Skin ADV
Giovedì 24 Maggio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

Narcisi

Narcisi

by Claudio



23.05.2018 Vestone Lavenone

22.05.2018

22.05.2018 Idro Vobarno Valsabbia

22.05.2018 Bagolino

23.05.2018 Odolo Valsabbia

23.05.2018 Idro

22.05.2018 Casto

22.05.2018 Salò

23.05.2018 Vobarno

22.05.2018 Vestone Pertica Alta






16 Novembre 2015, 07.51

Genitori & Figli

Terrorismo: proteggiamo i bambini

di Giuseppe Maiolo
Ogni attacco terroristico ha come obiettivo esclusivo quello di seminare il panico. La paura che si sviluppa nella gente è collegata al timore di un altro attacco e all’incapacità di poterlo prevedere

È il terreno franoso dell’insicurezza che s’insinua rapidamente in ognuno di noi e produce una serie di risposte psico-fisiche che vanno dallo stress all’ansia acuta le cui manifestazione in alcuni sono elevate soprattutto a causa del massiccio bombardamento mediatico che è solitamente destabilizzante.

La visione persistente delle immagini relative alla violenza terroristica incrementano le reazioni di tutti, ma in particolare dei soggetti più fragili emotivamente e dei bambini. Solitamente però non si tratta di sintomi che persistono a lungo se non collegati a traumi vissuti personalmente.

Al contrario a livello collettivo le risposte di ansia e di insicurezza prodotte da atti di terrorismo si risolvono in un tempo breve perché si sviluppa un senso di coesione e viene incrementato il desiderio di stare uniti insieme per far fronte al comune nemico.
Gli studi di psicologia sociale infatti sembrano sottolineare che si sviluppa un forte sentimento di comunità ogni qualvolta ci si sente minacciati e sotto attacco.

La grande esposizione mediatica dei giorni immediatamente successivi all’attacco terroristico in ogni caso non va sottovalutata perché può essere dannosa per coloro che già soffrono di disturbi psicologici come ansia o depressione e ovviamente per i minori che vengono lasciati da soli di fronte al passaggio continuato di notizie relative al terrorismo.

Difficoltà a dormire, incubi, agitazione psicomotoria sono alcune delle risposte che solitamente si registrano e che hanno bisogno di essere rapidamente prese in considerazione e trattate con adeguati interventi.

Ci sono studi come quelli sviluppati dopo l’attentato alle Torri gemelle
di Manhattan che dimostrano come la sola l’esposizione mediatica eccessiva o non adeguata alla capacità della gestione emotiva di alcuni soggetti come i bambini o gli adolescenti, possa produrre un grave disturbo chiamato Disturbo Post-traumatico da Stress (PTSD).
In questi casi chi presenta in modo persistente i sintomi relativi al disturbo non ha vissuto direttamente la minaccia, non ha perso un familiare, ma è stato solamente spettatore in televisione o via Internet degli accadimenti.

I bambini, pertanto, ma talvolta anche gli adolescenti, sono particolarmente a rischio.
Pericoloso è lasciarli da soli in balia della massiccia dose quotidiana di notizie angoscianti e delle immagini relative all’attentato.

Come sempre in ogni evento triste o catastrofico, la cosa fondamentale per tutti è poterne parlare con una persona affettivamente vicina. Vedere e ascoltare senza parlarne personalmente con qualcuno di quello che si prova, non aiuta ma aggrava il senso di precarietà che tutti noi viviamo.
È necessario per ciascuno elaborare l’angoscia esprimendo i propri sentimenti e le emozioni.

I minori ancora di più hanno bisogno di essere aiutati non solo a capire con spiegazioni razionali (sempre che ve ne siano) gli accadimenti, ma soprattutto accompagnati ad esprimere i loro vissuti, le preoccupazioni o le paure che si sono elaborate.

Per giorni dopo un evento terroristico sarebbe opportuno insieme con i più piccoli sondare quali percezioni si portano dentro, magari incoraggiandoli a disegnare quello che sentono.
Non serve dare loro interpretazioni su quello che hanno disegnato, ma aiuta semplicemente il fatto di tirar fuori e non tener dentro. Questo però vale per tutti.

Giuseppe Maiolo
www.ciripo.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/03/2014 07:00:00
Educare al tempo di Internet Prendono il via questa sera a Villanuova sul Clisi le conferenze della serie “Genitori in forma(zione)”, con un primo incontro dedicato al rischi della rete a cura del prof. Giuseppe Maiolo, curatore della rassegna


10/06/2014 08:37:00
Educare al tempo di internet, a Idro Sarà recuperata questo giovedì 12 giugno alle 20.30 la quarta serata formativa rivolta ai genitori, per il ciclo organizzato dall’Amministrazione comunale di Idro

26/10/2017 08:00:00
«Genitori 2.0», educare figli responsabili L'ultimo libro di Giuseppe Maiolo è pensato come una “guida” per i genitori di oggi spesso smarriti di fronte alle emergenze e ai fatti di cronaca

21/03/2016 08:50:00
Prostituzione minorile Sono emerse nei giorni scorsi azioni di adescamento on line di minori. Solo in questi casi si parla dei rischi che corrono i minori sulla rete. Cosa fanno e cosa devono fare gli adulti di riferimento?


22/07/2016 07:13:00
Grooming: la pedofilia in Internet Tra rischi che corrono i minori in Internet vi è da sempre quello di essere adescati, cioè catturati dai maleintenzionati che vogliono procurarsi contatti reali di natura sessuale o materiale pedopornografico



Altre da Cronache
23/05/2018

Si accascia per strada e muore

Gianfranco Festi aveva 49 anni. Il malore martedì sera in via Migliorini a Vobarno. Questo giovedì alle 15 i funerali


23/05/2018

A Odolo un «sintetico» targato Raffmetal

Raffmetal ha annunciato un accordo con l'Ac Odolo che quest'estate porterà alla posa di un tappeto sintentico sull'unico campo "a undici" della Conca d'Oro
(1)

23/05/2018

Passa il Giro

Un appuntamento atteso dai tanti appassionati di ciclismo e in particolare dai supporter del valsabbino Marco Frapporti il passaggio della tappa di oggi del Giro d’Italia che attraverserà l’alta Valsabbia

23/05/2018

Prevenire è meglio che curare

Il detto salutista ben si adatta anche ai comportamenti da tenere per strada. Cinquecento fra bimbi e ragazzini, sono stati coinvolti in “lezioni di vita” dagli agenti della Locale

23/05/2018

«Ardela ché». E la capretta non c'è più

Ratto di capra in quel Idro, lungo la strada che dal lago sale verso Capovalle. I legittimi proprietari sperano che sia stata caricata in auto per sbaglio e che possa tornare a casa (1)

23/05/2018

Il dovere della memoria

Partecipata manifestazione sabato scorso a Ponte Caffaro organizzata dalla sezione locale degli Artiglieri d'Italia nel centenario della conclusione della Prima Guerra Mondiale

22/05/2018

Doppio incidente, tangenziale in «tilt»

Due incidenti a distanza ravvicinatanel tempo e nello spazio, hanno causato il blocco di fatto della circolazione lungo la 45Bis in territorio di Prevalle

22/05/2018

La solidarietà si allarga

Comunità montana, banche del territorio, ma anche associazioni e semplici cittadini. Sempre più ampio il panorama di coloro che vogliono dare un contributo alla ricostruzione della struttura andata a fuoco all'interno del Parco delle Fucine di Casto


21/05/2018

Vola in moto e poi anche con l'elicottero

La disavventura è capitata ad un motociclista austriaco che in sella ad una "custom" stava risalendo la valle lungo la 237 del Caffaro, in quel di Anfo (1)

21/05/2018

Grave al Civile dopo il tamponamento

Brutta disavventura per il 14enne di Gavardo che con lo scooter è finito addosso ad un’auto, mentre viaggiava sulla Provinciale 116 fra Bostone e Gavardo (1)

Eventi

<<Maggio 2018>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia