Skin ADV
Martedì 16 Gennaio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




New York by night

New York by night

by Ale & Dan



15.01.2018 Vestone

16.01.2018 Gavardo

14.01.2018 Gavardo Valsabbia

15.01.2018 Giudicarie Storo

15.01.2018 Vobarno Gavardo Villanuova s/C Roè Volciano

15.01.2018 Agnosine Anfo Mura Valsabbia

14.01.2018 Vobarno

14.01.2018 Preseglie

15.01.2018 Vestone

14.01.2018 Gavardo Valsabbia






22 Dicembre 2017, 08.00
Gavardo
Presepi

Il Santo Natale e il Presepe del Borgo

di Gabriele Abastanotti
Aprirà i battenti la Vigilia di Natale il tradizionale presepio del Borgo del Quadrel, che quest’anno torna alle origini con la rappresentazione di paesaggi montani e scorci di località gavardesi

La raffigurazione della Natività ha origini antiche, già i primi cristiani usavano dipingere o scolpire le scene della nascita di Cristo nei loro punti di incontro, come già nelle prime catacombe cristiane. Se si pensa all’origine del presepio, tra storia e leggenda, si narra che fu nella notte di Natale dell'anno 1223 che S. Francesco decise di realizzare il primo Presepio vivente per celebrare la nascita del bambino di Betlemme, fattosi uomo tra gli uomini e così, un lunghissimo tempo è trascorso da allora, ma ancora oggi questo rito si ripete in numerosissime case coinvolgendo e affascinando grandi e piccini. Tra i più famosi va ricordato sicuramente quello della tradizione napoletana.
 
Quante volte ci siamo chiesti come sarebbe bello poter vivere un Santo Natale diverso dalle nostre consuete abitudini, rispettando, al contempo, le tradizioni che ci rendono così sicuri e pieni di gioia. Mentre il Borgo del Quadrel valutava come e quale nuova opera realizzare, i miei pensieri correvano al lontano mese di Giugno del 1988 quando, durante uno dei miei tanti viaggi in Polonia (ospite nelle famiglie e dagli amici di Solidarnösc), mi fu proposto di visitare alcune delle maggiori città polacche per le festività natalizie accompagnato in una insolita atmosfera per me nuova, fatta di tradizioni e consuetudini così lontane e mai tanto vicine.

A quel tempo, con gli amici del Borgo non avevamo ancora incominciato a realizzare i primi Presepi, pertanto, decisi di accettare questa opportunità e tornare a Danzica con tutta la famiglia. Sicuramente, il viaggio apostolico compiuto dal Papa nel giugno del 1987, e gli incontri con le autorità politiche doveva aver prodotto positivi e nuovi risultati nei difficili rapporti tra il Vaticano e la “dittatura” polacca. E’ infatti nel 1988 che, in Polonia, viene trasmessa per la prima volta in diretta televisiva la santa messa celebrata da sua Santità Giovanni Paolo II. Concentrato nella preparazione del viaggio, non pensai di realizzare un presepio a casa e così per meglio vivere il santo Natale acquistai una bella  statua di Gesù Bambino da donare a Mons. Jerzy Kownacki e depositarlo all’altare della chiesa da lui diretta e dedicata ai  SS. Pietro e Paolo in Danzica. 
Lasciando i ricordi là dove sono, nella mia mente e nella mente di chi con me ha vissuto quell’esperienza, è doveroso tornare a parlare del presepio che, con gli amici del Presepio del Borgo del Quadrel, sono impegnato  a realizzare, sperando ancora una volta di sorprendere ed emozionare i visitatori.
 
Tra di noi non ci sono pretese né aspettative, soltanto la voglia di divertire, avvicinare chi è lontano e in difficoltà con un semplice pensiero, ma soprattutto la voglia di lavorare ancora uniti con lo stesso spirito carismatico che animò S. Francesco nella sua originaria realizzazione. Da ben 26 anni il nostro impegno è massimo e non perde di intensità, cercando ogni anno di realizzare nuove opere che riescano a trasmettere e coinvolgere visivamente ed emotivamente quanti si apprestano a visitare il Presepio; anzi, anche di fronte alle naturali difficoltà nel coinvolgere nuovi appassionati siamo riusciti, lo scorso anno, a realizzare uno scenario magnifico con la rappresentazione della piazza di Norcia prima che fosse martoriata dai ripetuti terremoti.

E’ d’obbligo, a nome di tutti gli amici, ringraziare ancora quanti con le loro offerte ci hanno consentito di affidare ai Monaci di san Benedetto una discreta somma a sostegno del loro impegno di ricostruzione.
 
In questa nuova edizione torneremo alle nostre origini che fin dal 1992  ci hanno permesso di rappresentare paesaggi montani e scorci di intime località gavardesi, superando montagne, valli, campi e fino ad opere di restituzione architettonica completamente realizzate a mano, ad opera di artigiani, operai e pensionati semplici ma appassionati, quali siamo sempre stati.

Così, proprio in queste ore, stiamo cercando ancora di stupire noi stessi, di fronte all’ennesima sfida, con la certezza che i nostri sforzi sapranno comunicare la passione che rende il nostro Borgo, un posto sereno in cui potersi divertire e dove poter trovare la compagnia di brave persone, semplici ma incredibilmente attive, nonostante l’età e l’ormai decennale fatica. Ci rimboccheremo le maniche e cercheremo di realizzare ancora una volta quelle significative e storiche zone del nostro paese, sicuri di emozionare, stupire e appassionare. Posso solo dirvi che il progetto ha previsto la ricostruzione di una parte storica e importante nella memoria della nostra comunità, che spazia dal monastero delle suore Orsoline (attuale sede della scuola parrocchiale) con annessa chiesa di santa Maria ad altre interessanti vedute del centro storico. Chi di noi, giovani con qualche capello bianco, non ricorda quanto il Monastero abbia influito sulla nostra comunità gavardese, e quanto erano buone le caramelle e i ritagli delle particole delle suore!
 
Siamo certi che il nostro impegno riuscirà ad emozionare i visitatori e la speranza rimane quella di raccogliere favorevoli consensi. Come sempre il presepio è stato completato con l’inserimento di giochi di luci, abbondanti nevicate e pioggia, e molte altre novità abilmente realizzate dalle mani dei presepisti.

La vigilia del Santo Natale coincide quest’anno con un giorno festivo, pertanto eccezionalmente il Presepio aprirà i suoi battenti già da domenica 24 (con orario festivo), successivamente, dopo la messa di mezza notte celebrata nella chiesa parrocchiale, avrà luogo la santa benedizione di Gesù Bambino, e  il presepio resterà brevemente aperto per offrire ai presenti l’opportunità di una visita. Sarà poi possibile visitare il Presepio negli orari riportati in fondo all’articolo, magari in compagnia di un buon bicchiere di vin brulè  e qualche dolce natalizio.
 
Affidandoci come sempre alla spontanea generosità dei visitatori, l’ingresso rimane libero e il Presepio rimarrà aperto fino alle ore 19.00 di domenica 14 gennaio 2018.
 
Il presepio di quest'anno è dedicato all'amico e Presidente Cesare Cavagnini, scomparso da poco, e agli altri amici che negli anni precedenti hanno collaborato alla realizzazione delle nostre opere e purtroppo ci hanno già lasciato.
 

Giorni e orari di apertura
 
- Giorni festivi dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e dalle ore 14.00 alle ore 20.00;
- Giorni feriali dalle ore 15.00 alle ore 19.00.
 
È inoltre possibile per i gruppi prenotare visite mirate anche fuori dall’orario di apertura, telefonando a Gabriele Abastanotti, tel. 339.4461879.


In foto il presepio in allestimento
 
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa



 






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
30/12/2009 07:00:00
Emozioni al presepio del Borgo del Quadrel Sempre di grande impatto emotivo il presepio realizzato in via Fornaci a Gavardo dall’associazione “Borgo del Quadrel”.

02/01/2016 10:30:00
Emozioni al presepio del Borgo del Quadrel L’allestimento del presepio del gruppo di Via Fornaci a Gavardo anche quest’anno regala emozioni ai tanti visitatori

09/12/2008 00:00:00
Il presepio riprodurrà un quadro del Togni Proseguono a ritmo serrato da più di un mese i lavori per l’allestimento del presepio del Borgo del Quadrel, a Gavardo. Quest'anno la natività sarà rappresentata in uno scenario che riproduce un quadro del pittore valsabbino Togni.

23/12/2007 00:00:00
Un'ambientazione singolare per quello del Quadrel A Gavardo il Presepio del Borgo del Quadrel è giunto ormai alla sedicesima edizione. La peculiarità di questo presepio sta nel fatto che ogni anno la natività viene collocata in scenari diversi.

03/01/2013 12:00:00
Presepio con dedica speciale Quest'anno il presepio del Borgo del Quadrel a Gavardo è dedicato ad Andrea Andreassi, giovane papà prematuramente scomparso nel luglio scorso. E il giorno dell'Epifania arrivano gli omaggi musicali.



Altre da Gavardo
16/01/2018

Parole per capire il mondo

Prende il via questo giovedì a Gavardo la rassegna “Fabula Mundi”, organizzati dalle Acli di Bresca e da Ipsia Brescia, con tre incontri ospitati nell’auditorium di Santa Maria

16/01/2018

«Mi guido di te... istruzioni per l'uso»

È in programma per questo venerdì, 19 gennaio, a Sopraponte un incontro per adolescenti e genitori sul tema del rapporto tra guida, alcool e sostanze stupefacenti

16/01/2018

Frontale sulla 45Bis

Invade l'opposta corsia di marcia e si schianta contro un'auto che attiva dalla parte opposta. Sempre allo stesso modo, sempre lungo la stessa strada. Grave un giovane di Roè Volciano
(7)

15/01/2018

Gallerie chiuse per manutenzione

Per lavori di adeguamento agli impianti tecnologici questa settimana le gallerie degli svincoli valsabbini della 45 bis rimarranno chiuse al transito (1)

14/01/2018

Compagni di viaggio

Seconda e ultima parte del racconto del pellegrinaggio a Roma svolto dal gruppo ciclistico dell’Avis di Gavardo nell’agosto del 2000 (1)

14/01/2018

Consegnato il premio

E’ stato consegnato questo sabato nel reparto di Pediatria dell’ospedale di Gavardo il premio per l’albero più bello di questo Natale. E per l'anno prossimo il concorso si rinnova
(2)

12/01/2018

Ultima occasione per i presepi

Per chi non avesse colto l’occasione durante le feste di ammirare i presepi del Borgo del Quadrel a Gavardo e del Gruppo San Rocco di Paitone c’è la possibilità fino a questo fine settimana

12/01/2018

Ex Grignasco, al via i lavori

Dopo l'approvazione all'unanimità del piano integrato di recupero del comparto, i lavori sono iniziati con la demolizione dell'area del mercato coperto di Villanuova 

12/01/2018

«Lettera a don Milani»

Andrà in scena questa sera, venerdì 12 gennaio, e in replica domenica 14 lo spettacolo che il Teatro Gavardo ha dedicato al grande sacerdote e maestro, scomparso a soli 44 anni. Prima dello spettacolo la presentazione del libretto dell’Avis 

11/01/2018

Tutti insieme, con la banda

Il Corpo Bandistico “Nestore Baronchelli” di Sopraponte ha chiuso domenica scorsa, 7 gennaio, un anno di impegni, festeggiato dalla propria gente (1)

Eventi

<<Gennaio 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia