Skin ADV
Martedì 11 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    










09.12.2018 Paitone

10.12.2018 Roè Volciano

09.12.2018 Gavardo

11.12.2018 Agnosine Sabbio Chiese Valsabbia

11.12.2018 Gavardo

09.12.2018 Gavardo

09.12.2018 Idro Bagolino Anfo Valsabbia

11.12.2018 Bagolino

10.12.2018 Bagolino

10.12.2018 Roè Volciano Salò






18 Gennaio 2018, 13.08
Gavardo
Lettere

Tante domande...

di Corrado Morettini
«Egr. Direttore, Le chiedo gentilmente spazio nella sua rubrica per esporre alcune riflessioni in merio agli ultimi importanti sviluppi relativi alla questione ambientale e di salute pubblica inerenti le Fonderie Mora S.p.A. di Gavardo»...

Sono anni che i cittadini di Gavardo e soprattutto i residenti vicino alle Fonderie Mora, denunciano un grave inquinamento fatto di odori, di polveri e di rumori anche nelle ore notturne.
Almeno ora, dopo tutto questo tempo, cominciamo ad avere delle certezze “certificate”.

La relazione A.R.P.A. sulle analisi delle polveri nere depositatesi nei campioni prelevati in data 07/12/2017, SANCISCE INCONTESTABILMENTE UNA MARCATA CORRISPONDENZA FRA QUANTO CAMPIONATO ALL’INTERNO DELLE FONDERIE E QUANTO PRELEVATO ALL’ESTERNO.

Le Fonderie Mora, ora di proprietà di Camozzi, con buona pace di chi scriveva sul Giornale di Brescia in merito alla questione a piena pagina “..Pronto un filtro da 8 milioni di euro grosso come una villetta..”, INQUINANO.

Sì, LE FONDERIE INQUINANO a meno che la polvere ricca di Carbonio, Zolfo e altro che si deposita ovunque possa essere definita in un altro modo che però a noi sfugge…

A dicembre, su richiesta di Legambiente, era in corso un’ispezione straordinaria di ARPA all’interno delle Fonderie e ne attendiamo i risultati anche per vedere se le giustificazioni addotte dagli enti preposti al momento del rinnovo dell’A.I.A. saranno confermate oppure no.

Ci era stato ASSICURATO che le prescrizioni date alle fonderie essendo contenute nell’AIA sarebbero state più vincolanti e che non si sarebbe potuto sgarrare pena gravi ripercussioni, noi speriamo che, ancora una volta, non siano state solo parole al vento.

Adesso che la nostra incessante richiesta di controlli e monitoraggi ha dato un risultato che nessuno si augurava ma che purtroppo noi ci aspettavamo e che ci da PIENA RAGIONE ci chiediamo: a cosa è servito l’atteggiamento ostruzionistico adottato da parte dell’Amministrazione Comunale?
A Niente!
E’ servito solo per far fare una pessima figura alla stessa Amministrazione Comunale!

LA VERITA’ VIENE SEMPRE A GALLA quando si ha la volontà ed il coraggio di cercarla e adesso l’Amministrazione dovrà dare alcune spiegazioni ai suoi cittadini.

Una a noi sta a cuore, perché ha tentato di nascondere l’assemblea pubblica per il monitoraggio che per legge doveva pubblicare e rendere nota a TUTTI?
Perché l’ha resa visibile sul sito del Comune solo dopo che il Comitato G.A.I.A. ne segnalato la mancanza con un articolo su Vallesabbianews?

Ora, sulla cava nel Monte Tesio, il Vicesindaco chiede scusa, vorrebbe tornare indietro per rimediare agli errori fatti, ci dobbiamo aspettare “mea culpa” anche per la questione Fonderia?
Anche perché noi ci chiediamo a cosa siano serviti i monologhi dell’assessore all’Ambiente nei Consigli Comunali, quando si snocciolavano numeri e dati per 15-20 minuti in tono asettico parlando di ispezioni, relazioni e monitoraggi effettuati nella fonderia con lo scopo di giustificare che tutto era sotto controllo quando invece adesso scopriamo che non era vero?

Arrivare addirittura a dire che le Fonderie Mora “sono un esempio di collaborazione” non è forse stato troppo?
Giusto per ricordarlo, chi ha segnalato agli enti preposti la massiccia emissione di polvere?
Noi del Comitato G.A.I.A., lo dice A.R.P.A., con buona pace di chi come l'Assessore all'Ambiente, continua a dire di aver fatto tutto il possibile per risolvere la situazione.

Noi ci chiediamo, sapere da dove vengono e cosa sono quelle polveri nere, non era FONDAMENTALE per cercare di risolvere il problema?
Come è possibile che in più di 10 anni nessuno si sia posto questa domanda?

Se vuole veramente contribuire alla soluzione del problema allora faccia fare al comune quello che A.R.P.A. non vuole fare, ovvero campionare i terreni circostanti le fonderie per sapere cosa ha comportato per anni il depositarsi di questa polvere nera.
“anche senza i nostri amministratori” titolava una lettera dei cittadini ormai di alcuni anni fa, a noi sembra che ben poco sia cambiato.

La relazione ARPA è servita ad integrare l’esposto contro la Fonderia presentato da Legambiente e noi attendiamo fiduciosi che la magistratura faccia il suo corso.

Nel frattempo, noi ed i nostri esperti attendiamo che ATS dica se ci sono o meno rischi per la salute dei cittadini per la lunga esposizione alle polveri nere (anche all’ingestione visto che si è depositata per anni su orti, campi e vigne) e se, per inerzia, menefreghismo o meschino calcolo politico i cittadini gavardesi dovessero essere stati esposti a rischi per la propria salute che potevano essere evitati operando diligentemente da chi di dovere allora NOI non faremo sconti a nessuno.
Chi sbaglia, paga.
Non l’avete mai sentita?

Il segretario del Comitato GAIA
Corrado Morettini







 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID74845 - 18/01/2018 13:30:43 (turk182) bene
Speriamo che gli enti siano celeri nelle risposte per togliere dall'incertezza i cittadini interessati e mi auguro che le risposte siano rassicuranti, almeno in tema di salute pubblica. Certo che fa specie che in 10 anni nessuno si sia mai posto il problema. Al di la delle analisi questo dovrebbe confermare l'importanza dell'azione di cittadini e comitati al di fuori delle istituzioni che spesso disattendono le legittime richieste dei cittadini.


ID74846 - 18/01/2018 14:17:00 (lady-54)
Dopo anni di denunce di inquinamento, ispezioni Arpa, ed ora anche la prova che le polveri nere provengono dalla fonderia Mora. Vediamo se anche il comune finalmente sar al fianco dei suoi cittadini?


ID74852 - 19/01/2018 09:32:50 (ariatredici)
Richieste lecite per tutti!! Cittadini eppure lavoratori!! Non si chiede la luna!! Risposte doverose da parte degli enti!! Dopo tanti anni è il minimo che si deve a tutta la comunità! L' azienda può e deve lavorare rispettando la vita e la salute della collettività.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/02/2018 07:09:00
«Quell'assessore si deve dimettere» Il Comitato Gaia chiede le dimissioni di Angela Elisa Maioli dall'assessorato all'ambiente del Comune di Gavardo. Secondo il Comitato avrebbe mentito nella lettera "In risposta al Comitato Gaia" da noi pubblicata lunedì scorso


09/04/2018 14:34:00
Commissione ambiente? No grazie Invitato a partecipare alla Commissione Ambiente, senza un preciso Ordine del giorno su cui prepararsi, il Comitato Gaia declina l'invito e lo cede a due cittadini firmatari dell'ultima petizione


16/02/2018 12:00:00
La risposta dell'assessore Maioli L’assessore all’Ambiente del Comune di Gavardo risponde alle accuse formulate nei suoi confronti dal Comitato Gaia

26/01/2018 08:00:00
Sabato l'open day del Comitato Gaia Domani, sabato 27 gennaio, in occasione della consegna dei kit per la misurazione del livello di NO2 a Gavardo il Comitato Gaia sarà presente per raccogliere le adesioni per la prima Eco Passeggiata sulla gavardina

28/12/2017 17:00:00
Cava sul Tesio, le perplessità di Gaia Il comitato ambientalista Gaia (Gavardo Ambiente Informazione Attiva) espone il suo punto di vista su quanto è stato detto al Consiglio Comunale dello scorso giovedì, 21 dicembre



Altre da Gavardo
11/12/2018

Autonomia? Fino a che punto?

Sul tema dei Cda delle Onlus, messo in evidenza dal "caso" della "La Memoria" di Gavardo, dice la sua anche Ernesto Cadenelli
(1)

11/12/2018

Tentata truffa online

Vorrei condividere con più persone possibili un nuovo tentativo di frode che gira tra gli acquirenti online, per il quale sono stato contattato ieri (2)

11/12/2018

Quale depuratore per il Garda?

Giovedì 13 dicembre a Gavardo un incontro con tecnici e politici sul progetto del depuratore del lago di Garda promosso dal comitato ambientalista Gaia (1)

09/12/2018

Due bambine, un prete e una nonnina

Sabato, festa dell’Immacolata, è stato un giorno denso di avvenimenti. Ho partecipato al battesimo di due belle bambine, Mary Jo e Luna.

09/12/2018

Un dentista per tutti

Proprio per tutti, anche per le persone che hanno un reddito bassissimo. Lo trovate a Gavardo, con la proposta di “odontoiatria sociale” praticata da dottor Chiaruttuini

07/12/2018

«Grazie Commissario»

L'ex vicesindaco Sergio Bertoloni dice la sua in merito alla nomina del "vecchio" Cda e di quello "nuovo" voluto dal Commissario prefettizio Anna Pavone.
Aggiornamento ore 11:45


07/12/2018

Il «Caso La Memoria» preoccupa Arlea

Arlea è un’associazione di livello regionale, senza scopo di lucro, che in Provincia di Brescia rappresenta e tutela una cinquantina di Fondazioni bresciane dedite all’assistenza (6)

07/12/2018

3° Concerto dell'Immacolata

Anche quest’anno nella serata dell’8 dicembre non poteva mancare il tradizionale appuntamento con il Concerto natalizio del Corpo Bandistico “Nestore Baronchelli” di Sopraponte

06/12/2018

Il lavoro oggi e domani

Si è concluso alle Medie di Villanuova sul Clisi, il tour di tre serate organizzato dal Comitato di zona Aib Garda e Valle Sabbia in altrettante scuole

06/12/2018

Aggredisce i carabinieri

I militari lo vedono piuttosto agitato e intervengono per un controllo. Lui risponde a suon di calci e pugni (3)



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia