Skin ADV
Lunedì 11 Dicembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Nubi sul lago

Nubi sul lago

di Pierluigi Giuli



10.12.2017 Villanuova s/C

09.12.2017 Gavardo

10.12.2017 Giudicarie

10.12.2017 Giudicarie

09.12.2017 Gavardo

09.12.2017 Vestone Valsabbia

09.12.2017 Giudicarie Storo

09.12.2017 Vobarno

09.12.2017 Odolo

10.12.2017






08 Agosto 2017, 13.34
Gavardo
Lutti

Il signor Losi

di John Comini
In questi giorni ci ha lasciato il signor Danilo Losi. Cerco nei cassetti della memoria e ricordo…

Ricordo quando suonavo al campanello dell’abitazione in Piazza De Medici. “Chi è?” domandava la moglie. “Sono il John Comini, c’è il signor Danilo? Mi servono le chiavi del Salone.” “Scende subito”. E il signor Losi scendeva dalle scale ed appariva con un mazzo di chiavi. Sì perché dietro la magia del teatro, dietro le scene comiche o tragiche di uno spettacolo c’era sempre chi apriva le porte della sala, chi accendeva le luci di sala, chi controllava se i camerini erano in ordine, chi dava un’occhiata alla caldaia o ai servizi igienici, chi dava indicazioni su come utilizzare i fari o l’amplificazione e chi aveva cura di quelle innumerevoli piccole cose che stanno “dietro le quinte” di una serata. E tutto questo lo faceva il mitico signor Losi.

 “C'è un sipario che s'alza c'è un sipario che cala
si consuma la corda e la tela
sì per noi vecchi attori e per voi vecchie attrici
i ricordi si fan cicatrici…
C'è una sedia da sempre nella fila davanti
riservata per noi commedianti
perché mai la fortuna,
che è distratta e furtiva
ha avvertito la sera che arriva…” (Branduardi)

C’erano alcune sere nelle quali il signor Losi mi lasciava il mazzo di chiavi del Salone Pio XI. Allora era segno che c’era qualche partita importante alla televisione. Io ovviamente lo sapevo già, perché come lui sono di fede juventina. Quando la nostra squadra ha perso la finale di Manchester del 2003 contro il Milan ai rigori, io e il signor Losi abbiamo messo il lutto: ci dicevamo che ormai il calcio è corrotto, che i giocatori sono mercenari, che non val la pena soffrire per 22 giocatori che corrono in mutande…Ma appena è ricominciato il campionato, abbiamo ricominciato a vivere… e a soffrire!

“E chissà quanti ne hai visti e quanti ne vedrai di giocatori che non hanno vinto mai ed hanno appeso le scarpe a qualche tipo di muro
e adesso ridono dentro a un bar,
e sono innamorati da dieci anni con una donna che non hanno amato mai
chissà quanti ne hai veduti, chissà quanti ne vedrai…
Ma Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore,
non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore,
un giocatore lo vedi dal coraggio, dall’altruismo e dalla fantasia.” (De Gregori)

Il signor Losi era il re della Piazza De Medici. In piazza aveva gestito un piccolo market (dove adesso c’è la farmacia). In piazza conversava amabilmente con le persone che incontrava, ed era sempre cordiale ed aperto. In piazza, quando erano state tolte le panchine, aveva trovato il modo di fare una specie di singolare protesta, sedendosi su una sedia portata da casa. Quante discussioni facevamo sulla campagna acquisti della nostra squadra del cuore. Il signor Losi era sempre interessato ai giocatori giovani, conosceva i loro nomi anche se non erano famosi, me ne parlava sempre con la speranza che diventassero campioni. Ed io in cuor mio sapevo di suo figlio Roberto, strappato alla vita da un male incurabile quando non aveva ancora 18 anni. Non ho mai avuto il coraggio di parlarne. Riporto qui una lettera di un padre che ha perso il figlio…mi viene da piangere al solo scriverla…

“Penso che vivere la morte di un figlio sia la più dolorosa esperienza che un essere umano possa fare, un evento talmente straordinario e innaturale che non si può in alcun modo accettare o esorcizzare.

Sarebbe utile andare al di là della propria ragione per riuscire a gestire le emozioni a proprio piacimento e ottenere una spiegazione come e quando si desidera, purtroppo non è così. Quando muore un figlio, unico o no, è finita. Si viene travolti da un senso di distruzione, che renderà molto difficile il controllo della volontà. E la fine che si credeva lontana arriva improvvisa, spietata, lasciando poche possibilità di continuare a vivere a dispetto del sopravvenuto disordine biologico.

Da quel momento ti accorgi che la vita, per te, non è quella che conoscevi prima. Un pensiero fisso, sempre uguale. La lentezza del tempo, l’enormità del vuoto e l’attesa di un segno saranno i tuoi tormenti. Sensazioni a fior di pelle che ti tolgono la capacità di guardare e vivere ciò che ti circonda, fino a non sapere più cosa ci stai a fare. Si va avanti senza interesse, per abitudine…ma non sa di niente. Colori sbiaditi, sapori scomparsi, risate dimenticate. Un’esistenza piatta dentro una vita annullata dalla nostalgia di qualcuno di cui non riesci a fare a meno…tuo figlio! La perdita di un figlio ti fa capire ciò che vale e ciò che non vale niente. Ti fa capire quanto sei stato sciocco a trattenere le urla di gioia quando era lì con te. Ti fa capire che tutto ciò che vive è evanescente e niente di ciò che è bello può durare. Ti fa capire che tutto puoi sopportare ma non la sua assenza. Ti fa entrare in un mondo parallelo dove tutte le persone che ti circondano le percepisci come forme anonime, ti sembrano comparse messe lì di proposito per cercare di rassicurarti. Ma loro trascorrono il giorno vivendolo e non possono capire che per te il tempo si è fermato nell’istante in cui è andato via tuo figlio. A chi ti conosceva sarà impossibile fargli comprendere che tu non sei più quello che eri prima. Le sole foto e i ricordi non bastano…

Il dolore è il dolore…ma quello che si prova per la morte di un figlio non si riesce a spiegare…perché va oltre ogni conosciuta misura. Mi permetto di dire, con sincerità, a chi non ha avuto questa terribile esperienza di cogliere e godere tutte le cose che la vita offre, di vivere ogni giorno come fosse quello ideale, di rispettare i figli quando ci sono, perché la vera ed unica sconfitta si conoscerà solo quando si dovrà sopravvivere alla loro perdita.”

Ma tu, caro signor Losi, hai avuto la forza di andare avanti, hai sempre creduto negli altri, hai sempre avuto una parola buona con tutti (anche con milanisti e interisti…). E certamente sapevi cosa ha scritto Sant’Agostino: “Ama e fa ciò che vuoi; sia che tu taccia, taci per amore; sia che tu parli, parla per amore; sia che tu corregga, correggi per amore; sia che perdoni, perdona per amore; sia in te la radice dell’amore, poiché da questa radice non può procedere se non il bene.”

Mentre scrivo ascolto la stupenda canzone di Eric Clapton dedicata al figlio Conor, s’intitola “Lacrime in paradiso”
“Sapresti il mio nome se ti vedessi in paradiso?
sarebbe lo stesso se ti vedessi in paradiso?
devo essere forte e tirare avanti,
perché lo so che non appartengo qui al paradiso
Mi terresti la mano se ti vedessi in paradiso?
Mi aiuteresti ad alzarmi se ti vedessi in paradiso?
Troverò la mia strada attraverso la notte e il giorno
perché lo so che non posso stare qui in paradiso
il tempo può trascinarti giù
il tempo può piegarti le ginocchia
il tempo può spezzarti il cuore
costringerti a implorare perdono, implorare perdono
dietro alla porta c'è pace ne sono sicuro.
E so che non ci saranno più
lacrime in paradiso.
Devo essere forte e tirare avanti,
perché lo so che non appartengo qui al paradiso”

Caro signor Losi, io invece sono certo che il Paradiso c’è, ci deve essere. E adesso che hai lasciato qui nella piazza gli affetti, le emozioni, i desideri, la tua sedia, il Salone Pio XI, il tuo cammino è ricominciato sulle strade del cielo, magari con il bastone. E nell’infinito amore di Dio ritroverai tuo figlio Roberto, e lo abbraccerai, in un nuovo mattino pieno di luce.

John Comini (maestro John)
Invia a un amico Visualizza per la stampa








Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
30/08/2017 09:55:00
Apri le tue braccia È tornato alla Casa del Padre il sacerdote don Bruno Loda, vicario parrocchiale a Gavardo dal 1999 al 2003

04/11/2015 08:46:00
In ricordo di don Basilio Zanotti Capovalle, 3 novembre 2015. Siamo raggiunti dal tetro suono delle campane “da morto”... Chi sarà? Tam tam popolare: E’ mancato don Basilio, aveva 87 anni


12/09/2015 06:54:00
Danilo fa i 69 Tanti auguri a Danilo Zambelli, di Villanuova sul Clisi, che proprio oggi, sabato 12 settembre, completa il suo 69esimo anno di età


25/10/2016 06:25:00
Daniela e Danilo, unione di perla Tanti auguri a Daniela e Danilo, di Nozza, che proprio oggi, martedì 25 ottobre, festeggiano i loro primi 30 anni di matrimonio

10/12/2017 09:30:00
Il ricordo di un amico Gabriele Abastanotti ricorda con queste parole l’amico Cesare Cavagnini, presidente dell’associazione “Borgo del Quadrel”, venuto a mancare ieri, 9 dicembre, dopo una lunga malattia



Altre da Gavardo
10/12/2017

Il ricordo di un amico

Gabriele Abastanotti ricorda con queste parole l’amico Cesare Cavagnini, presidente dell’associazione “Borgo del Quadrel”, venuto a mancare ieri, 9 dicembre, dopo una lunga malattia

09/12/2017

Il presepio di Cesare

Oggi è andato in Paradiso Cesare Cavagnini, l’amico di tutti. E oggi, come per incanto, è apparso il “suo” presepio. È un presepio molto grande, grande come il suo cuore... (2)

09/12/2017

Cesare Cavagnini ci ha lasciato

L’Associazione gavardese “Borgo del Quadrel” si stringe attorno ai familiari del suo presidente, Cesare Cavagnini, condividendo il dolore per la sua scomparsa (2)

08/12/2017

«Viribus Unitis» a Roma per Santa Cecilia

Nell’ultimo fine settimana di novembre, su invito dell’Anbima, la banda musicale gavardese si è recata nella capitale per la festa della patrona dei musicisti (1)

07/12/2017

Concerto dell'Immacolata

Anche quest’anno nella serata dell’8 dicembre il Corpo Bandistico “Nestore Baronchelli” di Sopraponte proporrà il suo concerto natalizio (1)

06/12/2017

Asst Garda eccellenza lombarda per la donna

E’ stata premiata ieri, martedì 5 dicembre, a Roma ed è l'unica azienda ad aver ottenuto il massimo riconoscimento - 3 bollini rosa - per tutti gli ospedali candidati: Desenzano, Gavardo e Manerbio (2)

06/12/2017

Col presepe in corsia

«Non so perchè, ma è successo, credo che sia una volontà arrivata dall'alto» così lo scultore Massimo Pasini ha spiegato la presenrza dei suoi presepi nei locali dell'ospedale di Gavardo
(2)

04/12/2017

La voce dei protagonisti

Tre bresciani alla Dakar, uno dei quali valsabbino. Ne abbiamo già scritto e in occasione della presentazione dell’impresa li abbiamo anche intervistati

02/12/2017

Arpa, se ci sei batti un colpo

Sono 134 le firme di cittadini in calce ad una richiesta ad Arpa, perché si intervenga analizzando l’aria attorno alle Fonderia Mora di Gavardo. Analoga richiesta era stata avanzata un paio di fa anche da Legambiente e Gaia
(5)

02/12/2017

Un presepe in ospedale

Verrà inaugurato nella mattinata di domani, 3 dicembre, il presepe ligneo allestito dallo scultore Massimo Pasini presso la hall dell’Ospedale di Gavardo

Eventi

<<Dicembre 2017>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia