Skin ADV
Domenica 24 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Nubi di primavera

Nubi di primavera

by Miriam

[Cosmo]





23 Aprile 2018, 08.50

Racconti del lunedì

La sindrome di Capitan Uncino

di Ezio Gamberini
Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

Siamo al lavoro, ma l’ha lasciato a casa. Ultimamente lo faccio spesso anch’io, specialmente il pomeriggio: ci sembra di essere meno assillati, e forse ci sentiamo più liberi, anche se le incombenze e gli orari devono comunque essere rispettati.
 
Alla fine della seconda settimana di “solitudine” (dopo che l’ultimogenita è andata a vivere da sola), ‘Toto One’ e ‘Toto Two’, cioè lo scrivente e la sua gentile consorte, hanno reagito positivamente alla nuova realtà. Con entusiasmo stiamo studiando nuove soluzioni per risistemare oggetti e arredamento che meglio si confacciano alle nostre esigenze.

L’improvvisa esplosione della primavera, poi, procura sensazioni e aspettative meravigliose: una sera, terminato il lavoro, prima di tornare a casa ci siamo fermati in serra e abbiamo acquistato numerose piantine di basilico e peperoncino, timo e origano, erba cipollina, oltre a qualche fiorellino allegro e colorato.
 
Niente cena, io ho vangato e poi Grazia si è messa all’opera, con il vanghetto in mano: per fortuna poco dopo le nove il buio era pesto, perché altrimenti sarebbe ancora lì!
 
L’ultimo libro che ho letto è l’autobiografia di Piero Angela: “Il mio lungo viaggio – 90 anni di storie vissute”. Ammiro quest’uomo per la sua storia, la perseveranza dimostrata per raggiungere i suoi obiettivi. Ma soprattutto ho apprezzato, in questa testimonianza in cui si è raccontato senza risparmio, il suo essere un uomo retto e con la “schiena diritta”.

Uno degli episodi più gustosi del volume narra di quando il grande giornalista, fermo a un semaforo, osservò una signora che gettò sull’asfalto un cartoccio di avanzi, dal finestrino della sua autovettura. Il finestrino era ancora aperto e senza pensarci troppo, con estrema sollecitudine, lui lo raccolse e lo rigettò in macchina dicendole:
 
“Signora, ha perso qualcosa!”, ricevendone in cambio un “Maleducato!”.
 
Qualche giorno fa ho assistito a una sua intervista, su Rai Uno, e l’ultima domanda che gli ha rivolto la giovane intervistatrice è stata, più o meno:
 
“Alla fine, ci può rivelare le tre cose più importati per invecchiare bene?”.
Il popolare personaggio ha risposto, con un sorriso:
“Ne basta una: gli affetti famigliari!”.
 
Piero Angela non si è mai laureato, da giovane, perché poco dopo aver iniziato ingegneria fu assunto alla RAI e per alcuni anni operò come corrispondente da Parigi. 
 
Si rifarà in seguito, quando Università prestigiose di tutto il mondo gli conferiranno dieci (Dieci!) lauree honoris causa, per la sua straordinaria attività di divulgatore nei campi più svariati.
 
So che più di una laurea conta come si vive, e soprattutto cosa si è, più che quanto si ha. Ma pensando ai nostri tre figli, all’affetto che ci hanno sempre riservato (e naturalmente al nostro nei confronti loro, di nostra nuora e del fidanzato di Chiara, che consideriamo figli nostri), e vederli tutti e tre laureati, sereni e impegnati nella costruzione della loro vita, sta appagando Grazia e me in un modo assolutamente straordinario.
 
Male faremmo a considerare terminato il nostro compito di genitori, ma resta la consapevolezza di aver percorso il pezzo più lungo della strada. L’amico don Gianfranco, missionario in Albania, per qualche giorno in Italia, con il quale abbiamo trascorso l’intero sabato, insieme agli amici (mamma mia che divertita!), mi ha detto:
 
“Ma come, cosa farai fra cinque anni, quando sarai in pensione?”, sottintendendo: “Come passerai le giornate?” .
“Don Gianfranco – gli ho risposto – con tutto quello che ho in testa, non saranno abbastanza ventiquattro ore ogni giorno!”.
Sognare non costa nulla, e i sogni a volte si avverano: Grazia ha sempre desiderato frequentare Medicina, io voglio imparare a suonare il pianoforte, la batteria e almeno tre lingue. E poi vorremmo riuscire a fare qualcosa di buono per gli altri; il tutto corroborato dagli affetti famigliari e quello, non meno prezioso, degli amici.
 
E magari, finalmente, riuscirò a non saltare neppure un Lunedì, nella pubblicazione dei “Racconti” su Vallesabbianews!
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/01/2019 08:00:00
La scuola materna San Giorgio “Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

09/04/2018 07:00:00
Potenza di un vanghetto Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

12/03/2018 07:00:00
Buone notizie Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…

21/05/2018 10:51:00
Racconto per telepatici Questo è un racconto per telepatici…

08/10/2018 07:00:00
La saggezza di Anouk
Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...




Altre da Racconti del Lunedì
18/03/2019

I finestroni di nonna Lina

“Ma nonna Lina, cosa te ne fai del primo premio della Lotteria, cinque milioni di euro?”

04/03/2019

Una domenica mattina

Potrei starmene in letto, ma non c’è verso: all’alba del dì di festa, di tanto in tanto, mi sveglio anche prima delle sette, allora mi alzo e nella quiete ovattata del villaggio ancora silenzioso comincio a godermi la domenica mattina…

11/02/2019

A rider in the Smoke Valley - Un cavaliere in Val di Fumo

Fatto bollire il riso che servirà per il minestrone di stasera, la nostra pausa pranzo volge al termine, quando Grazia sale a cambiarsi per tornare al lavoro...


21/01/2019

Il porziuncolatore

“Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile…  (1)

07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia