Skin ADV
Venerdì 19 Luglio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




MAGAZINE


LANDSCAPE






11 Luglio 2019, 12.17

Eco del Perlasca

Pagare poco, pagare tutti

di Tommaso Franzoni
Siamo davvero così sicuri che il problema fondamentale dell’Italia attuale sia l’immigrazione? Il divario fra ricchi e poveri non interessa più a nessuno?

In Italia ci sono circa 59 milioni di abitanti ed un pil pro capite pressoché di 32mila euro.
Nella nostra nazione un partito in costante crescita, secondo i sondaggi, è la Lega, partito politico di centrodestra che vive e ottiene consensi anche grazie alla battaglia contro l’immigrazione clandestina, anche se questo obiettivo viene percepito dall’opposizione come una campagna contro l’immigrazione in generale.
Questa strategia genera rabbia e timore verso tutte le persone che per varie cause tentano di approdare in Europa, alla ricerca di una miglior vita.

Molti infatti considerano il fenomeno migratorio come una futura catastrofe che porterà alla disfatta dell’Europa.

Questi timori sono stati vivamente spinti da politici nazionalisti, per utilizzarli come cavallo di battaglia durante la loro campagna politica.
Si potrebbe dunque pensare che sia presente una lotta sociale, tra immigrati e cittadini italiani, ma è una prospettiva scorretta, dato che gli immigrati che lavorano e pagano i contributi, rendono in parte possibile anche il funzionamento dello Stato.

Per i più scettici sottolineo che gli stranieri resi schiavi dalla mafia (per esempio come i braccianti nella raccolta di ortaggi), non si divertono particolarmente e che il problema immigrazione sarebbe facilmente risolvibile grazie ad uno spartimento equo nell’UE dei richiedenti asilo.
In realtà la vera “guerra” nella società si trova tra le classi sociali, ovvero tra ricchi e poveri.

Escludendo dunque l’ipotesi della guerra tra i popoli,
dato che dubito dell’esistenza di una persona che insulti con termini razziali uno sceicco, può darsi si tratti davvero di una guerra contro i poveri e i deboli.
In Italia, come nel resto del mondo, ci sono grosse disparità economiche: i più ricchi possiedono la stessa ricchezza della maggior parte degli italiani.

Nonostante la crisi del 2009 abbia colpito gravemente l’Italia, Stato che addirittura ha meritato un posto nel “Piigs”(stati in UE più colpiti dalla crisi), la classe sociale alta è in costante crescita, ed è aumentata dal 2014 al 2017 di circa il 30% impoverendo le classi medio-basse.
Dato che della grande crisi chi più ne ha giovato sono le multinazionali, decine di migliaia di lavoratori sono rimasti senza lavoro, poiché le più colpite sono le piccole società.

La cosa più incredibile è che
, nonostante le difficoltà delle media-bassa borghesia, le loro imposte sono aumentate per colmare gli enormi buchi lasciati dai governi prima di Monti, mentre le imposte dell’alta classe sociale, dal 1973 al 2013, sono diminuite passando dal 62% al 38%.

Risolvere il problema non è affatto semplice, ma ci sono dei punti che potrebbero migliorare la situazione.
Sicuramente la soluzione non sembra essere il condono fiscale proposto dal nostro governo: non prevede le conseguenze penali giuste per gli evasori fiscali.
Invece il PD nel suo ultimo mandato aveva fatto una proposta diversa: un grande recupero dell'evasione fiscale, portando come successiva proposta il “pagare poco, pagare tutti”, evidentemente bocciata dagli italiani.

Chi invece sta favorendo l’aumento delle ricchezze a chi ne ha già, con le riforme riguardanti la flat-tax, è proprio il governo giallo-verde il quale, con la proposta del reddito di cittadinanza, rischia di concedere, a diversi evasori, addirittura 700 euro al mese!

Lo Stato, dopo aver preso una buona linea amministrativa, deve far rispettare la sua autorità, spartendo indirettamente ricchezze, garantendo salari minimi e un aumento delle imposte verso le multinazionali e i super-ricchi, ovviamente vietando delocalizzazione e spostamenti di capitale.

In Italia 6 milioni di persone (circa il 10%) vivono in povertà, mentre i governi tutelano i risparmi e guadagni di chi è più forte, ma solo noi cittadini possiamo cambiare, sostenendo chi davvero vuole un cambiamento.

Tommaso Franzoni

.la foto è stata presa da "Il quotidiano in classe" del Corriere della Sera.



Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG









Vedi anche
13/09/2012 07:01:00
Stelvio da pagare Dal 1° gennaio 2013, ammesso che si possa farlo per la neve, automobilisti e motociclisti dovranno pagare il "green pass" per transitare lungo il versante altoatesino.

22/01/2014 07:44:00
Mini Imu, ci siamo Ci siamo: ultime ore per scoprire se si deve pagare e quindi calcolare la Mini Imu che scade il prossimo 24 gennaio

09/06/2016 06:43:00
«Game of Thrones» serie TV L’inverno sta arrivando. Poco importa se nel nostro mondo siamo a primavera inoltrata, perché a Westeros la lunga notte sta calando e il freddo inverno non lascerà scampo a nessuno. Tutto chiaro? No? Facciamo un passo indietro...

04/02/2018 11:34:00
L'indecisione Si tratta di una scelta di cuore? Cosa ci riserverà il futuro? Abbiamo davvero l’età giusta per prendere importanti decisioni? Vera, che due anni fa ha scelto il Liceo Scientifico al Perlasca, in questo articolo vi dice cosa ne pensa


15/01/2016 07:16:00
Anfo dovrà pagare La vecchia querelle fra l'Amministrazione anfese ed alcuni tecnici che avevano progettato opere per il paese è arrivata ad un punto cruciale: per evitare il pignoramento di beni il Comune dovrà pagare. E sono più di centomila euro




Altre da Economia e Lavoro
19/07/2019

Il Santa Maria nell'orbita Synlab

Il Poliambulatorio  Santa Maria di Vobarno entra nel circuito internazionale Synlab. I Bergomi: “Solo così possiamo garantire a migliaia di persone l’accesso a servizi sanitari sempre più all’avanguardia” (1)

18/07/2019

Energia dall'acquedotto

Politecnico di Milano ed A2A insieme nello sperimentare una speciale valvola che promette le gestione in tempo reale dei flussi idrici e anche il recupero di energia. Il primo impianto è stato piazzato a Vestone
(1)

12/07/2019

Abbasso o rialzo delle tasse?

Quando calerà il sipario sull’argomento di distrazione di massa qual’è l’immigrazione e si dipanerà il mistero dei rapporti con la Russia, a Salvini e di Maio resterà di rispondere alle mirabolanti promesse sulla riduzione delle tasse. (9)

10/07/2019

«Dall'est all'ovest», focus sulle esportazioni

Si è tenuto ieri nella sede di AIB il convegno dedicato all’export di prodotti alimentari di origine animale verso Paesi Terzi. Nel bresciano gli impianti che effettuano tali esportazioni sono 47   

09/07/2019

Il Bagòss protagonista al Villaggio Coldiretti

Nella tre giorni milanese organizzata da Coldiretti spazio anche alle aziende agricole in rosa e ai prodotti tipici bresciani

07/07/2019

Scontrino che parla

Facendo acquisti in questi giorni, vi siete accorti della novità trovata sullo scontrino fiscale? Si tratta dell'indicazione obbligatoria dell'IVA per ciascun articolo venduto (1)

03/07/2019

Con Marvon e Cfp Zanardelli

È nato un nuovo profilo professionale: il manutentore dei presidi antincendio

02/07/2019

Scenari & Tendenze, analisi dei mercati

Questo mercoledì presso la sede di Aib a Brescia, l’osservatorio congiunturale focalizzato sull’analisi delle variabili macroeconomiche e delle dinamiche dei mercati

29/06/2019

Europa ed economia circolare all'attenzione degli industriali

All’assemblea Aib il presidente Pasini traccia un bilancio positivo del 2018, con una attenta disamina delle tematiche economiche e sociali, e attacca il Governo: «scarso interesse al mondo economico e produttivo»

23/06/2019

Giorgio Bontempi presidente di Lgh

Alla guida del Cda della società lombarda Linea Group Holding, che opera nei settori ambiente, energia e distribuzione, è ora il sindaco di Agnosine, che prende il posto di Antonio Vivenzi


Eventi

<<Luglio 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia