Skin ADV
Sabato 29 Aprile 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Accedi a INBANK Accedi a BANCALIGHT
 


15 Settembre 2015, 07.38

Economia

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa

di Redazione
Servirà uno sforzo comune in direzione del cambiamento, per avviare una nuova economia, anche locale, che sappia cogliere opportunità che non mancano. L’analisi degli esperti della Rurale

Partendo dalle analisi condotte dai principali uffici di studi economici, gli esperti della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella hanno cercato di tracciare lo scenario futuro nel quale dovrà muoversi l’economia italiana, anche quella locale.

Vediamo con ordine.
L’economia è una scienza che studiando i fenomeni del passato cerca di prevedere il futuro comportamento dei protagonisti del mercato: i produttori ed i consumatori in primo luogo.

Di fatto i protagonisti dell’economia mondiale sono molti di più e dal puto di vista economico appare ormai definita l’interdipendenza fra le economie di tutto il mondo, il prezzo delle materie prime, le politiche fiscali dei governi, le politiche monetarie delle banche centrali.

Insomma, un crogiuolo di fattori che sembrano rendere difficilissima la lettura del presente e quindi sempre più incerto lo scenario futuro. Peraltro sono numerosi gli uffici studi che si occupano di previsioni economiche ed il loro lavoro  ha l’obiettivo di comprendere, almeno nelle macro aree tematiche, che cosa ci possiamo aspettare nel futuro, senza per questo che nessuno si possa illudere di avere la bacchetta magica.

In questo contesto vogliamo fare una sintesi delle previsioni per l'economia italiana
, anche a medio termine,  tracciate recentemente dai principali uffici studi economici.

- L’Italia è uscita dalla fase di recessione con dei dati di crescita del PIL per il 2015 previsti per lo 0,7% (grazie anche ad Expo che vale lo 0,2% del PIL);

- Si tratta di una crescita tenue, che sconta il livello del precedente periodo di recessione continuativa per DAL 2012 (in precedenza avevamo subito una profonda recessione nel 2008 e 2009);

- La crescita dovrebbe aumentare  nei prossimi 2 anni (+1,6% nel 2016 e + 1,4% nel 2017);

- Nel 2018-2022 la nostra economia dovrebbe mantenere una crescita contenuta pari al 1,2%, contro un dato medio del 1.4% della media europea;

- La disoccupazione nel 2015 dovrebbe stabilizzarsi al 12,7% con un aumento del tasso di occupazione dello 0,4%: questo significa che si affacciano al mondo del lavoro anche persone che prima erano senza lavoro e non lo ricercavano;

- Le imprese dovrebbero beneficiare di un positivo effetto derivante dall’abolizione dell’IRAP e dalla decontribuzione sul costo del lavoro, con una conseguente  riduzione del cuneo fiscale;

- Complessivamente la pressione fiscale si dovrebbe ridurre di circa lo 0,8% di PIL passando dal 43,5 del 2014 al 42,8 nel 2017.

- Il rapporto debito /Pil è atteso in ulteriore aumento per il 2015, ma in misura modesta, e in leggera riduzione a partire dal prossimo anno, portandosi al 132,1% di fine 2014 al 130,7% a fine 2017;

- L’attenuazione dell’onere del debito pubblico, che per   tre anni sarebbe di 1,3% di Pil minore di quanto era nel 2012, pur in presenza di un debito di 10 punti di Pil più alto, faciliterà il raggiungimento di obiettivi di finanza pubblica che consentiranno al nostro paese di rispettare il vincolo del 3% e di avere un disavanzo effettivo e un debito su Pil leggermente decrescenti nel tempo;

- La crescita della spesa per consumi dovrebbe accelerare all’1% nella media dell’anno in corso e mantenersi su questi ritmi nei prossimi due. A questo contribuirebbe la politica di bilancio, soprattutto nel 2015, attraverso le misure di sostegno al reddito delle famiglie.

Complessivamente questi dati parziali sembrerebbero tracciare una uscita dal tunnel ed una inversione di tendenza dopo 7 anni di crisi.
In realtà le previsioni economiche così tracciate evidenziano due fondamentali elementi:

- Una crescita così lenta sarà insufficiente a recuperare le enormi perdite subite;

- La crescita prevista per il nostro Paese rimane prevista a livelli inferiori della media europea.

In questo contesto l’economia italiana rischia di dover fronteggiare i suoi problemi specifici legati all’invecchiamento della popolazione ed alla bassa crescita della produttività.

Lo scenario generale dell'economia mondiale
, anche a medio termine, presenta condizioni generali per una crescita globale solida, favorita da bassi prezzi del petrolio e delle materie prime, politiche monetarie delle banche centrali accomodanti (i tassi di riferimento dell’area Euro non dovrebbero superare l’1% prima del 2020), con un pressione sull’euro che dovrebbe restare relativamente debole.

L’economia italiana avrebbe quindi davanti a se circa un decennio di opportunità
durante il quale  perseguire l’obiettivo di ricavare le finanze pubbliche senza aumentare l’imposizione fiscale e nello stesso tempo intraprendere quelle riforme strutturali atte a garantire una crescita strutturata anche a lungo termine

Ci  riuscirà l’Italia?
Forse dipenderà da tanti fattori, anche esogeni, ma sicuramente sarà necessario uno sforzo di tutti per superare la resistenza al cambiamento e una nuova visione per una economia, anche locale, che sappia cogliere le occasioni che l’economia globalizzata offre in tutti i settori.

Non dimentichiamoci che  l’Italia è uno dei Paesi più belli al mondo, dove in tanti settori abbiamo risorse (come il turismo) e prodotti di eccellenza mondiale.

A cura de Cassa Rurale giudicarie Valsabbia Paganella

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID61133 - 15/09/2015 09:50:05 (bob63) Che fine a fatto Carlo Cottarelli?
Non e' mia intenzione mettere in discussione tanti bocconiani, ma ho letto troppi "dovrebbe" e troppi "zero virgola"che la crisi sia iniziata 7 anni fa' mi sembra un eufemismo dato che l'avvento dell'euro ha di fatto dimezzato il potere di acquisto e di conseguenza i consumi, che i giovani non trovino lavoro, forse bisognerebbe collegarlo al fatto che non si va piu' in pensione a meno che non vuoi andarci con una pensione da fame, alla faccia dei privilegiati che godono di migliaia di euro al mese da decenni, quanto alla crescita del PIL (che mi dovrebbero spiegare dato che hanno chiuso migliaia di aziende) e' piu' onesto collegarlo al calo del petrolio, al calo delle materie prime e non a uno 0,2 dell'EXPO che sappiamo benissimo che e' un fattore spot, dato che tutti ne decantano l'importanza senza che nessuno (politico) picchi i pugni sul tavolo x tutelare il MADE IN ITALY, tagliare gli sprechi, la burocrazia e di conseguenza costi che ci rendono poco competitivi, parole al vento.


ID61144 - 15/09/2015 21:50:49 (Tc) ...quoto bob63 e aggiungo...
Bha!Non so piu' a che dati credere e sopratutto se credere,le aziende di fatto chiudono o licenziano,ma di contro altre assumono,si si assumono,molti giovani,sottopagandoli e alla prima alzata di testa fuori dalle balls,abbiamo proprio fatto dei passi da gigante,ma da gambero gigante,mia figlia da poco lavora,non conta le ore e il suo stipendio non si avvicina alle 400 eur mensili!Prima di lei,c'era crisi e l''anziana'' hop...via in mobilita'...e' un gioco sporco,che stan facendo in molti,e la scusa che si puo' licenziare per crisi e' proprio una bella scusa,licenziano o mettono in mobilita'(che poi alla fine e' quasi la stessa cosa)con un dispiacere enorme,chi ha contribuito per anni a far ingrandire un azienda rompendosi la schiena,per dar lavoro ai giovani,ma la verita' e'che costano molto meno di un operaio capace,non dico specializzato,magari padre di famiglia,costretto ora a lavoretti se ne trova,di pochi eur...grazie Renzies and Italy...ah io sono in Cigs...futuro? Bha..


ID61148 - 16/09/2015 07:24:47 (bob63) altro che fiducia, l'Italia e' un colabrodo
Hai ragione, ma spesso le aziende sono obbligate a queste "cattiverie" per poter stare sul mercato, causa un continuo stillicidio in tasse e balzelli perpetuato negli anni, io sono una partita iva e ti garantisco che non passa anno senza qualche aumento, la CGIA di Mestre (ente autorevole) a stimato al 68% il prelievo "forzoso", se poi fosse che questo fosse servito a coprire la voragine del debito pubblico sarebbe accettabile, ma, al contrario questi soldi vengono spesi per rafforzare le file degli enti (servizi???) le varie ruberie sia mafiose sia politiche e nulla cambia, in Italia si continua a togliere al buono x garantirsi l'elettorato, si parla di integrare il C.Forestale ( solo Sicilia e Calabria 40.000 persone) nel C. dei Carabinieri, ma x il Giubileo stanno pensando di assumere 250 poliziotti, ma queste cose oramai sono conosciute, un ulteriore dato: in Italia la costruzione un KM di ferrovia costa 55 milioni in Francia 15 (non in Cina) ma va bene cosi',auguri x la tua



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
20/01/2016 06:56:00
Amministratori si diventa La Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella propone ai soci un corso per conoscere ed imparare ad amministrare una Cassa Rurale. C'è tempo fino a venerdì per l'iscrizione


01/04/2017 17:11:00
Le buone azioni Sempre più attenta alle esigenze dei soci la Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella, che quest'anno distanzia le assemblee territoriali da quella generale nel tempo e nei contenuti, semplificando anche i resoconti sulle diverse attività

26/09/2014 13:48:00
Valorizzazione del patrimonio e progetti di utilità sociale Anche per il 2014 il Consiglio di Amministrazione della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella ha approvato due bandi  che sono stati aperti venerdì 19 settembre

14/08/2016 07:58:00
Cassa Rurale e soci, un legame sempre più forte Giunge al terzo mandato l’esperienza dei GOL, i Gruppi Operativi Locali della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella. Ecco i nomi e cosa fanno


30/05/2016 19:55:00
Una giornata in Cassa Per a serie "A scuola di Lavoro", qualche giorno fa, grazie alla sensibilità del direttore Davide Donati, abbiamo potuto godere di un’ottima opportunità formativa: una giornata in Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella




Altre da Cassa Rurale GVP
07/04/2017

120 mila euro a sostegno del territorio

La Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella apre i bandi per enti e associazioni, con la novità della modalità “semplificata” per singoli eventi e "ordinaria" per attività più strutturate


01/04/2017

Le buone azioni

Sempre più attenta alle esigenze dei soci la Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella, che quest'anno distanzia le assemblee territoriali da quella generale nel tempo e nei contenuti, semplificando anche i resoconti sulle diverse attività

30/03/2017

Inversione di tendenza

Conti 2016 in ordine con incremento della raccolta complessiva e utile che supera il milione di euro, per la Rurale che ha 9 sportelli anche in Valle Sabbia. Positivi anche i segnali che arrivano dal comparto produttivo valligiano

17/03/2017

A scuola... in banca

Qualche giorno fa gli studenti della classe 4ª AFM del Perlasca hanno partecipato ad un’interessante attività di alternanza scuola-lavoro sul tema “Risparmi e prodotti finanziari” nella sede di Darzo della Cassa Rurale Giudicarie, Valsabbia, Paganella


15/03/2017

Ingegneri cercasi

Con il progetto Incipit de La Cassa Rurale, undici progetti in ambito ingegneristico ed informatico per laureandi e laureati. Adesioni entro il 30 marzo

02/03/2017

Casa Londra e Berlino

Opportunità di studio e lavoro e di apprendere una lingua straniera per giovani fino a 32 anni con la Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella

16/02/2017

Progetto Incipit, al via la nuova edizione

Dalla Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella 30 opportunità per avvicinare i giovani al mondo del lavoro. Le adesioni entro fine marzo

06/02/2017

«In Business» fa il bis

Prende il via la seconda edizione di un percorso di formazione per imprenditori. Ecco come è andata la prima, dalla voce di uno dei partecipanti. Adesioni entro il 28 febbraio. Una proposta della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella

10/01/2017

Conosci la tua Cassa Rurale

Al via il percorso formativo per soci e clienti promosso dalla Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella. Iscrizioni entro il 26 gennaio

12/10/2016

Una scuola per gli imprenditori

Un percorso formativo per gli imprenditori delle aziende che fatturano 2/3 milioni di euro e che hanno 8/12 dipendenti. E’ la proposta InBusinnes di Cassa Rurale 

Eventi

<<Aprile 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia