Skin ADV
Lunedì 24 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Al lago di Braies

Al lago di Braies

di Eliana Lombardi



24.09.2018 Anfo

23.09.2018 Val del Chiese

22.09.2018 Vestone Valsabbia

22.09.2018

23.09.2018 Villanuova s/C

24.09.2018 Vobarno Roè Volciano

22.09.2018 Roè Volciano

23.09.2018 Villanuova s/C

23.09.2018 Gavardo

23.09.2018 Gavardo






07 Maggio 2016, 08.16
Gavardo
Raccolta differenziata

Gavardo sceglie il porta a porta, la minoranza applaude

di Redazione
Anche la minoranza consiliare di Gavardo in movimento approva la scelta dell'amministrazione comunale di passare al termine del contratto del 2017 al sistema porta a porta integrale per la raccolta dei rifiuti

La buona notizia arriva dall’ultimo Consiglio Comunale, dove il Sindaco ha confermato quanto anticipato nella conferenza dei capigruppo e cioè che il Comune di Gavardo ha deciso di adottare il porta a porta integrale (“spinto”), abbandonando l’orientamento iniziale verso il sistema misto.

Non possiamo che apprezzare questa scelta - scrive in una nota la minoranza di Gavardo in movimento -. Era un punto fondamentale del nostro programma elettorale ed è ciò che abbiamo sostenuto sia in consiglio comunale (presentando una mozione in tal senso) che nelle nostre iniziative pubbliche sui rifiuti dello scorso anno in cui abbiamo portato  una serie di dati e di motivazioni che a noi  sembravano – e riteniamo lo siano ancora – evidenti e significative.

Così è stato anche nell’ultimo incontro dell’Amministrazione comunale con i cittadini proprio su questo tema. Ci fa piacere pensare che il nostro contributo sia stato utile e abbia inciso  a far pendere la bilancia nella direzione del porta a porta integrale.

La motivazione principale addotta dal sindaco in Consiglio Comunale è stata la necessità di ridurre/contenere i costi del servizio, in costante e preoccupante aumento negli ultimi anni: l’analisi dei risultati di alcuni comuni simili al nostro ha mostrato come solo il porta a porta “spinto” possa abbassare i costi al di sotto della fatidica soglia di 100 € per abitante.
Motivazione che noi condividiamo e che abbiamo sostenuto.

Ma non è l’unica; altre ce ne sono, ugualmente importanti. (Per chi volesse approfondire la questione rimandiamo ad  un nostro precedente articolo (Raccolta rifiuti: il coraggio di cambiare).

Qui, ne richiamiamo solo due, sottolineate anche dal nostro consigliere nel suo intervento all’ultimo Consiglio comunale.

La sostenibilità ambientale. Il porta a porta integrale da un lato permette di ottenere una raccolta differenziata di qualità e quindi di recuperare e  riciclare una quantità maggiore di rifiuti; dall’altro, responsabilizzando direttamente il cittadino, favorisce una progressiva riduzione alla fonte della produzione dei rifiuti. Riducendo così l’impatto sull’ambiente.

La sostenibilità sociale. Con il porta a porta integrale si avrà un aumento dei posti di lavoro (meno mezzi e più personale per effettuare la raccolta) cosa particolarmente utile per la coesione sociale, in una situazione perdurante di crisi economica ed occupazionale come quella che stiamo vivendo.

Un passo importante verso un paese più attento  alle condizioni ambientali e alla qualità delle vita, un passo coerente anche con l’iniziativa, da noi proposta e approvata dall’amministrazione comunale nel novembre scorso, di aderire alla rete dei comuni non spreconi: solo il porta a porta, infatti può indurre circoli virtuosi e favorire in prospettiva l’opzione “rifiuti zero”.

Un percorso, quindi, iniziato nella giusta direzione, una sfida da cogliere per noi tutti, cittadini di Gavardo e un’opportunità per il nostro Comune di crescita verso modelli di gestione più sostenibili.
Un percorso già scelto da molti altri comuni della Vallesabbia e che  auspichiamo venga condiviso dall’intera Comunità montana.

Nel nostro articolo citato, parlavamo di coraggio di cambiare: questa volta, il coraggio non è mancato.

Gavardo in movimento







 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID66063 - 07/05/2016 18:07:40 (turk182) anvedi
sul fatto che i costi diminuiscano nutro qualche dubbio visto che lo si era detto anche per il sistema a calotta e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il sistema spinto necessita di più impegno da parte dell'amministrazione (ma non si doveva essere tutti uguali in vallesabbia??? ) e i costi sono destinati a lievitare.Con questa mossa il Sindaco paga il pegno della vittoria alle elezioni (grazie alla campagna elettorale fatta da Gavardo in Movimento contro Gavardo Rinasce) completando uno dei punti fondamentali del programma di Gavardo In Movimento..per chi avesse ancora dei dubbi..


ID66064 - 07/05/2016 18:49:09 (piedemerda) speriamo
Speriamo funzioni bene, a Salò tanti cittadini sono scontenti del servizio porta a porta, forse devono ancora abituarsi, ma è un cambiamento enorme dalla calotta a porta a porta, speriamo che non ci siamo vandali che per puro divertimento fanno danni ai bidoncini, auguro che la soluzione quando inizierà vada in maniera corretta, il comune penso che ce la metta tutta speriamo i cittadini siano consapevoli che il futuro pulito è per i nostri figli.


ID66065 - 07/05/2016 21:55:33 (skyrunner968) anvedi2
Concordo con turk


ID66071 - 08/05/2016 12:07:32 (Venturellimario)
Era sufficiente tornare al vecchio sistema.Si vuole scopiazzare sempre gli altri.100 € a persona all'anno , meno di 8€ al mese e nessuno problema ( come già detto non tutti hanno il tempo e la voglia di differenziare) basta solo un po di vigilanza, magari non seguendo solo chi parcheggia e si renderebbe tutto più facileInsomma pago per farmi portar via lo sporco, ci guadagnano rivendendolo e ora mi tocca anche separare tutto?Un bel guadagno........per il comune, non per noi


ID66075 - 08/05/2016 23:30:45 (maxero)
Da un po' di tempo manco dai commenti ma vedo con piacere che Turk182 c'è sempre.Bellissima l'idea che il Sindaco Vezzola e l'opposizione di Silvio Lauro siano in realtà due blocchi "inciucioni" che hanno combattuto insieme contro Gavardo Rinasce. Fantastico!


ID66076 - 09/05/2016 09:30:55 (turk182) Ricordare
Caro max zero, come tutti sei corto di memoria.Ancora prima delle votazioni Vezzola defini' Gavardo in Movimento "l'unica seria minoranza" , sapeva benissimo che con tre liste lui avrebbe vinto. Che poi la campagna elettorale di Gavardo in Movimento sia stata fatta contro Gavardo Rinasce (se la presero pure per il camper che inquinava) è un dato di fatto.Che poi ogni volta che il Sindaco deve nominare qualcuno delle minoranze casualmente scelga sempre uno di Gavardo in Movimento è pure quello un dato di fatto.


ID66079 - 09/05/2016 15:09:05 (alfo70) sig
Speriamo bene sono molto titubante


ID66082 - 09/05/2016 18:58:14 (rose)
scommettiamo??dalle calotte rotte, ai sacchetti lasciati nei pressi dei cassonetti ecc ecc....passeremo ai sacchetti sparsi ovunque , lanciati di notte dale auto ..Concordo con MarioVenturelli con una variante...per chi vuole risparmiare la consegna di quanto differenziato all'isola ecologica ....piu' consegno e meno pago !! agli altri la liberta' di differenziare meno, e pagare di piu' ( anche quella e' democrazia )


ID66086 - 09/05/2016 22:52:38 (maxero)
Che noia. Ma voi credete che Gavardo sia il centro del mondo dove capitano le peggio cose? Sapete che esiste una intera città come Brescia che passa al porta a porta? E che molti altri paesi lo hanno già fatto. Il fatto che inizialmente ci saranno difficoltà fa parte del nuovo su ogni cosa...poi tutto si stabilizza e spesso ci abituiamo e non vorremmo più tornare indietro. Però io sto ancora ridendo dell'asse Vezzola-Lauro. Sono in estasi.


ID66092 - 10/05/2016 09:12:19 (turk182) ridi ridi
mentre max zero ride i cittadini gavardesi piangono.contento lui


ID66097 - 10/05/2016 22:42:33 (blurex)
Ci risiamo, i costi (da non confondere con i prezzi del servzio che il gestore fattura all'amministrazione) aumenteranno di un buon 30% se va bene, l'abbandono cambierà ma il Chiese vi sarà di grande aiuto, della qualità dei rifiuti (per la quale fino ad oggi non è stato fatto niente sennò oggi la situazione sarebbbe diversa) ne parliamo tra un anno insieme ai ricavi per le MPS.E dei disagi che crea questo servizio,nessuno dice niente? Se ho il mal di pancia e voglio andare a letto alle 8 devo aspettare le 10 o mezzanotte per portare fuori lo sporco? E se vogliofarmi una grigliata di pesce al sabato sera con gli amici mi devo tenere gli scarti fino al lunedì? Per me questa è una GRAVE LIMITAZIONE DELLA LIBERTA' PERSONALE.


ID66103 - 11/05/2016 08:27:16 (maxero)
Siete solo pronti a criticare e non avete nemmeno idea di come funzioni negli altri paesi della provincia. Naturalmente se una volta a regime il sistema funzionerà Turk


ID66108 - 11/05/2016 12:17:17 (maxero)
...saranno pronte le sue scuse


ID66110 - 11/05/2016 14:24:22 (turk182) mah..
Non vedo perche' dovrei scusarmi, ho delle perplessita' e non mi sembra di essere l'unico a quello che leggo. Per sapere come funziona (o come non funziona) basta leggere cosa succede in giro e per esempio, a Brescia, di perplessità ne ha suscitate parecchie. Sta di fatto che io paghero' la stessa cifra ma il mio impegno è più che duplicato mentre dovrebbe essere il contrario, più mi impegno meno pago. Però per max zero è solo una questione personale con il sottoscritto..pazienza.


ID66118 - 11/05/2016 23:01:52 (blurex) Ci sono servizi e servizi
Di solito si paga per avere un servizio, qui si tratta di pagare per avere l'onore di fare un servizio all'amministrazione!!!


ID66134 - 12/05/2016 20:11:59 (maxero)
Essere responsabili comporta impegno. È più facile gettare tutto nell'indifferenziata e bruciare.Se poi l'amministrazione ci guadagna che male c'è? Il bene o il male sta nell'utilizzo dei denari e non nel denaro in sé.


ID66136 - 12/05/2016 22:47:21 (blurex)
Se devo impegnarmi vorrei farlo per qualcosa che ne valga la pena. Il PaP non lo è, la calotta richiedeva un minimo impegno anche da parte del gestore e dell'amministrazione, non ha funzionato perchè non è stato fatto niente per farla funzionare,si è preferito optare per un servizio che grava quasi completamente sui cittadini. Poi se per una volta a guadagnare fossero i cittadini, che male c'è?


ID66153 - 13/05/2016 19:38:56 (maxero)
Mi ha convinto. Vorrei un cassonetto enorme dove buttare tutto. Magari sotto casa. E senza pagare nulla. Che male c'è?


ID66154 - 13/05/2016 21:30:11 (blurex)
Hai mai sentito parlare di ARROWBIO? cercalo su google.


ID66161 - 14/05/2016 13:23:26 (piedemerda)
maxzero, rifletti prima di scrivere, di perplessità il porta a porta ne dà parecchie, se devo pagare per avere un servizio che non hò mi girano le scatole, se poi sento gli altri comuni che lo utilizzano e si lamentano, ancora di più, ma se il comune di gavardo si organizza meglio e funzionasse meglio ancora, fino a che non va in funzione sono solo congetture e si puo esprimere la propria perplessità senza cadere nella discussione,


ID66162 - 14/05/2016 13:24:31 (piedemerda)
non sono contento neanche io del porta a porta, ma se organizzato bene alora meglio cosi.


ID66163 - 14/05/2016 15:50:40 (turk182) per correttezza..
il titolo e'fuorviante.."la minoranza applaude" sarebbe più corretto dire "una minoranza applaude" oppure "la minoranza di Gavardo In Movimento" visto che sull'argomento in questo articolo, dell'altra minoranza (Gavardo Rinasce) non c'e' traccia..


ID66244 - 17/05/2016 22:38:07 (Zanoni Claudio) Una mia opinione
La nuova gestione dei rifiuti e il nuovo metodo non è solo per Gavardo, ma coinvolgerà tutta la Valle Sabbia. Il concetto è a più ampio respiro, fra i commenti si capisce che ci sarà molto da lavorare per responsabilizzare le persone. In breve si deve pensare che non abbiamo un pianeta di scorta, tutto quello che facciamo nel bene per l'ambiente serve a tutti, quello che di male facciamo questo si ripercuoterà su tutti noi e anche sulle generazioni future. Il nostro pianeta non ha risorse infinite e buttare in modo irrecuperabile un solo pezzo di materiale sotto forma di rifiuto è un affronto alla terra e alla nostra intelligenza. Le amministrazioni vi stanno dando gli strumenti per ottenere al meglio questo, starà a voi usarli nel modo più opportuno e secondo coscienza.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
20/01/2015 16:41:00
Un «porta a porta» per Gavardo La nuova scommessa di “Gavardo in movimento”, compagnine di minoranza in Consiglio, è il "porta a porta" nella raccolta dei rifiuti. La proposta è stata illustrata sul periodico distribuito nei giorni scorsi ai cittadini di Gavardo


27/06/2018 07:55:00
A Gavardo con l’umido Il VideoTour di Vallesabbianews.it fra i centri valsabbini che quest’anno hanno introdotto la differenziata Porta a Porta, ha fatto tappa a Gavardo

02/02/2018 13:23:00
«Porta a porta o Punto di raccolta?» Egregio Direttore, Le scrivo per informare di un disagio nato con la raccolta "porta a porta" nel comune di Gavardo, nella frazione di Sopraponte...

04/02/2018 11:42:00
C'è ancora da spiegare Il “porta a porta” ha preso il via, ma forse non se n’è parlato abbastanza.
Aggiornamento ore 17 di domenica


30/01/2018 08:36:00
Via i cassonetti, arriva il porta a porta È iniziata ieri a Gavardo la rimozione dei cassonetti dalle strade in vista dell’avvio del nuovo sistema di raccolta dei rifiuti porta a porta



Altre da Gavardo
23/09/2018

Sembra quand'ero all'oratorio

C’è un posto bellissimo che si potrebbe chiamare la città dei bambini e dei ragazzi. È un posto dove fare comunità, incontrarsi, giocare, fare amicizia, costruire legami basati sulla bontà, la semplicità, la gioia, la gratuità ed il servizio agli altri. (1)

23/09/2018

Fonderie Mora, «Intervenga il commissario»

Cittadini e associazioni ambientaliste hanno inoltrato una lettera al commissario prefettizio per richiedere un incontro urgente sulla situazione ambientale relativa alla fabbrica gavardese (1)

21/09/2018

Una nuova cappa per l'Ospedale di Gavardo

L’apparecchio è stato donato al Reparto di Oncologia dall’azienda Valsir Spa di Vestone e dall’Associazione ESA Onlus e servirà a garantire professionalità e sicurezza nella preparazione dei farmaci chemioterapici  (4)

21/09/2018

Gavardo paese commissariato, di chi è la colpa ?

L'ex vicesindaco Sergio Bertoloni ci scrive rispondendo a quanto da noi pubblicato a firma dell'ex consigliere Michele Vezzola


20/09/2018

Le nozze di diamante di Pasqua e Tarcisio

Tantissimi auguri a Pasqua e Tarcisio di Sopraponte che proprio oggi, giovedì 20 settembre, festeggiano 60 anni di matrimonio

20/09/2018

A tutela dell'incolumità, in attesa delle verifiche

Con una nota il Commissario Prefettizio di Gavardo, dott.ssa Anna Pavone, precisa le ragioni dell'istituzione del senso unico alla strettoia di Sopraponte

19/09/2018

È tempo di Palio dei Borghi

Prende il via questo giovedì la sfida fra i cinque borghi di Gavardo, che si concluderà domenica con la festa di San Luigi

19/09/2018

L'associazione «Borgo del Quadrel» premia i poeti dialettali

La scorsa settimana, in un auditorium gremito, sono state premiate le migliori poesie partecipanti al concorso in ricordo di Cesare Cavagnini. Presentato anche il volume “Rime e ricordi”, che raccoglie tutte le opere presentate 

19/09/2018

Raccolta porta a porta: i risultati di una buona gestione pubblica

I primi dati ufficiali sul servizio di raccolta porta a porta, ai quali la stampa ha dato ampio risalto, mi permettono di condividere con i lettori gavardesi, ma non solo, di Valle Sabbia News, alcune riflessioni personali...

18/09/2018

Don Fabrizio Gobbi nuovo parroco di Prevalle

Sarà l'attuale curato di Gavardo, Soprazocco e Vallio Terme a guidare le parrocchie di San Zenone vescovo e di San Michele Arcangelo in Prevalle



Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia