Skin ADV
Domenica 30 Aprile 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE



17 Marzo 2017, 11.23

Scelto per voi

Dal frigo alla tv, le dritte per risparmiare sulla bolletta

di red.
Consumi alle stelle a causa di elettrodomestici 'spreconi'? Niente panico, risparmiare è più semplice di quanto si pensi

Molto spesso basta solo mettere in pratica alcuni piccoli ma importanti accorgimenti per vedere migliorare sensibilmente i costi in bolletta. Come spiega l'Unione Nazionale Consumatori, per risparmiare energia elettrica è infatti prima di tutto fondamentale il comportamento consapevole di chi abita in casa, non sempre cosciente di quanti kilowattora vengono registrati dal contatore.

Per questo, l'Unc ha stilato una lista salva-risparmi per ogni elettrodomestico fra i più comunemente utilizzati. Dalla tv al frigorifero, passando per lavatrici, forno e scaldabagno, ecco i consigli per un uso consapevole dell'elettricità:
 
FERRO DA STIRO - Un ferro da stiro - avverte l'Unione Nazionale Consumatori - può avere una potenza di 1 kW oppure di 1,5 kW: nel primo caso, la potenza assorbita, cioè il consumo segnato dal contatore, sarà di 1 kW per ogni ora in cui si adopera l’apparecchio (1 kWh), nel secondo caso di 1,5 kW ogni ora di accensione (1,5 kWh).
Se un ferro da stiro funziona contemporaneamente a un forno elettrico che ha una potenza di 2,5 kW, è probabile che il contatore non regga il carico e, quindi, l’interruttore si abbasserà automaticamente interrompendo il flusso di corrente.
Comunque, per accertarsi di quant'è il consumo di un elettrodomestico, basta leggere la targhetta che i trova su ogni apparecchio che ne indica la potenza, oppure il libretto di istruzioni. A volte l'indicazione è in watt (W), che corrisponde a un millesimo di kilowatt (kW).
 
LAVATRICE - Normalmente le lavatrici consumano intorno ai 2 kWh, per ogni ciclo di lavaggio.
Per risparmiare energia - consiglia l'Unc - è bene utilizzare la lavatrice solo a pieno carico, altrimenti servirsi del tasto mezzo carico.
Occorre anche separare il bucato in base al tipo di tessuto e di sporco e scegliere correttamente il programma.

Per la biancheria non molto sporca, evitare il prelavaggio: in questo modo si risparmieranno energia, acqua e detersivo.
Preferire i programmi di lavaggio a temperature non elevate.
Lavare a 90° solo biancheria veramente molto sporca e molto resistente: questa temperatura, infatti, comporta elevati consumi di acqua, di detersivo e di energia elettrica (per alzare la temperatura dell'acqua).
 
LAVASTOVIGLIE - Come le lavatrici, anche le lavastoviglie consumano sempre intorno ai 2 kWh.
Per risparmiare elettricità - consigliano gli esperti dell'Unc - evitare quindi di utilizzare la macchina per poche stoviglie ed escludere dal programma la fase di asciugatura: aprendo lo sportello e lasciando circolare l'aria si ottengono gli stessi risultati consumando il 45 per cento in meno di elettricità.
Riservare il ciclo intensivo solo a carichi con pentole, padelle e pirofile particolarmente sporche.
 
ILLUMINAZIONE - Ovviamente il consumo dipende dalla quantità e dal tipo di lampade utilizzate.
E' bene preferire le lampadine a risparmio energetico, (fluorescenti compatte). Costano di più, ma durano anche 8 volte più delle normali lampadine a incandescenza e, soprattutto, consumano fino al 70 per cento in meno.

Lo stesso vale per i cosiddetti neon, che però sono adatti solo in determinati ambienti.
Le lampadine alogene hanno una durata superiore rispetto alle tradizionali lampadine, ma per il tipo di luce che emanano sono più adatte a illuminare punti ben precisi, perché altrimenti perdono il 20 per cento di luminosità.
 
Negli ambienti in cui si ha bisogno della massima illuminazione - continuano gli esperti -, sostituire i comuni interruttori con i regolatori di intensità luminosa.
Esistono anche interruttori automatici che azionano l'illuminazione solo in presenza di persone, per poi interromperla a passaggio avvenuto. In generale, ricordare anche che una lampadina da 100 watt illumina quanto 6 lampadine da 25 watt, ma queste consumano il 50 per cento in più.
Meglio allora un lampadario unico, al centro della stanza e con una sola lampadina. Si consiglia anche di tinteggiare le pareti con colori chiari, che riflettono la luce.
 
TV - Questi apparecchi, stima l'Unc, consumano intorno ai 0,2 kWh per ogni ora di utilizzo.
E' bene collocare il televisore su un piano ben stabile e in modo da lasciare uno spazio di almeno 10 centimetri tra la parete e il retro dell'apparecchio, per permetterne l'aerazione.
Evitare la posizione di stand-by, almeno là dove si può. Lo stesso vale per gli hi-fi.

FRIGORIFERO - Questi elettrodomestici consumano intorno a 0,25 kWh per ogni ora di utilizzo. Per evitare una bolletta 'stellare', l'Unc consiglia di collocare il frigo nel punto più fresco della cucina, lontano da fonti di calore, facendo attenzione a lasciare uno spazio di almeno 10 centimetri tra la parete e il retro dell’apparecchio, in modo che sia ben aerato. Si consiglia di riporre i cibi nel frigo ordinatamente e solo dopo che si siano raffreddati, per evitare la formazione di brina sulle pareti. Regolare il termostato su posizioni intermedie: posizioni più fredde fanno aumentare i consumi del 10/15 per cento.
 
Ma non solo. Un altro consiglio utile riguarda l'aprire il minimo indispensabile la porta del frigo ma, soprattutto, fare in modo di tenerla aperta il meno possibile per evitare la dispersione del freddo e, conseguentemente, lo spreco di energia.
Occorre inoltre verificare periodicamente il buono stato delle guarnizioni della porta e sbrinare il frigo prima che lo strato di ghiaccio interno superi i 5 millimetri: la brina fa aumentare il consumo.
Almeno una volta all'anno - consigliano ancora dall'Unc - per meglio conservare l’efficienza dell'apparecchio e impedire l'aumento di consumi, pulire le serpentine del condensatore.
 
FORNO - Il forno elettrico, stima l'Unione Nazionale Consumatori, consuma intorno ai 2,3 kWh per ogni ora in cui rimane acceso.
Durante la cottura bisogna aprire lo sportello il minimo indispensabile e spegnere il forno poco prima che la cottura sia completa, per sfruttare il calore residuo. Pulire accuratamente il forno ogni volta che viene utilizzato.
 
SCALDABAGNO - Il consumo dello scaldabagno dipende dal tipo di apparecchio, ma normalmente si aggira intorno a 1-1,5 kWh per ogni ora in cui rimane acceso. Per risparmiare energia, consiglia ancora l'Unc, è bene regolare il termostato a 45°C in estate e a 60°C in inverno.
Gli esperti consigliano inoltre di installare l'apparecchio vicino al punto di utilizzo per evitare inutili dispersioni del calore dell'acqua calda attraverso lunghe tubazioni.
Infine, bisogna fare verificare e pulire periodicamente la serpentina per eliminare i depositi calcarei, che riducono la trasmissione del calore aumentando i consumi.
 
ASPIRAPOLVERE - Questo apparecchio consuma circa 2 kWh per ogni ora di utilizzo. Come spiega l'Unc, non è conveniente lasciare acceso l'aspirapolvere a vuoto, quindi prima di iniziare ad aspirare è bene mettere in ordine l'ambiente per rendere più agevole e veloce la pulizia.
Se l'aspirapolvere è di quelli a vapore (che hanno un consumo maggiore rispetto a quelli tradizionali e che necessitano di un certo tempo per il riscaldamento), gli esperti consigliano di cercare di dedicarsi a questo compito quando tutta la casa è in ordine e pronta per essere vaporizzata.
Sempre nel caso di aspirapolvere a vapore, fare attenzione alla manutenzione: il grande nemico - concludono gli esperti - è il calcare.

.fote: AdnKronos

 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/10/2016 18:25:00
LED. Why LED? Il risparmio energetico è un argomento all'ordine del giorno. L'Italia, come tutti gli altri paesi industrializzati del mondo ha l'obbligo legale di consumare meno energia e di rendere efficenti gli impianti utilizzati

05/09/2014 11:55:00
Risparmio energetico e biomassa, parliamone Appuntamento al Mulino di Gavardo, alle 20 e 30 di questo sabato 6 settembre, per un incontro che ha per tema il progetto di una centrale a biomassa, ma anche il risparmio energetico

06/10/2016 07:01:00
ESCo: il futuro del risparmio energetico Migliorare l'efficenza energetica degli edifici sfruttando le più moderne tecnologie senza spendere un soldo? Si può, grazie alle ESCo

30/06/2008 00:00:00
Incontro stasera alla biblioteca di Vobarno Si terrà questa sera alle 20.30, presso la biblioteca di Vobarno, un incontro pubblico sul risparmio energetico da titolo “Come e perché risparmiare energia negli edifici”.

10/11/2016 06:43:00
Avete mai sentito parlare di cosφ (cosfi)?  Energia reattiva e legge e le nuove tariffe sono in vigore dal 2016, ma nessuno ne parla



Altre da Economia e Lavoro
29/04/2017

Al via la 61esima edizione

Si è svolta questa mattina la cerimonia d’inaugurazione della storica Fiera gavardese, un appuntamento irrinunciabile per le migliaia di visitatori che ogni anno affollano i padiglioni espositivi

28/04/2017

In bocca al lupo

Dalla Cooperativa alla Start-Up: All'Osteria Di San Giacomo, ristorantino nell'omonimo borgo di Ponte Caffaro, per quasi un anno gestita da "Lavori in Corso". Dal 1 Maggio se ne occuperà la società Beltrami's, sempre con Valerio e Stella 

27/04/2017

Qualità dell'aria e salute pubblica

Fra le aziende presenti alla Fiera di Gavardo c'è ASIA, azienda con sede a Prevalle specializzata in sistemi di purificazione dell'aria di ambienti indoor: case, uffici, scuole, studi medici, ospedali, negozi... che si è fatta promotrice di studi specifici sull'ambiente. VIDEO

27/04/2017

La Fiera di Gavardo e Vallesabbia all'insegna del «green»

Per quattro giorni nei padiglioni dei centro sportivo di Gavardo la Valle Sabbia si mette in vetrina alla Festa di Maggio con le sue aziende, i suoi prodotti e il suo territorio

26/04/2017

40 mila lettere in vista dell'assemblea

Sono quelle inviate dal "Comitato soci" della Banca Valsabbina, un po' a caso nei paesi dove è più alta la concentrazione dei soci, «perchè impossibilitati, per gli alti costi - affermano -, a disporre dei corretti indirizzi»

14/04/2017

Il Venerdì Santo è ancora di magro?

È ancora una tradizione rispettata quella di non mangiare carne ma pesce per questo giorno? Secondo un’indagine Ismea per Coldiretti sembrerebbe di sì

14/04/2017

Gioielleria Elisa Catterina, più di mezzo secolo di storia

A Prevalle, in una delle vie storiche del paese, Elisa Catterina gestisce una gioielleria aperta ben 56 anni fa dai suoi genitori. Abbiamo parlato con lei di mercato, di gioielli e di una società che cambia

13/04/2017

La guerra del riso

Quasi 500 agricoltori hanno lasciato le risaie della Lombardia per protestare a Roma contro il crollo delle quotazioni, l’import di riso dall’estero e la mancanza di un’etichetta d’origine che informi i consumatori su quello che stanno comprando

13/04/2017

Utilizzi motoseghe? Formati

Ellegi Service di Roè Volciano organizza un corso di Formazione per l'utilizzo in sicurezza di motoseghe

12/04/2017

Nasce il nuovo Polo Turistico Chiese, con accorpamento dell'Ecomuseo

Una regia unica in ambito turistico caldeggiata dal Bim e dalla Conferenza dei Sindaci dopo le novità in materia introdotte dalla Provincia

Eventi

<<Aprile 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia