Skin ADV
Giovedì 26 Aprile 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Sale la nebbia

Sale la nebbia

by Roby



25.04.2018 Valsabbia Garda

24.04.2018 Salò Valsabbia Garda

26.04.2018 Roè Volciano Salò

25.04.2018 Odolo Provincia

24.04.2018 Anfo Valsabbia

25.04.2018

24.04.2018 Villanuova s/C Valsabbia

25.04.2018 Bagolino Salò

24.04.2018 Barghe

24.04.2018 Val del Chiese






04 Dicembre 2016, 08.14
Gavardo
Nera

Un botto da 30 mila euro

di Val.
Quello di Gavardo è stato l'ottavo colpo ai danni di un bancomat nell'ultimo mese. Che ci sia un nuovo "tallone d'Achille" nel sistema bancario? Se è così meglio correre ai ripari. E alla svelta
 

Venti, forse anche trentamila euro.
La conta esatta ieri non era ancora stata possibile, ma sarebbe più o meno questo il bottino spartito fra i componenti del commando che, con una velocissima azione da guerriglia urbana, ha avuto ragione del bancomat della Cassa Rurale Adamello Brenta che si affaccia su Piazza Aldo Moro, a Gavardo.

Si tratta dell’ottavo colpo in un solo mese e quasi sempre con la tecnica detta “della marmotta”, cioè facendo saltare l’erogatore delle banconote con del gas esplosivo.
Tutto lascia pensare, insomma, che siamo di fronte ad un nuovo “tallone d’Achille” del sistema bancario.
E che probabilmente la serie non si interromperà fino a quando agli sportelli non saranno applicate le adeguate contromisure.

E’ successo così con le rapine fatte con le siringhe “infette” o col taglierino, estinte installando “bussole” e telecamere. Così come è stata superata la fase delle carte clonate: rendendo insostituibili e non facilmente replicabili le parti “front office” dei bancomat.
Ad ogni modo quelli che nella notte fra venerdì e sabato poco dopo le 4 hanno agito a Gavardo sapevano il fatto loro.

In quattro almeno secondo quanto avrebbero registrato le telecamere a circuito chiuso, completamente vestiti di scuro, volto travisato con passamontagna e guanti per non lasciare impronte, sono arrivati e se ne sono andati in meno di quattro muniti.

Senza profferire parola, per non tradirsi nemmeno a quel modo, e ciascuno col proprio compito, hanno agito lucidamente e senza errori, tenendo conto anche del fatto che quel tipo di bancomat sarebbe esploso sfondando la parte posteriore, quella interna ai locali. Era necessario, insomma, poter entrare in banca per recuperare il denaro.

Così uno dei complici si è impossessato di una vecchia Fiat Uno trovata lì in piazza e nello stesso momento in cui esplodeva il bancomat l’ha utilizzata come ariete per sfondare la vetrina.
Un sincronismo quasi perfetto, tanto che dagli abitanti della zona sarebbe stato udito un unico botto ad anticipare il suono dell’allarme.

Operazione riuscita alla perfezione, anche grazie al fatto che il serramento non era antisfondamento e nemmeno protetto anteriormente da muretti, serrande o paletti, come da qualche tempo han cominciato a fare coloro che possiedono una vetrina che si affaccia sulla pubblica via.


Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Gavardo, i colleghi salodiani del Radiomobile e quelle delle investigazioni scientifiche dal Comando cittadino: stanno indagando e la speranza è che riescano a trovare elementi utili ad individuare i malfattori.
Difficile, visto che erano professionisti, ma non si sa mai che mettendo insieme le tessere il puzzle possa evidenziare qualche immagine utile.

Con la “marmotta” gli esperti vanno a colpo sicuro:
con un piede di porco forzano la fessura, introducono un cavo elettrico che quando la macchina erogatrice è satura di gas serve a provocare l’esplosione.
Con la stessa tecnica, in Valsabbia, ad agosto erano stati tentati altri tre colpi: alla filiale del Banco di Brescia a Roè Volciano, al bancomat della Banca del Territorio Lombardo di Muscoline e per ultimo la notte del 26 ancora a Roè, ai danni della cassa automatica di un distributore di benzina.

Questi professionisti non erano e l’ultimo botto fallito ha permesso ai militari del Radiomobile di Salò di mettere loro le mani addosso: erano due italiani ed uno straniero, residenti fra Roè Puegnago e Salò. Sono ancora in attesa di giudizio.







 

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/12/2016 06:32:00
Presi al terzo colpo Sono ancora a piede libero in attesa di processo i tre che ad agosto di quest'anno, utilizzando la tecnica della "marmotta", hanno provato a far saltare tre cassaforti valsabbine. Ad inguaiarli è stata l'ultimo tentativo

26/11/2013 18:53:00
Rapina al bancomat Aveva appena finito di prelevare i soldi al bancomat quando due uomini si sono avvicinati minacciandolo con la pistola e si sono fatti consegnare 250 euro

13/08/2016 08:47:00
Ci hanno provato Bruciacchiato  e malfunzionate, ma inviolato. E' stato trovato così, questo venerdì mattina, il bancomat della Ubi Banca dei Tormini


26/02/2018 15:15:00
Salta il bancomat della Btl I ladri fanno esplodere lo sportello ma sono costretti a scappare a mani vuote. L’episodio è accaduto la scorsa notte a Prevalle

14/03/2017 10:10:00
No bancomat? Non si paga Una recente sentenza del giudice di pace che farà discutere: se il parchimetro è sprovvisto di bancomat , parcheggio gratis. Vediamo nel dettaglio cosa è successo



Altre da Gavardo
26/04/2018

In ricordo di don Milani

Andrà in scena nella serata di domani, venerdì 27 aprile, al Teatro Corallo di Villanuova lo spettacolo “Lettera a don Milani” del Teatro Gavardo, scritto da John Comini con la regia di Peppino Coscarelli

22/04/2018

Questione di feeling

Oggi vorrei fare un elogio a tutte le donne che ho conosciuto nella mia vita. Sono sempre stato beato tra le donne. Sarà perché sono ricco, ho il fisico scultoreo e una profonda intelligenza? Mah… (1)

22/04/2018

Per conoscere l'Arma dei Carabinieri

Nel quadro delle iniziative volte a diffondere la cultura della legalità e la vicinanza delle Istituzioni ai giovani cittadini, la caserma dei Carabinieri di piazza Tebaldo Brusato ha aperto le porte agli alunni della scuola primaria di Gavardo


20/04/2018

Fostaga in festa per S. Giuseppe

Tutto pronto nella piccola contrada di Sopraponte di Gavardo per i festeggiamenti in onore del patrono a cui dedicata una graziosa chiesetta

18/04/2018

Discorsi diretti, genitori in ascolto

Questo mercoledì sera a Gavardo il terzo incontro della serie “Discorsi diretti. Genitori e figli in cammino” con protagonisti una trentina di adolescenti gavardesi




17/04/2018

Il ritorno del giudice Albertano

Questo giovedì sera, 19 aprile, Enrico Giustacchini presenterà a Gavardo “Il giudice Albertano e il caso del giardino invisibile”, il quinto romanzo della saga del detective medievale

17/04/2018

«Il muro»

Sarà presentato questo giovedì sera a Gavardo lo spettacolo teatrale che racconta le storie di uomini e donne in cerca di libertà scavalcando il Muro di Berlino

14/04/2018

Gli 89 dell'Antonio

Oggi compie 89 anni Antonio Abastanotti, una delle persone migliori che ho conosciuto e a cui immodestamente mi sento legato da sincera amicizia

14/04/2018

I 70 anni del Cai

Si festeggerà domani, domenica 15 aprile, il settantesimo anniversario della sezione gavardese del Club Alpino Italiano, presieduta da Angiolino Goffi

13/04/2018

Laboratorio per ceramisti preistorici

Questa domenica, 15 aprile, gli aspiranti ceramisti over 18 potranno scoprire tecniche e segreti della ceramica preistorica. Appuntamento alle ore 15 al Museo Archeologico della Valle Sabbia

Eventi

<<Aprile 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia