Skin ADV
Lunedì 25 Settembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Gufetta ammira il panorama

Gufetta ammira il panorama

di Angelica Pelizzari



24.09.2017 Barghe

25.09.2017 Vestone Vobarno

23.09.2017 Salò

25.09.2017 Anfo

24.09.2017 Prevalle

23.09.2017 Bagolino Anfo Valsabbia

24.09.2017 Gavardo

24.09.2017 Vestone Garda

25.09.2017 Vobarno

25.09.2017 Bione Agnosine Odolo Preseglie






15 Giugno 2010, 09.00
Gavardo
La replica

Il sindaco risponde agli scout


Pubblichiamo volentieri la risposta del primo cittadino di Gavardo Emanuele Vezzola alla lettera pubblicata sui giornali dagli scout gavardesi.

Carissimi scout gavardesi,

nella lettera che avete indirizzato al Giornale di Brescia sostenete come vi sia un grave contrasto fra quanto affermato dall’Amministrazione Comunale in tema di dinamiche dell’immigrazione e i principi evangelici di carità, accoglienza e rispetto della persona. Propongo, pertanto, alla vostra riflessione alcune considerazioni che muovono dai tre punti da voi duramente criticati: la superiorità della cultura giudaico-cristiana dell’occidente; l’opposizione al meticciato di civiltà e l’integrazione fondata sulla disciplina sociale e sulle compatibilità culturali ed economiche.

Innanzitutto ritengo che, sostenere acriticamente che “qualsiasi classifica fra i modelli culturali è del tutto opinabile”, possa spalancare le porte al relativismo della fede e della cultura cristiana. Se, relativisticamente, una verità vale l'altra, una cultura vale l’altra, a che scopo il dialogo? Non di meno il relativismo coinvolge il valore della democrazia, struttura sociale propria del mondo occidentale: la democrazia si basa sui valori della persona, della dignità, dell'uguaglianza, del rispetto; togliete valore a questi valori, equiparateli ad altri, e avrete tolto la democrazia, avrete messo a rischio il rispetto della persona. Siete così certi, infatti, che le democrazie occidentali siano pari alla teocrazia islamica o alla repubblica popolare cinese, una costituzione liberale sia pari alla sharia, una decisione parlamentare sia uguale ad una sura, una organizzazione internazionale sia pari alla humma, una sentenza di un tribunale indipendente sia pari ad una fatwa?

In secondo luogo abbiamo parlato contro il meticciato dei popoli e delle civiltà, raccogliendo la dura accusa di conflitto con i precetti evangelici, ma così ne ha scritto S.E. Mons. Rino Fisichella, la cui autorevolezza e sintonia con il Santo Padre è a tutti nota: “Il meticciato non appartiene al Cristianesimo perché vuol dire ibridismo, mentre il Cristianesimo fornisce a chi l’accoglie un’identità ben precisa. Viviamo un momento debole per la nostra identità culturale e dunque dovremmo dare priorità al suo rafforzamento, piuttosto che lasciarci prendere dall’ansia di sperimentazioni aperte a sbocchi ulteriori”.

Infine, abbiamo sostenuto che l’unica integrazione possibile sia quella fondata sulla disciplina sociale (cioè sul rispetto delle leggi) e sulla compatibilità culturale ed economica. Credo che sul rispetto delle leggi (senza “se” e senza “ma”) possiamo essere d’accordo. Vengo allora al tema della compatibilità culturale che pure vi ha disturbato. In proposito, recentemente, è stata pubblicata una lettera di Charles De Foucauld a René Bazin, che forse ha qualcosa da dire anche oggi, anche a noi.

Fratel Carlo, vissuto per anni eremita nel Sahara a continuo contatto con i Tuareg, manifesta all’amico il proprio dubbio che degli islamici, pur viventi gomito a gomito con i francesi e magari in Francia, riescano a occidentalizzarsi pienamente. E risponde: in via eccezionale, sì. In maniera generale, no. Molti dogmi fondamentali della religione islamica vi si oppongono; con alcuni di questi vi possono essere degli accomodamenti, ma con uno, quello del Madhi, non c’è spazio di mediazione: ogni musulmano crede che, all’arrivo del giudizio ultimo, giungerà il Madhi, dichiarerà la guerra santa e stabilirà l’Islam in tutta la terra, dopo aver sterminato o sottomesso tutti i non musulmani…I fedeli dell’islam possono preferire un paese piuttosto che un altro o una persona piuttosto che un’altra; ma essi non saranno mai francesi, tedeschi, italiani o amici: attenderanno, più o meno pazientemente, il giorno del Madhi, quando si impossesseranno del potere. Un reale scambio di nazionalità o un riconoscimento di uguaglianza con altri comporterebbero davvero una sorta di apostasia, una rinuncia nella fede nel Madhi.

Ecco perché l’integrazione degli immigrati riguarda e coinvolge direttamente, come più volte sostenuto sia dal Vescovo Biffi di Bologna, sia dal Vescovo Maggiolini di Como, la cultura dei popoli migranti e la loro compatibilità sul piano religioso, culturale e storico con la nostra civiltà. Quest’ultimo ha scritto: “Occorre regolare l'afflusso degli immigrati e assicurare loro una vita dignitosa. Nei limiti del possibile. Non si possono spalancare le porte della nazione e mantenere e far crescere un'originalità culturale”. E non mi pare che i due Pastori possano essere accusati di scarsa attenzione al comandamento “Ama il prossimo tuo come te stesso”!

Con un linguaggio molto caro alla sinistra – che tradisce, purtroppo, l’inclinazione politica sempre più marcata dell’Agesci e del Masci - avete inoltre sostenuto la necessità di: “Promozione di percorsi di conoscenza delle reciproche identità e storie”, ma a tale riguardo segnalo alla Vostra attenzione che i Vescovi emiliani nelle indicazioni pastorali alle loro diocesi scrivono: “Veramente, prima della nostra opportunità di conoscere le convinzioni, gli usi, la mentalità dei nuovi arrivati, c’è il dovere morale dei nuovi arrivati di conoscere le convinzioni, gli usi, la mentalità della popolazione nella quale essi chiedono di inserirsi. A essi va chiesto che si accostino con rispetto e con animo aperto al nostro mondo, come si conviene a chi arriva non in una landa deserta e selvaggia ma in una cultura millenaria e in una civiltà di prestigio grande e universalmente riconosciuto”.

Seppure indirettamente accusate questa Amministrazione di orientare la propria politica alla ricerca del consenso ed alla gestione del potere anziché occuparsi del bene comune e della soluzione dei problemi. Mi paiono considerazioni pesanti, che travalicano il compito educativo che dovrebbe contraddistinguere il vostro impegno in favore di tutti i ragazzi e delle loro famiglie, indipendentemente dalla loro inclinazione politica. Ai miei tempi le riunioni erano impegnate per decidere i campi scout, la formazione, le uscite, gli incontri di preghiera, etc. Mai però era successo che gli scout trovassero il tempo o lo spunto per approfondire l’introduzione al bilancio di previsione del Comune ed accusare l’Amministrazione Comunale di scarsa attenzione al bene comune. Ma i tempi cambiano e così pure le persone.

Sono consapevole che tanti compagni di viaggio che con me hanno vissuto anni di passione e impegno oggi sono impegnati nella sinistra gavardese e forse hanno qualche difficoltà ad accettare la mia scelta politica e la rinnovata compagine amministrativa, ma ho sempre pensato che non ci fosse bisogno di essere di sinistra per credere nell'uomo e nella vita, per essere capaci di un gesto di solidarietà, per saper vedere un'ingiustizia nel fatto che una piccola parte dell'umanità vive di privilegi, mentre in una parte molto più vasta di essa ci sono bambini che nascono e muoiono di fame nel giro di una settimana senza potersi chiedere neanche il perché della propria esistenza.

Avete ragione cari Scout, dobbiamo essere capaci di volare alto, di costruire un futuro per tutti, ma non dobbiamo scordare mai chi siamo, da dove veniamo, non dobbiamo perdere il legame con la nostra terra. Fare servizio, fare politica è tutto questo, è avere il coraggio di sporcarsi le mani, avere la forza dell'azione disinteressata, aver voglia di rischiare se stessi per gli altri.

Talvolta mi dispaccio per alcune incomprensioni da parte del mondo associativo cattolico gavardese, ma non ho dubbi sul ruolo che i gavardesi mi hanno chiesto di svolgere.

Il Sindaco
Emanuele Vezzola

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG




 




Commenti:

ID2333 - 15/06/2010 13:34:00 (Gino49) cose sensate
Le affermazioni del Sindaco non sono ne di destra ne di sinistra, sono semplicemente sensate.


ID2334 - 15/06/2010 15:54:53 (peneleo) Concordo!
mi piace questo confronto serio, pacato e ricco di spunti di riflessione per ognuno. Ogni tanto, oltre gli slogan, è bello leggere anche dei ragionamenti che, in questo caso, il sindaco ha formulato in modo semplice e chiaro.


ID2335 - 15/06/2010 16:31:00 (il grigio) Il popolo lo vuole ...
Mi verrebbe di scrivere un lungo commento. Mi limito a postare un breve estratto di Alexis de Tocqueville, tratto da "La democrazia in America". “… il vero rimedio alla degradazione della democrazia è irrobustirla e nobilitarla con l’infusione di buone dosi di spirito aristocratico: non un’aristocrazia del denaro, ma un’aristocrazia morale e intellettuale, un’aristocrazia della virtù composta da donne e uomini che hanno la forza dell’indipendenza di spirito e sanno essere diversi dalla maggioranza e se hanno responsabilità pubbliche non sono servi dell’opinione dominante, quando questa va contro il bene comune.”


ID2337 - 15/06/2010 18:43:00 (Gino49) Ci sono anche i proverbi della Bibbia
Uno di questi tratti dalla Bibbia parlando degli uomini che hanno pubbliche responsabilità recita: "L'uomo che ha responsabilità pubbliche non deve sfidare il popolo, altresì non deve farsi condizionare dal popolo". Se poi i condizionamenti non provengono dal popolo allora la cosa è molto più grave.


ID2338 - 15/06/2010 20:04:00 (enzino.b)
Egregio signor sindaco si tratta di non fare di tutta l'erba un fascio. Musulmano non vuol dire automaticamente teocrazia islamica come cristiano non riconducibile immancabilmente a santo. In alcuni dei paesi da cui provengono immigrati che io conosco l'idea di democrazia è radicata quanto da noi. Il rispetto delle convinzioni altrui ed il continuo confronto tra le culture può insegnarci a trarre il meglio di esse. In un mondo in cui le contraddizioni, grazie ai media, sono palesate ogni giorno in maniera esplicita non è più possibile prendere solo ci che ci fa comodo di certi paesi non curandoci che in essi le più elementari forme di umanità siano ignorate. Perchè dietro a tutto questo ci sono persone come noi. "Non regalare il pesce insegna a pescare" recita un vecchio detto. Pienamente d'accordo. Un nuovo detto potrebbe essere non fare affari con persone che sfruttano i propri simili dall'alto del potere e della violenza, ma aiuta questi popoli a sconfiggere i loro aguzzini...


ID2339 - 15/06/2010 20:22:00 (enzino.b)
... per permettere loro di vivere come noi liberi di costruire il loro futuro nelle loro terre. Quando avremo da noi più Senegalesi, Ghanesi, Etiopi ecc. in visita come turisti e non a lavorare ad a scappare da guerre, carestie od altro, avremo vinto questa battaglia. Utopia? Forse, ma se impariamo a non fare graduatorie di razze e di fedi ci ispiriamo veramente ad un modello universale di amore. Attenzione questo non vuol dire che non ci debbano essere regole da rispettare da parte di tutti. Anzi proprio il rispetto delle leggi tutela i più deboli, siano essi Italiani o stranieri. Per concludere signor sindaco i concetti che ho espresso non dovrebbero essere ne di destra ne di sinistra. E' indubbio però che ultimamente nella nostra nazione amministrazioni di destra si distinguano a volte per una volontà punitiva degli immigrati a prescindere da fatti o comportamenti. Però anche io non voglio fare di tutta un'erba un fascio. Cordialità.


ID2340 - 16/06/2010 07:19:00 (brigi)
secondo me state delirando. condoglianze al popolo gavardese.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/08/2015 14:03:00
Il sindaco risponde Emanuekle Vezzola, primo cittadino a Gavardo, ci chiede ospitalità per rispondere ad una lettera da noi pubblicata lo scorso 4 agosto e lle sollecitazioni della minoranza sul tema dei disagi provocati dalle Fonderie Mora. Pubblichiamo volentieri


23/04/2010 18:53:00
La «piccola storia di Afzal» DUE Il sindaco di Gavardo Emanuele Vezzola replica alla replica del direttore di Vallesabbianews.it Pubblichiamo volentieri.

25/06/2010 16:56:00
Identità cristiana è identità d'amore Dal Giornale di Brescia un'ulteriore riflessione in merito al botta e risposta fra gli scout gavardesi e il loro sindaco. Pubblichiamo volentieri

05/09/2011 14:58:00
Il sindaco risponde Il sindaco gavardese Emanuele Vezzola risponde alla sollecitazione della lettrice «Questa è Gavardo» da noi pubblicata stamane.

28/04/2011 07:00:00
Il sindaco risponde Alla lettera del signor Gino Toffolo che nei giorni scorsi segnalava la presenza di una bandiera sul tetto di una casa a Gavardo, risponde Emanuele Vezzola.



Altre da Gavardo
25/09/2017

San Peder vince il Palio dei Borghi

È andata alla contrada dei gialli la sfida fra le contrade di Gavardo, vincitrice anche della menzione d’onore per il borgo meglio decorato

24/09/2017

Ma il cielo è sempre più blu

Ci sono in giro delle strane persone. Camminano in parte a te, vanno in auto come te. Alcune le conosci, ma la maggior parte ti sono anonime

24/09/2017

Maxi esercitazione della Protezione civile Anc

Un esercito di 200 volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri della Lombardia saranno protagonisti di un’importante esercitazione di Protezione civile nella quale saranno coinvolti anche i gruppi locali della Protezione civile gavardese

23/09/2017

Maxi esercitazione Anc, oggi la presentazione alla popolazione

Oggi pomeriggio nella sede del gruppo comunale di Protezione Civile di Gavardo, presso il Palazzetto dello Sport La presentazione alla popolazione della maxi esercitazione della Protezione vile dell’Anc della Lombardia in programma nel prossimo weekend


22/09/2017

Un concorso fotografico in ricordo di Paganelli

Sarà inaugurata questa domenica pomeriggio a Gavardo la mostra con gli scatti del concorso fotografico organizzato dall’Avis di Gavardo, in ricordo dell’indimenticato presidente

21/09/2017

«Gavardo 2050. Il futuro in mostra»

Sarà inaugurata questo venerdì 22 settembre presso il Vecchio Mulino una mostra nella quale alcuni professionisti gavardesi pensano a come potrà essere paese di Gavardo nel futuro (1)

20/09/2017

Un nuovo anno sotto rete

Ricomincia la stagione sportiva per la Pallavolo Villanuova e la Pallavolo Gavardo che anche quest’anno uniscono le forze per la gestione e lo sviluppo del settore giovanile

20/09/2017

Il museo racconta le radici del cibo

Nella cornice delle Giornate Europee del Patrimonio, il Museo Archeologico della Valle Sabbia di Gavardo organizza una domenica culturale dedicata all’alimentazione ai tempi delle palafitte (1)

19/09/2017

In cammino verso Santiago

Ecco il racconto del viaggio su uno dei più affascinanti cammini devozionali attraverso il nord della Spagna fino a Santiago de Compostela, compiuto da Franco, Flavio e Umberto, rispettivamente di Vallio Terme, Gavardo e Villanuova sul Clisi (1)

18/09/2017

Strutture sportive «cardioprotette»

Nuovi defibrillatori nelle strutture sportive gavardesi grazie anche all’associazione “Fallo col cuore”. L’amministrazione comunale si fa promotrice con il gruppo di Protezione civile di corsi per il loro utilizzo (1)



Eventi

<<Settembre 2017>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia