Skin ADV
Venerdì 22 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Arcobaleno che unisce il cielo...

Arcobaleno che unisce il cielo...

di Gianfranco Fenoli

[Estate]


20.06.2018 Gavardo

20.06.2018 Idro Vestone Treviso Bs Lavenone Valsabbia

20.06.2018 Vobarno Mura Garda

21.06.2018 Mura

20.06.2018 Valsabbia

22.06.2018 Bagolino

21.06.2018 Valsabbia

22.06.2018 Valsabbia

20.06.2018 Val del Chiese

21.06.2018





22 Gennaio 2018, 09.33

RAcconti del Lunedì

Un altro sabato del villaggio

di Ezio Gamberini
Con Grazia a cena parliamo di tutto e questo sabato sera il discorso, a un certo punto, scivola sulle mogli di due presidenti notissimi, uno attuale, e uno ormai ex, anche se per molti continua a essere «"Il" Presidente»…

Conveniamo che devono proprio aver “mandato giù” di tutto, quelle povere donne!

Stando alle notizie riportate dagli organi d’informazione, mentre una coniuge guardava un programma alla Tv o leggeva un libro a letto, il marito, due piani sotto, nel seminterrato della grande villa, s’intratteneva in allegra compagnia con amici e amiche di genere vario e diverso, in riunioni conviviali di “largo respiro” e “ampie vedute”; mentre l’altra coniuge, di là dall’oceano, osservava allibita in Tv il filmato “rubato”, in cui il marito affermava che:

“Se sei un VIP, dalle donne ottieni ciò che vuoi”.

Mi viene spontaneo pensare che, d’accordo, chi è senza peccato scagli la prima pietra, ma nel momento in cui si va a votare, mi chiedo se, pur essendo a conoscenza di fatti conclamati e condotte consolidate, sia possibile premiare chi si comporta in tal modo.
Ho sempre pensato che due coniugi debbano essere fedeli tra loro, visto che se lo son promesso, quando si sono sposati, per scelta e liberamente si presume (e non è solo una convenzione, pur se prevista dall’art.143 del Codice Civile il quale prevede che “…dal matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà”, ma uno stile di vita che mi rende inconcepibile il solo pensiero di poter tradire mia moglie, in qualsiasi forma).
E il far finta di nulla,“Beh, è così, che vuoi farci, è normale…” mi lascia perplesso e incredulo.

Se posso scegliere, cerco di sostenere chi m’ispira un po’ di fiducia e dà l’impressione di aver avuto, e mantenere anche nel presente, un’esistenza per quanto possibile normale.

“Poveretta” – dico a Grazia, riferendomi soprattutto alla coniuge del “Presidente” nostrano – chissà come si sentirà…” e mi blocco all’improvviso, perché non riesco a pronunciare il termine che mi sembrava di avere sulla punta della lingua, e che pareva finire con “…ata”.

“Frastornata – borbotto – no, addolorata, sfiduciata…” no, insomma le proviamo tutte, ma anche Grazia ha un “blocco”.

Sconfortata, mortificata, esasperata, indignata, disgustata, seccata, umiliata, costernata, amareggiata…no, no” continuo a farfugliare.
Ah la vecchiaia che incombe, siamo proprio sulla via del rinco…. totale!

Desolata, scoraggiata, demoralizzata, nauseata, rattristata, disperata, turbata, angustiata, …”, proseguo indispettito, senza alcun risultato.
No e poi no. Non è tra queste la parola che intendevo io!

Ci rinuncio e vado in bagno a lavarmi i denti, ma continuo a scervellarmi:
“Tormentata, contrariata, irritata…”, e poi sono assalito da un dubbio atroce:
“E se invece di ‘ata’, finiva in ‘ita’?”.

E’ una questione d’onore; prima di sera voglio trovare il vocabolo che avevo sulla punta della lingua.

Mi rimetto in moto:
Incollerita, risentita, indispettita, avvilita, infastidita, spazientita, immalinconita… no, no, noooo… finiva proprio per ‘ata’!”.

“Stomacata, sfervorata, piccata, crucciata, schifata, sconsolata, abbacchiata, ripugnata. No, non erano termini così strani… adirata, sdegnata, angosciata, sconcertata, fr… fr…”, finalmente mi si accende la lampadina e urlo a squarciagola:

“Grazia, Graziaaaa!”.

“Eh?”.

“FRUSTRATA!!!”.

Che liberazione! Lo grido con un volume tale da farmi sentire nel raggio di cinquecento metri, dal greto del fiume sino alle pendici del monte.
“Certo, frustrata! Ma cosa ci voleva?”, mi risponde allegramente Grazia.

Salgo in camera per cambiarmi, al piano di sopra, quando sento un brusio che proviene dall’esterno, un mormorio sommesso ma persistente; apro la portafinestra, esco sul balcone e resto a bocca aperta: tutti gli abitanti del villaggio sono usciti in massa dalle loro case e ora si trovano davanti al cancello della nostra abitazione, richiamati dalle mie urla disumane, e attendono gli sviluppi.

Allora sorrido, allargo le braccia in segno di accoglienza, e comincio a cantare:

“E lucevan le stelle, ed olezzava la terra, stridea l’uscio dell’orto, e un passo sfiorava la rena. Entrava ella, fragrante, mi cadea fra le braccia. Oh, dolci baci, o languide carezze, mentr’io fremente le belle forme disciogliea dai veli! Svanì per sempre il sogno mio d’amore… L’ora è fuggita e muoio disperato! E muoio disperato. E non ho amato mai tanto la vita! Tanto la vita!”


E al conclusivo …tantoooo la viiiitaaaaaaa…”, appassionato e avvincente, con le note che volano come usignoli a spargere per tutto il villaggio un po’ di contentezza, parte un applauso formidabile. E’ un’apoteosi!

Tutti tornano alle loro case; ora possiamo andare a riposare in pace, nell’attesa gioiosa del “dì di festa” che celebreremo domani, alla faccia di Giacomino Leopardi e del suo malinconico “sabato del villaggio”.

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID74894 - 23/01/2018 11:19:19 (tonga7) Miliardaria si sentiva
...la piccola meteora del teatro italiano aveva sposato Silvio per amore, solo per amore.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
25/01/2016 07:06:00
Vuoi darmele? Prima che sopraggiungesse il grande freddo, arrivato dopo la metà di gennaio, con Grazia ci siamo avventurati in qualche corsetta verso le sette di sera, terminato il lavoro. Indossiamo maglie termiche, pile, spolverino, guanti, berretta e … via!

02/07/2012 07:57:00
Celestino Celestino è un bimbo che abita nel mio villaggio. Ha otto anni, vispo e solare, con una vivacità e un'astuzia straordinarie. Verso le sette di sera, non appena rincasati dal lavoro, Grazia esce in giardino e lo incontra...

01/05/2017 06:44:00
Mal dei Primitives Toccata e fuga di due giorni a Jesolo, un paio di anni fa. Arriviamo nella località veneta sabato mattina, e dopo esserci goduta la spiaggia tutto il giorno, a sera ci rechiamo sulla “rambla” nostrana, per cercare un po’ di cibo…

02/05/2016 06:26:00
A cena con un santo Siete mai stati a cena con un santo? Noi sì, anche se definirlo così appare vincolante: il pensiero corre subito a vesti candide, aureole dorate e musiche celestiali. Nulla di tutto ciò

07/09/2017 08:00:00
Sabato sera «Una sonora cena sotto le stelle» Questo sabato, 9 settembre, il centro storico di Vestone si animerà con «Una sonora cena sotto le stelle» ... LA SERATA E' STATA ANNULLATA CAUSA MALTEMPO




Altre da Racconti del Lunedì
18/06/2018

La tintoria

La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

21/05/2018

Racconto per telepatici

Questo è un racconto per telepatici… (1)

07/05/2018

Quest'anno niente Nobel

Nooooooo! Per il Maestro John e il sottoscritto nessuna possibilità di vincere il premio Nobel per la Letteratura, quest’anno, infatti, nel 2018 non sarà assegnato!

23/04/2018

La sindrome di Capitan Uncino

Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

09/04/2018

Potenza di un vanghetto

Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

26/03/2018

Una previsione sbagliata

Avevo otto anni quando il mio maestro mi disse, esasperato: “Tu da grande sarai un delinquente!”. Ed io gli risposi, altrettanto furibondo: “E lei sarà il primo che ammazzerò!”(3)

12/03/2018

Buone notizie

Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…

19/02/2018

Mozart fa russare?

Possibile che il grande, l’immenso Wolfang Amadeus Mozart, considerato trai i più grandi geni della storia della musica, faccia russare? Lo scopriremo alla fine del racconto…

05/02/2018

Due minuti di ritardo

“Due minuti di ritardo, si dimette il ministro Bates. Facce incredule: è shock alla Camera dei Lord. Bates, dopo le scuse, ha preso le sue carte e lasciato l’aula”...

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia