Skin ADV
Lunedì 23 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE






17 Marzo 2017, 11.23

Scelto per voi

Dal frigo alla tv, le dritte per risparmiare sulla bolletta

di red.
Consumi alle stelle a causa di elettrodomestici 'spreconi'? Niente panico, risparmiare è più semplice di quanto si pensi

Molto spesso basta solo mettere in pratica alcuni piccoli ma importanti accorgimenti per vedere migliorare sensibilmente i costi in bolletta. Come spiega l'Unione Nazionale Consumatori, per risparmiare energia elettrica è infatti prima di tutto fondamentale il comportamento consapevole di chi abita in casa, non sempre cosciente di quanti kilowattora vengono registrati dal contatore.

Per questo, l'Unc ha stilato una lista salva-risparmi per ogni elettrodomestico fra i più comunemente utilizzati. Dalla tv al frigorifero, passando per lavatrici, forno e scaldabagno, ecco i consigli per un uso consapevole dell'elettricità:
 
FERRO DA STIRO - Un ferro da stiro - avverte l'Unione Nazionale Consumatori - può avere una potenza di 1 kW oppure di 1,5 kW: nel primo caso, la potenza assorbita, cioè il consumo segnato dal contatore, sarà di 1 kW per ogni ora in cui si adopera l’apparecchio (1 kWh), nel secondo caso di 1,5 kW ogni ora di accensione (1,5 kWh).
Se un ferro da stiro funziona contemporaneamente a un forno elettrico che ha una potenza di 2,5 kW, è probabile che il contatore non regga il carico e, quindi, l’interruttore si abbasserà automaticamente interrompendo il flusso di corrente.
Comunque, per accertarsi di quant'è il consumo di un elettrodomestico, basta leggere la targhetta che i trova su ogni apparecchio che ne indica la potenza, oppure il libretto di istruzioni. A volte l'indicazione è in watt (W), che corrisponde a un millesimo di kilowatt (kW).
 
LAVATRICE - Normalmente le lavatrici consumano intorno ai 2 kWh, per ogni ciclo di lavaggio.
Per risparmiare energia - consiglia l'Unc - è bene utilizzare la lavatrice solo a pieno carico, altrimenti servirsi del tasto mezzo carico.
Occorre anche separare il bucato in base al tipo di tessuto e di sporco e scegliere correttamente il programma.

Per la biancheria non molto sporca, evitare il prelavaggio: in questo modo si risparmieranno energia, acqua e detersivo.
Preferire i programmi di lavaggio a temperature non elevate.
Lavare a 90° solo biancheria veramente molto sporca e molto resistente: questa temperatura, infatti, comporta elevati consumi di acqua, di detersivo e di energia elettrica (per alzare la temperatura dell'acqua).
 
LAVASTOVIGLIE - Come le lavatrici, anche le lavastoviglie consumano sempre intorno ai 2 kWh.
Per risparmiare elettricità - consigliano gli esperti dell'Unc - evitare quindi di utilizzare la macchina per poche stoviglie ed escludere dal programma la fase di asciugatura: aprendo lo sportello e lasciando circolare l'aria si ottengono gli stessi risultati consumando il 45 per cento in meno di elettricità.
Riservare il ciclo intensivo solo a carichi con pentole, padelle e pirofile particolarmente sporche.
 
ILLUMINAZIONE - Ovviamente il consumo dipende dalla quantità e dal tipo di lampade utilizzate.
E' bene preferire le lampadine a risparmio energetico, (fluorescenti compatte). Costano di più, ma durano anche 8 volte più delle normali lampadine a incandescenza e, soprattutto, consumano fino al 70 per cento in meno.

Lo stesso vale per i cosiddetti neon, che però sono adatti solo in determinati ambienti.
Le lampadine alogene hanno una durata superiore rispetto alle tradizionali lampadine, ma per il tipo di luce che emanano sono più adatte a illuminare punti ben precisi, perché altrimenti perdono il 20 per cento di luminosità.
 
Negli ambienti in cui si ha bisogno della massima illuminazione - continuano gli esperti -, sostituire i comuni interruttori con i regolatori di intensità luminosa.
Esistono anche interruttori automatici che azionano l'illuminazione solo in presenza di persone, per poi interromperla a passaggio avvenuto. In generale, ricordare anche che una lampadina da 100 watt illumina quanto 6 lampadine da 25 watt, ma queste consumano il 50 per cento in più.
Meglio allora un lampadario unico, al centro della stanza e con una sola lampadina. Si consiglia anche di tinteggiare le pareti con colori chiari, che riflettono la luce.
 
TV - Questi apparecchi, stima l'Unc, consumano intorno ai 0,2 kWh per ogni ora di utilizzo.
E' bene collocare il televisore su un piano ben stabile e in modo da lasciare uno spazio di almeno 10 centimetri tra la parete e il retro dell'apparecchio, per permetterne l'aerazione.
Evitare la posizione di stand-by, almeno là dove si può. Lo stesso vale per gli hi-fi.

FRIGORIFERO - Questi elettrodomestici consumano intorno a 0,25 kWh per ogni ora di utilizzo. Per evitare una bolletta 'stellare', l'Unc consiglia di collocare il frigo nel punto più fresco della cucina, lontano da fonti di calore, facendo attenzione a lasciare uno spazio di almeno 10 centimetri tra la parete e il retro dell’apparecchio, in modo che sia ben aerato. Si consiglia di riporre i cibi nel frigo ordinatamente e solo dopo che si siano raffreddati, per evitare la formazione di brina sulle pareti. Regolare il termostato su posizioni intermedie: posizioni più fredde fanno aumentare i consumi del 10/15 per cento.
 
Ma non solo. Un altro consiglio utile riguarda l'aprire il minimo indispensabile la porta del frigo ma, soprattutto, fare in modo di tenerla aperta il meno possibile per evitare la dispersione del freddo e, conseguentemente, lo spreco di energia.
Occorre inoltre verificare periodicamente il buono stato delle guarnizioni della porta e sbrinare il frigo prima che lo strato di ghiaccio interno superi i 5 millimetri: la brina fa aumentare il consumo.
Almeno una volta all'anno - consigliano ancora dall'Unc - per meglio conservare l’efficienza dell'apparecchio e impedire l'aumento di consumi, pulire le serpentine del condensatore.
 
FORNO - Il forno elettrico, stima l'Unione Nazionale Consumatori, consuma intorno ai 2,3 kWh per ogni ora in cui rimane acceso.
Durante la cottura bisogna aprire lo sportello il minimo indispensabile e spegnere il forno poco prima che la cottura sia completa, per sfruttare il calore residuo. Pulire accuratamente il forno ogni volta che viene utilizzato.
 
SCALDABAGNO - Il consumo dello scaldabagno dipende dal tipo di apparecchio, ma normalmente si aggira intorno a 1-1,5 kWh per ogni ora in cui rimane acceso. Per risparmiare energia, consiglia ancora l'Unc, è bene regolare il termostato a 45°C in estate e a 60°C in inverno.
Gli esperti consigliano inoltre di installare l'apparecchio vicino al punto di utilizzo per evitare inutili dispersioni del calore dell'acqua calda attraverso lunghe tubazioni.
Infine, bisogna fare verificare e pulire periodicamente la serpentina per eliminare i depositi calcarei, che riducono la trasmissione del calore aumentando i consumi.
 
ASPIRAPOLVERE - Questo apparecchio consuma circa 2 kWh per ogni ora di utilizzo. Come spiega l'Unc, non è conveniente lasciare acceso l'aspirapolvere a vuoto, quindi prima di iniziare ad aspirare è bene mettere in ordine l'ambiente per rendere più agevole e veloce la pulizia.
Se l'aspirapolvere è di quelli a vapore (che hanno un consumo maggiore rispetto a quelli tradizionali e che necessitano di un certo tempo per il riscaldamento), gli esperti consigliano di cercare di dedicarsi a questo compito quando tutta la casa è in ordine e pronta per essere vaporizzata.
Sempre nel caso di aspirapolvere a vapore, fare attenzione alla manutenzione: il grande nemico - concludono gli esperti - è il calcare.

.fote: AdnKronos

 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/10/2016 18:25:00
LED. Why LED? Il risparmio energetico è un argomento all'ordine del giorno. L'Italia, come tutti gli altri paesi industrializzati del mondo ha l'obbligo legale di consumare meno energia e di rendere efficenti gli impianti utilizzati

05/09/2014 11:55:00
Risparmio energetico e biomassa, parliamone Appuntamento al Mulino di Gavardo, alle 20 e 30 di questo sabato 6 settembre, per un incontro che ha per tema il progetto di una centrale a biomassa, ma anche il risparmio energetico

01/07/2017 10:45:00
Incentivi al risparmio energetico Grazie agli introiti derivanti dalla vendita di energia idroelettrica, l’amministrazione comunale di Sella Giudicarie ha pubblicato un bando rivolto ai propri cittadini per l’acquisto di beni e servizi che permettono il risparmio energetico

06/10/2016 07:01:00
ESCo: il futuro del risparmio energetico Migliorare l'efficenza energetica degli edifici sfruttando le più moderne tecnologie senza spendere un soldo? Si può, grazie alle ESCo

30/06/2008 00:00:00
Incontro stasera alla biblioteca di Vobarno Si terrà questa sera alle 20.30, presso la biblioteca di Vobarno, un incontro pubblico sul risparmio energetico da titolo “Come e perché risparmiare energia negli edifici”.



Altre da Economia e Lavoro
23/10/2017

Formaggi bresciani all'estero, un'ipotesi realizzabile?

Ha avuto un riscontro positivo la missione estera svolta da Confcooperative di Brescia e Ice per sondare l’interesse del mercato estero per alcuni formaggi bresciani. Tra questi anche il Vrenda della Valsabbia

21/10/2017

Alla corte di sua maestà il bagòss

Accademia Italiana della Cucina in "azione" a Bagolino, alla riscoperta delle virtù casearie della produzione nostrana
(1)

21/10/2017

Il turismo in Valtenesi

Il Laboratorio di Ricerca e Intervento Sociale (Laris) dell’Università Cattolica di Brescia ne studierà le tendenze e le prospettive

19/10/2017

La ripresa c'è ma non per tutti

I dati macroeconomici registrano il segno più anche in Valle Sabbia ma con differenze nei diversi comparti produttivi

18/10/2017

Borsa di studio... e di ricerca

Poliambulatori Santa Maria, giovani laureati al centro dell'attenzione: 5.000 euro di premio alla migliore idea dì sviluppo delle professioni sanitarie. E' la borsa di studio "Gianna Bergomi". E la struttura cresce, con nuovi spazi dedicati agli ambulatori


18/10/2017

Valsir, modelli BIM senza rivali

Produrre l’eccellenza non è più sufficiente. Oggi serve che gli oggetti ben fatti possano essere facilmente inseriti nei programmi di progettazione più complessi. Anche qui è Valsir Spa a fare scuola

17/10/2017

Nasce la newco Orange1 Foundry

L’impianto di Sabbio Chiese delle Industrie Pasotti è confluito ieri nella bellunese Orange1 Holding, con il passaggio di 214 lavoratori

17/10/2017

L'Alco, per la logistica c'è Italtrans

Il polo prevallese de L'Alco, insieme a quello di Rovato, sarà smantellato entro la fine dell’anno. Si studia una soluzione per il trasferimento dei lavoratori coinvolti alla società Italtrans

16/10/2017

Le agevolazioni di «Industria 4.0»

Nel tardo pomeriggio di oggi presso la sede di Banca Valsabbina a Vestone un incontro dedicato agli strumenti finanziari e fiscali relativi agli investimenti in innovazione tecnologica

16/10/2017

Buon compleanno

50 anni di Marvon, 30 di Valsir e 25 di Oli. Il patron Andrea Niboli, con la sua grande famiglia, sabato scorso ha festeggiato alla grande

Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia