Skin ADV
Martedì 10 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Prima neve a Faserno di Storo

Prima neve a Faserno di Storo

di Gianni Cortella



09.12.2019 Bagolino

09.12.2019

09.12.2019

09.12.2019 Vestone

09.12.2019 Sabbio Chiese Provaglio VS Valsabbia

09.12.2019 Pertica Bassa Valsabbia

09.12.2019 Valtrompia

08.12.2019

09.12.2019 Vestone

09.12.2019 Bagolino






25 Giugno 2019, 08.58
Gavardo
Depuratore del Garda

La proposta del Comitato Referendario Acqua Pubblica

di Redazione
In occasione del presidio di oggi a Gavardo per l'incontro dei sindaci dell'asse del Chiese, il Comitato Referendario Acqua Pubblica avanza due proposte alternative dove collocare gli impianti di depurazione dei Comuni del lago

«Individuate le aree per il depuratore del Garda: ex cave Vezzola Lonato ed ex Tavina a Salò: queste le soluzioni più sostenibili economicamente ed ambientalmente!»

Così scrive in una nota il Comitato Referendario Acqua Pubblica di Brescia.

«Alghisi chiede di far fretta ed il Comitato Referendario, per risparmiare tempo e denaro, presenta le sue proposte per la depurazione del Garda: per i comuni da Gargnano a Salò comprendendo anche San Felice e Puegnago si potrebbe realizzare nella ex area Tavina, area lontana dal centro storico ma nelle vicinanze del lago. Per i comuni da Moniga e Polpenazze fino a Padenghe un impianto di depurazione da realizzarsi nell’ex Cave Vezzola a Lonato. Queste soluzioni ricalcano quelle già adottate nel Garda trentino.

Per l’acquisizione dell’area ex Tavina, si potrebbe agire tramite esproprio, come previsto dall’articolo 42 della costituzione, un’acquisizione come risarcimento alla comunità visto quanto Tavina spa ricava dallo sfruttamento del bene comune acqua. I dati ufficiali della Provincia di Brescia, limitandoci agli ultimi dati disponibili, per il periodo 2013-2017, Tavina Spa ha imbottigliato 843.556 mc di acqua, all’ incirca 800.000.000 (milioni) di bottiglie. Il fatturato corrispondente, se prendiamo quale riferimento il 2016, anno in cui Tavina ha fatturato 27 milioni di € e facendo una media per i 5 anni in esame avremmo un fatturato che supera i 120 milioni di €. Su questo fatturato sono stati versati oneri a Provincia (20%) e Comune di Salò (80%) per diritti di emungimento che superano di poco i 500.000 € sempre nel periodo 2013-2017. In pratica poco più di 6 centesimi ogni mille Euro di fatturato! Ricordiamo però che Fonte Tavina, è attiva nel mercato dell ’acqua in bottiglia dal 1967! Non dobbiamo dimenticare che oggi è partecipata al 45% da Shenzhen Ganten Food & Beverage Co.Ltd.

Per quanto riguarda invece le aree ex Vezzola oggetto di sequestro, causa stoccaggio abusivo di rifiuti pericolosi, piuttosto che avventurarsi in un Progetto del Parco Cave, fallimentare come l’omonimo di Brescia, ci sembrerebbe più opportuno ricavarne la sede di un secondo depuratore per i comuni da Moniga e Polpenazze fino a Padenghe. L’area, oggi degradata, si presta ad essere utilizzata per un impianto che se realizzato sulla falsariga di quanto fatto in Nord Europa potrebbe essere addirittura valorizzata. Per la realizzazione dei due impianti, agli attuali costi di mercato ( oscillanti tra i 150€ per ab/eq per impianti da 100.000 ab/eq ai 250€ per impianti da 10.000 ab/eq ) non si dovrebbero superare i 50 milioni di €. Un costo interamente coperto dallo stato e che non peserebbe sulle bollette dei cittadini, visto quanto già stanziato, sul totale dei 130 milioni di €, 50 milioni per la sponda bresciana!

Questa è l’ipotesi che privilegia la naturale sede degli impianti, nel bacino idrografico di riferimento, rispettando il principio di prossimità tanto caro alla Comunità Europea che invita le istituzioni ad erogare i servizi il più vicino possibile alle “necessità” dei cittadini. Non potrebbe essere diversamente visto che le due aree individuate rispettano una logica territoriale in considerazione dei benefici che il flusso turistico porta ai comuni gardesani coinvolti, gli stessi interessati dalla “famigerata sub-lacuale”, che vista la soluzione prospettata potrebbe in breve tempo essere dismessa.

L’ipotesi che avanziamo rappresenta economicamente la migliore soluzione possibile, rispetto ad un ipotetico bilancio costi benefici, nel rispetto del principio, lo ribadiamo, che ad ospitare il depuratore del Garda siano i comuni che afferiscono allo stesso bacino idrografico! Certamente può essere la migliore ipotesi realizzare un depuratore del Garda a Gavardo con costi economici di realizzazione e di funzionamento enormi oltre agli incalcolabili, poiché di difficile stima, danni ambientali. Costi economici impropri e dunque danni economici che si potrebbero calcolare e su cui lecitamente si potrebbe configurare un danno erariale causato da tutti coloro che hanno un ruolo di responsabilità in tale decisione: il Presidente della Provincia, in quanto l’ufficio d’ambito è un Ente subalterno, il direttore dello stesso ufficio così come i vertici di Acque Bresciane. Il danno erariale sarebbe enorme per le casse pubbliche e non potrebbe essere nascosto, il Depuratore a Gavardo sarebbe un disastro economicamente ed ambientalmente, ed in caso di danno erariale i responsabili dovrebbero pagare in prima persona!

Il nostro comitato su questo aspetto è pronto a fare i passi necessari per tutelare gli interessi economici della comunità e delle istituzioni pubbliche coinvolte. Una volta disponibile il progetto che ancora oggi è un mistero per i più, faremo le doverose valutazioni!»

Mariano Mazzacani
Comitato Referendario Acqua Pubblica Brescia






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID80893 - 25/06/2019 14:17:50 (Filippo Grumi) le alternative
le alternative ci sono, ora serve solo la possibilta' di farle presente a chi dovrebbe essere super partes ed esaminarle nell'interesse del lago e del fiume Chiese.


ID80896 - 25/06/2019 21:02:46 (PETER72) Su un quotidiano locale...
oggi leggevo che i sindaci dei comuni gardesani sono tutti coesi e fermamente d'accordo sull'andare avanti con la scelta di fare il megadepuratore a Gavardo. Sai che fatica fare questa scelta, sarebbe come se uno decidesse di costruirsi una bella e lussuosa casa ma fare il "cesso" e il ripostiglio puzzolente dei rifiuti nella casa del vicino! E perché no, giá che ci siamo, magari fare anche un bel mutuo per costruire questa bella casa ma lasciar pagare le rate in scadenza a qualche altro, comodo no?


ID80897 - 26/06/2019 06:01:01 (bernardofreddi)
Fatte le dovute distinzioni (parlando di esseri umani) mi sembra la stessa logica che domina nell'accoglienza ai profughi: tutti commossi, tutti d'accordo nel ricollocarli da un'altra parte.


ID80998 - 02/07/2019 17:00:52 (Nerino) CI SIAMO ANCHE NOI !
quella dei sindaci del garda tutti coesi è la ciliegina sopra la torta .... ! non pensiamo che le cose davvero non si possano cambiare o che non possiamo essere artefici delle scelte future. ricordiamo ai cittadini della nostra provincia che le condizioni attuali dell'amato garda SONO indiscutibilmente da attribuire a tante e troppe amministrazioni che negli anni HANNO sapientemente sfruttato il territorio per fini turistici dimenticandosi si in quel momento che lo stesso è un patrimonio. chi ci vuol far credere che il pompaggio della fogna ad un dislivello di diversi metri [200 ca] sia un gioco da ragazzi ci prende in giro. spieghino bene ai bresciani tutti di quanto aumenterà la bolletta, spieghino quanto costerà garantire la manutenzione, spieghino molto bene quali sono i rischi che corre il territorio in caso di malfunzionamento di un impianto del genere. il responsabile di tutto ciò avrà il nome di una via garantito! dobbiamo essere



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
30/11/2019 11:00:00
Acque Bresciane e la Provincia di Brescia succubi di Verona? La questione della dismissione della condotta sublacuale e della depurazione del Garda al centro di una riflessione di Gaia Gavardo e Comitato Referendario Acqua Pubblica

20/11/2018 15:59:00
«Referendum acqua, un successo dei cittadini» Il comitato referendario Acqua Pubblica si dice soddisfatto dell’esito della consultazione di domenica e attacca i partiti per non aver partecipato al dibattito sulla gestione del servizio pubblico

01/10/2018 10:00:00
Quattro appuntamenti sull'acqua pubblica Giovedì sera a Gavardo la prima di quattro serate in Valle Sabbia in vista del prossimo referendum consultivo provinciale sull’acqua pubblica, promosse dal Comitato Referendario Acqua Pubblica Valle Sabbia

01/09/2018 08:00:00
Acqua pubblica, il 18 novembre si va alle urne In gioco c’è la gestione del servizio idrico integrato fino al 2045. Il Comitato referendario: “Un traguardo nel nome della democrazia” 

23/07/2018 09:52:00
Nasce in Valle Sabbia il Comitato Referendario Acqua Pubblica In vista del referendum consultivo provinciale del 28 ottobre si è costituito un comitato per difendere “l’oro blu”



Altre da Gavardo
08/12/2019

Un'opera per il territorio?

Grande affluenza lo scorso venerdì sera al dibattito organizzato a Muscoline da Fratelli d’Italia. Presente anche il senatore Gianpietro Maffoni, membro della Commissione Ambiente


08/12/2019

Oltre duemila libri per i bimbi ricoverati

Grazie ad una raccolta promossa dalle Librerie Giunti al Punto i reparti di Pediatria degli ospedali di Gavardo e Desenzano hanno ricevuto più di 2350 volumi destinati ai piccoli pazienti

07/12/2019

La Banda di Sopraponte in concerto per l'Immacolata

Ricordando il passato ma sempre con lo sguardo rivolto al futuro, il Corpo Bandistico “Nestore Baronchelli” di Sopraponte propone per questa domenica, 8 dicembre, un concerto per augurare Buon Natale a tutta la popolazione


05/12/2019

Galeotto fu l'aperitivo

Esce di casa per recarsi a fare l’aperitivo con gli amici, ma era ai domiciliari. Arrestato

05/12/2019

Valsabbini premiati con le Benemerenze Coni

Martedì sera a Palazzo Loggia a Brescia le premiazioni per i risultati 2018. Medaglia d’oro Dirigenti per il gavardese Gianni Pozzani, presidente del Comitato provinciale della Federazione Italiana Ciclismo

05/12/2019

La Santa Barbara dei cavatori

Anche quest’anno per la ricorrenza della patrona dei minatori e dei cavatori, è stata celebrata una messa nella galleria della cava di calcare del monte Budellone

03/12/2019

Avis Gavardo, il Centro Prelievi si trasferisce a Salò

Un trasloco temporaneo che si è reso necessario per permettere la realizzazione di un intervento di ristrutturazione dell’attuale sede presso l’ospedale di Gavardo. Invariati i giorni delle donazioni


03/12/2019

Al nido di Gavardo un alert antiabbandono

In caso di assenza dei figli dall’asilo, ai genitori viene inviato, tramite un’apposita app, un avviso sullo smartphone: un sistema tecnologico per evitare episodi di dimenticanza dei bambini

02/12/2019

Approvato il piano di diritto allo studio

In un’ottica di trasparenza e condivisione delle scelte con la comunità, l’Amministrazione comunale gavardese ha approvato con voto unanime il piano di diritto allo studio per l’anno scolastico 2019/2020


02/12/2019

Una festa per dire grazie

Si è tenuta domenica a Gavardo la tradizionale Festa del ringraziamento organizzata dalle sezioni Coldiretti di Gavardo, Villanuova sul Clisi, Calvagese della Riviera e Vallio Terme



 
Eventi

<<Dicembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia