Skin ADV
Lunedì 10 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


L'alba a Vestone

L'alba a Vestone

by Miriam



09.12.2018 Paitone

08.12.2018 Prevalle

10.12.2018 Roè Volciano

09.12.2018 Gavardo

08.12.2018 Bione

08.12.2018 Bagolino

08.12.2018 Sabbio Chiese

08.12.2018 Roè Volciano

09.12.2018 Gavardo

09.12.2018 Idro Bagolino Anfo Valsabbia






19 Giugno 2017, 08.11

Racconti del lunedì

La scomparsa dei càlem

di Ezio Gamberini
Non era una gran fatica portare un sacchetto di càlem dal peso di tre chili, per trecento metri, anche perché durante il tragitto c’era un calo “tecnico” di almeno un chilo, che finiva nel mio stomaco...

E la mamma si chiedeva ogni volta come fosse possibile che la signora che abitava davanti al dott. Bianchi, presso la quale mi mandava a comprare i fantastici frutti, la fregasse sul peso, lei, così incapace di pensare male di chiunque.
D’altra parte, com’era possibile che uno scricciolo di sette o otto anni potesse polverizzare un chilo di ciliegie su un percorso di trecento metri?
Sarebbe stato sufficiente ripercorrere a ritroso il tragitto e, come Pollicino, contare i noccioli lasciati per strada…

Essendo il figlio più piccolo, ero spesso “utilizzato” per andare a prendere il gelato alla “Baita”, nelle serate estive passate insieme a guardare la televisione, con le finestre aperte e il sole che non si decideva mai a tramontare.
E qui cominciavano i problemi, perché se ti ordinano di acquistare mezzo chilo di gelato sciolto, da collocare nel contenitore che tu dovevi portarti dietro, qualche dito lo puoi anche immergere e ficcartelo in gola, ma alla svelta, perché noi abitavamo alle “villette” e la più lontana dalla “Baita” dista soltanto cinquanta metri; ma se invece ti chiedevano un mottarello, due limoncini, due cornetti e due paciughi, anche la mamma più comprensiva dell’universo non avrebbe potuto camuffare la scomparsa di un intero gelato.
O se ti mandavano dalla “Mariella” a prendere cinque pizze, anche un genitore con due diottrie si sarebbe accorto, se tu tornavi indietro con quattro…

Allora non eravamo così “connessi” come oggi.

Però io mi sento di confessarlo: se oggi non ci fosse internet, così meraviglioso e potente, al tuo servizio per ogni necessità, io morirei. 
Ma morirei prima senza i miei cari e i miei amici.

E non ho troppa voglia, in questo momento, di disquisire su: “era meglio allora” o “è meglio adesso”.

Non ne ho voglia, adesso, perché sono ancora scosso dalla telefonata che Gloria Trevisan, la giovane che si trovava insieme al suo fidanzato nel palazzo di ventisette piani incendiato a Londra, ha scambiato con i suoi genitori, poco prima di morire:

“Mamma, mi sono resa conto che sto morendo. Grazie per quello che hai fatto per me”, 
e poi l’addio:

“Sto per andare in cielo, vi aiuterò da lì”.

Che figlia meravigliosa! E che genitori straordinari devono essere, ricordati dalla loro figliola negli ultimi istanti della sua vita.

Che sia davvero così, Gloria. 

Sostienili dal cielo, e che i tuoi genitori trovino conforto in quello che sei.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID72358 - 19/06/2017 09:34:05 (tiger68) BRAVO
E' SEMPRE UN PIACERE LEGGERTI, MI RICORDI LA MIA GIOVENTU' QUANDO CI SI DIVERTIVA CON POCO, NON ESISTEVANO I CELLULARI E SI PASSAVANO LE SERATE ESTIVE A GIOCARE PER LE VIE DEL PAESE.....BEI TEMPI, GRAZIE A TE MI SEMBRA DI RIVEVERLI.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/02/2016 06:22:00
Trecento Cari amici lettori di ValleSabbiaNews, questo è il centocinquantesimo racconto pubblicato sul sito (il “battesimo” avvenne il 23 maggio 2011), e allora vi chiederete perché l’ho intitolato “Trecento”...

04/01/2008 00:00:00
L'aumento di peso, conseguenza delle feste Un aumento di peso tra i due e i tre chili è l'indesiderato effetto delle feste a tavola durante le quali sono stati consumati dagli italiani oltre cento milioni di chili tra pandori e panettoni.

17/09/2018 07:00:00
Le monete d'oro Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!… 

07/01/2009 00:00:00
Due chili di peso in più in regalo Un aumento di peso di circa due chili è l'indesiderato effetto delle feste per quanti non sono riusciti a resistere alle leccornie delle tavole tra il pranzo di Natale e i cenoni della Vigilia e di Capodanno.

29/11/2018 05:34:00
Il tuo «Equilibrio» con l’«Ems Training» EMS è l’acronimo di “Elettro Mio Stimolazione”, ovvero “Elettro Stimolazione Muscolare”. Da un punto di vista tecnico, si tratta di un allenamento a corpo libero con elettrostimolazione integrale attiva. Cerchiamo di capirne di più




Altre da Racconti del Lunedì
03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (1)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

27/08/2018

La moretta fanese

Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

23/07/2018

Rape rosse per te

Rape rosse per teeee, ho comprato staseeeraaaa… No, contrordine amici, si trattava di rose!...

02/07/2018

Per un'amica

“Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”… (1)

18/06/2018

La tintoria

La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

21/05/2018

Racconto per telepatici

Questo è un racconto per telepatici… (1)

Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia