Skin ADV
Sabato 23 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE




22.02.2019 Sabbio Chiese

21.02.2019 Serle

22.02.2019 Bione

21.02.2019 Vestone

22.02.2019 Sabbio Chiese

23.02.2019 Villanuova s/C Roè Volciano

21.02.2019 Preseglie

23.02.2019 Casto

21.02.2019 Gavardo Valsabbia Muscoline Provincia

22.02.2019 Prevalle






26 Marzo 2018, 09.15

RAcconti del Lunedì

Una previsione sbagliata

di Ezio Gamberini
Avevo otto anni quando il mio maestro mi disse, esasperato: “Tu da grande sarai un delinquente!”. Ed io gli risposi, altrettanto furibondo: “E lei sarà il primo che ammazzerò!”

Non sapevano più come tenermi, e, in effetti, le elementari le ho trascorse traslocando da una classe all’altra, con gli insegnanti che così si suddividevano equamente l’oneroso compito di educarmi.

Educarmi… chi mi ha realmente educato è stata l’aria aperta, la montagna, il fiume, i ruscelli, il bosco e i campi, gli animali che ho sempre amato, specialmente quei serpentelli che suscitavano un grande “entusiasmo”, soprattutto nelle bambine, quando li portavo a scuola. Che belli!

Alle medie la mia esuberanza non è diminuita, e ogni tanto mi spedivano dal preside, pensando di farmi paura. Un professore, che curiosamente dava del lei a tutti, all’ennesima mia marachella un giorno mi disse, infuriato:

“Prenda la porta e vada dal preside!”.

Alla fine della lezione, durante il cambio dell’ora, smontai la porta, un gioco da ragazzi, nove viti in tutto, e la portai al primo piano, nell’ufficio del preside, che mi guardò sbalordito:

“Ma che fai?”.
“Oh, me l’ha detto quello là: ‘Prenda la porta e vada dal preside!’”.
E allora mi mordevo le mani, fino a farmele sanguinare, tanto ero nervoso.
Due giorni di sospensione, ma c’ero abituato.

Non ho studiato molto, ho pensato subito a lavorare, perché ce n’era bisogno, estremo bisogno. Ho fatto di tutto: il muratore, l’imbianchino, l’idraulico, l’elettricista, e poi per tutta la vita ho lavorato, e lo sto ancora facendo, in acciaieria.

E’ dura restare senza papà quando sei ancora bambino, con tanti fratelli e sorelle, ma tanti eh, alcuni più grandi e altri più piccoli.

Ed è stato a questi ultimi, soprattutto, che ho pensato, prima che a me stesso.
Soltanto quando la più giovane si è sistemata, ho preso in mano la mia vita e ho ristrutturato la casa della mia famiglia, in cui avrei continuato a vivere, con le mie mani: opere in muratura, impianto elettrico e idraulico, e ogni tipo di finitura. In seguito ho avuto la fortuna di incontrare una donna meravigliosa, con la quale condivido tuttora il viaggio, e sono papà di uno splendido figlio, pur senza averlo io generato, che ci ha portato in dono due gioielli di nipotini, per i quali impazzisco.

Fra un anno, quando sarò in pensione, potrò dedicarmi completamente a loro, e al mio cane, che adoro.
Sogno ogni tanto di poter volare ancora, come facevo quarant’anni fa:

“Lancio!
”: quasi subito si apriva il paracadute e a me pareva di sognare, soggiogato e intimidito dalla bellezza del gesto e delle prospettive, e in quegli istanti mi passava per la testa di tutto: ricordi, emozioni, sensazioni, gioie, dolori. Tutto c’è lassù, non si riesce a spiegare, si può soltanto provare!

C’è un mio caro amico, della mia stessa età e col quale ci vogliamo un bene dell’anima sin da bambini, forse perché entrambi siamo un po’ matti alla stessa maniera (quando ci incontriamo, ci s’illuminano gli occhi!), che ogni tanto scrive di me.

Dice che sono: ‘Il marito più affettuoso, pur in assenza di alcun “contratto” formale di matrimonio, il padre più premuroso, senza tuttavia aver mai generato, e nonno più amorevole’ che lui abbia mai conosciuto!

No, caro vecchio maestro, la tua previsione era sbagliata: nella mia vita non ho mai fatto del male a nessuno, non sono diventato un delinquente, da grande, ma, come dice il mio amico, sono stato e sono un affettuoso marito, un padre zelante e comprensivo, un amorevole nonno, oltre ad essere stato per tutta la vita un instancabile lavoratore.

E alla fine ti perdono, perché so che non avevi detto quella frase con cattiveria, ma solo esasperato dalla mia esuberanza; ti sono anzi grato, perché per farti vedere che avevi torto, la mia esistenza è trascorsa con la voglia di bene.

Perché la vita è bella, sempre, in ogni caso, e ciò che conta è il cuore e l’amore che si riesce a donare.


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID75621 - 26/03/2018 12:16:17 (olati) olati
complimenti Ezio per quanto hai scritto con coraggio e sincerita'...Il tempo e la vita.ti hanno dato ragione....Mi piacerebbe sentire ,nel merito, il parere di un altro maestro ..il nostro caro John Comini...olati


ID75627 - 26/03/2018 14:14:37 (tiger68) sempre fantastico
E sempre bello leggerla e un po' come ritornar bambini complimenti e continui a scrivere grazie.


ID75628 - 26/03/2018 14:46:31 (enzino.b) Amici miei
Capito subito chi il protagonista del racconto. Ne hai fatto un ritratto perfetto. L'ho rivisto con te qualche giorno fa e con i piedi sotto la tavola ho ascoltato i suoi racconti con piacere pensando che il tempo non ha minimamente cambiato la sua "esuberanza"! Bravo Ezio veramente bello leggerti, averti come amico ancor di pi.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/07/2018 05:41:00
Per un’amica “Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”…

29/05/2017 06:40:00
Mamma e papàSono il Genio della Lampada!”, esclamo con voce baritonale, sotto il cielo stellato. “Allora fai venire qua la mia mamma e il mio papà!”, ribatte con enfasi il piccolo folletto di cinque anni, che ho rinominato “Duracell”, come le pile che non si scaricano mai… 

25/08/2014 06:57:00
Cronache marine (parte seconda)Va bene la sveglia alle sette?”, avevo chiesto a Grazia prima di prendere sonno.
Oh, sei matto? Siamo in ferie, eh!”.

07/01/2019 08:00:00
La scuola materna San Giorgio “Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

21/01/2019 08:52:00
Il porziuncolatore “Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile… 



Altre da Racconti del Lunedì
11/02/2019

A rider in the Smoke Valley - Un cavaliere in Val di Fumo

Fatto bollire il riso che servirà per il minestrone di stasera, la nostra pausa pranzo volge al termine, quando Grazia sale a cambiarsi per tornare al lavoro...


21/01/2019

Il porziuncolatore

“Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile…  (1)

07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

27/08/2018

La moretta fanese

Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

23/07/2018

Rape rosse per te

Rape rosse per teeee, ho comprato staseeeraaaa… No, contrordine amici, si trattava di rose!...

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia