Skin ADV
Mercoledì 03 Giugno 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Buona Festa della Repubblica!

Buona Festa della Repubblica!

di Maria Rosa Marchesi



02.06.2020 Lavenone

02.06.2020 Bagolino Odolo Preseglie

01.06.2020 Vobarno

01.06.2020 Odolo

01.06.2020 Val del Chiese

02.06.2020 Capovalle

01.06.2020 Storo

01.06.2020 Vobarno

02.06.2020 Odolo

02.06.2020 Vobarno



17 Dicembre 2018, 08.13

Racconti del lunedì

Re Magi 2.0

di Ezio Gamberini
Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità…

Già da parecchi anni gli capitava, ma non se ne doleva più di tanto. Restare a casa quel giorno senza la sua piccola Sofia, che gli era stata portata via da una leucemia fulminante, dieci anni prima, sarebbe stato insopportabile. E poi c’era anche un altro motivo…
Con sua moglie erano riusciti a superare i terribili momenti che seguirono l’atroce avvenimento, perché si volevano bene, e soprattutto erano consapevoli di aver vissuto sei anni con un angelo, che a un certo punto, chissà perché, era tornato in cielo.

Nessun genitore, mai, dovrebbe sopravvivere ai propri figli.
Ma succede, ed è quasi disumano. Tuttavia Roberto e sua moglie, affranti ma sereni, anche se in seguito non arrivò più nessun figlio, proseguirono la loro esistenza impegnandosi nelle rispettive attività lavorative, non chiudendosi nel proprio guscio, ma anzi aprendosi agli altri, interessandosi a iniziative sociali in diversi ambiti, in modo attivo e propositivo.

E poi a Roberto, qualche giorno dopo la scomparsa della sua piccolina, capitò una cosa straordinaria: a ogni nuova nascita, nel suo reparto, dopo che i neonati erano adagiati nelle culle, spuntavano due manine che si appoggiavano ai tubolari metallici dei lettini.
La prima volta che accadde, Roberto guardò allibito quelle manine e disse a Renato, il suo amico e collega:
“Ma, ma… le vedi quelle manine sulla culla?”.

Il compagno non vedeva nulla
, e lo prese anche un po’ in giro. Poi, osservando meglio, dietro quelle manine comparve il viso di una bambina bellissima; Roberto riconobbe la sua Sofia, che veniva a dare il benvenuto a ogni nuovo nato!
Soltanto lui la vedeva, ed era una grande consolazione.

Quella vigilia di Natale era di turno anche Renato, infermiere professionale come lui, e pure l’altro amico e collega Remo, medico responsabile del reparto; il trio costituiva la “quota” maschile in mezzo alle altre ventotto colleghe femmine della Maternità-Ostetricia-Ginecologia del grande nosocomio cittadino.

Poco prima di mezzanotte, terminate le incombenze d’inizio turno e visto che era tutto tranquillo, uscì a fumarsi una sigaretta in giardino, che era proprio accanto al reparto, in una zona centrale della grande città in mezzo a un traffico caotico.
Accanto al cancello notò una coppia che indugiava, lei con un pancione enorme, indecisa sul da farsi: erano lì impalati e si guardavano intorno, fino a quando incrociarono il suo sguardo.

Si avvicinò e chiese loro:
“Avete bisogno?”.

Scoprì che la ragazza aveva cominciato il mattino ad avere le doglie, ma dopo qualche ora era sopravvenuta un’emorragia e aveva cominciato a star male, ora non ne poteva più, e anche se clandestina, tentava di farsi ricoverare, con la possibilità di essere respinta.

Siamo qui da quattro anni, quando siamo arrivati con i barconi – gli rivelò l’uomo, un bel ragazzo alto e sveglio che parlava un italiano quasi perfetto – lavoriamo in una fabbrica, in nero, e abitiamo in una stanza di venti metri quadrati al piano interrato del laboratorio insieme con altri otto. Ci siamo conosciuti lì. Noi non esistiamo, non dobbiamo creare problemi, altrimenti ci rimandano indietro e perdiamo tutto… ma ti prego amico, aiutaci, lei sta proprio male!”.

In effetti la ragazza era proprio conciata malissimo, perché scostando il pastrano che indossava si vedevano i vestiti inzuppati di sangue.
Allora Roberto chiamò il collega Renato al cellulare affinché lo raggiungesse con una barella e avvisasse Remo che stavano per arrivare: c’era subito da intervenire!
Avrebbero corso dei rischi, prestando assistenza a chi non poteva ottenerla?

I tre se ne infischiarono, tirarono dritto e andarono fino in fondo, perché per loro una vita umana contava più di ogni regola.
La ragazza se la cavò per un pelo, ma il bambino che nacque era bellissimo; pareva quasi che il dolore dovesse essere di esclusiva pertinenza di sua madre, a completo carico suo, e quando poco dopo la mamma si svegliò e poté abbracciare per la prima volta il suo piccolino, chiese:

“Ma chi era la bambina che mi teneva per mano quando stava per nascere mio figlio?”.
Sofia era lì, a sostenerla, e quando più tardi distesero il neonato nella culla, come sempre appoggiò le sue manine al tubo metallico, e restò lì a rimirarlo, mentre Roberto osservava la scena, con vicino gli altri due amici.

“Ciao papà, buon Natale”,
gli disse con un sorriso la piccola.

“Ciao amore mio…” rispose il papà, mentre i colleghi lo fissavano turbati, così come avvenne il Natale precedente, e quello dell’altro anno, da dieci anni; a ogni Natale, che attendeva trepidante, la sua piccolina gli rivolgeva quest’augurio, rendendolo felice.

Davvero sembrava di essere al cospetto di Gesù Bambino che nasce, e forse il Bambinello in quella notte di Natale era proprio lì in mezzo a loro, i tre “Re Magi 2.0”: Roberto Melchiori, Renato Baldassari e Remo Gaspari.

L’originale fotografia che accompagna il racconto è stata ideata e scattata da Grazia

Ezio Gamberini

 


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID78852 - 17/12/2018 19:43:25 (Iva) BELLISSIMO
Bellissimo e commovente questo racconto ed auguri a tutti



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/06/2013 08:00:00
I colori del mondo Quel pomeriggio piovoso si sarebbe rivelato più movimentato del solito. Alberto era appena rientrato in ospedale dopo il precedente turno notturno e il viso di Carolina, l'infermiera dedicata all'ausilio del reparto infettivi, non prometteva nulla di buono...

16/12/2007 00:00:00
In partenza il secondo turno di volontari Proseguono speditamente i lavori di costruzione dell’ospedale Maternità di Kayes. Si stanno già costruendo le pareti. In settimana parte il secondo turno di volontari.

28/03/2018 09:05:00
Sei Grande, Grande, Grande Martedì mattina sono andato al Teatro Grande, insieme alle classi terze della scuola Primaria di Prevalle. C’erano anche i simpatici bambini di Villanuova. Già vedere i miei “ex” alunni che mi salutavano dalle finestre, è stata un’emozione fortissima…

24/12/2019 07:30:00
Per non spegnere il ricordo Anche quest’anno la sera della vigilia di Natale una fiaccolata per le frazioni per ricordare i giovani di Muscoline prematuramente scomparsi

05/01/2019 09:51:00
La magia della notte della Stella Stasera – vigilia dell’Epifania – come da consolidata tradizione in Valle Sabbia e nell'Alto Garda, i cantori della Stella annunceranno l’arrivo dei Re Magi intonando di contrada in contrada i loro canti 



Altre da Racconti del Lunedì
18/05/2020

Si riparte

Oggi comincia una nuova fase, in cui la maggior parte di aziende e negozi riprenderà la propria attività, rispettando le dovute prescrizioni...

04/05/2020

A modo mio

Non si tratta della famosa macchinetta del caffè, bensì della maniera in cui trascorro l’ultimo fine settimana, prima di riprendere il lavoro a tempo pieno, lunedì 4 maggio…
AUDIO


28/04/2020

Nei giardini che nessuno sa

Coronavirus, bufale o realtà? “Inutile salvare obesi e fumatori…”, e ancora: “Gli ottantenni esclusi dalla terapia intensiva”...

20/04/2020

Una Pasqua sorprendente

E’ il giorno di Pasqua. Grazia ed io siamo a casa da soli. A mezzogiorno esatto, con una giornata meravigliosa, cielo azzurrissimo e sole splendente, apro tutte le porte e le finestre e “sparo” al massimo volume l’Hallelujah di Händel…

13/04/2020

Mamma

In occasione della scomparsa della loro mamma, dedico questo ricordo, pubblicato sette anni fa, al nostro direttore Ubaldo Vallini e alle sue sorelle Eliana e Nunzia. AUDIO


06/04/2020

Due fedelini al burro

Quando la mamma si alzava al mattino, ci metteva un secondo a capire che la sera prima ti eri cucinato due fedelini al burro…
AUDIO


17/03/2020

La lezione di Giovannino

“Non muoio neanche se mi ammazzano”, affermò quando lo internarono in un campo di concentramento, e due anni dopo, dimagrito di venti chilogrammi, il sottotenente Giovannino Guareschi mantenne la promessa e ritornò a casa… AUDIO


24/02/2020

Una Brooklyn

Quando sei bambino, non pensi alla morte, perciò John Brown non poteva giacere in una tomba, ma al massimo in una tombola, là nel pian…


20/01/2020

Il tappo, una cornice e la cartolina

Rafael, Filipe e Joaquim si prendevano cura amorevolmente e con infinita pazienza dei loro splendidi sugheri, sulle colline portoghesi che si affacciano sull’Atlantico…


23/12/2019

Un Natale nella Bassa

Ebano Taldini era l’ultimo di cinque figli. Prima ancora di imparare a camminare dovette apprendere la tecnica della corsa, e di quelle veloci...

Eventi

<<Giugno 2020>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia