Skin ADV
Martedì 17 Luglio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




Val di Fumo

Val di Fumo

by Luca



16.07.2018 Idro

16.07.2018 Valsabbia

15.07.2018 Vallio Terme

16.07.2018 Vestone

15.07.2018 Vobarno

15.07.2018

16.07.2018 Bagolino

16.07.2018 Agnosine

16.07.2018 Storo

15.07.2018 Villanuova s/C



16 Giugno 2018, 16.20
Gavardo
Maestro John

Il suono della domenica

di Maestro John
Domenica 17 don Lorenzo Bacchetta celebrerà la Messa a Villanuova, dove ha svolto l’anno di diaconato

A mezzogiorno all’oratorio ci sarà l’aperipranzo, pizza gratis a volontà per festeggiare don Lorenzo.
Il gruppo Per-corso di filato gli regalerà un bellissimo grembiule per la lavanda dei piedi del Giovedì Santo.

È  un originale dono collegato a quanto scrive don Tonino Bello in “Preghiere col grembiule”, riferendosi alla Chiesa della Stola e del Grembiule, cioè del servizio.
Ci sarà anche il Gruppo del Venerdì sera, dove molte donne si trovano a cucire e  lavorare a maglia e sono felici di festeggiare il “loro” amato don Lorenzo.

E domenica sera al teatro Corallo gli verrà dedicato lo spettacolo “Cenerompola” frutto del laboratorio di teatro dell’oratorio.
Tutto questo me l’ha detto Ceci, cognata del mio amico Ciottolo, una donna sempre accogliente, profonda nei suoi principi e piena di affetto e di sorrisi da regalare.

E mi permetto di citare un brano che il gruppo adolescenti di Villanuova sul Clisi ha dedicato a don Lorenzo Bacchetta.
Oltre a contenere un mondo di emozioni, è scritto in modo davvero meraviglioso. Bravi!

“Don Lorenzo voleva giocare in porta quando si facevano le squadre per fare due tiri.
Don Lorenzo chiudeva gli incontri di noi ragazzi, con una preghiera e con la chiave.
Don Lorenzo spegneva la luce e chiudeva il cancello quando tutti eravamo usciti.
Don Lorenzo chiudeva la fila quando si camminava insieme.
Don Lorenzo ci ascoltava, prima di parlare.

Per noi Don Lorenzo è stato quel professore dei film che stimola i sogni dei suoi ragazzi.
Voleva giocare in porta non perché fosse il più scarso, ma per lasciare a noi il divertimento più grande.
Chiudeva gli incontri, spiritualmente e fisicamente, in modo elegante e profondo, per custodire quel momento in ciascuno di noi.

Era custode dei nostri spazi e ci insegnava che per darsi agli altri era necessario talvolta chiudere i cancelli, ritirarsi con se stessi.
Camminava per ultimo come ogni capo spedizione, ancora pensando secondo noi a quella volta in cui, seduto su un sentiero, aveva capito che il suo compito nel mondo era radunare le pecore, mettersi ultimo e quindi prezioso per gli altri.
Ci ha accolti uno ad uno, privatamente, nel suo appartamento ben tenuto e tra i suoi libri per farci sentire a casa e permetterci di desiderare ordine.

Hai aperto le finestre del nostro oratorio e ci hai ricordato che aria nuova può significare entusiasmo, che entusiasmo può garantire partecipazione, che partecipazione può far nascere organizzazione, che organizzazione può rendere leggero, felice e naturale spendersi per l’altro.

Al campo invernale ti è stato chiesto di improvvisare all’istante una poesia su cosa volesse dire per te Dio. Hai iniziato il tuo parlare ad occhi chiusi dicendo che Dio per te era un paio di pantofole, qualcosa di comodo, domestico, accogliente, ospitale.

Ti auguriamo il meglio per il tuo nuovo cammino.
Con nello zaino quel paio di pantofole.
Grazie.”


Approfitto per riparare a un paio di errori.

Anche i maestri sbagliano… “sbaglia anche i precc a dì Mesa!

Qualche settimana fa avevo erroneamente scritto che il marito di Ceci è Aldo Cobelli.
No! Si chiama Aldo Zambelli (e non è parente del bravo calciatore gavardese che ora milita nel Foggia).
Ah la vecchiaia…

E venerdì, che compiva gli anni il mio grande amico Mauro Abastanotti, mi sono dimenticato di fargli gli auguri. Ma si può?!
Allora a Mauro (nella foto durante lo spettacolo “La cassapanca della Adele” tratta dai ricordi del suo mitico padre Antonio) gli ho scritto gli auguri in ritardo…

Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi di allacciarsi i pantaloni
Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi di mettersi le mutande
Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi i nomi delle persone
Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi con chi si è sposato (ma quello è il male minore)
Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi le cose più importanti
Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi che…ieri era il tuo compleanno!
Augurissimi, caro Mauro, e con il capo cosparso di cenere ti chiedo perdono!
Auguri anche da Emi e da Andrea…chi sono loro? Chi sono io? Chi sei tu? Ah già, ora ricordo: SEI IL MIO GRANDE AMICO!!!

“Ho visto gente sola andare via, sai
tra le macerie e i sogni di chi spera, vai
tu sai di me, io so di te
ma il suono della domenica dov’è?
Al mio paese vedo fiorire il grano
a braccia tese, verso l’eternità…
Ho visto cieli pieni di miseria, sai
e ho visto fedi false fare solo guai
Ti lascerò un sorriso, ciao
e rabbia nuova in viso, ciao
la tenerezza che fa il cuore in gola a me
Al mio paese vedo fiorire il buono…”

(Zucchero)

Ci sentiamo domani mattina, a Dio piacendo,
maestro John







 

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID76624 - 19/06/2018 11:49:18 (DonLorenzo) Grazie
Grazie John per questo bell'articolo, come per gli altri che ho letto con piacere e riconoscenza. La settimana dei festeggiamenti è finita, ora bisogna ricominciare a pedalare e a camminare, con la serena certezza che il Signore porta tutti nella sua mano e ci conduce sulla sua strada, a noi resta la libertà di essere creativi nel percorrerla!Buon camminoDon Lorenzo



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/06/2018 07:30:00
Don Lorenzo diventa sacerdote Ci sarà anche don Lorenzo Bacchetta, della parrocchia di Gavardo, fra i nuovi presbiteri ordinati sabato pomeriggio nella cattedrale di Brescia dal vescovo Tremolada

10/06/2018 13:28:00
Regalami un sorriso Pare che don Lorenzo Bacchetta, ordinato sacerdote nella Cattedrale di Brescia, abbia già fatto un miracolo. Sì perché, nonostante il tempo difficile che stiamo vivendo, in questi giorni vedo gente più contenta, più serena.

15/07/2018 09:17:00
Ave, Cesare! Grande festa oggi pomeriggio (domenica) per monsignor Cesare Polvara. Sarà accolto dalla comunità di Rovato, dove celebrerà la sua prima Messa “rovatese” nella chiesa parrocchiale 

07/01/2018 10:00:00
Valore assoluto Chi era don Lorenzo Milani? Perché, a cinquant’anni dalla morte, ci si continua ad interrogare sulla sua vita, sulla sua opera educativa?

11/12/2016 07:35:00
Il regalo più grande La notte fra il 12 e il 13 dicembre arriva Santa Lucia. C’è elettricità nell’aria della scuola. I bambini sono nervosi, c’è chi sobbalza al suono della campanella



Altre da Gavardo
12/07/2018

Affidate ad esterni le manutenzioni ospedaliere

Da qualche giorno la manutenzione degli impianti ospedalieri gestiti dall’Asst di Desenzano, viene affidata ai tecnici “somministrati” da Manutencoop Facility Management (1)

09/07/2018

Dimissioni: la posizione di Gavardo in Movimento

Con una nota divulgata nel pomeriggio Gavardo in Movimento commenta le dimissioni di massa avvenute nelle scorse ore fra i membri della maggioranza
(9)

09/07/2018

Dimissioni di massa

Il 20 luglio si avvicina e in attesa di una conferma delle dimissioni del sindaco Vezzola, oppure di una marcia indietro, la Maggioranza gavardese a guida Bertoloni si sta liquefacendo (20)

06/07/2018

Alpini in festa

Sarà un fine settimana “alpino” quello in programma a Pompegnino di Vobarno e sul Monte Tesio a cura delle Penne Nere dei rispettivi Gruppi 

06/07/2018

Gavardo, il commissario dal 20 luglio

Con una nota al vicesindaco e a tutti i consiglieri comunali, il segretario comunale di Gavardo ha precisato i tempi dell’avvio del commissariamento (5)

05/07/2018

«Le otto stagioni» chiudono il Festival

È in programma per questo sabato, 7 luglio, al parco Baronchelli di Gavardo la serata conclusiva del festival musicale “Il Ponte. Gavardo in Concerto” 

04/07/2018

Omaggio alla Venerabile Madre Elisa Baldo

Questo mercoledì 4 luglio presso Casa San Giuseppe a Gavardo un concerto in onore della fondatrice delle suore Umili serve del Signore, nell’anniversario della morte

03/07/2018

Ciao, Gabriele!

Un ritratto e un saluto all’amico Gabriele Rivetta, prematuramente scomparso a causa di una malattia (3)



03/07/2018

In arrivo 11 «piccoli ambasciatori di pace»

Giungeranno anche quest’anno in alcuni paesi della Valle Sabbia i bambini Saharawi, per svolgere visite specialistiche e trattamenti sanitari e trovare un po’ di sollievo dalle torride temperature del deserto

01/07/2018

Il Mavs nella rete museale lombarda

Anche il Museo archeologico della Valle Sabbia di Gavardo sarà visitabile gratuitamente con l’abbonamento regionale (1)

Eventi

<<Luglio 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia