Skin ADV
Martedì 22 Gennaio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








20.01.2019 Vestone Casto

20.01.2019 Gavardo

21.01.2019 Valsabbia

20.01.2019 Odolo Villanuova s/C Roè Volciano

21.01.2019 Val del Chiese

21.01.2019 Serle Prevalle

21.01.2019 Salò Valsabbia Garda Valtenesi Provincia

20.01.2019 Val del Chiese Storo

20.01.2019 Storo

21.01.2019 Valtenesi






16 Giugno 2018, 16.20
Gavardo
Maestro John

Il suono della domenica

di Maestro John
Domenica 17 don Lorenzo Bacchetta celebrerà la Messa a Villanuova, dove ha svolto l’anno di diaconato

A mezzogiorno all’oratorio ci sarà l’aperipranzo, pizza gratis a volontà per festeggiare don Lorenzo.
Il gruppo Per-corso di filato gli regalerà un bellissimo grembiule per la lavanda dei piedi del Giovedì Santo.

È  un originale dono collegato a quanto scrive don Tonino Bello in “Preghiere col grembiule”, riferendosi alla Chiesa della Stola e del Grembiule, cioè del servizio.
Ci sarà anche il Gruppo del Venerdì sera, dove molte donne si trovano a cucire e  lavorare a maglia e sono felici di festeggiare il “loro” amato don Lorenzo.

E domenica sera al teatro Corallo gli verrà dedicato lo spettacolo “Cenerompola” frutto del laboratorio di teatro dell’oratorio.
Tutto questo me l’ha detto Ceci, cognata del mio amico Ciottolo, una donna sempre accogliente, profonda nei suoi principi e piena di affetto e di sorrisi da regalare.

E mi permetto di citare un brano che il gruppo adolescenti di Villanuova sul Clisi ha dedicato a don Lorenzo Bacchetta.
Oltre a contenere un mondo di emozioni, è scritto in modo davvero meraviglioso. Bravi!

“Don Lorenzo voleva giocare in porta quando si facevano le squadre per fare due tiri.
Don Lorenzo chiudeva gli incontri di noi ragazzi, con una preghiera e con la chiave.
Don Lorenzo spegneva la luce e chiudeva il cancello quando tutti eravamo usciti.
Don Lorenzo chiudeva la fila quando si camminava insieme.
Don Lorenzo ci ascoltava, prima di parlare.

Per noi Don Lorenzo è stato quel professore dei film che stimola i sogni dei suoi ragazzi.
Voleva giocare in porta non perché fosse il più scarso, ma per lasciare a noi il divertimento più grande.
Chiudeva gli incontri, spiritualmente e fisicamente, in modo elegante e profondo, per custodire quel momento in ciascuno di noi.

Era custode dei nostri spazi e ci insegnava che per darsi agli altri era necessario talvolta chiudere i cancelli, ritirarsi con se stessi.
Camminava per ultimo come ogni capo spedizione, ancora pensando secondo noi a quella volta in cui, seduto su un sentiero, aveva capito che il suo compito nel mondo era radunare le pecore, mettersi ultimo e quindi prezioso per gli altri.
Ci ha accolti uno ad uno, privatamente, nel suo appartamento ben tenuto e tra i suoi libri per farci sentire a casa e permetterci di desiderare ordine.

Hai aperto le finestre del nostro oratorio e ci hai ricordato che aria nuova può significare entusiasmo, che entusiasmo può garantire partecipazione, che partecipazione può far nascere organizzazione, che organizzazione può rendere leggero, felice e naturale spendersi per l’altro.

Al campo invernale ti è stato chiesto di improvvisare all’istante una poesia su cosa volesse dire per te Dio. Hai iniziato il tuo parlare ad occhi chiusi dicendo che Dio per te era un paio di pantofole, qualcosa di comodo, domestico, accogliente, ospitale.

Ti auguriamo il meglio per il tuo nuovo cammino.
Con nello zaino quel paio di pantofole.
Grazie.”


Approfitto per riparare a un paio di errori.

Anche i maestri sbagliano… “sbaglia anche i precc a dì Mesa!

Qualche settimana fa avevo erroneamente scritto che il marito di Ceci è Aldo Cobelli.
No! Si chiama Aldo Zambelli (e non è parente del bravo calciatore gavardese che ora milita nel Foggia).
Ah la vecchiaia…

E venerdì, che compiva gli anni il mio grande amico Mauro Abastanotti, mi sono dimenticato di fargli gli auguri. Ma si può?!
Allora a Mauro (nella foto durante lo spettacolo “La cassapanca della Adele” tratta dai ricordi del suo mitico padre Antonio) gli ho scritto gli auguri in ritardo…

Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi di allacciarsi i pantaloni
Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi di mettersi le mutande
Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi i nomi delle persone
Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi con chi si è sposato (ma quello è il male minore)
Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi le cose più importanti
Quando uno è vecchio è facile che si dimentichi che…ieri era il tuo compleanno!
Augurissimi, caro Mauro, e con il capo cosparso di cenere ti chiedo perdono!
Auguri anche da Emi e da Andrea…chi sono loro? Chi sono io? Chi sei tu? Ah già, ora ricordo: SEI IL MIO GRANDE AMICO!!!

“Ho visto gente sola andare via, sai
tra le macerie e i sogni di chi spera, vai
tu sai di me, io so di te
ma il suono della domenica dov’è?
Al mio paese vedo fiorire il grano
a braccia tese, verso l’eternità…
Ho visto cieli pieni di miseria, sai
e ho visto fedi false fare solo guai
Ti lascerò un sorriso, ciao
e rabbia nuova in viso, ciao
la tenerezza che fa il cuore in gola a me
Al mio paese vedo fiorire il buono…”

(Zucchero)

Ci sentiamo domani mattina, a Dio piacendo,
maestro John







 

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID76624 - 19/06/2018 11:49:18 (DonLorenzo) Grazie
Grazie John per questo bell'articolo, come per gli altri che ho letto con piacere e riconoscenza. La settimana dei festeggiamenti è finita, ora bisogna ricominciare a pedalare e a camminare, con la serena certezza che il Signore porta tutti nella sua mano e ci conduce sulla sua strada, a noi resta la libertà di essere creativi nel percorrerla!Buon camminoDon Lorenzo



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
16/12/2018 11:42:00
La mamma di don Lorenzo, il Campo Emmaus e una poesia Questa mattina l’amica Ceci di Villanuova mi ha detto che è andata in Paradiso la signora Lina, mamma di don Lorenzo Bacchetta. Mando un grande abbraccio al simpatico don Lorenzo 

07/06/2018 07:30:00
Don Lorenzo diventa sacerdote Ci sarà anche don Lorenzo Bacchetta, della parrocchia di Gavardo, fra i nuovi presbiteri ordinati sabato pomeriggio nella cattedrale di Brescia dal vescovo Tremolada

10/06/2018 13:28:00
Regalami un sorriso Pare che don Lorenzo Bacchetta, ordinato sacerdote nella Cattedrale di Brescia, abbia già fatto un miracolo. Sì perché, nonostante il tempo difficile che stiamo vivendo, in questi giorni vedo gente più contenta, più serena.

15/07/2018 09:17:00
Ave, Cesare! Grande festa oggi pomeriggio (domenica) per monsignor Cesare Polvara. Sarà accolto dalla comunità di Rovato, dove celebrerà la sua prima Messa “rovatese” nella chiesa parrocchiale 

07/01/2018 10:00:00
Valore assoluto Chi era don Lorenzo Milani? Perché, a cinquant’anni dalla morte, ci si continua ad interrogare sulla sua vita, sulla sua opera educativa?



Altre da Gavardo
20/01/2019

Una famiglia accogliente

Oggi pomeriggio sarò a Bagolino con la “signora Maria”, che reciterà presso la Rsa. Vado sempre volentieri a Bagolino, sia perché è un centro stupendo, pieno di vita e di cultura, sia perché conosco delle belle persone... (1)

19/01/2019

Accecato dalla gelosia

È un movente passionale all’origine del sequestro dell’operaio di Gavardo rimasto in ostaggio di Haida per due giorni, la prima notte sui monti e poi nel sottotetto dell’ex moglie a Peracque di Villanuova (3)

18/01/2019

Depuratore del Garda, la palla passa alla Provincia

Ieri in Regione un primo confronto fra gli amministratori del Garda e del Chiese con la presentazione del progetto dell’Aato. Posizioni ancora distanti. Il confronto proseguirà in Broletto (4)

18/01/2019

«La Memoria», il Tar dà ragione al Commissario

La sezione di Brescia del Tribunale amministrativo regionale non ha accolto il ricorso presentato da alcuni ex componenti del Consiglio di amministrazione della Fondazione “La Memoria” di Gavardo  (5)

17/01/2019

Preso il sequestratore, Mirko è libero

Svolta nelle indagini sul sequestro dell’operaio 45enne di Gavardo, ritrovato vivo. In manette è finito il suo rapitore, il marocchino 37enne che l’ha tenuto prigioniero per quasi due giorni.
Aggiornamento ore 7
(6)

17/01/2019

Un piccolo ricordo di un grande uomo

Un omaggio a don Lionello Cadei, molto amato dalle comunità valsabbine e dell'Alto Garda, venuto a mancare ieri pomeriggio   (1)

17/01/2019

Valsabbini a Norcia

La Sovrintendenza ha autorizzato l’iter di realizzazione del nuovo e definitivo monastero benedettino, e anche in quest’occasione i volontari gavardesi sono pronti a portare il loro aiuto per la ricostruzione 

17/01/2019

Don Lionello ci ha lasciati

Saranno celebrati questo venerdì a Gavardo i funerali del sacerdote che ha prestato servizio nelle parrocchie della Valsabbia e dell’Alto Garda (2)

17/01/2019

Caccia all'uomo

Proseguono le ricerche del 45 enne di Villanuova scomparso insieme al suo rapitore, un marocchino di 36 anni, nei boschi di Prandaglio. Motivi passionali alla base del folle gesto.
Aggiornamento ore 16:30
(3)

16/01/2019

Sotto sequestro

Un italiano di 45 anni è stato sequestrato nella zona di Gavardo da uno straniero armato. Sono in corso le ricerche



Eventi

<<Gennaio 2019>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia