05 Luglio 2020, 08.30
Gavardo
Blog - Maestro John

L'Isolo

di John Comini

D’estate, quando abitavo nel “grattacielo”, mia mamma apriva la finestra che dava sul Naviglio. Allora entrava un refolo di vento, un’aria fresca che dava sollievo. Laggiù si vedeva l’Isolo...


D’estate, quando abitavo nel “grattacielo”
, mia mamma apriva la finestra che dava sul Naviglio. Allora entrava un refolo di vento, un’aria fresca che dava sollievo.

Laggiù si vedeva l’Isolo, una specie di penisola allungata, una lingua di terra fra il Naviglio e il Chiese (ah, il Chiese!). Ricordo che, da bambino, con i miei amici Giusy Lazzarini, Deni Giustacchini, Beppe Venturelli, Gianfranco Tedoldi e compagnia bella, organizzammo una mini olimpiade nel cortile della casa di Vicolo Fiorini e poi, superando la passerella di ferro, nell’Isolo gareggiamo alle corse, al lancio del giavellotto (un semplice manico di scopa) e al tiro con l’arco. Immaginavamo di essere Robin Hood ed i cedri del Libano sembravano la foresta di Sherwood.

Talvolta accompagnavo mio fratello Franco a lavare la Multipla, armati di secchio, sapone liquido e spugna, usando l’acqua del Naviglio. Tempo dopo, durante i matrimoni di mia sorella Rita con il caro Sergio e poi di mio fratello Franco con Piera Nicolini, tutti gli invitati, durante la pausa tra il pranzo e la cena al Ristorante Acli, si recarono sull’Isolo per scattare foto, tra sorrisi ed allegria.

Anni dopo, mi recavo a casa della mia amica Daniela Massolini, che abitava proprio accanto alla riva del Naviglio: lì con Ermanno Barbieri, Cesare Mora, il futuro don Paolo Goffi ed altri amici, gustavamo le torte “secche” fatte da Emi (che poi, una volta sposata, non mi ha mai più preparato: ah le donne!). Al piano sopra abitavano i coniugi Nicolini: la signora Orsolina Franzoni, mamma di Mario e Gianfranco, ci ha lasciati proprio in questi giorni. L’Isolo è sempre stato frequentato da molti pescatori: ricordo Enzo Rizza, marito della Dori e papà di Beppe e Marco, coi suoi gambali alti.

Leggendo un po’ qua e un po’ là, ho scoperto che un tempo ci piantarono i loro tendoni dei piccoli circhi equestri e, prima della guerra, vi funzionò un campo di bocce. Qualche anziano ricorda che la sera si ballava, al malinconico suono di una fisarmonica. Si racconta anche (ma forse è una leggenda) che durante la guerra c’era un calcinculo: è suonata la sirena dell’allarme ed il responsabile è fuggito, lasciando i ragazzi a girare vorticosamente, con il terrore negli occhi. Una scena da Hitchcock!

Durante l’estate molti ragazzi del paese accorrevano verso il loro grande amico: il fiume. Tanti si tuffavano nel Naviglio oltre la via Sormani, perché l’acqua era più bassa e meno pericolosa. Capitava a volte di assistere a spettacolari tuffi dal ponte sul Chiese, da parte di alcuni per dimostrare il proprio coraggio agli amici, più spesso dal ponte sul Naviglio, meno alto rispetto al livello dell’acqua. Per timore di incidenti quei tuffi vennero proibiti. Nel dopoguerra anche alcune ragazze comparvero in costume, immagino tra fischi e sguardi maliziosi dei giovanotti.

Il Comune fece piantare una siepe in riva al Naviglio lungo la via Sormani, come protezione dei passanti. Tutti in paese ricordano la tragica morte per annegamento dello sventurato Battistino Massolini.

Le donne andavano a lavare i panni, a mano, sui lavatoi (laandér) di legno. Immagino la bellezza dei panni stesi al sole, come in un dipinto degli Impressionisti. Lenzuola su lenzuola, fra lo sciabordio delle onde, stese poi sul verde tappeto erboso o su corde tirate tra una pianta e l’altra, in un continuo cicaleccio (i social dell’epoca).

In fondo all’Isolo c’è la cascata, che versa nel Chiese le acque del canale. Quando il Naviglio non era così alto, molti ci camminavano sopra per recarsi in via Sormani (dove c’erano il nido e l’asilo del Lanificio). Accanto c’è la “tràada”, sopra la casa del signor Montanari, guardiapesca e addetto alle chiuse.

Anni fa ricordo che nell’Isolo si organizzavano spettacoli teatrali, nel verde e sotto le stelle. Gli spettatori potevano così ammirare le case affacciate sul fiume, come in una piccola, suggestiva Venezia. Un incanto!  Mia sorella Rita accompagnava mio papà e mia zia Giulia a catturare il fresco, nel polmone verde del piccolo ma suggestivo parco, seduti sulla panchina accanto al tavolone di legno. Incontrava molte persone: come Anna, sorella dell’amico Antonio Facchetti (marito della Iside), che amava leggere libri all’ombra dei cedri.

C’era anche la Mariuccia Bresciani in Benedetti, che gironzolava con la nipotina. Anche la cara maestra Dionisia, insieme al fratello (papà del Silvio Poli, attuale e bravo organista) accompagnava la mamma anziana a passeggiare. L’altalena ed una costruzione in legno attiravano la gioia dei bambini, che potevano osservare la vita della colonia di germani e di altri uccelli acquatici che vi nidificano. Insomma, un’isola felice, con un paesaggio da favola.

Poi, con il logorio del tempo, con le piene, è giunta la lenta decadenza dell’Isolo. L’Avis, con la camminata dei 15 ponti, molte volte l’ha fatto percorrere allo stuolo di partecipanti, passando dal ponte di pietra di Vicolo Beveraggio e salendo poi le scale del Bar Acli: un modo per conoscere un posto quasi dimenticato. Leggo di un progetto partito da un’idea di Adriano Liloni, titolare della Trattoria Pegaso di Soprazocco, con il supporto del Comitato Gaia.

C’è l’idea di riportare la gente all’Isolo
(che non c’è…per ora). L’ingegner Filippo Grumi aveva scelto l’Isolo per invitare la gente a firmare contro il depuratore. Molti hanno esclamato: “Quanto tempo è che non vengo qua!” Sarebbe bello riqualificare l’Isolo, sistemando staccionate, mettendo nuove panchine, riportando le famiglie, proponendo spettacoli ed eventi culturali (concerti, letture, mostre…).  Perché l’Isolo è «un posto che abbiamo nel cuore».

Concludo ricordando Emanuele Ghidini, detto Ema, quello splendido ragazzo per il quale il papà Gianpietro ha creato la fondazione “Pesciolino rosso”.

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo
maestro John

Nelle foto:
1) Foto-ricordo sull’Isolo: i genitori dell’amico Mario Taraborelli, Luigi e Vittorina, e sopra l’albero i fratelli Giuseppe e Gisella
2) Il ponte sul Naviglio
3) La camminata dei 15 ponti organizzata dall’Avis
4) Lavandaie in via Tebaldina (sullo sfondo la cascata dell’Isolo)


Alcuni spunti sono tratti dai libri dell’amico Antonio Abastanotti, dal volumetto “L’isolo” (piccolo gioiello letterario) del dottor Marco Marzollo e dallo scritto “L’isolo di Gavardo”,  di Arnaldo Baruzzi, nativo di Gavardo, pubblicato sul quotidiano “Il Popolo di Brescia” il 19 giugno 1943.



Vedi anche
22/09/2019 09:15

La scuola, due bambini e il «maestro» Mattarella L’estate sta finendo, lunedì comincia l’autunno. Ma le scuole sono già iniziate, con tutte le ansie, i problemi… e le false partenze. Chissà perché, ma non si riesce mai a partire con tutti i docenti nelle varie classi...

02/06/2019 10:03

Le lezione del maestro Salvatore L’ho incontrato poche volte, Salvatore Filotico. Ma in quel breve tempo ho apprezzato il suo essere maestro, la sua voglia di costruire rapporti solidali, la sua profonda cultura accompagnata ad una grande dose di umorismo

08/04/2018 10:50

Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

24/01/2019 15:18

Ciao, Giuseppina! Stamattina è partita per il Paradiso Giuseppina Cobelli, suocera di mio cognato Luigi Avanzi e nonna di Matteo e Marcella

28/04/2019 10:00

Alla Fiera di maggio... ...per due soldi lo zucchero filato mio padre comprò. Mercoledì 1° maggio inizia la Fiera di Gavardo e Vallesabbia, ma le giostre sono già arrivate, per la gioia dei bambini



Altre da Gavardo
03/08/2020

La banda torna a suonare

Prima esibizione dopo il lockdown per il corpo musicale "Viribus Unitis" di Gavardo ieri mattina in piazza De' Medici per augurare buona estate

01/08/2020

«Le risposte è bene che arrivino dal Ministero»

Comitati e associazioni ambientaliste, in un comunicato unificato che riportiamo integralmente, invitano i sindaci dei Comuni dell'asta del Chiese, in merito al Tavolo tecnico sulla depurazione del Garda, a respingere qualsiasi soluzione tecnica non vagliata dalla politica

31/07/2020

Tavolo tecnico rinviato a settembre

È giunta proprio stamattina la lettera del ministero dell’Ambiente che accoglie la richiesta dei sindaci del Chiese di rimandare la riunione conclusiva del tavolo tecnico per il progetto depurazione del Garda

31/07/2020

Infortunio in via Delle Quadre, grave 45enne

Sul posto, in un’azienda che apre dietro alle Fonderie Mora, sono intervenuti ambulanza e medicalizzata, i Vigili del fuoco, i carabinieri e i tecnici dello Psal

31/07/2020

In attesa del doppio incontro a Roma

Questa mattina in teleconferenza la riunione del tavolo tecnico e della cosiddetta “Cabina di regia”. I sindaci del Chiese chiedono un rinvio per replicare alle controdeduzioni

30/07/2020

Poste, il turno allo sportello si prenota con WhatsApp

L'innovativo servizio è già attivo in 40 Uffici Postali della provincia di Brescia, tra questi anche a Gavardo

28/07/2020

Matteo Bussola a Gavardo con «L'invenzione di noi due»

Questo mercoledì, 29 luglio, al Parco Baronchelli lo scrittore presenterà il suo ultimo romanzo, la storia di un amore e della forza che serve per riaccenderlo quando tutto sembra ormai perduto. Ingresso gratuito su prenotazione

26/07/2020

La signora Letizia e piazza Zanardelli

Venerdì ha compiuto 99 anni la signora Letizia Portesi. Figlia di Angelo e di Annetta, ha sempre dato una mano nella gestione della forneria dei genitori, sotto i portici di piazza Zanardelli

25/07/2020

Mamme del Chiese e mamme del Garda

«Uniamoci!» è l'appello che le mamme del Chiese lanciano a quelle del Garda: «Esigiamo insieme un progetto che salvaguardi concretamente il futuro dei nostri figli»

25/07/2020

In bassa Valle tra archeologia e cultura

L'assessore regionale Stefano Bruno Galli ha visitato il Museo archeologico della Valle Sabbia a Gavardo e la sede di Ecomuseo del Botticino a Prevalle. Dopo l'emergenza si parla di ripresa, a partire dalla cultura locale