Skin ADV
Mercoledì 25 Aprile 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



 

Vista lago

Vista lago

di Maria Rosa Marchesi



23.04.2018 Preseglie

25.04.2018 Valsabbia Garda

23.04.2018 Storo

24.04.2018 Salò Valsabbia Garda

23.04.2018 Vobarno Vallio Terme

24.04.2018 Anfo Valsabbia

23.04.2018 Vobarno

23.04.2018 Roè Volciano Valsabbia Garda Valtenesi

23.04.2018 Vobarno

25.04.2018 Odolo Provincia






12 Aprile 2010, 15.00
Gavardo
Amministrazioni

Annaffia i fiori e gli spunta un vigile

di Ubaldo Vallini
C’√® anche Gavardo fra i Comuni bresciani che hanno recentemente adottato un regolamento di Polizia urbana. Se n'√® parlato l'altra sera in biblioteca.
 
Trattasi di un regolamento molto simile a quello cittadino, già particolarmente discusso, tanto da far pensare proprio ad un copia-incolla.
Ne hanno parlato gavardesi ed immigrati qualche sera fa, riuniti nella sala della biblioteca del centro valsabbino su proposta del Comitato “Sopra la panca …dell’accoglienza”.
Fra i relatori il pachistano Nadim, l’avvocato Antonella Poli alla quale era stato chiesto di introdurre l’argomento dandogli un taglio giuridico, Franco Valenti che √® il presidente della Fondazione “Guido Piccini” e Francesco Musolino, non tanto nel ruolo di funzionario dell’Ufficio scolastico provinciale (Usp) ma “come cittadino e come cattolico” come egli stesso ha voluto precisare.
 
In sala erano presenti i rappresentanti dell’opposizione in Consiglio comunale, nessuno per√≤ della maggioranza, nonostante l’invito ad esserci.
Chiarito che un regolamento comunale come quello √® solo uno dei molti, che mira a gestire la convivenza fra cittadini ed il rapporto di ciascun cittadino con il bene pubblico, che si tratta di una normativa secondaria che deve essere in sintonia con le altre norme “superiori” a partire dall’articolo 3 della Costituzione per arrivare alle leggi sull’immigrazione (tutte quante, anche quest’ultima, vietano espressamente atteggiamenti discriminatori), l’assemblea √® passata ad analizzare alcuni articoli che, a dirla con le parole di Valenti: “Mancano dei necessari elementi di proporzionalit√† e ragionevolezza, profilando in alcuni casi l’abuso di potere, in altri l’abuso di discrezionalit√†”.
 
Tralasciando per un attimo di affrontare la tematica in punta di diritto, perché non è compito di queste pagine giungere a sentenze, sono soprattutto alcuni esempi a chiarire la portata di un siffatto regolamento.
“E ci vuol poco a capire come stanno le cose”, hanno affermato alcuni gavardesi presenti, preoccupati s√¨ che nessun diritto venga negato ai fratelli immigrati, ma anche e soprattutto di dover cambiare stile di vita a causa di norme discriminatorie per gli stessi gavardesi.
C’√® l’articolo 7 al comma 1 lettera C, per cui √® vietato mangiare anche solo un gelato passeggiando per le vie del centro storico. Viola questa norma anche un bambino che fa merenda per la strada oppure (stesso articolo lettera G) gli saltasse in mente di giocare, a qualsiasi cosa visto che nulla √® stato specificato.
 
Il rischio, insomma, è che per risolvere il problema della fastidiosa presenza di immigrati nel centro storico (essendo improponibile dirla a questo modo, almeno non negli atti ufficiali) si tiri tanto la corda con i regolamenti che alla fine ci rimettono tutti i gavardesi.
Un po’ come buttare via tutto il cesto se c’√® dentro una mela marcia.
 
Una situazione sintetizzata da Gabriele cos√¨: “A dar retta a questo regolamento la domenica non posso pi√Ļ fare quello che faccio da sempre: andare a messa mangiandomi una brioche, legando la bici ad un palo per non farmela rubare. E mi chiedo il perch√©. Lo stesso credo facciano il Fondrieschi che a novant’anni √® costretto a tirarsi fuori la sedia di casa perch√© gli hanno portato via la panchina, o quella signora che l’altro giorno ad annaffiare i gerani sul terrazzo, invece che i fiori, gli √® spuntato il vigile con la multa. Dove andremo a finire?”.
 






 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID1787 - 12/04/2010 19:09:00 (Venturellimario)
Vero, dove andremo a finire. Non dimentichiamo poi che al nostro primo cittadino preme solo la "sua zona" per il resto il paese in condizioni pessime. Insomma come si suol dire: "teniamo in ordine dove passa il prete" anche se in questo caso si tratta del sindaco. Interessanti i cassonetti in Viale Mazzini appena rimesso a nuovo, proprio un bel spettacolo.


ID1795 - 13/04/2010 08:27:23 (peneleo) Ma il sindaco era stato invitato?
per quanto ne so io n√® il sindaco n√® alcun componente della giunta comunale √® stato invitato a questo incontro! Un vero peccato: forse non interessava il contraddittorio. Detto questo: ben vengano regole pi√Ļ severe perch√® troppi gavardesi non sanno pi√Ļ dove sta di casa la buona educazione civica e purtroppo pare proprio che la gente capisca qualcosa solo quando si prende una bella multa! Spiace, ma √® cos√¨! Dimenticavo: l'opposizione del consiglio comunale, che oggi si straccia le vesti, per questo regolamento si √® astenuta: nessun voto contrario quindi! E sappiamo tutti che il voto di astensione della minoranza √® gi√† una sostanziale condivisione! E allora?


ID1797 - 13/04/2010 09:20:27 (assenzio) Per Peneleo
Mi pare che sull'articolo c'è scritto che i componenti della maggioranza erano stati invitati. Se Vallini non ha raccontato una balla, quindi, non c'è stato nessun disinteresse per il contraddittorio, anzi. Quanto alle belle multe per capire qualche cosa, signor Peneleo, io sono personalmente d'accordo con lei. Sono semmai alcuni dei motivi per cui quella multa si prende a lasciarmi piuttosto perplesso.


ID1798 - 13/04/2010 09:32:00 (peneleo) Per Assenzio
mi sono informato: assessori e sindaco NON sono stati invitati! Vallini non scrive balle: scrive ciò che gli avranno detto gli organizzatori! Non dimentichiamo poi che ogni multa e ogni previsione di multa passa attraverso l'indispensabile buon senso e cervello di vigili a funzionari comunali dei quali ho molta stima.


ID1799 - 13/04/2010 09:57:10 (assenzio) Eccola lì, la discrezionalità
Ecco dove sta l'abuso di discrezionalit√†, signor Peneleo, nel buon senso e nel cervello di vigili e funzionari. Per quanto possano essere bravi a fare il loro mestiere, nessuno lo dubita, perch√® devono essere loro a decidere se una norma vuol dire una cosa o quell'altra? Oppure se qualcuno un atteggiamento lo pu√≤ tenere e l'altro no? Le norme devono essere chiare e per tutti ed applicate senza discrezionalit√†. Altrimenti si rischia di finire con l'allontanare bimbi extracomunitari perch√® giocano sotto un portico (tanto i figli dei gavardesi doc non lo fanno pi√Ļ) senza arrischiarsi a multare il signor Gabriele che mangia la sua brioches e lega la bici al palo quando va a messa. Questo non √® razzismo gridato, signor Peneleo. E' peggio, perch√® √® subdolo.


ID1801 - 13/04/2010 10:15:00 (peneleo) non sono proprio d'accordo sig. Assenzio!
Lei confonde la discrizionalità con l'arbitrio e, subito dopo, con il razzismo. Cosa c'entrano questi due aspetti con la indispensabile valutazione delle circostanze che ogni agente è chiamato a fare di fronte al fatto concreto? Dopotutto proprio quello che fanno, ogni giorno, ad esempio, i giudici: applicano una norma al fatto concreto con diversissime interpretazioni fra di loro, a dimostrazione che norme chiare e univoce non esistono mai! Lei interpreta la discrizionalità degli Agenti come volontà di colpire gli extracomunitari e non il signor Gabriele: io non ho motivi per pensare che dei dipendenti pubblici abbiano questo sentimento in testa. Le regole dovranno valere per tutti: bianchi, neri, gialli e, salvo un pre-giudizio che lei può avere, ma che io non condivido, non credo che questo regolamento sia sinonimo di razzismo. Vedremo in che modo verrà applicato! Io non voglio esprimere una condanna a priori al tentativo di ridare ordine e legalità al vivere quotidiano.


ID1802 - 13/04/2010 10:20:41 (Gino49) Arredo urbano e buon senso dei vigili.
Quando facevo il vigile non ho mai sofferto per la mancanza di buon senso, grazie a Dio, devo ammettere che piuttosto sentivo la mancanza di buone leggi, allora come adesso. Se la mia Amministrazione dovesse decidere di togliere le panchine dalla piazza ce le metterei io a mie spese.


ID1806 - 13/04/2010 11:33:00 (bertoldo) qualcuno non la racconta giusta
mi consta che l'opposizione, compatta, abbia votato NO a questo regolamento nel Consiglio Comunale del 15.12.2009. Mi risulta anche che l'Amministrazione sia stata invitata per iscritto all'incontro pubblico.


ID1807 - 13/04/2010 11:42:00 (Guido) Per il sig. peneleo
Dal verbale n 128 della seduta del Consiglio Comunale dove si è approvato il regolamento di polizia urbana risulta che i voti favorevoli sono stati 14, e risulta che sono stati 6 i CONTRARI (Pasini, Lani, Mora, Zanetti, Ferretti, Tebaldini); Piccoli era assente giustificato. Quindi l'opposizione NON si è astenuta. O per Lei il voto contrario è "già una sostanziale condivisione"? Se così fosse ci spieghi come dobbiamo votare quando NON siamo d'accordo. Grazie. p.s. opinioni e commenti possono essere diversi. Le espressioni di voto, verbalizzate, non cambiano con il passare dei mesi.


ID1808 - 13/04/2010 11:46:00 (ste74)
anche a me risulta che l'Amministrazione sia stata invitata, almeno questo mi è stato detto da uno degli organizzatori; sarebbe opportuno evitare di scrivere commenti di cui non si è sicuri; a tal proposito sarebbe interessante sapere come effettivamente ha votato l'opposizione visto le notizie opposte di Bertoldo e Peneleo...


ID1810 - 13/04/2010 12:06:00 (peneleo) Pardon!
prendo atto della precisazione del signor Guido che mi pare precisamente informato. L'opposizione ha votato contro! Ma sono abbastanza certo del fatto che l'amministrazione comunale non sia stata invitata e questo è un vero peccato.


ID1811 - 13/04/2010 12:07:00 (Guido) Votazione
A beneficio di tutti ribadisco che dal verbale risulta testualmente che:...il Consiglio Comunale di Gavardo, Con voti favorevoli 14 e CONTRARI 6 (Pasini, Lani, Mora, Zanetti, Ferretti, Tebaldini), espressi per appello nominale, delibera di approvare il nuovo Regolamento di Polizia Urbana... ecc. Guido Lani


ID1812 - 13/04/2010 12:35:00 (peneleo) Per!
come ha evidenziato Vallini questo regolamento un "copia ed incolla" di quello di Brescia, e così pare anche a me confrontando i due testi disponibili on line sul sito dei due comuni. Noto per che a Brescia il centro sinistra (Bisleri, Boifava, Cantoni, Capra, Del Bono, Gaffurini, Manzoni, Martinuz, Muchetti, Rebecchi, Ungari) si è astenuto e loro, mi pare, non possano essere sospettati di fini razzisti e discriminatori. Quindi torno alla mia opinione: non è il regolamento in se ad essere o non essere razzista. Lo può essere la sua applicazione. Quindi prendiamoci qualche mese per valutare, senza la solita pre-giudiziale accusa di razzismo che il gruppo della panca dell'accoglienza vuole appiccicare addosso al sindaco.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/06/2017 07:24:00
Amore e burocrazia Avrebbe voluto essere seppellito vicino alla prima moglie, ma un'interpretazione del regolamento gli lo ha impedito. E' successo a Gavardo 

08/12/2014 09:01:00
Petizione? No grazie, manca il regolamento A Gavardo l'istituto della "petizione" è previsto dallo Statuto, manca però il regolamento attuativo e manca anche la commissione che possa redigerlo. Così la "Commissione Energia" non si fa


25/08/2009 07:00:00
L'esame delle medie diventa pi√Ļ severo Con l'entrata in vigore del nuovo regolamento sar√† pi√Ļ difficile per gli studenti raggiungere il massimo dei voti.

01/11/2016 09:00:00
Decoro urbano, alcol da asporto vietato di sera Per venire incontro alle richieste dei residenti del centro storico, sono state introdotte nel regolamento di polizia municipale nuove norme restrittive in merito alla vendita di bevande alcoliche e decoro urbano

25/12/2015 09:00:00
Bresciacup 2016, novit√† al regolamento Piccole, ma importanti, novit√† saranno presenti all’interno del nuovo regolamento del circuito che riconferma la linea guida dell’edizione 2015 apportando qualche accorgimento nella suddivisione delle categorie, nella loro partecipazione ed all’assegnazione delle maglie



Altre da Gavardo
22/04/2018

Questione di feeling

Oggi vorrei fare un elogio a tutte le donne che ho conosciuto nella mia vita. Sono sempre stato beato tra le donne. Sar√† perch√© sono ricco, ho il fisico scultoreo e una profonda intelligenza? Mah… (1)

22/04/2018

Per conoscere l'Arma dei Carabinieri

Nel quadro delle iniziative volte a diffondere la cultura della legalità e la vicinanza delle Istituzioni ai giovani cittadini, la caserma dei Carabinieri di piazza Tebaldo Brusato ha aperto le porte agli alunni della scuola primaria di Gavardo


20/04/2018

Fostaga in festa per S. Giuseppe

Tutto pronto nella piccola contrada di Sopraponte di Gavardo per i festeggiamenti in onore del patrono a cui dedicata una graziosa chiesetta

18/04/2018

Discorsi diretti, genitori in ascolto

Questo mercoled√¨ sera a Gavardo il terzo incontro della serie “Discorsi diretti. Genitori e figli in cammino” con protagonisti una trentina di adolescenti gavardesi


17/04/2018

Il ritorno del giudice Albertano

Questo gioved√¨ sera, 19 aprile, Enrico Giustacchini presenter√† a Gavardo “Il giudice Albertano e il caso del giardino invisibile”, il quinto romanzo della saga del detective medievale



17/04/2018

¬ęIl muro¬Ľ

Sarà presentato questo giovedì sera a Gavardo lo spettacolo teatrale che racconta le storie di uomini e donne in cerca di libertà scavalcando il Muro di Berlino

14/04/2018

Gli 89 dell'Antonio

Oggi compie 89 anni Antonio Abastanotti, una delle persone migliori che ho conosciuto e a cui immodestamente mi sento legato da sincera amicizia

14/04/2018

I 70 anni del Cai

Si festeggerà domani, domenica 15 aprile, il settantesimo anniversario della sezione gavardese del Club Alpino Italiano, presieduta da Angiolino Goffi

13/04/2018

Laboratorio per ceramisti preistorici

Questa domenica, 15 aprile, gli aspiranti ceramisti over 18 potranno scoprire tecniche e segreti della ceramica preistorica. Appuntamento alle ore 15 al Museo Archeologico della Valle Sabbia

13/04/2018

Open Week salute della donna

Anche l’Asst del Garda aderisce alla settimana dedicata al benessere femminile per promuovere l’informazione e i servizi di prevenzione e cura delle principali patologie delle donne

Eventi

<<Aprile 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia