Skin ADV
Sabato 21 Luglio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

[Estate]


06 Gennaio 2015, 06.14

Lettere

Pino Daniele, tra Napoli e il Blues

di Ziggy
Caro direttore, data la sua scomparsa, ho sentito il bisogno di scrivere queste righe su Pino Daniele, musicista che ho amato senza mezze misure. Me le pubblica?

Oggi abbiamo appreso la notizia della morte di Pino Daniele.
Oggi io, di origini napoletane, ho sperimentato personalmente, forse per la prima volta, cosa significa perdere un punto di riferimento musicale e, vorrei dire, culturale.

La carriera di Pino era partita, si dice, rubando la sua prima chitarra e acquisendo una tecnica superiore da autodidatta.
Aveva, nei primi anni '70, partecipato ad alcune iniziative che avrebbero determinato la rinascita del "sound" napoletano, partendo dalla band "Napoli Centrale" fondata dal napoletano di colore James Senese.

Intorno a Pino, che tra la seconda metà degli anni settanta e i primi anni ottanta scriveva i suoi album migliori, si coagulavamo i migliori talenti musicali partenopei: Lo stesso Senese, Enzo Avitabile, Tullio De Piscopo,Tony Esposito tra gli altri.

Ho sempre amato il Pino Daniele di quegli anni, quello che "incazzato" denunciava gli inciuci dei politici in "'na tazzulella e cafè" o metteva a nudo temi sociali, come quello dei "transgender", si direbbe oggi, con "chillo é nu buon guaglione".

Pino Daniele é stato a mio avviso uno dei pochi musicisti, se non l'unico, a creare una sintesi, un ponte musicale, tra la tradizione melodica napoletana, e il blues/jazz squisitamente americano: si ascoltino a tale proposito pezzi come "A me me piace o' Blues" o "Tutta 'nata storia".

Il suo virtuosismo tecnico - é stato considerato per decenni uno dei migliori chitarristi al mondo - si è integrato alla sua profonda "napoletanità", creando album incredibilmente caldi e soul come, ad esempio, "Nero a metà", forse il suo lavoro musicale più roboante.
Il suo "standing" musicale é stato riconosciuto e apprezzato a livello internazionale: note sono state le sue collaborazioni con importanti artisti d'oltreoceano, uno su tutti il grande Pat Metheny.

Negli ultimi dieci - quindici anni, la sua vena artistica si era spostata su colori più melodici e forse, secondo chi scrive, più popolari; da segnalare in questo ambito le collaborazioni con artisti di grande audience come, tra gli altri, Eros Ramazzotti e Laura Pausini.

Il mio gusto personale non mi ha permesso di apprezzare appieno tali collaborazioni.
Mi ero ripromesso invece di andare a seguire la recente "reunion" della band originale di "Nero a metà", che aveva già prodotto ottimi concerti in Italia alla fine del 2014: non mi perdonerò mai di avere esitato.

Ziggy










Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID53356 - 06/01/2015 09:33:32 (Leretico) Il mio Pino Daniele
Pino Daniele è da sempre un punto di riferimento. La sua musica, sia quella degli anni "70 e "80 che quella "diversa" degli anni "90 ha accompagnato la mia gioventù, la costruzione della mia visione del mondo. Anch'io mi rammarico per non essere andato a Verona il 1° settembre al suo concerto, sono andato a molti altri suoi e ad alcuni insieme a te, Ziggy. Mi sono sentinto molto triste ieri alla notizia della morte di Pino, insieme a lui mi sembra di aver perduto un pezzo della mia vita. Ho perso la poesia e la musica di chi non accetta le ingiustizie e sceglie di parlarne, di smascherarle, di puntare il dito contro il potere, contro il malaffare, contro chi fa finta di niente. Non mi dimentico di chi sono e da dove vengo. Non mi dimentico dell'anima, quella della canzone più bella di Pino Daniele intitolata semplicemente "Anima", che cantò anche a Brescia al Palatenda,come allora si chiamava, dopo l'operazione al cuore.


ID53358 - 06/01/2015 09:44:20 (Leretico) continua
La morte è una fine, ma Pino Daniele ci lascia indubbiamente tutto se stesso con la sua musica. Certo il cambio di registro è stato per lui notevole, ma credo non abbia mai tradito la sua musica, il suo virtuosismo, il pensiero che la sua forma di espressione potesse arrivare in ogni cuore sia parlando di ingiustizia che parlando d'amore. In questi giorni mi sento in lutto, sono addolorato perché devo abbandonare un sogno e una speranza che da quando ero adolescente mi ha accompagnato nel mio viaggio. E' un addio in solitudine che non volevo proprio dare.


ID53359 - 06/01/2015 10:54:28 (Ziggy) Ziggy
Pino stato davvero l'artista capace di creare un ponte vero tra la grande tradizione melodica napoletana e la linea pop/rock/blues anglosassone. E si badi... dico tradizione napoletana, ma dovrei dire italiana... anche perch, giusto per essere diplomatici, la musica italiana in realt non esiste: esiste la grande canzone napoletana tradizionale, sulla quale si sono innestate grandi individualit, come De Andr ad esempio, che pure in pi di un pezzo ha dichiarato, per cos dire, la sua formazione, innestando reminiscenze melodiche napoletane.Anche la lingua usata da Pino nei primi album, una sorta di "grammelot", per dirla alla Fo, che mette insieme napoletano, inglese e italiano e che riesce a lavorare su pi livelli si comprensione, dove i "gap" culturali vengono poi "ricuciti" dalla melodia.


ID53360 - 06/01/2015 10:55:29 (Ziggy) Ziggy
Questo "polimorfismo" di Pino Daniele ha fatto s che lui sia stato uno dei pochi artisti italiani "pop" invitati ad eventi come i jazz festival internazionali e in grado di portare avanti collaborazioni con mostri sacri stranieri.


ID53362 - 06/01/2015 11:54:24 (Venturellimario)
Peccato servissero i sottotitoli per capirci qualcosa, peccato perché la parte musicale era bella


ID53368 - 06/01/2015 19:32:51 (Tc) ...
Dispiace anche a me se pur non era tra i miei artisti preferiti ho goduto di alcune sue belle canzoni,nonostante alcune fossero difficili da capire...ma la ritmica e' sempre stata da professionista...ora fara' compagnia all'altro Pino sempre morto pure lui di infarto proprio poco tempo fa...


ID53380 - 07/01/2015 10:59:39 (sonia.c) a meno che,non si conocano tute le lingue del mondo..
una traduzione è ,spesso,necessaria.il napoletano NON è un dialetto,ma una lingua riconosciuta.io non capisco bene neanche il dialetto bresciano. ma,anche se scrivo malissimo l'italiano,lo comprendo. sopratutto il messaggio-significato. ad esempio,come la "divisione" espressa da ventu,non aiuti la comprensione. non è che certa gente non capisce il napoletano:non capisce "l'esperanto emotivo" della musica che unisce.. (appunto)o forse capiscono anche troppo bene. capiscono che ,certa gente,attraverso la musica ,parla il linguaggio dell'amore! forse,è questo che dà fastidio. è questa la lingua sconosciuta oggi.una lingua che si stà poertando "scentemente" all'estinzione.


ID53402 - 07/01/2015 19:41:08 (DOXAL)
Ringrazio Ziggy per questo bellissimo articolo e l'Eretico per il contributo dato con i suoi commenti. Condivido parola per parola tutto quello che e' stato detto, compreso il rammarico di essere mancato all'appuntamento di settembre all'Arena di Verona. Mi consola il fatto di aver assistito a diversi suoi concerti tra cui uno memorabile a Napoli nel 1982 quando fu affiancato da una band stellare (Tullio De Piscopo, Tony Esposito, Mel Collins, Alfonso Johnson...). Per quanto riguarda la questione linguistica, da napoletano dico che al di la' dell'intelligibilita' di quello che dicono le sue canzoni, basterebbe godere non solo della musica, ma della musicalita' della lingua napoletana che riesce a sposare il Blues in maniera sorprendente. Mi si passi l'accostamento forse iperbolico, ma noi tutti possiamo apprezzare una qualsiasi aria del "Flauto magico" di Mozart anche senza capirne esattamente il significato. Ancora grazie!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/01/2015 13:28:00
I due funerali di Pino Daniele. Addio controverso al cantautore blues napoletano
Polemiche sull'ultimo saluto ad uno dei musicisti più influenti nella scena musicale italiana e napoletana.

18/05/2012 10:00:00
Da «Pas en Amùr» a … vivere per la musica Oggi ci occupiamo di Daniele Richiedei, violinista bagosso capace di affrontare ogni genere musicale, in particolare la musica contemporanea.

10/06/2018 07:00:00
Concerto finale master improvvisazione È in calendario questa domenica sera presso il Conservatorio di Brescia il concerto degli studenti della masterclass di improvvisazione condotta dal violinista Daniele Richiedei

09/01/2018 08:00:00
«Napoli velata» Adriana, un'anatomo - patologa di Napoli, incontra ad una festa Andrea, un uomo affascinante che la seduce per passare una focosa notte insieme. Il giorno seguente Andrea viene trovato morto, brutalmente assassinato

15/09/2015 13:42:00
Pino Greco e la scuola Valsabbina Verranno celebrati questo mercoledì alle 13:45, nalla chiesetta di San Bernardo in Costalunga a Brescia, i funerali di Pino Greco. Giancarlo Marchesi qui traccia una breve biografia intrecciata al mondo della scuola




Altre da Cronache
21/07/2018

Fiumi di contanti dalla Slovacchia, coinvolti valsabbini

Anche imprese di Agnosine e Bagolino e persone residenti a Gavardo e Vestone fra gli indagati nella maxi frode fiscale connessa al riciclaggio di contante in Slovacchia

21/07/2018

Alberi sradicati sul lago d'Idro

Tanta acqua, ma soprattutto forti raffiche di vento, hanno tenuto molte persone sveglie nella notte appena trascorsa attorno al lago d’Idro (1)

21/07/2018

L'ultimo ad averla vista

«Non si è spaventata, nemmeno un po’. L’ho vista lì, ferma, che mi guardava e mi sono avvicinato, tenendo dietro di me i miei due cagnolini...»

21/07/2018

L'altruismo dei serlesi

In altre occasioni sono stati definiti omertosi, reticenti se non addirittura ostili nei confronti del “forestiero”. Invece si stanno facendo in quattro, richiamati dal loro sindaco, nella ricerca di Iuschra


21/07/2018

Ricerche al terzo giorno, dall'angoscia alla disperazione

I forti temporali che hanno colpito anche la zona di Cariadege, non hanno certo semplificato le operazioni di ricerca. Oggi in azione una task force per esplorare büs e omber

20/07/2018

Dopo 24 ore ancora nulla

Nessuna segnalazione ancora della presenza di Iuschra da qualche parte, sull’Altopiano dove è stata vista l’ultima volta o nei paesi limitrofi dove ormai è stata estesa la ricerca. Ecco cosa fare se la si incontra


20/07/2018

Come un ago in un pagliaio

Le ricerche della ragazzina rese difficili dall'estensione, dalla particolare conformazione del territorio e dalle sue stesse condizioni: impaurita, potrebbe decidere di nascondersi ovunque


20/07/2018

Ripartono le ricerche, ecco come vengono organizzate

Nemmeno gli elicotteri e i droni dotati di sensori termici sono riusciti nella notte ad individuare la presenza di Iuschra, la ragazzina di 12 anni, autistica, dispersa a Cariadeghe. E l’angoscia cresce

19/07/2018

Ragazzina dispersa a Cariadeghe

Sono in corso le ricerche di una dodicenne pakistana autistica smarrita questa mattina sull’altopiano di Serle. L'appello dei soccorritori. Aggiornamento ore 22
(1)

17/07/2018

Tamponamento a Nozza

Non si è accorto che la colonna d’auto davanti a lui si stava fermando e non è riuscito a bloccare la moto in tempo, finendo a terra

Eventi

<<Luglio 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia