23 Aprile 2018, 08.50
Racconti del lunedì

La sindrome di Capitan Uncino

di Ezio Gamberini

Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…


Siamo al lavoro, ma l’ha lasciato a casa. Ultimamente lo faccio spesso anch’io, specialmente il pomeriggio: ci sembra di essere meno assillati, e forse ci sentiamo più liberi, anche se le incombenze e gli orari devono comunque essere rispettati.
 
Alla fine della seconda settimana di “solitudine” (dopo che l’ultimogenita è andata a vivere da sola), ‘Toto One’ e ‘Toto Two’, cioè lo scrivente e la sua gentile consorte, hanno reagito positivamente alla nuova realtà. Con entusiasmo stiamo studiando nuove soluzioni per risistemare oggetti e arredamento che meglio si confacciano alle nostre esigenze.

L’improvvisa esplosione della primavera, poi, procura sensazioni e aspettative meravigliose: una sera, terminato il lavoro, prima di tornare a casa ci siamo fermati in serra e abbiamo acquistato numerose piantine di basilico e peperoncino, timo e origano, erba cipollina, oltre a qualche fiorellino allegro e colorato.
 
Niente cena, io ho vangato e poi Grazia si è messa all’opera, con il vanghetto in mano: per fortuna poco dopo le nove il buio era pesto, perché altrimenti sarebbe ancora lì!
 
L’ultimo libro che ho letto è l’autobiografia di Piero Angela: “Il mio lungo viaggio – 90 anni di storie vissute”. Ammiro quest’uomo per la sua storia, la perseveranza dimostrata per raggiungere i suoi obiettivi. Ma soprattutto ho apprezzato, in questa testimonianza in cui si è raccontato senza risparmio, il suo essere un uomo retto e con la “schiena diritta”.

Uno degli episodi più gustosi del volume narra di quando il grande giornalista, fermo a un semaforo, osservò una signora che gettò sull’asfalto un cartoccio di avanzi, dal finestrino della sua autovettura. Il finestrino era ancora aperto e senza pensarci troppo, con estrema sollecitudine, lui lo raccolse e lo rigettò in macchina dicendole:
 
“Signora, ha perso qualcosa!”, ricevendone in cambio un “Maleducato!”.
 
Qualche giorno fa ho assistito a una sua intervista, su Rai Uno, e l’ultima domanda che gli ha rivolto la giovane intervistatrice è stata, più o meno:
 
“Alla fine, ci può rivelare le tre cose più importati per invecchiare bene?”.
Il popolare personaggio ha risposto, con un sorriso:
“Ne basta una: gli affetti famigliari!”.
 
Piero Angela non si è mai laureato, da giovane, perché poco dopo aver iniziato ingegneria fu assunto alla RAI e per alcuni anni operò come corrispondente da Parigi. 
 
Si rifarà in seguito, quando Università prestigiose di tutto il mondo gli conferiranno dieci (Dieci!) lauree honoris causa, per la sua straordinaria attività di divulgatore nei campi più svariati.
 
So che più di una laurea conta come si vive, e soprattutto cosa si è, più che quanto si ha. Ma pensando ai nostri tre figli, all’affetto che ci hanno sempre riservato (e naturalmente al nostro nei confronti loro, di nostra nuora e del fidanzato di Chiara, che consideriamo figli nostri), e vederli tutti e tre laureati, sereni e impegnati nella costruzione della loro vita, sta appagando Grazia e me in un modo assolutamente straordinario.
 
Male faremmo a considerare terminato il nostro compito di genitori, ma resta la consapevolezza di aver percorso il pezzo più lungo della strada. L’amico don Gianfranco, missionario in Albania, per qualche giorno in Italia, con il quale abbiamo trascorso l’intero sabato, insieme agli amici (mamma mia che divertita!), mi ha detto:
 
“Ma come, cosa farai fra cinque anni, quando sarai in pensione?”, sottintendendo: “Come passerai le giornate?” .
“Don Gianfranco – gli ho risposto – con tutto quello che ho in testa, non saranno abbastanza ventiquattro ore ogni giorno!”.
Sognare non costa nulla, e i sogni a volte si avverano: Grazia ha sempre desiderato frequentare Medicina, io voglio imparare a suonare il pianoforte, la batteria e almeno tre lingue. E poi vorremmo riuscire a fare qualcosa di buono per gli altri; il tutto corroborato dagli affetti famigliari e quello, non meno prezioso, degli amici.
 
E magari, finalmente, riuscirò a non saltare neppure un Lunedì, nella pubblicazione dei “Racconti” su Vallesabbianews!
 
 


Aggiungi commento:
Vedi anche
24/02/2020 09:27:00

Una Brooklyn Quando sei bambino, non pensi alla morte, perciò John Brown non poteva giacere in una tomba, ma al massimo in una tombola, là nel pian…

07/01/2019 08:00:00

La scuola materna San Giorgio “Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

09/04/2018 07:00:00

Potenza di un vanghetto Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

20/01/2020 08:00:00

Il tappo, una cornice e la cartolina Rafael, Filipe e Joaquim si prendevano cura amorevolmente e con infinita pazienza dei loro splendidi sugheri, sulle colline portoghesi che si affacciano sull’Atlantico…

12/03/2018 07:00:00

Buone notizie Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…



Altre da Racconti del Lunedì
06/07/2020

Una confessione imbarazzante

È dura dover confessare al proprio coniuge un’azione indegna, alla soglia dei sessant’anni: non mi era mai accaduto fino ad ora un evento così spregevole...

08/06/2020

Il tubetto del dentifricio

Non riesci mai a capire quando è finito il dentifricio, con questi tubetti di plastica che riprendono sempre la loro forma iniziale, anche se li spremi...
AUDIO

18/05/2020

Si riparte

Oggi comincia una nuova fase, in cui la maggior parte di aziende e negozi riprenderà la propria attività, rispettando le dovute prescrizioni...

04/05/2020

A modo mio

Non si tratta della famosa macchinetta del caffè, bensì della maniera in cui trascorro l’ultimo fine settimana, prima di riprendere il lavoro a tempo pieno, lunedì 4 maggio…
AUDIO

28/04/2020

Nei giardini che nessuno sa

Coronavirus, bufale o realtà? “Inutile salvare obesi e fumatori…”, e ancora: “Gli ottantenni esclusi dalla terapia intensiva”...

20/04/2020

Una Pasqua sorprendente

E’ il giorno di Pasqua. Grazia ed io siamo a casa da soli. A mezzogiorno esatto, con una giornata meravigliosa, cielo azzurrissimo e sole splendente, apro tutte le porte e le finestre e “sparo” al massimo volume l’Hallelujah di Händel…

13/04/2020

Mamma

In occasione della scomparsa della loro mamma, dedico questo ricordo, pubblicato sette anni fa, al nostro direttore Ubaldo Vallini e alle sue sorelle Eliana e Nunzia. AUDIO

06/04/2020

Due fedelini al burro

Quando la mamma si alzava al mattino, ci metteva un secondo a capire che la sera prima ti eri cucinato due fedelini al burro…
AUDIO

17/03/2020

La lezione di Giovannino

“Non muoio neanche se mi ammazzano”, affermò quando lo internarono in un campo di concentramento, e due anni dopo, dimagrito di venti chilogrammi, il sottotenente Giovannino Guareschi mantenne la promessa e ritornò a casa… AUDIO

24/02/2020

Una Brooklyn

Quando sei bambino, non pensi alla morte, perciò John Brown non poteva giacere in una tomba, ma al massimo in una tombola, là nel pian…