Skin ADV
Mercoledì 20 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Ariosa

Ariosa

di Attilio Zontini



18.03.2019 Roè Volciano

19.03.2019 Vobarno

19.03.2019 Vobarno

18.03.2019 Sabbio Chiese Odolo

20.03.2019 Villanuova s/C

19.03.2019 Vestone

19.03.2019 Gavardo

18.03.2019 Sabbio Chiese

18.03.2019 Prevalle

18.03.2019 Vestone Valsabbia






18 Giugno 2018, 05.46

RAcconti del Lunedì

La tintoria

di Ezio Gamberini
La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

...Il vero miracolo avvenne però quando il marito li indossò per la prima volta: all’improvviso, da sgarbato e scortese, divenne gentile e premuroso, tutto miele e moine nei confronti della moglie, che non credeva ai suoi occhi. Le fece dei complimenti che non le rivolgeva da anni, era carino e amabile.

Cos’era successo? 

La tintoria dell’attempato Osvaldo era accanto alla torre civica, nel centro del paese, e tutti lo conoscevano e apprezzavano per la sua semplicità e benevolenza.
Con i clienti poi, specialmente di sesso femminile, era di una cortesia squisita, che generava empatia sin dal primo incontro.

Capitava così che, lava una camicia oggi, tinteggia un paio di pantaloni domani, soprattutto le signore lo consideravano come un fratello, e finivano per confidargli pene e delusioni, dispiaceri e dolori, crucci, tormenti, sospetti, dubbi, angosce, inquietudini; cosicché Osvaldo, per ogni problema, infilava nella lavatrice l’additivo appropriato a ogni caso, che conservava in fialette trasparenti sotto il bancone, e trattava in questo modo gli indumenti che appartenevano ai congiunti delle “sventurate”.

Si trattava di una serie di fialette, contenenti polverine di vari colori, che aveva ereditato da suo padre, e da generazioni i suoi avi si tramandavano il prezioso e stupefacente tesoro.

Così la signora Maria poté rallegrarsi per il marito, mentre la signora Brunella, che in un momento di debolezza aveva confidato a Osvaldo tutte le sue preoccupazioni per il figlio che aveva dilapidato una fortuna al gioco, quando gli fece indossare la giacca che aveva appena ritirato dal bottegaio, rimase incredula nel vederlo dichiarare di volerla smettere con quella vita, riuscendo a mantenere la parola!

Anche Silvana, la giovane mamma di un bambino simpatico e vivace, il cui consorte ormai da qualche tempo non faceva che ubriacarsi, da quando aveva perso il lavoro, assistette a una vera trasformazione del marito, dopo che quest’ultimo indossò il giaccone fresco di tintoria, riconsegnatole da Osvaldo con un sorriso.

E pure Rebecca rimase stupita nel vedere improvvisamente rinsavito il suo fidanzato che, dopo aver indossato la camicia appena ritirata dalle mani del mite esercente, non si azzardò più a toccare “roba” di alcun tipo, e in modo permanente.

Osvaldo ascoltava, ascoltava, e poi meditava, a lungo, e secondo i casi aggiungeva ai capi d’abbigliamento un particolare tipo di polvere. Ne bastava qualche granello, una dose infinitesimale, insomma.
La cosa incredibile è che mai nessuna cliente si fece domande sulle cause dei repentini miglioramenti dei rispettivi congiunti: non furono mai sfiorate dal dubbio che la ragione fosse da imputarsi all’indossare gli indumenti lavati o tinti nel suo negozio.

E mai nessuno venne a saperlo.

Gli anni passavano, e le cose cambiarono.
Pareva quasi che tutte le norme e i regolamenti fossero stati scritti apposta per far scomparire qualsiasi attività commerciale di dimensioni ridotte. Solo i pachidermi sopravvivevano, fino a quando un nuovo mastodonte ancora più gigantesco, appropriandosi di tutto il nutrimento disponibile, non ne provocava l’inevitabile estinzione.

Osvaldo era stanco e vecchio, senza alcun figlio cui poter affidare ciò che aveva ereditato da suo padre.
L’ultimo giorno in tintoria, prima di chiuderla per sempre, prese tutte le fialette piene di polverina colorata, che teneva sotto il bancone, le aprì e ne versò il contenuto nelle acque del fiume che scorreva proprio accanto al negozio.

Ci avrebbe pensato lui, con le sue onde impetuose che avevano anche la capacità di distruggere ogni cosa, o, al contrario, per mezzo del placido scorrere di acque talvolta cristalline, a dispensare ciò che gli era più caro, senza regole, spargendo i preziosi frammenti in ogni luogo, per beneficiare chiunque avesse avuto soltanto il desiderio di riceverli, la speranza di poterli apprezzare e, alla fine, la grandezza per rallegrarsene, senza chiedersi un perché.

Ezio Gamberini


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/02/2013 07:00:00
La vita spericolata della signora Maria Paola Rizzi porta in scena questa sera nel teatro parrocchiale di Agnosine il suo personaggio tanto amato dal pubblico in un nuovo episodio ambientato nel corso di un viaggio a Roma.

23/01/2019 09:00:00
La Signora Maria conquista anche Bagolino È una piazza teatrale tosta quella di Bagolino, che fa lo strapieno per la Compagnia di casa, ma disdegna, con rare eccezioni, le rappresentazioni forestiere. Ci voleva quindi un pezzo da novanta come La Signora Maria per entusiasmare i tiepidi bagossi verso il teatro privo del marchio della Valle del Caffaro

10/04/2015 10:57:00
Il meglio della Signora Maria Sabato sera al teatro "La Rocca di Sabbio Chiese, lo spettacolo “Tutta colpa del Piero”, con i divertentissimi episodi delle avventure della Signora Maria, portati in scena da Paola Rizzi e dal Teatro Gavardo

21/01/2019 08:52:00
Il porziuncolatore “Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile… 

19/10/2018 08:50:00
Gli 80 anni di nonna Maria Tantissimi auguri alla signora Maria di Salò che proprio oggi, venerdì 19 ottobre, festeggia il suo 80° compleanno



Altre da Racconti del Lunedì
18/03/2019

I finestroni di nonna Lina

“Ma nonna Lina, cosa te ne fai del primo premio della Lotteria, cinque milioni di euro?”

04/03/2019

Una domenica mattina

Potrei starmene in letto, ma non c’è verso: all’alba del dì di festa, di tanto in tanto, mi sveglio anche prima delle sette, allora mi alzo e nella quiete ovattata del villaggio ancora silenzioso comincio a godermi la domenica mattina…

11/02/2019

A rider in the Smoke Valley - Un cavaliere in Val di Fumo

Fatto bollire il riso che servirà per il minestrone di stasera, la nostra pausa pranzo volge al termine, quando Grazia sale a cambiarsi per tornare al lavoro...


21/01/2019

Il porziuncolatore

“Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile…  (1)

07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia