Skin ADV
Venerdì 22 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE




20.06.2018 Gavardo

20.06.2018 Idro Vestone Treviso Bs Lavenone Valsabbia

20.06.2018 Vobarno Mura Garda

21.06.2018 Mura

20.06.2018 Valsabbia

20.06.2018 Val del Chiese

20.06.2018 Valsabbia

20.06.2018 Salò Valsabbia Garda Provincia

21.06.2018 Valsabbia

21.06.2018





14 Agosto 2017, 07.16

RAcconti del Lunedì

Uno splendido sabato alle Piscine Due Pini

di Ezio Gamberini
L’ultimo sabato di luglio, bello e caldissimo, lo trascorriamo ai Due Pini di Salò, immersi tra le decine di olivi e oleandri che circondano le splendide piscine. Che spettacolo!

Partiamo poco dopo le sette e mezzo, per trovare posto nel parcheggio che nel giro di pochi minuti, a causa del celebre mercato di Salò, nel giorno di sabato si riempie all’inverosimile. Lo visitiamo per una mezz’oretta (forse Grazia vorrebbe fermarsi più a lungo…) e poi entriamo in piscina.

L’amico Alessio, da anni emblematica figura degli impianti e del nuoto salodiano, è sempre al suo posto; insieme abbiamo corso alcune maratone all’estero, e ho ammirato la sua caparbietà nel voler raggiungere risultati davvero ragguardevoli in una specialità sportiva che non era la sua.

Alle otto e mezzo c’è ancora poca gente, e dopo aver aperto i lettini, mentre Grazia si stende a leggere, comincio a camminare accanto alla recinzione che delimita l’area.
Percorro una decina di giri, impiegandoci più di un’ora, e questo forse dà un’idea dell’estensione dell’impianto che ospita, all’aperto, una piscina olimpionica di cinquanta metri, una più piccola per i bambini, un campo per il calcetto, due campi da volley, mezzo campo da basket con un canestro, il tutto immerso in una cornice di verde lussureggiante e piacevolissima!

Quante volte l’abbiamo utilizzata, quando i nostri figli erano piccoli, e, soprattutto Grazia, che allora lavorava part-time, nella calura estiva li caricava in macchina tutti e tre per trascorrere dei divertenti pomeriggi.
Anna, poi, che in acqua si muoveva come un delfino, ha trascorso anni in vasca, fino alla soglia dell’agonismo.

Dopo un paio d’ore facciamo un primo bagno; al primo impatto l’acqua sembra freschina, ma dopo qualche istante restare immersi è gradevolissimo.
In acqua perdo la cognizione del tempo e dello spazio, ma in realtà abbandono ogni inibizione e comincio a fare lo scemo: mi esibisco in spericolate piroette, nuoto sott’acqua e risalgo all’improvviso, rituffandomi come un capodoglio, faccio il coccodrillo, poi il morto, mi tuffo dai blocchi e resto sotto per qualche metro, scendo dagli scivoli infinite volte, divertendomi un mondo…
Insomma, se qualcuno mi osservasse a lungo, sicuramente penserebbe che sia colpito da qualche rara, grave e irrecuperabile malattia.

Uscito dalla vasca, percorro a piedi l’intero perimetro dell’impianto per asciugarmi, e quando arrivo in prossimità del campo di calcetto, mi arriva tra i piedi una palla calciata con potenza da un ragazzino che sta giocando con gli amici e grida:

“Palla!”.

“Tranquilli ragazzi, ve la rimando io!”.


E’ una bella palla di cuoio pesante.
Siamo a una trentina di metri dal campo, prendo la rincorsa: calcio di destro o di sinistro? Calciavo indifferentemente con i due piedi, tanti anni fa, e mettevo la palla dove volevo, in quei sei meravigliosi campionati trascorsi con la maglia verde della mitica Falck di Vobarno.

In quella squadra (ero tra i più giovani!) i compagni erano Armando Antonini ed Ettore Amigoni, Aldo Maccarinelli ed Ermanno Franzoni, Pippo Pontoglio e Franco Zambelli, Alessandro Bazzani e Fabio Bordonali, e poi Gazzaretti, Spiazzi, Ghirardi, Panzeri, Orizio, Tiboni, Braga, Melzani, Massetti, i coetanei Giudici e Arrighini, e chiedo scusa a quelli che non ho nominato, mentre in panchina l’allenatore era Gigi Brotto, veneziano, indimenticato portiere del Brescia per undici stagioni in serie A e B.

Nei due campionati successivi, invece, il mio allenatore sarebbe stato Chico Nova, gran centravanti di Brescia, Atalanta e Palermo, gli ultimi anni ottimo cronista a Teletutto, andatosene troppo presto per un male incurabile.

Come la vuoi, ragazzo – penso tra me, convinto di stupirlo – sul piede, a mezz’aria vicino alla porta per essere appoggiata in rete, alta per essere colpita di testa? Dove vuoi, te la metto, dove vuoi…”.

E torna in mente l’emozione del primo gol, avevo diciotto anni, che ci permise di terminare il campionato al secondo posto dietro il Crema, che volò in serie D.
Avversario, era il Lumezzane, che arrivò terzo, pieno di figure storiche e carismatiche per la compagine valgobbina: Carletto Bonomi, Cadei, Festa, Filigheddu, Bertanza, Taiola, e tra i pali l’ottimo Soncina.
Su quella panchina si sarebbe a breve seduto Gigi Maifredi, che avrebbe poi spiccato il salto, allenando in seguito Ospitaletto, Bologna e nel 1990 la Juventus.

La porta era a una trentina di metri, e con l’incoscienza della gioventù tentai l’impossibile sparando un sinistro esplosivo che s’infilò all’incrocio dei pali dell’incredulo portiere.
Lo feci a occhi chiusi, ma compresi di aver segnato quando tutti i compagni mi abbracciarono. Io non capivo più niente, e nella settimana successiva non riuscii a dormire una notte intera, perché quando chiudevo gli occhi, rivivevo l’emozione del gol!

“Mhhh, no, calcio di destro, te la metterò sul piede, ragazzo”, decido.

Prendo la rincorsa, mi coordino, piede sinistro d’appoggio alla giusta distanza e “boom”, parte la palla, che gli arriva con precisione millimetrica sul piede, mentre nello stesso istante sento una fitta tremenda all’interno della coscia, dall’inguine fino all’altezza del ginocchio, come un terremoto dell’ottavo grado, che mi procura un dolore atroce.

“Scemo – comincio a ripetermi – scemo, e ancora scemo!”.

Ma come si fa? Non potevo riflettere, prima di calciare d’istinto con tanta potenza?

“Mai più, mai più una cosa del genere”
, mi ripeto, e sono colto da un grande sconforto…

Dopo un’ora tutta la parte interessata dallo “tsunami” comincia a diventare scura, e a sera sarà indiscutibilmente tumefatta e violacea.
Era già successa molti anni fa, una cosa simile, ma non a me, bensì a un collega: in una partita di calcetto giocata tra i dipendenti della nostra società, si era gravemente infortunato a un ginocchio e ricordo di aver promesso che non avrei mai più partecipato a una partita, neppure per scherzo.
Ho mantenuto la promessa ma ora con grande avvilimento devo riconoscere l’amara verità: in futuro neppure un calcio a un pallone mi sarà più consentito. Povero me. È dura dover osservare (e accettare!) i “ramilì che se séca”.

Per fortuna, quando all’ora di pranzo ci sediamo al bar e gustiamo tramezzini e panini squisiti, ci divertiamo un mondo con una piccolina che sta giocando con la sorellina, che ci guarda e sorride, e a me fa delle linguacce che mi fanno morire dal ridere.
Non so come faccio a trattenermi dal risponderle aprendo la bocca con due dita, far uscire la lingua e con le altre dita alzare le palpebre, strabuzzare gli occhi e abbassare le orecchie…

“Non fare le linguacce!”, la sgrida il papà, ma osservandola, capisco che le linguacce non le fa a tutti, indistintamente, ma soltanto a chi le è simpatico, e me ne compiaccio.
Nel pomeriggio ancora infiniti bagni, lanci dallo scivolo e dai blocchi, perché mi diverto a restare sott’acqua più che posso. Insomma, resto in vasca per ore.

Alla fine, è sera ormai, si deve tornare a casa. Ma ci torneremo prestissimo ai “Due Pini”, anzi, già sabato prossimo!

Resta la soddisfazione di aver trascorso una magnifica giornata in una cornice incantevole, il ricordo delle linguacce e del sorriso di quella simpaticissima bambina, la rinnovata consapevolezza, casomai ve ne fosse bisogno, della caducità di ogni cosa (e il bisogno di saper accettare serenamente questa realtà), e infine… un gran dolore alla coscia destra!

Ezio Gamberini
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
06/03/2014 12:07:00
Per le donne, una «prima» bagossa di Andrea Pini Omaggio alla donna sabato sera a Bagolino, con la musica del compositore Andrea Pini, tornato nella sua Bagolino da un paio d’anni

15/10/2012 08:00:00
Incontrarsi al Centro sociale Ripartono le attività del Centro sociale "I Pini", realtà salodiana aggregativa per eccellenza, punto di riferimento non solo per anziani.

18/01/2008 00:00:00
Roma, la costituzione e... la piovra gardesana Doppio appuntamento a Salò questa sera: alle 18 nella Sala dei Provveditori una conferenza su Europa e Costituzione. Al Due Pini alle 20:45 con Salò Laboratorio verrà invece proiettato La leonessa e la piovra.

12/09/2013 09:04:00
Raccolta alimentare pro Caritas Sabato le Penne nere del gruppo di Salò saranno presenti presso il supermercato Simply del Centro 2 Pini per una raccolta di generi alimentari per le famiglie in difficoltà

25/09/2013 13:30:00
A Vobarno trionfano Cassetti, Cismaroiu e Mabellini Questi i tre vincitori della tappa vobarnese del circuito Valsabbino 2013 "Memorial Fabio Franceschini". Sabato presso il Tennis club 2 Pini di Salò le finali del master



Altre da Racconti del Lunedì
18/06/2018

La tintoria

La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

21/05/2018

Racconto per telepatici

Questo è un racconto per telepatici… (1)

07/05/2018

Quest'anno niente Nobel

Nooooooo! Per il Maestro John e il sottoscritto nessuna possibilità di vincere il premio Nobel per la Letteratura, quest’anno, infatti, nel 2018 non sarà assegnato!

23/04/2018

La sindrome di Capitan Uncino

Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

09/04/2018

Potenza di un vanghetto

Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

26/03/2018

Una previsione sbagliata

Avevo otto anni quando il mio maestro mi disse, esasperato: “Tu da grande sarai un delinquente!”. Ed io gli risposi, altrettanto furibondo: “E lei sarà il primo che ammazzerò!”(3)

12/03/2018

Buone notizie

Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…

19/02/2018

Mozart fa russare?

Possibile che il grande, l’immenso Wolfang Amadeus Mozart, considerato trai i più grandi geni della storia della musica, faccia russare? Lo scopriremo alla fine del racconto…

05/02/2018

Due minuti di ritardo

“Due minuti di ritardo, si dimette il ministro Bates. Facce incredule: è shock alla Camera dei Lord. Bates, dopo le scuse, ha preso le sue carte e lasciato l’aula”...

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia