Toscolano, Salo , Padenghe ... cosi vi tenete anche gli spiccioli di elemosina che nemmeno anno avuto il buonsenso di quantificare ... non sono i gavardesi...non sono i monteclaresi ad inquinare il lago....


ID79818 - 02/03/2019 22:23:40 (1977)
Hanno avuto con l'H



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/02/2019 08:30:00
Doppio depuratore, lo sconcerto dei comitati ambientalisti
Il comitato gavardese Gaia e Muscoline&Ambiente esprimono sgomento per quanto emerso nella riunione svoltasi sabato scorso presso la sede della Comunità del Garda, ribadendo la proposta di una separazione tra depurazione e scarico dei reflui depurati


14/11/2018 05:39:00
Megadepuratore. Ecco cosa ne pensa «Gavardo Rinasce» Gentile direttore, dopo aver seguito attraverso la stampa la vicenda del collettore del Garda e aver partecipato alla serata informativa del 5 novembre a Muscoline...

03/02/2019 08:40:00
Bisogna fare in fretta “La gatta frettolosa ha fatto i gattini ciechi” recita un noto proverbio. Speriamo non succeda altrettanto col nuovo progetto di depurazione del Garda?

21/03/2019 17:53:00
A mediare sarà la Regione Non ha un ruolo specifico in materia, ma sarà Regione Lombardia a mettere tutti gli attori attorno a un tavolo per analizzare nei particolari una soluzione possibile alla depurazione del Garda. L'ha dichiarato l'assessore Foroni


14/06/2019 08:07:00
E la Regione? «Chi ha rappresentato Regione Lombardia in occasione del vertice romano sulla depurazione del Garda?». Se lo chiede il Consigliere Gianantonio Girelli, che nel merito ha presentato un'interrogazione




Altre da Garda
18/06/2019

L'ultimo viaggio di «Sardokan»

Saranno celebrati questo giovedì 20 giugno alle 9:30 in Santo Stefano di Bedizzole, le esequie di Danilo Ziranu, il 41enne morto causa incidente in moto lungo la strada della Valvestino

18/06/2019

A lezione in azienda

Una “full immersion” nella tecnologia applicata ai più alti livelli, quella che, per tre giornate, gli studenti della Facoltà di Ingegneria dell’Università di Brescia, hanno potuto vivere alla Samac di Vobarno

17/06/2019

Incidente lungo la Sp 9. Muore motociclista di 40 anni

Il centauro, in compagnia di un amico che viaggiava su un’altra moto, si è schiantato mentre scendeva lungo la strada della Valvestino

17/06/2019

La condropatia rotulea

La condropatia rotulea è una condizione patologica che interessa l'articolazione del ginocchio ed indica una sofferenza del tessuto cartilagineo attorno all'osso

14/06/2019

Lo Spaccadischi... sotto l'ombrellone

Ecco una selezione degli appuntamenti in programma per il fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda e in provincia a cura del nostro Spaccadischi in versione estiva

14/06/2019

Estate in coro

Questa domenica, 16 giugno, un nuovo appuntamento del grande Festival musicale “Diego Chimini” organizzato sul Garda dalla Corale Santa Cecilia di Maderno

14/06/2019

E la Regione?

«Chi ha rappresentato Regione Lombardia in occasione del vertice romano sulla depurazione del Garda?». Se lo chiede il Consigliere Gianantonio Girelli, che nel merito ha presentato un'interrogazione


14/06/2019

La voce gavardese del PD

Il Circolo del Partito Democratico di Gavardo picchia duro sul ruolo fin qui avuto nella partita del depuratore gardesano dal presidente della Provincia: "Arrogante e inadempiente, è ora che se ne vada".
(7)

14/06/2019

Brani per arpa e quartetto d'archi

Il quarto concerto della rassegna “Suoni e Sapori del Garda”, in programma domenica 16 giugno a Fasano, vede protagonista la musicista Elena Piva con il quartetto d’archi Infonote 

13/06/2019

Ragionieri sempre

Si sono diplomati 49 anni fa e per il “cinquantesimo” vorrebbero poter incontrare gli studenti delle Quinte del Battisti di Salò. E da buoni ragionieri hanno già fissato la data

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia