Skin ADV
Sabato 24 Giugno 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
[Mura]


23.06.2017 Gavardo Villanuova s/C Paitone

24.06.2017 Mura

23.06.2017 Valtenesi

22.06.2017 Valsabbia

22.06.2017 Serle

22.06.2017 Anfo Valsabbia

22.06.2017 Vestone

23.06.2017 Agnosine

22.06.2017 Salò Garda

23.06.2017 Odolo






16 Novembre 2015, 07.51

Genitori & Figli

Terrorismo: proteggiamo i bambini

di Giuseppe Maiolo
Ogni attacco terroristico ha come obiettivo esclusivo quello di seminare il panico. La paura che si sviluppa nella gente è collegata al timore di un altro attacco e all’incapacità di poterlo prevedere

È il terreno franoso dell’insicurezza che s’insinua rapidamente in ognuno di noi e produce una serie di risposte psico-fisiche che vanno dallo stress all’ansia acuta le cui manifestazione in alcuni sono elevate soprattutto a causa del massiccio bombardamento mediatico che è solitamente destabilizzante.

La visione persistente delle immagini relative alla violenza terroristica incrementano le reazioni di tutti, ma in particolare dei soggetti più fragili emotivamente e dei bambini. Solitamente però non si tratta di sintomi che persistono a lungo se non collegati a traumi vissuti personalmente.

Al contrario a livello collettivo le risposte di ansia e di insicurezza prodotte da atti di terrorismo si risolvono in un tempo breve perché si sviluppa un senso di coesione e viene incrementato il desiderio di stare uniti insieme per far fronte al comune nemico.
Gli studi di psicologia sociale infatti sembrano sottolineare che si sviluppa un forte sentimento di comunità ogni qualvolta ci si sente minacciati e sotto attacco.

La grande esposizione mediatica dei giorni immediatamente successivi all’attacco terroristico in ogni caso non va sottovalutata perché può essere dannosa per coloro che già soffrono di disturbi psicologici come ansia o depressione e ovviamente per i minori che vengono lasciati da soli di fronte al passaggio continuato di notizie relative al terrorismo.

Difficoltà a dormire, incubi, agitazione psicomotoria sono alcune delle risposte che solitamente si registrano e che hanno bisogno di essere rapidamente prese in considerazione e trattate con adeguati interventi.

Ci sono studi come quelli sviluppati dopo l’attentato alle Torri gemelle
di Manhattan che dimostrano come la sola l’esposizione mediatica eccessiva o non adeguata alla capacità della gestione emotiva di alcuni soggetti come i bambini o gli adolescenti, possa produrre un grave disturbo chiamato Disturbo Post-traumatico da Stress (PTSD).
In questi casi chi presenta in modo persistente i sintomi relativi al disturbo non ha vissuto direttamente la minaccia, non ha perso un familiare, ma è stato solamente spettatore in televisione o via Internet degli accadimenti.

I bambini, pertanto, ma talvolta anche gli adolescenti, sono particolarmente a rischio.
Pericoloso è lasciarli da soli in balia della massiccia dose quotidiana di notizie angoscianti e delle immagini relative all’attentato.

Come sempre in ogni evento triste o catastrofico, la cosa fondamentale per tutti è poterne parlare con una persona affettivamente vicina. Vedere e ascoltare senza parlarne personalmente con qualcuno di quello che si prova, non aiuta ma aggrava il senso di precarietà che tutti noi viviamo.
È necessario per ciascuno elaborare l’angoscia esprimendo i propri sentimenti e le emozioni.

I minori ancora di più hanno bisogno di essere aiutati non solo a capire con spiegazioni razionali (sempre che ve ne siano) gli accadimenti, ma soprattutto accompagnati ad esprimere i loro vissuti, le preoccupazioni o le paure che si sono elaborate.

Per giorni dopo un evento terroristico sarebbe opportuno insieme con i più piccoli sondare quali percezioni si portano dentro, magari incoraggiandoli a disegnare quello che sentono.
Non serve dare loro interpretazioni su quello che hanno disegnato, ma aiuta semplicemente il fatto di tirar fuori e non tener dentro. Questo però vale per tutti.

Giuseppe Maiolo
www.ciripo.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/03/2014 07:00:00
Educare al tempo di Internet Prendono il via questa sera a Villanuova sul Clisi le conferenze della serie “Genitori in forma(zione)”, con un primo incontro dedicato al rischi della rete a cura del prof. Giuseppe Maiolo, curatore della rassegna


10/06/2014 08:37:00
Educare al tempo di internet, a Idro Sarà recuperata questo giovedì 12 giugno alle 20.30 la quarta serata formativa rivolta ai genitori, per il ciclo organizzato dall’Amministrazione comunale di Idro

21/03/2016 08:50:00
Prostituzione minorile Sono emerse nei giorni scorsi azioni di adescamento on line di minori. Solo in questi casi si parla dei rischi che corrono i minori sulla rete. Cosa fanno e cosa devono fare gli adulti di riferimento?


22/07/2016 07:13:00
Grooming: la pedofilia in Internet Tra rischi che corrono i minori in Internet vi è da sempre quello di essere adescati, cioè catturati dai maleintenzionati che vogliono procurarsi contatti reali di natura sessuale o materiale pedopornografico

18/03/2014 10:01:00
San Giuseppe: quale festa del padre? Si fa riferimento al padre putativo di Gesù, per ricordare le funzioni del padre, anche se prevale il sospetto che gli aspetti commerciali abbiano fatto perdere la valenza simbolica di questa figura



Altre da Genitori e Figli
08/06/2017

A proposito di Balena blu

L’allarme è virale, come si dice ora nel tempo digitale. E’ bastato un servizio decisamente inquietante per mettere in angoscia genitori e educatori, infuocare gli animi di preoccupazione e far gridare all’emergenza

03/05/2017

Prevenire il Cyberbullismo

Sul cyberbullismo è noto l’impegno del Parlamento italiano che, almeno al Senato, ha approvato un disegno di legge per la tutela dei minori vittime di aggressioni e offese sul web. Tuttavia...

24/04/2017

Ragazzi che si fanno male

Il cosiddetto “male di vivere” sembra essere in aumento tra i giovani. Secondo l’Osservatorio Nazionale dell’Adolescenza c’è un 20% dei teenager che si fa intenzionalmente del male.

10/04/2017

Il coraggio di educare

Li incontro quasi ogni giorno ormai, andando nelle scuole e parlando con loro di Internet, dei social, delle attività che si fanno e dei rischi che si possono correre in rete...

02/04/2017

Nessuno educa nessuno

ntinuano ad accadere fatti gravi come quelli di Genova dove nei giorni scorsi  è stata scoperta una vera e propria catena di attività che i minori fanno on line come quella di inviare foto e video hard ad amici e conoscenti tra cui anche adulti

20/03/2017

I ritirati

Li riconosci perché non li vedi. O meglio, sono quei ragazzi che si isolano per paura del mondo che in alcuni casi diventa vero proprio panico

02/03/2017

Il corpo dei nativi digitali

I nuovi giovani, quelli digitali, in rete si cercano, si trovano, si incantano. O meglio si mostrano con mille volti o per lo meno con quegli Avatar che si possono impersonare

01/03/2017

Il «gioco» del sexting

Cyberbullsmo, e sexting, continuano ad essere fenomeni emergenti e gravi di questo nostro tempo tecnologico

10/02/2017

Se a un giovane manca l'idea di futuro

Da Pino Maiolo una riflessione, sull'onda dello sconcerto causato dalla lettera di Michele, il friulano che a trent'anni ha deciso di farla finita e che in queste ore sta rimbalzando sui giornali, in tv e sul web

23/01/2017

Cogliere il disagio in adolescenza

Durante l’adolescenza è importante stare attenti ai segnali che vengono inviati dai giovani come sbalzi di umore, pessimismo, isolamento relazionale. Anche se tristezza e pessimismo non vogliono dire depressione

Eventi

<<Giugno 2017>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia