Skin ADV
Martedì 18 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


L'abbazia di Mariengen

L'abbazia di Mariengen

di Pier Angiola Belli

[Arte]


16.09.2018 Sabbio Chiese Villanuova s/C

16.09.2018 Agnosine Odolo

17.09.2018 Sabbio Chiese Villanuova s/C

17.09.2018 Serle

18.09.2018 Vobarno Valsabbia

16.09.2018 Valsabbia Garda

17.09.2018 Vobarno Garda

17.09.2018 Idro Vobarno Valsabbia

17.09.2018

18.09.2018 Villanuova s/C



17 Dicembre 2017, 11.00
Gavardo
Blog - Maestro John

Bambino io, bambino tu

di John Comini
Essendo vecchio, non ho molte fotografie della mia infanzia, la mia età dell’oro. Ho le foto di quando ero all’asilo, della prima comunione, di quando ero in colonia a Livemmo o al mare…

Mi manca una foto di quando ero alle scuole elementari con il maestro Grumi. Ma tempo fa, grazie all’amico “Gioan” Lavo, ho scoperto tre fotografie in cui “mi sono ritrovato”. Sono datate 1963. Una è stata scattata alla festa di San Luigi, durante la corsa nei sacchi. Osservatela bene: sono tutti maschi, perché era l’Oratorio Maschile, ben separato da quello femminile (la mia futura moglie con l’amica Daniela sarebbero arrivate dopo…grazie a Dio!).  Due foto si riferiscono ad un pellegrinaggio a Caravaggio con il grandissimo curato don Giovanni. Sono 2, ma sono diverse, e anche se una è leggermente sfocata la conservo gelosamente (del resto, spesso sono sfocato anch’io…). Guardo la mia immagine: chissà cosa pensavo in quel momento? Chissà che desideri avevo, chissà quali sogni sognavo? Di certo ero felice, perché sentivo di essere amato dai miei genitori. E poi avevo un sacco di amici, e con gli amici la vita si colora.

“È l’amico è una persona schietta come te
che non fa prediche e non ti giudica
tra lui e te è divisa in due la stessa anima…
È l’amico è qualcosa che più ce n’è meglio è
è un silenzio che vuol diventare musica
da cantare in coro io con te…”
 (Dario Baldan Bembo)

In questi due mesi le maestre della Scuola dell’Infanzia “I. Cantoni” di Prevalle mi hanno invitato a fare delle letture animate ai loro bambini, presso la biblioteca comunale. All’inizio ero perplesso, non sapevo se avrei catturato l’interesse di questi “piccolini”, ma alla fine è stata tutta una sorpresa. Mi sono divertito a fare un po’ di animazione, io che ormai sono prossimo alla “rianimazione”. Per attirare l’attenzione di quegli splendidi bambini è bastato un pizzico di magia: un campanellino, una pila, una tela appesa agli scaffali a far da tenda, un po’ di facce buffe, e la lettura dei bellissimi libri è diventata un viaggio incantato. Perché il libro è il modo più veloce per viaggiare in mondi straordinari e terre lontane, senza nemmeno prendere una bicicletta, o un’automobile, o il treno o un aereo. Perché chi legge vola lontano!

“Se i libri fossero di torrone,
ne leggerei uno a colazione.
Se un libro fosse fatto di prosciutto,
a mezzogiorno lo leggerei tutto.
Se i libri fossero di marmellata,
a merenda darei una ripassata.
Se i libri fossero frutta candita,
li sfoglierei leccandomi le dita.
Se un libro fosse di burro e panna,
lo leggerei prima della nanna.”
(Roberto Piumini)

Mi è arrivato questo messaggio: “Le bambine ed i bambini sono lieti di invitarla al succolento pranzo di Natale che si svolgerò presso la mensa della scuola il giorno venerdì 22 dicembre. Cibo di ottima qualità, vino d’annata e soprattutto la compagnia delle stupende maestre. Certi di averla allettata con la nostra proposta, le mandiamo un grande saluto ed un grosso grazie per le belle mattinate che ci ha fatto trascorrere. I bambini e le bambine la attendono con entusiasmo.” E certo che vengo! Anche perché ci sarà (spero) la “mia” mitica Dirigente! Anche se, dopo pranzo, tornerò subito a casa per il mio pisolino post-prandiale. Mi sovviene però un dubbio: ci si siede sulle seggioline dei bambini? Capisco la Dirigente, ma mé sò grand e gross...come el bò nela stàla! In questo caso, vale la canzone: “Aggiungi un posto a tavola, anzi due.”
Approfitto per ringraziare l’amico Giovanni, bibliotecario sempre cordiale e disponibile, che tra l’altro suona con moglie e figlio nella “Giulywild band”. Cercate su YouTube la loro bellissima canzone in inglese, “Il profumo della rosa”

“La strada dei sogni sta seguendo un percorso tortuoso,
in cui niente sembra essere davvero al suo posto...
Sentimenti complicati, frustrazione,
incapacità di aspettare il tempo necessario,
accompagnano i miei giorni
Il profumo della rosa è quasi ineffabile
e se il vento soffia forte, scompare del tutto
Sentiamo solo il dolore che abbiamo avuto
per questi graffi di spine di rosa che non vogliamo toccare.”

Prima di andare a pranzo con maestre e bambini, farò un giro a cantare qualche canzoncina natalizia presso i “miei” ragazzi, ora in quinta. Mi avevano regalato una scatola piena dei loro messaggi, e ho fatto una gran fatica a leggerli. Continuavo a piangere! Ne trascrivo alcuni, vorrei vedere cosa avreste fatto al mio posto…
“Grazie per aver sopportato me (il matto della classe). E per averci insegnato non solo la matematica ma anche le lezioni importanti sulla vita.

Caro maestro John, mi ricordo le tue lezioni spassosissime, mi manchi veramente tanto e non dimenticherò mai il tuo galletto di riporto. Dopo 4 anni passati insieme non riesco ancora ad accettare che tu sia andato via. Però ogni anno ti rende più forte e superiamo le delusioni, l’andata di un maestro fantastico ma noi crediamo veramente che tu ci vuoi bene e che noi te ne vogliamo ancora di più e non ti dimenticheremo mai!
Sei un maestro speciale e non ti vorrei mai lasciarti andare.
Spero che tieni sempre alla Juve…(e certo che sì!)
Non sono brava in inglese ma so dirti I love you
Non sono brava in geografia ma so che abiti nel mio cuore
Non sono brava in matematica ma so che io+te= siamo inseparabili
Non sei d’oro, non sei d’argento ma sei un grande maestro al 100%
Tu ci hai insegnato ad essere bravi e gentili con tutti come lo sei te questa idea che ci hai dato è servita molto, a tutti noi, persino alle maestre. Gli spettacoli che fai piacciono a tutti. Adesso farai spettacoli per milioni di bambini (non esageriamo…)
Mi manchi molto, è stato strano iniziare la scuola senza il tuo sorriso che mi colpisce. La matematica con te è divertente, anche quello che è già lo diventa ancora di più. Ogni giorno con te è una festa meravigliosa (chiedere a mia moglie, please!)
Mi mancano le tue battute e il tuo carattere sempre allegro. Con te è stato semplice imparare la matematica perché hai saputo rendere divertente una materia complicata.
Come regalo di Natale vorrei tanto che tu tornassi nostro maestro. Mi mancano le tue risate, le tue battute e i tuoi spettacolari spettacoli. Per me hai fatto un grandissimo sbaglio ad andare in pensione. Tu sei il 1.000.000.000% (stiamo studiando i miliardi), il meglio del meglio, anzi di più!!!!!
Anche se tu non ci sei, noi ti sentiamo nei nostri cuori, con quella risata contagiosa, con le tue battute più memorabili e con l’affetto che ci regali ogni giorno.”

E giù cuoricini a profusione, e giù lacrime… Ma io non sono quel maestro di cui hanno scritto i “miei” ragazzi! Capite adesso perché fare il maestro è il più bel lavoro del mondo? (o lo dico solo perché sono in pensione? Eh eh eh!)

“Sembrava primavera ed era inverno,
e c'erano dei fiori tutto intorno
doveva essere buio e c'era luce,
e tutto quello che mi piace.”
(Zucchero)

Ma vorrei invitarvi tutti (anche se il teatro pare sia già “sold out”) allo spettacolo “Un giorno speciale” che verrà rappresentato dagli alunni della scuola Primaria di Sopraponte, venerdì 20 alle ore 20. Si tratta di una piccola storia sull’amicizia scritta e diretta dal sottoscritto con la collaborazione dell’amico Luca Lombardi.

Si farò nel teatro dedicato al leggendario don Antonio Andreassi, cappellano degli Alpini e per oltre 46 anni parroco di Sopraponte.  Don Antonio era amato non solo dai  suoi parrocchiani, ma anche dalle persone meno solite a frequentare la chiesa. Oltre alla sua attività pastorale aveva creato la colonia sul monte Magno, la chiesetta degli alpini, le case di Villa Pace, il campo sportivo e l’avvio dell’oratorio. Ho alcuni bellissimi ricordi di don Antonio, come alcune prediche che faceva, ricordando il sacrificio dei nostri alpini in Russia. E davvero mi batteva il cuore ascoltando le sue parole, e mi sembrava di essere là, in quelle lande gelide e desolate, e di vedere i nostri poveri ragazzi nel lungo cammino alla ricerca di una baita e di un po’ di pace. Ricordo quando facevo l’educatore ACR presso la colonia di monte Magno e quando abbiamo presentato lo spettacolo “I racconti di un pellegrino russo” con il Gruppo Teatrale nella chiesa parrocchiale (recitavano anche Lara e Silvia Andreassi, le sue belle nipoti). Don Antonio era una persona sempre entusiasta, disponibile, anche se mentre gli parlavo temevo per quell’enorme cane lupo che scodinzolava attorno al tavolo (ma mi diceva “è buono, è buono…” Ma mé ghaie una fifa del diàol…).

Insomma, l’avrete capito, ho una settimana intensa, devo correre di qua e di là, sono sempre in mezzo ai bambini (e alle stupende maestre). Cosa non si fa per sfuggire all’amata, dolce, tenera consorte!

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo

maestro John Comini






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID74494 - 17/12/2017 17:03:43 (Geppo1950) x John
Caro amico, ora capisco perchè i tuoi alunni, e lo saranno per sempre, amano il loro maestro.


ID74495 - 17/12/2017 18:30:15 (Iva) Complimenti
Complimenti, di maestri così amati ne ho visti pochi, deve essere davvero speciale se questi bambini la amano cosi', anche dopo aver lasciato il lavoro. Tutti i maestri dovrebbe essere così, che comprende ogni bambino con le sue diversità , talenti ed attitudini, ma come lei oggi ce ne sono davvero pochi, sembra persino che i maestri non amino il loro lavoro e che siano li' solo per lo stipendio a fine mise.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
10/09/2017 08:00:00
Ricominciamo Martedì ricomincia un anno di scuola, con tutte le sue ansie, i suoi problemi (non solo matematici), le sue piccole grandi cose. Io dal 1° settembre sono in pensione e non sarò lì con i miei meravigliosi (e rompi…eh eh eh) bambini...

26/02/2017 10:00:00
Ridi pagliaccio Tempo di carnevale. In un mondo pieno di notizie tristi o angoscianti, il carnevale dei bambini è un momento di gioia

08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

11/02/2018 09:52:00
A carnevale ogni «squola» vale È carnevale. E allora voglio ricordare con il sorriso le mie colleghe (e colleghi) della mitica scuola di Prevalle, citando uno scritto che avevo letto in pizzeria, tempo fa, mescolandolo con il saluto che avevamo fatto al Dirigente ora in pensione. Non metto i nomi, ma chi c’era si riconoscerà. Allegria!

21/05/2017 10:34:00
Una carezza in un pugno Perché ci sono i bulli? E soprattutto: perché un bambino o un ragazzo diventano bulli? E cosa si può fare davanti al bullismo?



Altre da Gavardo
18/09/2018

Don Fabrizio Gobbi nuovo parroco di Prevalle

Sarà l'attuale accurato di Gavardo, Soprazocco e Vallio Terme a guidare le parrocchie di San Zenone vescovo e di San Michele Arcangelo in Prevalle

18/09/2018

Alzheimer, l'approccio Montessori applicato alle demenze

Sarà l’argomento della serata organizzata questo venerdì, 21 settembre, dalla Fondazione La Memoria in collaborazione con la Cooperativa Esedra, in occasione della XXV Giornata Mondiale dell’Alzheimer  (2)

18/09/2018

Censimento permanente della popolazione

Quest’anno, a partire dal mese di ottobre, i comuni di Gavardo, Odolo, Treviso Bresciano, Vestone e Vobarno saranno coinvolti nella rilevazione Istat della popolazione e delle abitazioni


17/09/2018

Ginnastica artistica con Dafne

A Sabbio Chiese, Puegnago del Garda, Salò e Gavardo, sono già attivi i corsi organizzati dall'A.S.D. Artistica Dafne, che offrono la possibilità di trovare la dimensione per la propria crescita tecnica, emotiva e consapevole. Ecco come partecipare

14/09/2018

«Oppure portarlo più avanti»

Il comandante della Locale gavardese, Luca Quinzani, ci spiega che non è stata una scelta suggerita dal suo Comando quella di istituire il senso unico a Sopraponte (9)

14/09/2018

«Basterebbe spostare indietro il semaforo»

Commercianti e cittadini di Sopraponte sul piede di guerra contro il Comune di Gavardo con l’avvio di una raccolta firme per ripristinare il senso unico alternato regolato dal semaforo della strettoia di via Vrenda. C'è anche un suggerimento alternativo


12/09/2018

Avviso pubblico dal Comune di Gavardo

Pubblichiamo a norma di legge un avviso pubblico del Comune di Gavardo relativo ad una Variante al Piano dei Servizi e al Piano di Governo del Territorio

11/09/2018

Famiglie in udienza dal Papa

Anche il gruppo A.Ge di Gavardo si è recato a Roma, venerdì scorso, per l’udienza da Papa Francesco in occasione del 50° anniversario dell’Associazione Italiana Genitori


10/09/2018

«Rime e ricordi»

Domani - martedì 11 settembre - a Gavardo la presentazione della raccolta delle poesie dialettali che hanno partecipato al concorso indetto dall’Associazione “Borgo del Quadrel”. A seguire la proclamazione dei vincitori 

08/09/2018

Si ricomincia da Ono Degno

Alla Madonna del Pianto la prima delle tre occasioni culturali frutto di una sinergia fra il Sistema museale e la Collezione Paolo VI di Arte contemporanea. Con un fiorire attorno di interessanti eventi culturali




Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia