Skin ADV
Mercoledì 26 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Spezie di Bukara

Spezie di Bukara

by Miriam



24.09.2018 Anfo

24.09.2018 Vobarno Roè Volciano

24.09.2018 Barghe

25.09.2018 Val del Chiese

25.09.2018 Bione Agnosine Odolo Preseglie

25.09.2018 Serle Provincia

25.09.2018 Gavardo

24.09.2018 Storo

25.09.2018 Idro Valsabbia

24.09.2018 Provincia






23 Settembre 2015, 07.03
Gavardo
Ambiente

Fonderie Mora: diffida dalla Provincia

di Redazione
Legambiente: «Tante chiacchiere smentite dai fatti, l'ultima relazione Arpa denuncia una situazione in fonderia, se possibile, ancora peggiore della precedente».

Il Circolo Legambiente Brescia Est scrive a Vallesabbianews.

Come già affermato in una lettera pervenutaci e pubblicata nei giorni scorsi, la relazione Arpa riguardante le Fonderie Mora, inizialmente negata dagli uffici del Comune di Gavardo, è stata consegnata al sodalizio presieduto dal prof. Raffaele Forgione dalla Provincia di Brescia.

Un documento che ha rilevato una situazione tale nell'azienda gavardese da spingere la stessa Provincia (non gli ambientalisti) ad avviare, lo scorso 18 agosto, un procedimento di diffida all'utilizzo dei forni di trattamento termico non contemplati nella vigente Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), per altro scaduta nel 2011.
 
Ecco la lettera di Legambiente.
Chi volesse approfondire trova anche nella sua forma integrale la relazione Arpa di cui si scrive unita alla lettera di diffida della Provincia.
 
Al Direttore di  Valle Sabbia News Ubaldo Vallini
Gentile Direttore le invio le note seguenti con preghiera di voler Le pubblicare sul suo giornale.
 
Il 23 luglio 2015 si è conclusa l'ultima visita ispettiva di ARPA presso la Fonderia Mora di Gavardo.
La successiva relazione, trasmessa al competente Ufficio della Provincia il 6 agosto scorso con nota n 112906, al Comune di Gavardo e naturalmente alla Fonderia stessa, ha indotto la Provincia ad avviare un procedimento di diffida, attivato il 18 agosto 2015 dal Direttore del Settore Ambiente e Protezione Civile della Provincia di Brescia.

Il provvedimento, che riteniamo grave, si accompagna al divieto di esercitare attività con i forni di trattamento termico presenti in azienda, in assenza di autorizzazioni e non previsti dalla vigente AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale, scaduta dal 2011), 
Anche se  tardivo, si tratta di un provvedimento inevitabile, che conferma tutte le valutazioni e le osservazioni per anni rappresentate dai cittadini, da Legambiente e da Gaia e smentisce nei fatti, le ripetute affermazioni aziendali che hanno sempre affermato la piena regolarità del proprio operato.

Benchè difficile, in quanto il dossier Mora è ormai imponente, crediamo utile presentare una sintesi della vicenda per la quale Legambiente, Gaia e i gruppi di minoranza Consiliare  gavardesi sono a fianco dei cittadini che lamentano la gravissima situazione creata da
un'azienda che da anni opera in spregio alle regole vigenti, con grave danno alla loro salute, alle loro proprietà, all'ambiente  e ai loro diritti.

1°  ITER ISTRUTTORIO NUOVA A.I.A.
Riteniamo che la diffida Provinciale sia un semplice atto dovuto.
L'Azienda opera in regime di proroga di un'AIA scaduta ormai dal 2011. Le proroghe, legate anche alle vicende societarie della Fonderia, sembravano doversi concludere nella primavera scorsa.
Infatti, a seguito di una precedente visita ispettiva di ARPA, erano stati concessi ulteriori margini per completare una serie di interventi ritenuti assolutamente necessari per poter procedere all'adozione di una nuova AIA, legati anche a precisi impegni assunti dall'Azienda.

Di ciò siamo stati informati in un incontro presso gli stessi Uffici della Provincia, incontrando una reale disponibilità al dialogo e impegno da parte dei funzionari incaricati all'istruttoria dell’AIA e dei Consiglieri delegati all'ambiente e alle attività produttive, a trovare soluzioni adeguate e tempestive a fronte di una situazione difficile e spesso fuori controllo, così come illustrata da noi e dai cittadini .

La nuova visita ispettiva purtroppo, confermando tutte le numerose e giuste segnalazioni dei residenti all'Amministrazione comunale, fotografa una situazione pesantissima che a nostro avviso non consente il rilascio di una nuova AIA, né può autorizzare ulteriori proroghe.
Crediamo invece che essa confermi l'inaffidabilità dell'Azienda, che mette in tal modo a rischio, oltre alla salute e all'ambiente, anche la propria continuità ed i lavoratori in essa coinvolti.

2° ANOMALIE, VIOLAZIONI E DIFFIDA
Le criticità evidenziate nella relazione dell'ultima visita ispettiva, riconfermano quasi per intero il preoccupante quadro già noto, toccando praticamente tutti i reparti ed in particolare quelli a più alto impatto emissivo.

Ecco una rapida sintesi dei rilievi ispettivi, anch'essa non semplice, perché da quanto emerge nella relazione non si trova un reparto a norma:

a) Valutazione materie prime: “la procedura di controllo del rottame in ingresso è incompleta, non sono descritti i controlli di primo e secondo livello e non esiste il registro degli eventi; il materiale presente in una buca di stoccaggio non sembrava rispettare le caratteristiche previste dalle norme”.

b) Emissioni in aria: è stata osservata una fase di colata di getti medi: “le emissioni non sono state intercettate dalle cappe aspiranti laterali... si ipotizza che l'efficacia dei sistemi aspiranti sia compromessa dalle numerose aperture dei capannoni“; “nonostante la scarsa efficacia dell'aspirazione nelle emissioni si trovano polveri, formaldeide e sostanze organiche volatili”.

c) Fase di scorifica: “la scorifica in siviera prima della colata nei grandi getti avviene in postazione non confinata e non aspirata; si sono osservate emissioni diffuse di polveri e fumi non trascurabili”. Anche la “scorifica dei getti medi avviene in postazione non confinata e non aspirata e ha dato origine ad emissioni diffuse”.

d) Formatura getti medi/mescolatori: “presenza di alcool furfurilico significativa... soglia di percezione olfattiva superata“; “concentrazioni di ammine, fenolo, formaldeide superiori alla norma”; “i sistemi di abbattimento a tessuto non possono essere considerati idonei“.

e) Frantumatore per recupero sabbie: “la Provincia ha richiesto alla ditta la verifica dell'efficienza dei sistemi filtranti; ad oggi non è ancora stata effettuata questa verifica”.

f) Reparto animisteria: “sono state rilevate concentrazioni significative di dimetilammina e sostanze organiche volatili (trimetilbenzeni – idrocarburi); le concentrazioni di trimetilbenzene sono risultate superiori alle soglie olfattive in quattro campioni su sei“.

g) Formatura/ Distaffatura/ Raffreddamento terre: “nel rapporto di prova non sono dettagliate le operazioni del processo produttivo avvenute in concomitanza dei prelievi a camino”; “nel rapporto di prova all'emissione del distaffatore emergono concentrazioni non trascurabili di fenolo, benzene, trimetilbenzeni e altri solventi“; “l'emissione della distaffatura e raffreddamento terre è stata monitorata ed i risultati di polveri, toluene, trimetilbenzene, idrocarburi, benzene, alcool furfurilico e fenolo sono stati superiori al limite”; “l'impianto di distaffatura dei getti medi è aspirato solo tramite una cappa laterale … la temperatura dei pezzi e la zona non confinata può dare origine ad emissioni diffuse sia di polvere che di sostanze volatili”; “la distaffatura dei grandi getti non è aspirata e viene effettuata dopo l'apertura della forma mediante martello demolitore”.

h) Altre emissioni non aspirate: “2 forni elettrici per trattamento termico forme piccole, non citati in autorizzazione“; “2 forni elettrici in reparto formatura, non citati in autorizzazione”; “1 forno a metano per trattamento termico grandi getti...emissione fumi di combustione non autorizzata“; “mescolatore mobile reparto grandi getti... emissione in ambiente di lavoro”; “sbavatura medi e grandi getti...cabine di confinamento e aspirazione in fase di completamento”.

i) Suolo: nella “zona di stoccaggio delle terre esaurite sono ancora visibili accumuli di polvere e pavimentazione dissestata”; “le aree non impermeabilizzate non dovrebbero essere utilizzate, come invece rilevato in sopralluogo, al deposito di materiali, quali staffe e altri pezzi di ricambio”.

l) Rifiuti:
dal copioso elenco di rifiuti, talvolta espressamente definiti pericolosi, si citano alcune situazioni constatate: “scorie di fonderia: stoccaggio in box in calcestruzzo coperto; la zona circostante evidenzia pavimentazione non in buono stato o non impermeabilizzata e dispersione di materiale polverulento”; “forme ed anime da fonderia: stoccaggio in box in calcestruzzo coperto; la zona circostante evidenzia pavimentazione non in buono stato o non impermeabilizzata”; “fanghi e residui di filtrazioni da trattamento fumi: depositato sul fondo della vasca da 730m3, asportato direttamente dalla stessa; non è stata effettuata analisi” ; “rivestimenti e materiali refrattari: stoccaggio in box in calcestruzzo parzialmente coperto; la zona presenta pavimentazione non in buono stato o non impermeabilizzata”.

m) Amianto: “la ditta stima che siano presenti ancora circa 6000 m2 di coperture contenenti amianto... La Provincia ha chiesto un cronoprogramma per lo smaltimento dell'amianto presente... non è stato stilato un vero e proprio cronoprogramma”.

n) Notiamo che non si  trovano in relazione, riferimenti a due fattori comunque presenti in modo significativo: la rumorosità e le vibrazioni connesse ad alcuni processi, avvertibili in tutte le abitazioni circostanti, anche in ore notturne.  Sarà nostra cura  rappresentarli e documentarli.

A conclusione di questa sintetica esposizione, ci permettiamo un solo commento, giusto sul  tema citato al punto “m” : chiunque passa davanti alla Fonderia Mora può osservare lo stato di queste coperture ed immaginare cosa può accadere con 6000 m2 (SEIMILA!) di eternit  in amianto decotti in un ambiente di lavoro simile, dove sono in gioco alte temperature, vibrazioni anche molto forti, lavorazioni a caldo prive di aspirazione.

Saremmo più tranquilli, in proposito, se il Sindaco, responsabile della tutela della salute pubblica, si attivasse per dare le più ampie rassicurazioni sullo stato di tali coperture, o, in caso contrario attivasse un'ingiunzione prescrittiva ed esigere l'immediata rimozione.

Abbiamo già avuto modo di citare il codice etico del Gruppo Camozzi, attuale titolare della Fonderia Mora, in grande evidenza sul sito del Gruppo.
Ne forniamo uno  stralcio emblematico a dimostrazione di quanto gli enunciati siano lontani dalla realtà. 

La Fonderia ed in fotocopia l’Amministrazione Comunale, non hanno perso occasione, anche in questa estate, per  fornire alla stampa e all'opinione pubblica garanzie sulla propria correttezza e sul rispetto assoluto delle norme.

Tante chiacchiere sono smentite dai fatti che riassumiamo in tre righe :
• l'ultima relazione Arpa, che a noi appare una notizia di reato
• l'avvio, finalmente, di una procedura di diffida
• il rischio ed il dramma psicologico quotidiano cui sono sottoposti coloro che convivono con questa realtà produttiva, ben lontana dall'esercitare la propria attività nel rispetto delle norme. 
 
Distinti Saluti
Prof. Raffaele Forgione (Presidente Circolo Legambiente Brescia Est)
 
----------------------------------------------------------------------
Dal Codice Etico del  Gruppo Camozzi 

TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA SUL LAVORO
Il Gruppo garantisce la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori conformandosi ai criteri alla base delle disposizioni normative in materia e adottando le misure necessarie per la protezione dei lavoratori.

Tali criteri guida possono così individuarsi:
- evitare i rischi;
- valutare i rischi che non possono essere evitati;
- combattere i rischi alla fonte;
- adeguare il lavoro all’uomo, in particolare per quanto concerne la concezione dei posti di lavoro, la scelta di attrezzature/metodi di lavoro e di produzione per attenuare il lavoro monotono e ripetitivo e per ridurne gli effetti sulla salute;
- tener conto del grado di evoluzione della tecnica;
- sostituire ciò che è pericoloso con ciò che non è pericoloso o meno pericoloso;
- programmare la prevenzione, mirando ad un complesso coerente che integri nella medesima tecnica l’organizzazione del lavoro, le condizioni di lavoro, le relazioni sociali e l’influenza dei fattori dell’ambiente di lavoro;
- dare la priorità alle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale;
- impartire adeguate istruzioni ai lavoratori.
 
RISPETTO DELL’AMBIENTE 
ll Gruppo gestisce le proprie attività nella convinzione che la tutela dell’Ambiente sia un valore fondamentale della collettività, non antitetico all’obiettivo della propria evoluzione aziendale.
Si impegna ad operare nel rispetto delle normative vigenti, applicando le migliori tecnologie disponibili e promuovendo uno sviluppo delle proprie attività volto a valorizzare le risorse naturali, preservare l’ambiente per le generazioni future ed a promuovere iniziative per una sua diffusa tutela.


RELAZIONE_ARPA_E_DIFFIDAr3.pdf








 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID61270 - 23/09/2015 09:05:59 (bob63) restare o andarsene?
Bene, penso che ha sto punto se ne andranno in qualche paese dell'est, la fusione in genere comporta sempre inquinamento, difficilmente abbattibile al 100%, i rottami spesso vengono dal settore automobilistico o da carpenteria pesante, va da se' che e' materiale sporco, (unto o grasso) lavarlo? praticamente impossibile (in ogni caso genera fanghi) le emissioni sono enormi, vedi l'ILVA di Taranto, e come se non bastasse una legiferazione complessa e gestita da troppi enti, morale: o si mettono queste aziende in posti desolati (ma non risolviamo il problema)oppure si chiudono, non dimentichiamoci che tutti questi investimenti spesso non valgono la candela al di la di tutte le buone intenzioni.


ID61271 - 23/09/2015 09:44:03 (roberto74) e quindi?
Le belle parole del Sindaco? Mò voglio vedere come ne esce....sempre e solo business, mai una volta che si cerca di capire se la salute a volte è importante. Capisco che i danni alle persone non li verifichi nell'immediato, ma andate a vedere i 60/70 enni che decenni fa hanno lavorato in fonderie e acciaierie di Odolo e dintorni...avete visto la media di decessi e tumori in corso? Poi, se deve essere il dio denaro, avanti....tanto chi si arricchisce non abita li....


ID61275 - 23/09/2015 12:23:35 (ecellini74)
Cosa non va è facile da scrivere per gli enti preposti ASL/ARPA ecc... Troveremo mai un ente che scriva in modo chiaro: Entro 60 giorni di tempo dovete installare il seguente impianto di aspirazione di questo modello con queste caratteriste, che eliminano questa carenza! No, non lo scriveranno mai, perchè nessuno si prenderà mai la responsabilità della scelta, se li interpelli, ti comunicano: il nostro è un consulto, poi dovete decidere voi cosa fare. In questo modo alla prossima verifica tra qualche anno ti diranno ancora: così non va bene, ma soluzioni e proposte mai. PROVARE PER CREDERE


ID61276 - 23/09/2015 12:35:51 (ecellini74)
Leggendo la relazione evinco che l'AIA è scaduta dal 2011.Ben 4 anni fa, mi pare normale che ci siano dei camini non autorizzati, se sono stati installati dopo....Mi sarebbe piaciuto leggere per ogni contestazione esempio: Valutazione materie prime: “la procedura di controllo del rottame in ingresso è incompleta, non sono descritti i controlli di primo e secondo livello e non esiste il registro degli eventi; il materiale presente in una buca di stoccaggio non sembrava rispettare le caratteristiche previste dalle norme”. AVREI LETTO VOLENTIERI: Sostituire/modificare la procedura di controllo rottame con quella allegata, come da DLGxxx, creare registro eventi come da allegato xxx. Il materiale presente in buca non rispetta le norme per questo motivo, elencare i punti non rispettati. NON SEMBRAVA dice tutto e dice niente, se lo stato e i suoi enti non danno chiarezze e certezze per primi è un disastro.


ID61277 - 23/09/2015 13:36:06 (turk182) chi fa da se..fa per tre
E così cittadini, Legambiente e comitato GAIA riescono a fare quello che per anni è stato impossibile, scoperchiare il vaso di pandora delle Fonderie Mora benche' sindaco


ID61279 - 23/09/2015 13:41:18 (turk182) chi fa da se ..fa per tre
e così cittadini, Legambiente e comitato GAIA riescono a fare quello che per anni e' stato impossibile, scoperchiare il vaso di Pandora delle Fonderie Mora benche' sindaco e amministrazione abbiano fatto di tutto per tenerlo ben chiuso. Ora tutti gli enti preposti sono a conoscenza della situazione, credo che l'indagine epidemiologica di dettaglio sia quanto mai necessaria e l'apertura del procedimento di DIFFIDA chiarisce che usare quei macchinari è un REATO, non proprio una cosa da nulla.


ID61281 - 23/09/2015 13:46:57 (turk182) una pagina piu' del libro
devo fare i miei complimenti ad ecellini74 perche' riesce sempre a stupirmi, dopo aver letto di tutto e di piu' da parte sua a difesa della ditta e del sindaco (e' arrivato addirittura a dire che le polemiche al riguardo rendevano il sindaco più forte e chi la capisce e' bravo) ora pur di non dover dar ragione a chi ha sempre sostenuto che la situazione era gravissima (per colpa in primis della Ditta e poi dell'amministrazione comunale) si inventa che la colpa e' dello stato! INCREDIBILE! a leggere eccellini74 sembra quasi che sia lui a scrivere le dichiarazioni esilaranti del sindaco al riguardo ma sono sicuro che ne leggeremo altre.


ID61284 - 23/09/2015 13:57:40 (ecellini74) bravo
bravo, complimenti, hai ottenuto la tua vittoria, te ne auguro altrettante. Chi vince solitamente cammina sui cadaveri dei perdenti, vedremo di che cadaveri si trattera, se sindaco, azienda o lavoratori. Come sempre, con il tuo modo di fare stai mettendo in bocca ad altri parole che io non ho scritto, ovvero che difendevo la ditta. Ovviamente tu non sai leggere altro che il tuo punto di vista, si evince dai tuo commento, rileggi più volte il mio, forse più avanti capirai quello che ho scritto. Visto che sei tanto bravo, come ti avevo gia scritto in passato, proponiti tu come Direttore Generale dell'azienda, hai le carte in regola per risolvere tutti i problemi.


ID61301 - 23/09/2015 20:29:58 (turk182) vittoria?
caro Ecellini74, questa non è una vittoria per me dato che io non ho fatto proprio nulla, anzi, a guardarla bene è una sconfitta per tutti. Tutti ne escono male, i cittadini che ora sanno che hanno in casa un pericolo ambientale di non poco conto, i lavoratori perche' in quella fabbrica ci vanno loro tutti i giorni, le istituzioni come il Comune che invece di essere super partes ha deciso che l'interesse economico di un privato ha la precedenza sui propri cittadini, l'ASL e L'ARPA che pur certificando situazioni difficilmente accettabili sono prive del potere di intervenire e demandano ad altri e, soprattutto, ne esce male lo Stato di diritto, quello che ci dovrebbe tutelare e che invece rimane impigliato tra i mille lacci e laccetti che permettono a fabbriche come questa di fare quello che vogliono. non è una vittoria. Su una cosa pero' concordo, se alla guida di questa fabbrica c'è la stessa famiglia da sempre, forse un cambio di dirigenza con persone


ID61310 - 23/09/2015 23:00:20 (sissy) tumori...
Ma chi difende la ditta, è intrallazzato con questa? Come si fa a difendere una fabbrica che è evidente che sta inquinando il paese, e non forse, come si poteva pensare prima, ma sicuramente, visto le varie relazioni dell'ASL e dell'ARPA. Devo dire a ecellini74 che la competenza di questi due enti non è quella di trovare soluzioni ma quella di rilevare infrazioni. Lo dico perchè lo so. Le soluzioni le devono trovare i tecnici incaricati dall'azienda e competenti in merito alle varie lavorazioni che ivi svolgono. Quindi se dovete contestare, fatelo almeno con cognizione di merito.


ID61315 - 24/09/2015 11:02:08 (turk182) bresciaoggi10luglio2015
Mi piacerebbe risentire l'Ingegnere Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione delle Fonderie Mora visto che mentre l'ARPA rilevava quanto sopra riportato, lui tranquillamente affermava che '' Ripeto, non c'e' da preoccuparsi. Sono anni che l'azienda investe e parecchio, sule tema della sicurezza e sulle emissioni''. mi verrebbe da dirgli che se questi sono i risultati di così grandi investimenti in tema di salute e sicurezza forse qualcuno dei suoi ha sbagliato ma di brutto oppure era lui che raccontava..frottole? Visto il ruolo che ricopre sarebbe davvero molto grave.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/07/2017 08:00:00
Fonderie Mora: terza diffida Botta e risposta fra Fonderie Mora e Arpa, con la Provincia di mezzo, per le inconguenze registrate in merito ai rumori prodotti dall'azienda

10/04/2017 15:55:00
Diffida alla Provincia ed esposto alla Procura I comitati di cittadini e le associazioni ambientaliste si stanno muovendo in vista della chiusura della pratica di rilascio dell’Aia alle Fonderie Mora da parte della Provincia

19/09/2015 09:48:00
Legambiente: «La pretestuosa leguleia dell'Amministrazione gavardese» Secondo Legambiente, lo "zelo istruttorio" messo in atto nel municipio di Gavardo per negare trasparenza sulla vicenda della Fonderia Mora, andrebbe meglio indirizzato nel far rispettare le leggi sul lavoro e nel tutelare la salute pubblica


25/06/2016 06:37:00
«Denunciate quelle fonderie» In vista della Conferenza dei Servizi sul rinnovo dei permessi alle Fonderie Mora, attesa per il 5 luglio, Legambiente attacca e con una diffida chiede alla Provincia di denunciare l'azienda per il reato, continuato, di emissione di sostanze nocive nell'ambiente


04/09/2015 16:25:00
Legambiente? No grazie Legambiente chiede in municipio una copia della relazione ispettiva dell'Arpa alle Fonderie Mora. L'azienda nega il suo consenso all'accesso agli atti amministrativi che la riguardano. Il Comune di Gavardo si adegua




Altre da Gavardo
25/09/2018

Camilla, il «pastorello» di Tosca

Un’esperienza davvero unica quella che sta per vivere la giovane Camilla Lonati di Sopraponte, a cui è stato assegnato un ruolo nelle repliche dell’opera di Puccini all’interno della stagione lirica del Circuito Opera Lombardia 

25/09/2018

Il Borgo del Quadrel vince il Palio

L’entusiasmo e la voglia di mettersi in gioco non sono certo mancati al gruppo del Borgo del Quadrel, che si è aggiudicato la vittoria nella tradizionale disfida promossa dall’Oratorio di Gavardo  (2)

23/09/2018

Sembra quand'ero all'oratorio

C’è un posto bellissimo che si potrebbe chiamare la città dei bambini e dei ragazzi. È un posto dove fare comunità, incontrarsi, giocare, fare amicizia, costruire legami basati sulla bontà, la semplicità, la gioia, la gratuità ed il servizio agli altri. (1)

23/09/2018

Fonderie Mora, «Intervenga il commissario»

Cittadini e associazioni ambientaliste hanno inoltrato una lettera al commissario prefettizio per richiedere un incontro urgente sulla situazione ambientale relativa alla fabbrica gavardese (2)

21/09/2018

Una nuova cappa per l'Ospedale di Gavardo

L’apparecchio è stato donato al Reparto di Oncologia dall’azienda Valsir Spa di Vestone e dall’Associazione ESA Onlus e servirà a garantire professionalità e sicurezza nella preparazione dei farmaci chemioterapici  (4)

21/09/2018

Gavardo paese commissariato, di chi è la colpa ?

L'ex vicesindaco Sergio Bertoloni ci scrive rispondendo a quanto da noi pubblicato a firma dell'ex consigliere Michele Vezzola


20/09/2018

Le nozze di diamante di Pasqua e Tarcisio

Tantissimi auguri a Pasqua e Tarcisio di Sopraponte che proprio oggi, giovedì 20 settembre, festeggiano 60 anni di matrimonio

20/09/2018

A tutela dell'incolumità, in attesa delle verifiche

Con una nota il Commissario Prefettizio di Gavardo, dott.ssa Anna Pavone, precisa le ragioni dell'istituzione del senso unico alla strettoia di Sopraponte

19/09/2018

È tempo di Palio dei Borghi

Prende il via questo giovedì la sfida fra i cinque borghi di Gavardo, che si concluderà domenica con la festa di San Luigi

19/09/2018

L'associazione «Borgo del Quadrel» premia i poeti dialettali

La scorsa settimana, in un auditorium gremito, sono state premiate le migliori poesie partecipanti al concorso in ricordo di Cesare Cavagnini. Presentato anche il volume “Rime e ricordi”, che raccoglie tutte le opere presentate 



Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia