06 Luglio 2020, 07.00
Racconti del lunedì

Una confessione imbarazzante

di Ezio Gamberini

È dura dover confessare al proprio coniuge un’azione indegna, alla soglia dei sessant’anni: non mi era mai accaduto fino ad ora un evento così spregevole...


È dura dover confessare al proprio coniuge un’azione indegna, alla soglia dei sessant’anni: non mi era mai accaduto fino ad ora un evento così spregevole. “Grazia, devo confessarti una cosa…”.

Provo una vergogna infinita, perché non avrei mai pensato di cadere così in basso, farmi travolgere dal desiderio, perdere letteralmente il controllo di me stesso fino al punto di non accorgermi che stavo compiendo una scelleratezza di cui in seguito mi sarei sicuramente pentito; mentre ti succede, sei consapevole della fesseria, ma vai avanti, apparentemente imperturbabile, con la mente offuscata dal piacere che stai provando, e prosegui, fino alla fine della faccenda.

Non ho il coraggio di guardarla negli occhi:

“Beh, che è successo?” mi chiede.

“Ehmm…è…. è  una questione di ‘more’…”

“More?” s’interroga sbigottita Grazia, quasi incredula, poiché tra di noi, dopo quasi quarant’anni di vita in comune, non c’è bisogno di particolari approfondimenti verbali per capirci al volo.

“Sai, la tabaccheria…”.

“E cosa sarebbe successo, in tabaccheria?”.

“Sono entrato per acquistare le marche da bollo e ho salutato la signora, sempre gentile e premurosa, che in quel giorno di sole incantevole, capace di donare ai paesi lacustri una bellezza incomparabile, mi pareva ancora più allegra del solito, e allora…”.

“E allora?”.

“E allora ho perso la testa e fatto ciò che non avrei mai dovuto fare”.

“Cioè?”

“Ho allungato la mano e… ho afferrato un pacchetto coloratissimo di Morositas, le quali, appoggiate sul bancone, pareva dicessero, proprio a me: ‘Su, che aspetti?Divoraci!’; ho pagato marche da bollo e caramelle e sono corso in macchina per tornare in ufficio. Ho scartato il pacchetto, l’ho aperto in modo da poter arraffare agevolmente e nel minor tempo possibile le preziose gemme zuccherate e l’ho appoggiato sul sedile laterale, ho ingranato la marcia e prima di innestare la quarta ne avevo già mangiate tre, poi quattro alla quinta… insomma, in centottanta secondi le ho divorate TUTTE!”.


Non so se avete presente le “Morositas”: quelle confezionate nel tubetto, incartate una per una, sono già più difficili da gustare, ci vuole troppo tempo! La scatola invece, una volta aperta, ti offre le caramelle già scartate, pronte all’uso: quando le metti in bocca, cominci ad assaporare la granella zuccherina e poi, scioltisi alfine e degustati i deliziosi cristalli di glucosio, con le papille gustative ubriacate dal nettare celestiale, non resisti più e cominci a mordere quel magnifico bolo di zucchero ai vari gusti di fragola, arancia e limone, che appaga i tuoi sensi; esiste forse qualcosa di più peccaminoso?

“E poi, vuoi mettere la vitamina C che assumi?”. 

Grazia mi guarda, scuote impercettibilmente il capo, alza gli occhi al cielo e non riesco a capire quali pensieri stiano attraversando la sua mente in questo preciso istante: sono indeciso tra “Ma v…” e “Povero scemo…”

Ignoro se la sua reazione mi sarà trasmessa a rate, o in soluzione unica. Probabilmente c’è un periodo di preammortamento, perché non batte ciglio.

Non importa, lo sai Grazia che non ti ho mai tradito, e giammai lo farò.

Al massimo, con una “Morositas”!



Vedi anche
19/11/2012 07:00

Una cosa che comincia per i Prima puntata ...mercoled 13 agosto, al mattino, ho una leggera fitta al petto che dura un minuto. Non ci faccio troppo caso, mi sembra una cosa passeggera...

11/11/2019 09:12

Congratulazioni trisnonna Maddalena Cimarolli La Carbonera Maddalena Cimarolli, che negli anni sessanta da “Bondù si era trasferita a Biù” alla soglia dei cento anni, è diventata trisnonna del piccolo Dries, per la gioia dei genitori, nonni e di tutti i parenti.

01/07/2019 06:40

Qualche fetta di prosciutto E’ mai possibile che uno debba arrivare alla soglia dei sessant’anni senza mai aver assaggiato prosciutto e melone?

27/11/2014 13:12

Sessant'anni insieme Tanti auguri a Severina e Fausto, longeva coppia di Provaglio Valsabbia, che proprio oggi, giovedì 27 novembre, festeggia i sessanta anni di matrimonio

04/10/2016 17:07

1.3 La democrazia diretta e quella rappresentativa per il potere (cratos) Il potere è l'azione, l'azione è la tecnica, la tecnica è la cosa, ogni cosa per come la pensiamo. Vediamo questa sequenza di affermazioni nella loro analisi



Altre da Racconti del Lunedì
03/08/2020

Un vasetto in affitto

Usciamo dal lavoro e raggiungiamo il centro salodiano per acquistare l’ultimo romanzo di Camilleri: “Riccardino”…

08/06/2020

Il tubetto del dentifricio

Non riesci mai a capire quando è finito il dentifricio, con questi tubetti di plastica che riprendono sempre la loro forma iniziale, anche se li spremi...
AUDIO

18/05/2020

Si riparte

Oggi comincia una nuova fase, in cui la maggior parte di aziende e negozi riprenderà la propria attività, rispettando le dovute prescrizioni...

04/05/2020

A modo mio

Non si tratta della famosa macchinetta del caffè, bensì della maniera in cui trascorro l’ultimo fine settimana, prima di riprendere il lavoro a tempo pieno, lunedì 4 maggio…
AUDIO

28/04/2020

Nei giardini che nessuno sa

Coronavirus, bufale o realtà? “Inutile salvare obesi e fumatori…”, e ancora: “Gli ottantenni esclusi dalla terapia intensiva”...

20/04/2020

Una Pasqua sorprendente

E’ il giorno di Pasqua. Grazia ed io siamo a casa da soli. A mezzogiorno esatto, con una giornata meravigliosa, cielo azzurrissimo e sole splendente, apro tutte le porte e le finestre e “sparo” al massimo volume l’Hallelujah di Händel…

13/04/2020

Mamma

In occasione della scomparsa della loro mamma, dedico questo ricordo, pubblicato sette anni fa, al nostro direttore Ubaldo Vallini e alle sue sorelle Eliana e Nunzia. AUDIO

06/04/2020

Due fedelini al burro

Quando la mamma si alzava al mattino, ci metteva un secondo a capire che la sera prima ti eri cucinato due fedelini al burro…
AUDIO

17/03/2020

La lezione di Giovannino

“Non muoio neanche se mi ammazzano”, affermò quando lo internarono in un campo di concentramento, e due anni dopo, dimagrito di venti chilogrammi, il sottotenente Giovannino Guareschi mantenne la promessa e ritornò a casa… AUDIO

24/02/2020

Una Brooklyn

Quando sei bambino, non pensi alla morte, perciò John Brown non poteva giacere in una tomba, ma al massimo in una tombola, là nel pian…