Skin ADV
Domenica 16 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








Alba sulla Chiesa di Bagolino

Alba sulla Chiesa di Bagolino

di Paolo Salvadori



15.12.2018 Barghe

15.12.2018 Idro

15.12.2018 Roè Volciano

15.12.2018 Idro Valsabbia

15.12.2018 Vobarno Salò

14.12.2018 Vestone Salò

14.12.2018 Barghe Odolo Treviso Bs Mura Capovalle Paitone Valsabbia

14.12.2018 Villanuova s/C Roè Volciano

14.12.2018

15.12.2018 Sabbio Chiese






11 Gennaio 2015, 10.00
Gavardo
Giornata della Memoria

Se inciampi nella memoria

di Marisa Viviani
Per iniziativa della Cooperativa Cattolico-Democratica di Cultura di Brescia, saranno posate questo lunedì pomeriggio a Soprazocco di Gavardo due "Pietre d'inciampo" in ricordo di due vittime del nazifascismo

Lunedì 12 gennaio, alle 14.30, a Benecco di Soprazzocco a Gavardo, saranno posate due Pietre d'inciampo in ricordo di Rivka Jerocha e Davide Arditi. L'iniziativa è promossa da CCDC (Cooperativa Cattolico-Democratica di Cultura) di Brescia; analogamente in giornata saranno posate in città e ad Adro altre sette Pietre di inciampo in memoria di altrettante vittime del nazismo.

A Gavardo saranno presenti con Gunter Demnig, ideatore del progetto Pietre di inciampo, gli allievi dell'Istituto comprensivo "Bertolotti", che tracceranno un profilo biografico delle persone ricordate; il comune di Gavardo parteciperà alla manifestazione.
 
L'iniziativa è organizzata in collaborazione con: Comune di Adro, Comune di Brescia, Comune di Gavardo, ANED (Associazione Nazionale Ex Deportati), ANEI (Associazione Nazionale Ex Internati), Archivio Storico per la Resistenza e l'Età Contemporanea dell'Università Cattolica di Brescia, Associazione Fiamme Verdi, ANPI (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia), Casa della Memoria, Università Popolare Astolfo Lunardi.
 
Le Pietre d'inciampo sono state ideate dall'artista Gunter Demnig nel 1993; l'anno della prima posa è avvenuto a Berlino nel 1997, attualmente ne sono state posate oltre 45.000 in vari Paesi europei.
 
Le Pietre d'inciampo vengono inserite nel selciato davanti alle abitazioni che furono delle vittime del nazifascismo; milioni di persone furono massacrate, uno sterminio di massa attuato contro ebrei, zingari, omosessuali, disabili, oppositori politici, gente comune non allineata con i principi di pulizia razziale, ideologica e culturale della feroce dittatura.
 
Con la sua iniziativa Gunter Demnig vuole ricordare ciascuna vittima individualmente, con il proprio nome, per ridare presenza e dignità ad ogni singola esistenza nel mondo, ricordandone la storia personale; per questo ogni pietra è realizzata e collocata a mano là dove viveva la persona ricordata.
 
Con il suo gruppo di lavoro Gunter Demnig riesce a produrre 440 pietre al mese, incise a mano dallo scultore Michael Friedrichs-Fiedländer e posate personalmente da Gunter. Gunter Demnig è consapevole che è impossibile posare pietre in ricordo di tutte le vittime, il suo progetto riveste infatti un significato simbolico, che egli intende mantenere con le stesse modalità seguite fino ad oggi, per contrapporre all'idea dello sterminio di massa l'idea della valorizzazione di ciascuna persona.
 
Gunter Demnig, per la sua attività a favore della memoria della Shoah e della diffusione della cultura della pace, è stato insignito di vari riconoscimenti dallo Stato Tedesco e da varie associazioni impegnate contro i crimini del nazifascismo e di tutte le dittature.
 
Se capiterà di trovare sul nostro cammino queste pietre e inciampare nella memoria della grande tragedia che esse rievocano, potremo così pensare alla vita delle persone lì ricordate e al valore della libertà un tempo calpestata e riconquistata al carissimo prezzo di tante sofferenze. Riflessioni e presa di coscienza oggi più che mai indispensabili per la difesa di quelle libertà civili, religiose, culturali, politiche che sono alla base della nostra convivenza sociale.
  
In foto l'artista Gunter Demnig, autore delle Pietre d'inciampo






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID53616 - 11/01/2015 23:53:54 (sonia.c) "l'isis" cristiana.
di ieri e ..di oggi.


ID53618 - 12/01/2015 09:02:21 (sonia.c) GRAZIE signor ..
Gunter Demnig



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/01/2015 07:00:00
Pietre d'inciampo, per non dimenticare Sono state posate ieri a Soprazocco di Gavardo dall’artista Gunter Demnig due pietre con targa commemorativa in ricordo di una coppia di coniugi ebrei deportati nel campo di stermino di Auschwitz

15/01/2016 14:54:00
Pietre d'inciampo, per fare memoria In occasione della “Giornata della Memoria”, saranno posate lunedì prossimo, 18 gennaio, a Salò e a Gardone Riviera due “Pietre d’inciampo” per ricordare due vittime dello sterminio nazista degli ebrei

02/02/2018 09:10:00
Dalle leggi razziali allo sterminio La vicenda dei fratelli Arturo e Umberto Soliani da Gardone Riviera a Auschwitz sarà presentata questo sabato pomeriggio alla biblioteca di Muscoline

27/01/2015 06:00:00
Il giorno della memoria Obiettivo di questa giornata è soprattutto quello di conservare nel futuro la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia, italiana ed europea, con la speranza che simili eventi non possano mai più accadere

08/02/2018 15:15:00
Dalla memoria della Shoah al ricordo delle Foibe In occasione del Giorno del Ricordo domani, venerdì 9 febbraio, a Vestone andrà in scena l’evento teatrale “Il grimaldello della memoria” con Pino Casamassima e Bruno Noris



Altre da Gavardo
15/12/2018

Il Karate come un gioco

Prenderà il via domenica al palazzetto dello sport di Gavardo il 12° Torneo Bresciano Progetto Gioco Sport Karate, organizzato dall'Associazione Sportiva Dilettantistica Karate Do Sho di Muscoline


12/12/2018

Aspettando Santa Lucia

La Santa più amata dai bambini farà tappa, nella giornata di oggi – 12 dicembre – in diversi paesi valsabbini. Non mancheranno, come da tradizione, tè, vin brulè, cioccolata calda e piccoli doni  

12/12/2018

Sulla Rsa «La Memoria»

In merito alle vicende che hanno interessato la casa di riposo gavardese, dice la sua anche l’ex assessore Angela Elisa Maioli (2)

11/12/2018

Autonomia? Fino a che punto?

Sul tema dei Cda delle Onlus, messo in evidenza dal "caso" della "La Memoria" di Gavardo, dice la sua anche Ernesto Cadenelli
(1)

11/12/2018

Tentata truffa online

Vorrei condividere con più persone possibili un nuovo tentativo di frode che gira tra gli acquirenti online, per il quale sono stato contattato ieri (3)

11/12/2018

Quale depuratore per il Garda?

Giovedì 13 dicembre a Gavardo un incontro con tecnici e politici sul progetto del depuratore del lago di Garda promosso dal comitato ambientalista Gaia (1)

09/12/2018

Due bambine, un prete e una nonnina

Sabato, festa dell’Immacolata, è stato un giorno denso di avvenimenti. Ho partecipato al battesimo di due belle bambine, Mary Jo e Luna.

09/12/2018

Un dentista per tutti

Proprio per tutti, anche per le persone che hanno un reddito bassissimo. Lo trovate a Gavardo, con la proposta di “odontoiatria sociale” praticata da dottor Chiaruttuini

07/12/2018

«Grazie Commissario»

L'ex vicesindaco Sergio Bertoloni dice la sua in merito alla nomina del "vecchio" Cda e di quello "nuovo" voluto dal Commissario prefettizio Anna Pavone.
Aggiornamento ore 11:45


07/12/2018

Il «Caso La Memoria» preoccupa Arlea

Arlea è un’associazione di livello regionale, senza scopo di lucro, che in Provincia di Brescia rappresenta e tutela una cinquantina di Fondazioni bresciane dedite all’assistenza (6)



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia