Skin ADV
Mercoledì 26 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Spezie di Bukara

Spezie di Bukara

by Miriam



24.09.2018 Anfo

24.09.2018 Vobarno Roè Volciano

26.09.2018 Gavardo

25.09.2018 Val del Chiese

24.09.2018 Barghe

25.09.2018 Bione Agnosine Odolo Preseglie

25.09.2018 Serle Provincia

26.09.2018 Valsabbia

25.09.2018 Gavardo

24.09.2018 Storo






24 Luglio 2017, 06.56

Racconti del lunedì

Un merlo impertinente

di Ezio Gamberini
Da anni e annorum tutte le mattine mi sveglio almeno mezz’ora prima del necessario. “Bello scemo”, diranno i miei due lettori di ValleSabbiaNews. Ehhh, laciatemi spiegare…

Quando ero studente, tutte le mattine la mamma doveva chiamarmi almeno dodici o tredici volte per svegliarmi, e lo faceva ogni volta sempre dolcemente, invece di prendermi a calci in culo o gettarmi addosso un secchio di acqua gelata, come mi sarei meritato.
Poi finalmente mi alzavo, in centottanta secondi mi lavavo e mi vestivo, bevevo il caffè e volavo verso il pullman che agguantavo all’ultimo secondo.

Col tempo, “maturando”, per utilizzare un bonario eufemismo, ho decisamente cambiato abitudini e prerogative. 

Adesso mi piace fare le cose con molta calma, il mattino, e la prima, anche in ordine cronologico, consiste nell’impiego del rasoio elettrico.
Terminata l’operazione, apro la finestra e appoggio i gomiti sul davanzale, sistemo il mento sulle mani aperte e per qualche minuto osservo lo spicchio di giardino che mi si presenta davanti, mentre affido al Padreterno i miei cari e la giornata che sta per iniziare. 

In estate tutto è verde e fiorito, i melograni si stanno ingrossando a vista d’occhio, la salvia, il prezzemolo e il basilico sono sfacciatamente rigogliosi, così come le piantine dei peperoncini piccanti; la rucola è come sempre abbondantissima, il gelsomino si arrampica che è un piacere e le ortensie sono una meraviglia. 
E poco dopo, come ogni giorno, arriva lui, il padrone assoluto del giardino: è un grosso merlo dal becco giallo, tirato a lucido, che mi guarda con aria strafottente e sembra dirmi:

“Beh, che vuoi? Fila, questo è il mio regno”, e zampetta impettito spostandosi dalle ortensie alla pianta di alloro fino al boschetto di rosmarino, privilegiando il terreno smosso: è di una sfrontatezza unica e non ha paura di nulla, neanche di me, e neppure di Grazia!

Frega tanto al merlo dello spread, del buco nell’ozono, del Grande Fratello o di Master Chef, del Premio Strega, delle prossime elezioni o delle beghe tra Renzi, Berlusconi e Grillo… frega tanto a lui. Lui continua a smuovere la terra, alla ricerca di succulente prelibatezze.

Ma una mattina, aperte le imposte, osservo con stupore che in mezzo al prato il merlo è riverso su un fianco e il becco è spalancato in quella che appare una tetra postura conseguente all’agonia. E’ fermo, immobile già da qualche secondo e lo guardo attentamente ancora per mezzo minuto, senza che riveli segni di vita.

“Oddio, è morto stecchito! Hai visto cosa succede a far troppo il bullo?”, penso tra me, e corro nell’altra stanza per uscire in giardino.
Faccio un passo nella sua direzione, ma all’improvviso si rialza, si da una scrollatina, insomma, una “spulinada”, si volta e mi guarda per qualche istante, poi ricomincia a saltellare e si avvia nuovamente alla ricerca di cibo.

E’ sempre lui, irriverente come non mai.
Glielo si legge sul muso: frega tanto al merlo della Belen, dell’iceberg grande come la Liguria che si è staccato dalla piattaforma antartica e ora vaga senza meta, di Trump e di Putin, della legge elettorale che finalmente garantisca la governabilità o l’ennesima riforma delle pensioni oppure dell’Austria che vuol chiudere le frontiere…

Lui si accontenta di qualche lombrico estratto dal terreno, che tamburella incessantemente col suo poderoso becco giallo, e il giorno dopo è ancora lì, spudorato come non mai, che mi guarda dritto negli occhi con aria di sfida, e ricomincia a tastare le zolle, come se fosse la replica della stessa rappresentazione, riproposta all’infinito.

Mah!

Che abbia ragione il merlo? 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/07/2018 05:41:00
Per un’amica “Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”…

16/08/2016 08:24:00
In compagnia di... Pinocchio “C’era una volta…-Un re!– diranno i lettori di Vallesabbianews. No, ragazzi, avete sbagliato. C’era una volta un gruppo di 15 ciclisti dell’Avis Gavardo che viaggiava in pellegrinaggio verso Roma”

17/09/2018 07:00:00
Le monete d'oro Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!… 

22/02/2016 06:22:00
Trecento Cari amici lettori di ValleSabbiaNews, questo è il centocinquantesimo racconto pubblicato sul sito (il “battesimo” avvenne il 23 maggio 2011), e allora vi chiederete perché l’ho intitolato “Trecento”...

27/08/2018 08:09:00
La moretta fanese Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…



Altre da Racconti del Lunedì
17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

27/08/2018

La moretta fanese

Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

23/07/2018

Rape rosse per te

Rape rosse per teeee, ho comprato staseeeraaaa… No, contrordine amici, si trattava di rose!...

02/07/2018

Per un'amica

“Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”… (1)

18/06/2018

La tintoria

La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

21/05/2018

Racconto per telepatici

Questo è un racconto per telepatici… (1)

07/05/2018

Quest'anno niente Nobel

Nooooooo! Per il Maestro John e il sottoscritto nessuna possibilità di vincere il premio Nobel per la Letteratura, quest’anno, infatti, nel 2018 non sarà assegnato!

23/04/2018

La sindrome di Capitan Uncino

Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

09/04/2018

Potenza di un vanghetto

Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia