Skin ADV
Martedì 25 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Sulla via della seta

Sulla via della seta

by Maurizio



24.09.2018 Anfo

23.09.2018 Val del Chiese

24.09.2018 Vobarno Roè Volciano

23.09.2018 Villanuova s/C

23.09.2018 Gavardo

23.09.2018 Villanuova s/C

23.09.2018 Gavardo

24.09.2018 Barghe

23.09.2018 Salò Garda

24.09.2018 Storo






02 Luglio 2018, 05.41

Racconti del lunedì

Per un'amica

di Ezio Gamberini
“Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”…


...Questa è la traduzione, perché in realtà le cose sono andate così, ma la faccenda in dialetto rende molto meglio, e implorando preventiva venia ai puristi del vernacolo, cerco di riproporre la conversazione in originale:

“Alura, come vala?”.

“Mia mal, dai, ma ghe vède piӧ negot… só ché coi me setantòt agnn…” risponde in tono sommesso, e dopo qualche attimo di silenzio, sospirando e con lo sguardo apparentemente perso nel vuoto ma in realtà desideroso di una replica, battendogli una mano sulla spalla gli ho contestato, piuttosto bruscamente:
 
“Eh, fürbo, i è vergù de piӧ”.

“Ah, se, te gh’ét rezù, te io dicc al contrare, i è otantaset!” e comincia a sorridere, insieme alla sua consorte che gli sta a fianco.

Grazia ed io, terminato il lavoro, una sera della settimana scorsa, ci fermiamo a fare quattro chiacchiere con i due simpatici e anziani amici, che sono seduti in giardino, prima di salire a salutare la loro nuora e nostra amica di sempre.

Ci sono anche due sue cugine, e chiacchieriamo una mezz’oretta, fino a quando, poco prima delle sette, sentiamo una chiave che gira nella serratura, si apre la porta ed entra il marito suo (e amico nostro, eh, eh), che torna dal lavoro.
“Non compriamo niente, buon uomo”, gli dico, e allora comincia a prendermi a male parole… e quando, dopo un buon quarto d’ora trascorso a tirarci in giro, ci accompagna alla porta e sembra volermi affiancare fino all’uscita, gli manifesto una certa perplessità:
“Passiamo dalla porta uno per volta, perché tutti e due insieme non ce la facciamo…”.

Dobbiamo tornare a casa, non prima di essere passati velocemente a fare un po’ di spesa; al giorno d’oggi puoi andare a fare acquisti quando vuoi.
In sostanza, tutti i grandi magazzini sono aperti almeno fino alle otto o le nove di sera; addirittura nel supermercato vicino a dove lavoriamo, ventiquattrore il giorno, sette giorni su sette, con l’unica limitazione del banco “fresco”, chiuso dalle otto di sera alle otto di mattina!

E’ una bella lotta, tra la sensazione di comodità ed emancipazione che si ricava da queste “liberalizzazioni” estreme di orari, e il pensiero rivolto ai dipendenti che devono sostenere turni massacranti, con sacrifici enormi, e deleteri per una famiglia o, in ogni caso, per la propria esistenza.
Davvero in questi tempi il pericolo di perdere se stessi è sempre più forte, e opprimente è la sensazione di disagio causata da questa evoluzione distorta della “civiltà”.

Qualche giorno fa Grazia ed io abbiamo saputo di una signora, piuttosto su di età, che recentemente si è tolta la vita gettandosi in un canale, la quale ha lasciato come ultime volontà il divieto assoluto di celebrare un funerale o qualsiasi altra cerimonia che la commemorasse.
Agghiacciante! Quasi a voler rimuovere ogni ricordo, ogni prova della propria esistenza, la volontà di cancellare con un colpo di spugna se stessi, ciò in cui si è creduto, sperato, amato…

Mi chiedo come sia possibile arrivare a tanto: era tutta colpa del suo caratteraccio, delle sue apatie, delle sue paure?
Sarebbe stato lo stesso se nella sua vita avesse incontrato un prossimo soltanto un poco più sorridente e disponibile ad ascoltarla?

Quando Grazia, tornando dal lavoro mentre eravamo in macchina e ne discutevamo, mi ha detto:
 
“Dobbiamo dire qualche Ave Maria per la sua anima”, mi sono davvero commosso.

E allora mi è venuto spontaneo rivolgere un’esortazione al Padreterno, perché la accolga nel suo Regno, anche se non è riuscita a cogliere e assaporare ciò che può esserci offerto nel corso della nostra esistenza: non solo gli affetti familiari e il lavoro, se si ha la fortuna per poterne gioire, che ovviamente sono la cosa più importante, ma anche la vicinanza di chi s’incontra, l’ascolto di un brano musicale, restare affascinati davanti a un dipinto, annusare il profumo di un fiore, leggere con passione l’autore preferito, osservare incantati il sole che sorge, ascoltare i tuoni e la pioggia battente, gustare un pezzo di Parmigiano Reggiano con un bicchiere di Lambrusco, o una bella pizza, fare una passeggiata a piedi, o in bicicletta, sentire la voce di chi ci vuol bene, scalare una cima, starsene seduti a guardare la gente che passa, ascoltare la radio, correre sulla neve fresca, portare a spasso il cagnolino, andare al mercato, riordinare le proprie foto, perdersi nell’orto con un vanghetto per piantare un po’ di fiorellini, fare bricolage, mangiare quattro etti di salmone ogni mattina, andare al cinema, a teatro o a un concerto, praticare un’attività sportiva, tentare di modificare qualcosa che è già perfetto, divorare cinque ghiaccioli a fila tutte le sere davanti al televisore, anche d’inverno, riparare le cinghie delle tapparelle per passione, collezionare monete e francobolli, dischi e murrine, tessere telefoniche e bustine di zucchero, scatole di fiammiferi e tappi, matrioske e bottiglie di whisky, soprammobili Thun e immaginette della Sacra Famiglia, gufi e angioletti, chitarre e mobili antichi, fusibili, relais, bandiere del Brasile, e poi ragionare e discutere, cantare, suonare, danzare, recitare, scolpire, dipingere, scrivere… tutti i giorni e ogni istante di ciascun giorno, per quanto ci sarà concesso di vivere.

Ezio Gamberini

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID76739 - 02/07/2018 15:14:33 (Iva) VERO BRAVISSIMO
Nella vita ci sono momenti molto brutti ed alcuni bellissimi per cui bisogna accontentarsi di quello che abbiamo ogni giorno e assaporare la vita, incontrarsi, andare a teatro, a vedere un film,ascoltare musica e leggere. Cosi' si va avanti un giorno bene ed un giorno male , ma vince sempre la vita che continua.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/05/2017 06:40:00
Mamma e papàSono il Genio della Lampada!”, esclamo con voce baritonale, sotto il cielo stellato. “Allora fai venire qua la mia mamma e il mio papà!”, ribatte con enfasi il piccolo folletto di cinque anni, che ho rinominato “Duracell”, come le pile che non si scaricano mai… 

09/10/2017 05:39:00
In medio stat virtus E’ quasi mezzanotte, squilla il telefono: “Ciao Rigoberto, sono Giacomino, non hai per caso un’elettrovalvola servoazionata a due vie da prestarmi? …Ah, ce l’hai? Allora passo subito a prenderla? Va bene, grazie, arrivo”…

26/03/2018 09:15:00
Una previsione sbagliata Avevo otto anni quando il mio maestro mi disse, esasperato: “Tu da grande sarai un delinquente!”. Ed io gli risposi, altrettanto furibondo: “E lei sarà il primo che ammazzerò!”

06/05/2017 13:25:00
Tipi da bar Il “Millemiglia”, il “Medaglia”, il “Sette bellezze”, il “Maratona”: sono alcuni dei personaggi da bar che una curiosa indagine commissionata dall’azienda di un famoso aperitivo ha individuato. Voi a quale assomigliate?


17/09/2018 07:00:00
Le monete d'oro Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!… 



Altre da Racconti del Lunedì
17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

27/08/2018

La moretta fanese

Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

23/07/2018

Rape rosse per te

Rape rosse per teeee, ho comprato staseeeraaaa… No, contrordine amici, si trattava di rose!...

18/06/2018

La tintoria

La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

21/05/2018

Racconto per telepatici

Questo è un racconto per telepatici… (1)

07/05/2018

Quest'anno niente Nobel

Nooooooo! Per il Maestro John e il sottoscritto nessuna possibilità di vincere il premio Nobel per la Letteratura, quest’anno, infatti, nel 2018 non sarà assegnato!

23/04/2018

La sindrome di Capitan Uncino

Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

09/04/2018

Potenza di un vanghetto

Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

26/03/2018

Una previsione sbagliata

Avevo otto anni quando il mio maestro mi disse, esasperato: “Tu da grande sarai un delinquente!”. Ed io gli risposi, altrettanto furibondo: “E lei sarà il primo che ammazzerò!”(3)

Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia