Skin ADV
Sabato 19 Gennaio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Eridio d'inverno

Eridio d'inverno

di Roberto Balduzzi



17.01.2019 Gavardo Villanuova s/C Muscoline

17.01.2019 Gavardo Villanuova s/C Valsabbia

17.01.2019 Bagolino Valsabbia

17.01.2019 Vobarno Gavardo Salò

19.01.2019 Gavardo Villanuova s/C

17.01.2019 Vobarno Gavardo Salò

17.01.2019 Casto Valsabbia

18.01.2019 Gavardo

18.01.2019 Valsabbia

17.01.2019 Gavardo






23 Luglio 2018, 06.02

Racconti del lunedì

Rape rosse per te

di Ezio Gamberini
Rape rosse per teeee, ho comprato staseeeraaaa… No, contrordine amici, si trattava di rose!...

Beh, ai giorni nostri chiunque può dire tutto, o il contrario di tutto, ottut, insomma, con l’alta probabilità che sia comunque creduto, o in ogni caso non sia sconfessato all’istante, come accadeva una volta, quando gli imbecilli erano trattati come tali, a “like” nel c…, in sostanza.

Ah, come aveva ragione Umberto Eco quando disse:
“I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli”.

Il presidente americano s’incontra con l’omologo russo, tarallucci e vino, pardon, vodka e caviale.
Rispondendo a chi li critica, insieme convengono che:
“Sono tutti quanti dei cattivoni, e invidiosi! Tutte fake news, quando parlano male di noi, o di possibili interferenze nelle elezioni!”, e poi, calcando la mano, “L’Europa è il vero nemico. Il nemico numero uno!”.

Quando ritorna a Washington, e mette piede nella stanza ovale, i suoi gli fanno uno “shampoo” colossale, e dopo poche ore, in un comunicato stampa, il presidente comunica alla nazione e al mondo intero che FBI e CIA sono le agenzie migliori del mondo, la fiducia in loro è massima; tutto il resto sono fake news.

Per fortuna non c’è più Enzo Biagi, il grande giornalista, che degli Stati Uniti aveva un concetto altissimo (ricordiamo soltanto il ruolo fondamentale che ebbero nel 1945 per la liberazione del nostro paese), perché se vedesse quanto succede oggi, si metterebbe a piangere: un muro al confine con il Messico, protezionismo esasperato e imposizione di dazi, difesa a oltranza nel diritto di possedere armi di qualsiasi tipo, separare figli e genitori migranti che tentano di entrare nel paese, un presidente che assomiglia a un cartone animato….

America, America, dove stai andando?

Ricordo la commozione che provai nel 2004, a Ground Zero, nel visitare il museo che avevano allestito dove erano collocate le Twin Towers, in occasione della seconda maratona che corsi a New York, mentre enorme fu l’emozione nel salirvi, fino a raggiungere i quattrocentoventi metri di altezza all’ultimo piano, quando lì vi disputai la mia prima maratona in assoluto, nel 1999.

Provai per quel popolo e quella nazione un profondo sentimento di condivisione.
Nelle due occasioni in cui visitai gli Stati Uniti, mentre camminavo per le vie di New York, mi sembrava di essere un cittadino del mondo, tra una folla di bianchi, neri, gialli, meticci, olivastri o con gli occhi a mandorla.

A Washington restai a bocca aperta, toccando il modulo che aveva portato sulla luna il primo uomo; a Chicago restai stupefatto nell’essere trasportato su un mezzo senza autista, da un gate all’altro, nell’aeroporto tra i più trafficati al mondo, senza contare l’entusiasmo dei due milioni di spettatori che ci hanno sostenuto sui quarantadue chilometri percorsi nei cinque quartieri di New York, Staten Island, Bronx, Queens, Brooklyn e Manhattan, nelle due maratone che ho disputato.     

Lo ripeto: l’ammirazione per quella nazione e quel popolo era davvero sconfinata.
Ma oggi, l’immagine che s’insinua con forza nella mia mente è quella di un grattacielo di trenta piani, il cui tetto comincia a sfaldarsi per le incessanti piogge che lo affliggono da tempo remoto; dopo averlo eroso, l’acqua penetra e allaga l’ultimo piano, con effetti nefasti: tutto distrugge e annienta.

Che fanno gli altri condomini? Quelli ai piani più bassi quasi non si scuotono neppure, ce ne vorrà del tempo prima che siano interessati dal fenomeno, mentre più si sale, più gli accorgimenti sono geniali e appropriati: antimuffa, cellophane, rivestimenti isolanti, sigillanti impenetrabili, muri inaccessibili…
Ma a nulla varrà, perché l’acqua alla fine invaderà ogni luogo e tutto sarà distrutto, inesorabilmente.

Nelle scorse settimane abbiamo assistito trepidanti all’evento che ha coinvolto i ragazzi intrappolati nelle grotte sotterranee in Thailandia.
Per loro abbiamo sperato, invocato, pregato, e infine gioito, quando gli eroici soccorritori sono riusciti a estrarli sani e salvi, tutti e dodici, insieme al loro allenatore.
Tutto il mondo si è sentito “Uno”, non esistevano più nazioni o stato sociale, razza o ricchezza, i ragazzi erano come i nostri figli o i nostri fratelli, e il lieto fine ha rallegrato ogni uomo sulla terra, indistintamente.

Chissà se fra cento generazioni, tra duemila anni, questa vicenda potrà essere ricordata come l’inizio di una nuova era, con i novelli dodici “apostoli” e il loro “maestro” a ricordare a tutti che finalmente il mondo, senza più confini, si chiama “Uno”, e i poveri disperati (perché i disperati ci saranno sempre), non sono più tuoi, miei, o suoi, ma semplicemente nostri.

Ezio Gamberini

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
25/02/2009 00:00:00
Lavori in vista per la rete fognaria Comune e Garda Uno interverranno su via Pietre Rosse: le vecchie tubazioni saranno sostituite da due nuove linee. L’intervento in via Pietre Rosse dovrebbe segnare l’inizio di una lunga serie di lavori sul sistema fognario salodiano.

22/05/2008 00:00:00
Luci rosse e lampeggianti blu Estorsione a luci rosse a Vestone, dove i carabinieri hanno arrestato un 25enne che stava ricattando un uomo di mezz’età, dopo aver avuto con lui una serie di “contatti intimi impropri”, per dirla alla maniera dell’ex presidente americano Bill Clinton.

14/12/2012 07:31:00
Dipinti, sculture, poesia e... rape La seicentesca Chiesa di San Barnaba a Bondo ospiterà dal 15 dicembre al 27 gennaio la mostra "Mani, Materia, Poesia", dedicata alle opere di Ciro Roberto Cipollone e Antonio Stagnoli.

08/06/2015 09:08:00
Frattura esposta nell'orto Stava scendendo da una balza nel prato con due rape in mano, dopo aver annaffiato l'orto, quando ha messo un piede in fallo e si è fratturata la caviglia. Ha perso molto sangue ed è finita a Gavardo con codice giallo


09/10/2017 05:39:00
In medio stat virtus E’ quasi mezzanotte, squilla il telefono: “Ciao Rigoberto, sono Giacomino, non hai per caso un’elettrovalvola servoazionata a due vie da prestarmi? …Ah, ce l’hai? Allora passo subito a prenderla? Va bene, grazie, arrivo”…



Altre da Racconti del Lunedì
07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

27/08/2018

La moretta fanese

Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

02/07/2018

Per un'amica

“Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”… (1)

18/06/2018

La tintoria

La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

Eventi

<<Gennaio 2019>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia