Skin ADV
Domenica 22 Aprile 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



 



21.04.2018 Barghe

22.04.2018 Vestone

20.04.2018 Valsabbia

21.04.2018 Odolo Valsabbia

20.04.2018

20.04.2018 Valtenesi

21.04.2018 Bagolino

21.04.2018 Vobarno

21.04.2018 Preseglie

20.04.2018 Valsabbia






04 Marzo 2018, 09.42
Gavardo
Blog - Maestro John

Una terra promessa

di John Comini
Si vota. Dopo mesi di campagna elettorale. Da quando sono bambino sento “siamo in campagna elettorale”…

Ricordo un comizio in Piazza Zanardelli, a Gavardo. Ricordo le tribune politiche alla televisione in bianco e nero, moderate da Jader Jacobelli. Ricordo anche le imitazioni che Alighiero Noschese faceva dei politici. Con gli amici si facevano eterne discussioni sulla politica. C’era chi aveva in camera il poster del Comandante Che Guevara ed aspettava la rivoluzione da un giorno all’altro. C’era chi diceva che il voto è segreto e quindi non ve lo dico, ma tutti sapevano che votava lo scudo crociato. C’era un comunista sfegatato, le parole dell’Unità erano il suo vangelo. E gli altri a dirgli che il socialismo sovietico era costato milioni di morti, e le deportazioni e i campi di lavoro: guarda Solženicyn che per ricevere il Premio Nobel per la letteratura è stato espulso dall'Unione Sovietica. Ma lui fermo nella sua idea, per lui il comunismo era l’unica via per l’avvenire…

E c’erano gli amici socialisti con nel cuore il Sol dell’Avvenire, e gli anarchici, senza Dio e senza legge. Poi si andava a mangiare pane e salamina nei festival dell’Unità, dell’Avanti, dell’Amicizia. Ricordo il mio amato cognato Angelo, liberale di ferro, che un giorno aveva vinto un enorme peluche alla lotteria del Festival dell’Unità, tra lo sventolio delle bandiere rosse. E lui rideva felice sotto i baffi.
C’era sempre qualche dibattito con un politico venuto da Brescia, ma di solito la gente preferiva ballare il liscio. Poi le discussioni tra amici finivano alla solita pizzeria, dove si annegava il nostro esistenzialismo in birra doppia e pizza con doppie cipolle. E allora si immaginava il futuro, si sognava “una terra promessa, un mondo diverso, dove crescere i nostri pensieri” (come canterà più tardi Eros Ramazzotti).

Quando c’erano le elezioni i muri erano inondati da manifesti e da promesse. Passavano le macchine con l’altoparlante (ecco perché le chiamavamo “autoparlante”) che ti dicevano cosa votare.  Ed ai seggi c’era la coda, suore che uscivano dal monastero solo per votare (indovinate quale partito?) e vecchine accompagnate da qualche solerte nipote per strappare un voto all’avversario.

Anche allora c’era chi non andava a votare. Personalmente sono sempre andato a votare. Ho sempre pensato che questo piccolo atto del voto fosse il dono di qualcuno che ha lottato per ottenere questa democrazia. C’è la Costituzione, il regalo che i padri e le madri costituenti ci hanno lasciato in eredità. Le cose regalate dobbiamo conquistarle, farle diventare nostre. Dentro ci sono le regole per vivere tutti insieme, in pace, lavorando (sperando che ci sia il lavoro). E fa niente se non è una democrazia ideale, fa niente se è piena di delusioni e di cose che non vanno.

Com’era quella frase?
“Abbiamo fatto l’Italia, ora facciamo gli italiani”. E anche quell’altra? “Non è difficile governare gli italiani. È inutile.” Però io sono cresciuto anche con la frase di don Milani “Ho imparato che il problema degli altri è uguale al mio. Uscirne tutti insieme è la politica. Uscirne da soli è l’avarizia.” E molti anni fa Voltaire scriveva "Non sono d'accordo con le tue idee ma mi batterò fino alla morte perché tu possa esprimerle." Beh, fino alla morte… diciamo che mi batterò, ecco. Sinceramente capisco i delusi, i rassegnati. Persino Dante scriveva «Ahi serva Italia, di dolore ostello,/nave senza nocchiere in gran tempesta,/ non donna di province, ma bordello! ». E Battiato canta:

“Povera patria,
schiacciata dagli abusi del potere
di gente infame, che non sa cos'è il pudore,
si credono potenti e gli va bene quello che fanno
e tutto gli appartiene…
Ma come scusare le iene negli stadi e quelle dei giornali?
Nel fango affonda lo stivale dei maiali.
Me ne vergogno un poco, e mi fa male
vedere un uomo come un animale.
Non cambierà, non cambierà
sì che cambierà, vedrai che cambierà.
Voglio sperare che il mondo torni a quote più normali
che possa contemplare il cielo e i fiori,
che non si parli più di dittature
se avremo ancora un po' da vivere...
La primavera intanto tarda ad arrivare.”

Ricordate il discorso sul PIL
(Prodotto Interno Lordo) di Robert Kennedy nel 1968?
“Il PIL comprende anche l'inquinamento dell'aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana.
Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari… Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari…
Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta.”

Certo, sarebbe bello se tutti i contendenti delle elezioni fossero onesti, se tutti ascoltassero le buone idee degli avversari, se lasciassero da parte promesse irrealizzabili e si preoccupassero del bene comune. Se avessero tutti il senso di responsabilità e pensassero che ci sono i diritti ma anche i doveri da rispettare. Sarebbe bello che la politica recuperasse il contatto con la vita della gente. Qualcuno dice che la classe politica è l’espressione della gente. E che la gente si batta più per i propri interessi che per i propri doveri. Che gli italiani si lamentano soprattutto degli italiani. Che ammirino i furbi e chi riesce a farla franca. Ma ancora una volta io spero che qualcosa migliori. Cosa volete farci, sono un vecchio maestro, e non perdo la speranza, nonostante tutto.

Ed allora mi vengono in mente le parole di Gaber, quello che cantava che “la libertà non è star sopra un albero, libertà è partecipazione” e “Io non mi sento italiano ma per fortuna o purtroppo lo sono”. La canzone si intitola “Le elezioni”, pensa te…

“Generalmente mi ricordo una domenica di sole
una mattina molto bella un’aria già primaverile
in cui ti senti più pulito anche la strada è più pulita…
Una curiosa sensazione che rassomiglia un po' a un esame
di cui non senti la paura ma una dolcissima emozione
E poi la gente per la stradali vedo tutti più educati
sembrano anche un po' più buoni
ed è più bella anche la scuola quando ci sono le elezioni…
C’è un gran silenzio nel mio seggio
un senso d’ordine e di pulizia…democrazia
Mi danno in mano un paio di schede
e una bellissima matita
lunga sottile marroncina perfettamente temperata
E vado verso la cabina volutamente disinvolto
per non tradire le emozioni
E faccio un segno sul mio segno
come son giuste le elezioni
E’ proprio vero che fa bene un po' di partecipazione
con cura piego le due schede
e guardo ancora la matita così perfetta e temperata
io quasi quasi me la porto via
democrazia…”

Do un'ultima occhiata ai giornali. Leggo della vittoria della Juve e della sconfitta del Napoli. Stasera ci sarà il derby della Madonnina. Quando finirà Milan-Inter ci saranno le proiezioni dei vincitori e degli sconfitti di queste elezioni. Anche se spesso chi ha perso dice che ha vinto...Magari ci sarà un pareggio. Magari si riandrà a votare. Ma poi mi scappa l'occhio su una notizia che viene dagli Stati Uniti.

C’è un bambino,
si chiama Michael. Ha 4 anni. I suoi due fratellini, gemelli di 4 mesi, sono nati con una rara malattia che compromette il sistema immunitario: anche un taglio può essere fatale. L’unica possibilità è il trapianto di midollo osseo, che però si può effettuare soltanto in presenza di donatori compatibili. E il donatore perfetto, per entrambi i gemellini è il fratello Michael. «Li salverò, io non ho paura neppure del grosso ago gigante» ha detto il bambino. Forse Michael non si rende conto dell’intervento che dovrà fare, ma la mamma è convinta del contrario: «Lo sa, è un ragazzino molto intelligente, è senza paura e vuole salvarli». I genitori parlano del loro ragazzo come di un «supereroe», di un bravo e coraggioso fratello maggiore.

L’8 marzo Michael, supereroe di 4 anni, donerà il midollo per salvare i suoi fratellini.
Adesso vado a votare. E penso a Michael. A un bambino che entra in ospedale con coraggio per salvare i suoi fratellini. Perché la sua terra promessa sono loro, sono la sua famiglia. Forza Michael, siamo tutti con te!

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo,

maestro John

Le fotografie si riferiscono ad un servizio di Gioan Lavo fatto nel 1967 per un incontro della DC gavardese con Flaminio Piccoli, presso il bar-ristorante Acli






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75431 - 05/03/2018 11:51:48 (Dioniso) Guardo al futuro!
Il pezzo di John è, come sempre, romantico! Spesso guardiamo al passato quasi con nostalgia, quasi pensando che sia stato meglio. Eppure, tornando alle elezioni, quanta violenza nel recente passato della nostra Repubblica, quanti morti legati alla contrapposizione partitica. Penso, quindi, che il presente non sia così nero come ce lo rappresentiamo. Ci sono nuove forze politiche, ci sono scossoni a destra e a sinistra e c'è un popolo che ancora vuole scegliere e si reca a votare. La sovranità appartiene veramente al popolo, ed il popolo ha dato indicazioni molto forti e chiare: tocca ora alla politica, come sempre, comprendere il significato e proseguire nell'avventura democratica del nostro paese



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

28/01/2018 09:30:00
Campane nel vento Domani, come il 29 gennaio di ogni anno, alle ore 13 le campane della chiesa parrocchiale di Gavardo suoneranno tristemente per ricordare il bombardamento che nel 1945 uccise 52 persone 

07/01/2018 10:00:00
Valore assoluto Chi era don Lorenzo Milani? Perché, a cinquant’anni dalla morte, ci si continua ad interrogare sulla sua vita, sulla sua opera educativa?

25/03/2018 10:10:00
E intanto il tempo se ne va Questa mattina mi sono svegliato più presto del solito. Guardo la sveglia: sono già le 7?! Ah già, c’è l’ora legale. Rimango nel letto a pensare.

01/04/2018 09:40:00
E ti vengo a cercare La fede. O ce l’hai o non ce l’hai. Non c’è niente da fare. A me l’ha regalata mia mamma. Ma conosco un sacco di belle persone che non credono in Dio…



Altre da Gavardo
22/04/2018

Questione di feeling

Oggi vorrei fare un elogio a tutte le donne che ho conosciuto nella mia vita. Sono sempre stato beato tra le donne. Sarà perché sono ricco, ho il fisico scultoreo e una profonda intelligenza? Mah…

22/04/2018

Per conoscere l'Arma dei Carabinieri

Nel quadro delle iniziative volte a diffondere la cultura della legalità e la vicinanza delle Istituzioni ai giovani cittadini, la caserma dei Carabinieri di piazza Tebaldo Brusato ha aperto le porte agli alunni della scuola primaria di Gavardo


20/04/2018

Fostaga in festa per S. Giuseppe

Tutto pronto nella piccola contrada di Sopraponte di Gavardo per i festeggiamenti in onore del patrono a cui dedicata una graziosa chiesetta

18/04/2018

Discorsi diretti, genitori in ascolto

Questo mercoledì sera a Gavardo il terzo incontro della serie “Discorsi diretti. Genitori e figli in cammino” con protagonisti una trentina di adolescenti gavardesi


17/04/2018

Il ritorno del giudice Albertano

Questo giovedì sera, 19 aprile, Enrico Giustacchini presenterà a Gavardo “Il giudice Albertano e il caso del giardino invisibile”, il quinto romanzo della saga del detective medievale



17/04/2018

«Il muro»

Sarà presentato questo giovedì sera a Gavardo lo spettacolo teatrale che racconta le storie di uomini e donne in cerca di libertà scavalcando il Muro di Berlino

14/04/2018

Gli 89 dell'Antonio

Oggi compie 89 anni Antonio Abastanotti, una delle persone migliori che ho conosciuto e a cui immodestamente mi sento legato da sincera amicizia

14/04/2018

I 70 anni del Cai

Si festeggerà domani, domenica 15 aprile, il settantesimo anniversario della sezione gavardese del Club Alpino Italiano, presieduta da Angiolino Goffi

13/04/2018

Laboratorio per ceramisti preistorici

Questa domenica, 15 aprile, gli aspiranti ceramisti over 18 potranno scoprire tecniche e segreti della ceramica preistorica. Appuntamento alle ore 15 al Museo Archeologico della Valle Sabbia

13/04/2018

Open Week salute della donna

Anche l’Asst del Garda aderisce alla settimana dedicata al benessere femminile per promuovere l’informazione e i servizi di prevenzione e cura delle principali patologie delle donne

Eventi

<<Aprile 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia