Skin ADV
Sabato 15 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    










13.12.2018 Vobarno

13.12.2018 Sabbio Chiese

13.12.2018 Salò

13.12.2018 Agnosine

14.12.2018 Vestone Salò

14.12.2018 Barghe Odolo Treviso Bs Mura Capovalle Paitone Valsabbia

13.12.2018

13.12.2018 Valsabbia Garda Provincia

14.12.2018

13.12.2018 Val del Chiese






22 Febbraio 2018, 11.51
Gavardo
Lutti

Un fiorellino di nome Leti

di John Comini
Oggi in Paradiso è spuntato un piccolo fiore. Si chiama Paola Tebaldini, ma tutti la chiamavano Leti

È difficile trovare quel fiore, nei bellissimi prati del cielo. È un fiore molto piccolo, semplice, all’apparenza insignificante. Ma è un fiore caro a Dio. Perché? Perché Leti ha fatto della sua vita un dono, con una virtù che ormai pare scomparsa: la semplicità.

Come nella canzone dedicata a San Francesco:
“Ogni uomo semplice porta in cuore un sogno,
con amore ed umiltà potrà costruirlo
Se con fede tu saprai vivere umilmente
più felice tu sarai anche senza niente
Nella vita semplice troverai la strada
che la calma donerà al tuo cuore puro
E le gioie semplici sono le più belle
sono quelle che alla fine sono le più grandi”

Paola, detta Leti, aveva 92 anni. 92 anni spesi senza farsi notare, dedicando il proprio tempo alla sua famiglia. Seguendo i valori di un tempo, che sono valori senza tempo. A 35 anni era rimasta vedova (la figlia Daniela aveva solo 10 anni, mamma mia), ogni giorno saliva sulla sua bicicletta per andare a lavorare al Lanificio. L’ho conosciuta tramite la mia futura moglie, che era amica di sua figlia Daniela. Eravamo amici (quindi io ero libero, ah bei tempi andati!) e la mamma di Daniela ci ospitava, sempre con il sorriso.

Con me c’erano spesso anche gli amici Paolo Goffi (ora sacerdote) e Cesare Mora, con il quale una sera avevamo cantato una serenata sotto la casa della signora Leti. Così avevo conosciuto la sorella Giuseppa, Bepa per tutti, anche lei sempre sorridente, dolce e gentile, che preparava un ottimo spiedo per tutta la compagnia. C’era anche Antonio Lauro, detto Tone, con il quale siamo sempre stati legati da sincera amicizia. La signora Leti sapeva un sacco di canzoni. Bastava accennare ad una frase, che lei subito cantava una canzone con quelle parole. Amava molto leggere, sapeva tutto di re e regine, principi e principesse. Nel 2015 avevamo fatto una bellissima festa per i 90 anni della Leti (le fotografie si riferiscono a quel giorno).

Tra parenti ed amici abbiamo passato una splendida giornata, ed io avevo letto questa filastrocca…
“L’altra sera sul divano sprofondato
me ne stavo dinanzi alla tele, felice e beato,
mi s’avvicina mia moglie con aria suadente
“Caro il mio John”, mi dice soavemente…
Ahi –penso-  abituato ad esser strapazzato
mi sa che avrà modo di avermi incastrato.
“Perché non prepari un breve componimento
per la signora Leti che fa il festeggiamento?”
Io titubai poiché la questione m’avea un po’ turbato…
“Lo sai Emi che per queste cose non sono portato…”
Allor la tigre mi gridò: “Varda che se t’el fet mia
le spiet che i fa t’el mangeret mia!”
All’istante il mio cervello andò a mille
e le parole m’usciron come scintille.
E allor questo breve poemetto vado ad iniziare
sperando che i commensali mi sappian perdonare.
Cara e dolce Leti, in questo lieto giorno
siam qui a farti festa, tutti a te intorno,
con il sole o la pioggia, sulla sedia o sul divano
a te giunga il nostro augurio col cuore in mano.
Noi siam qui intorno a te con aria sopraffina
come i vassalli s’inchinan dinanzi alla regina.
Tu che sei sempre stata esperta di principi e re
di casate e di stemmi e vuoi saper perché?
Non son cavalli e carrozze che fanno una signora
ma un animo nobile che tu hai avuto ognora.
Cara la nostra Leti, tu che hai passato gli anni
tra gioie e dolori, letizie ed affanni,
tu che hai pedalato in bici verso il Lanificio
sempre per i tuoi cari, con dolce sacrificio,
donasti i migliori anni per la tua famiglia
sempre con nel cuore Daniela, la tua bella figlia.
Tu cara Leti sorridesti ogni giornata
e quando la mia attuale moglie s’era di me innamorata
tu d’accordo con Daniela ottimi spiedi organizzavate
io ignaro con l’amico Cesare cantavo le serenate
in vicol Manganino sotto le stelle
a cantar romanze per le due sbarbatelle.
Poi mangiavo golosamente lo spiedo e mi son trovato
preso per la gola e da Emi come spiedo sono stato infilzato.
Tu cara Leti ogni sabato tentavi la fortuna
mettendo 100 lire al Lotto, sperando nella luna,
ma non perdevi mai una Messa nella parrocchiale
con devozione ascoltando le parole del messale.
E a Santa Maria mentre leggevo con don Mansueto
tutto contento tra le suore Orsoline e tutto lieto
eri nei banchi in fondo con la tua Daniela
che cercava l’amore accendendo una candela.
Ma non posso qui dimenticare una persona gioiosa
che conobbi nella tua casa, sempre radiosa,
la zia Bepa, sempre gentile e sorridente
che dal Paradiso ci protegge continuamente.
Cara Leti, che conosci ogni canzone
che ricordi e canti ad ogni occasione
or noi ti auguriamo tutti intorno
una vita bella e serena, notte e giorno,
ti ringraziamo per l’amore che ci hai dato
ed è il tesoro più grande che abbiamo conservato
e ti auguriamo ancora anni e anni di cose belle, amore e fantasia,
e che la tua vita sia sempre una dolce melodia.”

Ciao, fiorellino, grazie per il profumo d’amore che ci hai donato, sono certo che da lassù penserai sempre alla tua Daniela…
                         
John






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/12/2017 10:45:00
L'ultimo saluto a Gabriella Cantoni Saranno celebrati questo giovedì mattina a Gavardo i funerali dell’autrice di versi e di narrazioni dedicati alla sua Gavardo e agli anni dell’infanzia

24/01/2017 11:38:00
Gaetano Mora ci ha lasciati Si terranno questo giovedì a Gavardo i funerali dell’imprenditore gavardese, sindaco di Gavardo dal 1995 al 2004, molto attivo anche nell’ambito sociale del paese

26/01/2018 09:24:00
La decana bresciana ci ha lasciati Alla veneranda età di 108 anni, si è spenta ieri Emma Baccoli, la decana della provincia e di Anfo

11/02/2017 14:50:00
Addio a Maria Tonini, voce storica di Radio GB1 Si terranno lunedì a Castelnuovo del Garda i funerali della nota speaker in onda negli anni dal 1975 all'85 sulla radio delle Giudicarie e dell'alta Valsabbia

17/03/2009 00:00:00
Addio Pietro, partigiano del Tesio Se n’è andato sommessamente Pietro Tonni, partigiano del Tesio, protagonista con la moglie Caterina Rossi di numerose vicende legate alla resistenza nella zona compresa tra Serle, Paitone e Gavardo. Il funerale mercoledì 18 a Gavardo.



Altre da Gavardo
12/12/2018

Aspettando Santa Lucia

La Santa più amata dai bambini farà tappa, nella giornata di oggi – 12 dicembre – in diversi paesi valsabbini. Non mancheranno, come da tradizione, tè, vin brulè, cioccolata calda e piccoli doni  

12/12/2018

Sulla Rsa «La Memoria»

In merito alle vicende che hanno interessato la casa di riposo gavardese, dice la sua anche l’ex assessore Angela Elisa Maioli (2)

11/12/2018

Autonomia? Fino a che punto?

Sul tema dei Cda delle Onlus, messo in evidenza dal "caso" della "La Memoria" di Gavardo, dice la sua anche Ernesto Cadenelli
(1)

11/12/2018

Tentata truffa online

Vorrei condividere con più persone possibili un nuovo tentativo di frode che gira tra gli acquirenti online, per il quale sono stato contattato ieri (3)

11/12/2018

Quale depuratore per il Garda?

Giovedì 13 dicembre a Gavardo un incontro con tecnici e politici sul progetto del depuratore del lago di Garda promosso dal comitato ambientalista Gaia (1)

09/12/2018

Due bambine, un prete e una nonnina

Sabato, festa dell’Immacolata, è stato un giorno denso di avvenimenti. Ho partecipato al battesimo di due belle bambine, Mary Jo e Luna.

09/12/2018

Un dentista per tutti

Proprio per tutti, anche per le persone che hanno un reddito bassissimo. Lo trovate a Gavardo, con la proposta di “odontoiatria sociale” praticata da dottor Chiaruttuini

07/12/2018

«Grazie Commissario»

L'ex vicesindaco Sergio Bertoloni dice la sua in merito alla nomina del "vecchio" Cda e di quello "nuovo" voluto dal Commissario prefettizio Anna Pavone.
Aggiornamento ore 11:45


07/12/2018

Il «Caso La Memoria» preoccupa Arlea

Arlea è un’associazione di livello regionale, senza scopo di lucro, che in Provincia di Brescia rappresenta e tutela una cinquantina di Fondazioni bresciane dedite all’assistenza (6)

07/12/2018

3° Concerto dell'Immacolata

Anche quest’anno nella serata dell’8 dicembre non poteva mancare il tradizionale appuntamento con il Concerto natalizio del Corpo Bandistico “Nestore Baronchelli” di Sopraponte



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia