Skin ADV
Giovedì 21 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE




20.03.2019 Villanuova s/C

20.03.2019 Sabbio Chiese

19.03.2019 Vobarno

19.03.2019 Vobarno

19.03.2019 Vestone

21.03.2019 Gavardo

20.03.2019 Storo

19.03.2019 Gavardo

19.03.2019 Preseglie

19.03.2019 Pertica Bassa Casto Pertica Alta






08 Ottobre 2018, 07.00

Racconti del lunedì

La saggezza di Anouk

di Ezio Gamberini
Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...

E’ simpatica e affabile. Quando ci ritroviamo per qualche cena in famiglia, scodinzola allegramente e si avvicina a tutti per farsi accarezzare. Specialmente a me, che le faccio sempre trovare la ciotola pronta al suo arrivo, riserva delle attenzioni particolari: mi appoggia il musetto sulle cosce, oppure si siede sui miei piedi, facendo pressione sulle gambe. Quando poi le dico: “Seduta” e lei si siede, e “Mi dai la zampa?” e lei me la offre, è davvero unica la soddisfazione che provo! Anna l’ha addestrata proprio bene.
 
I cani che appartengono alla razza Basenji non abbaiano, Anouk emette spesso guaiti e “ululati” di contentezza:
 
“Uhhh, uhhhh!”.
 
Un sabato dopo pranzo, al quale era invitata anche la nostra secondogenita, mi ritrovo da solo con lei, perché anche Grazia è uscita da casa, dopo che Anna è dovuta scappare di fretta per andare al lavoro lasciandoci Anouk in custodia per qualche ora.
 
Prendo la rivista di storia alla quale sono abbonato sin dai primi numeri, e mi siedo in poltrona.
 
“Anouk, hai mangiato, hai giocato con la pallina… adesso fai la brava e riposati nella tua cuccia, che è ultra soffice, così riposo anch’io!”. 
 
“Ok”, mi sembra di sentire…
 
Il televisore è spento, mi alzo per vedere se c’è qualche porta aperta… non ho neppure mangiato pesante. Bah! Mi siedo e apro la rivista. Comincio a leggere avidamente, e dopo una mezz’oretta, scorro la pagina in cui inizia un articolo sull’antico Egitto: sulle due facciate c’è un disegno enorme in cui spicca un Faraone seduto sul trono, e ai suoi piedi uno splendido Basenji.
 
Anouk salta sul bracciolo della poltrona e si siede, osservando la fotografia:
 
“Toh, guarda Nefti, una mia antenata!”.
 
“Ma, ma tu parli?”, le chiedo stupito.
 
“Certo, tutti i cani parlano, ma quando lo fanno, sono gli uomini a non essere in grado di intenderli”.
 
Questa è bella!
 
Mi rivela che nel suo DNA sono conservate tutte le informazioni accumulate nel corso dei millenni, e il suo cervello è un’enorme “hard disk” contenente, in pochi centimetri cubici, l’equivalente di triliardi di triliardi di terabyte di dati, notizie, immagini, formule, indicazioni, relazioni, che il miglior amico dell’uomo si scambia in forma automatica e continuativa con i suoi simili, per mezzo di una specie di “wi-fi” canino perenne.
 
Trascorriamo una piacevolissima mezz’ora a conversare animatamente.
 
Scopro che siamo soltanto noi umani a non tener conto della storia, degli errori compiuti nel passato, i quali, proprio perché conosciuti, non dovrebbero essere più ripetuti.
 
Mi dice:
 
“Anche tra noi c’è chi impazzisce e compie azioni disdicevoli, ma il rapporto tra quelle realizzate da noi cani e voi umani, è rappresentato da una frazione infinitesimale, zero virgola zero zero zero zero zero zero uno per cento!”
 
Che saggezza la piccola Anouk!
 
Parliamo di tutto: dai Led Zeppelin al paguro bernardo, dalla letteratura russa alla precessione degli equinozi, da Mary Poppins a Andy Warhol, dalla consecutio temporum a Alda Merini, discutiamo di chimica, fisica, botanica, fotografia, arte, teatro, del Mahatma Gandhi e Pippi Calzelunghe, Padre Damiano di Molokai e Stanlio e Ollio, zucchero filato e Psicopatologia della vita quotidiana…
 
Afferma che con lo stipendio di Ronaldo potrebbero essere sfamati tutti i Basenji del mondo per un’intera era geologica. 
Scopriamo inoltre una stupefacente concordanza nel considerare Giovannino Guareschi, creatore di Peppone e don Camillo, oltre a innumerevoli indimenticabili storie ambientate nella “bassa”, uno tra gli scrittori più incisivi e significativi del ‘900.
 
E’ una cagnolina intelligentissima. Le chiedo a bruciapelo:
 
“Settantasei per trentotto!”.
 
“Duemilaottocentoottantotto!”, mi risponde immediatamente. 
 
Dopo qualche istante di pausa, voglio farle un’ultima domanda:
 
“Che ne pensi di questo Governo?”.
 
“Uhh, uhhhh”, si mette a ululare.
 
“Dai, dimmi un tuo parere…”.
 
“Uhhhh, uhhhhhh, uhhhhhhhh…”.
 
“Di Maio?…”.
 
“Uhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh…”.
 
“Salvini?…”.

“Uhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh…”.
 
Anouk drizza le orecchie e si mette in allerta. Dopo un attimo sento la chiave girare nella serratura, Grazia entra in casa proprio mentre sto chiedendo ancora una volta alla cagnolina:
 
“Dai Anouk, voglio sapere cosa ne pensi del Governo, con parole tue… E dai, rispondi Anouk!”.
 
Anouk sbotta, infastidita:          
 
“Ora non ne ho voglia, ecco tutto!”.
 
“Hai sentito cosa ti ha detto? – mi riprende Grazia – Adesso non ha voglia di risponderti!”, e come se niente fosse appoggia la sua borsa sul divano e va a cambiarsi.
 
Allora, mi siedo sulla poltrona e ricomincio a leggere la mia rivista.
 
Penso tra me e me:

“Ma guarda un po’ se devo tirarmi in casa un immigrato di origine africana, più nero che bianco, che sa parlar bene, e per giunta anche comunista!”
 
Osservo Anouk, che si è rimessa nella sua morbida cuccia a riposare: si gira e mi riserva l’ultimo ululato:
 
“Uhhhh”.
 
E poi mi strizza l’occhio, diavolo di una cagnolina!
 

Nelle foto:

1- Ezio Gamberini che scrive con la lingua fuori. La caricatura realizzata da sua figlia Anna non gli rende giustizia: in realtà i suoi capelli non sono soltanto sette o otto, ma almeno un’ottantina!
2- Anouk.
3 - Thot, trisavolo di Anouk di ceppo materno, immortalato in una scultura che si trova al Museo Egizio di Torino.
4 - Sekhmet, trisavola di Anouk di ceppo paterno, ritratta ai piedi dei Faraoni in una scena di vita familiare dell’antico Egitto.
 
 
 
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID77818 - 08/10/2018 17:59:32 (tonga7) Che bella cagnolina,,,,
chissà quanto costa...magari se risparmio....


ID77821 - 09/10/2018 00:58:26 (Tc) tonga 7
i cuccioli vanno dai 1900 ai 2000 o forse piu'...risparmia risparmia...:-D


ID77822 - 09/10/2018 02:16:13 (tonga7) Cosa vuol dire
:-D?


ID77823 - 09/10/2018 06:04:10 (Tc) tonga 7
e' una faccina che ride,scherzosamente...i 2 puntini gli occhi,la lineetta il naso la D grande la bocca spalancata... vediamo se capisci questa...;-)


ID77832 - 09/10/2018 16:00:44 (tonga7) Tc
presumo, grazie alla tua spiegazione sia una strizzatina d'occhio, ed appunto per qst mi e ti chiedo: "2000 € per un cane parlante sono pochi?"...certo se penso che con qst soldi possiamo mantenere un "fuggiasco" per una 50 di giorni, il mio cuoricino vacilla....:-D



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/01/2019 08:00:00
La scuola materna San Giorgio “Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

09/04/2018 07:00:00
Potenza di un vanghetto Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

23/04/2018 08:50:00
La sindrome di Capitan Uncino Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

12/03/2018 07:00:00
Buone notizie Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…

21/05/2018 10:51:00
Racconto per telepatici Questo è un racconto per telepatici…



Altre da Racconti del Lunedì
18/03/2019

I finestroni di nonna Lina

“Ma nonna Lina, cosa te ne fai del primo premio della Lotteria, cinque milioni di euro?”

04/03/2019

Una domenica mattina

Potrei starmene in letto, ma non c’è verso: all’alba del dì di festa, di tanto in tanto, mi sveglio anche prima delle sette, allora mi alzo e nella quiete ovattata del villaggio ancora silenzioso comincio a godermi la domenica mattina…

11/02/2019

A rider in the Smoke Valley - Un cavaliere in Val di Fumo

Fatto bollire il riso che servirà per il minestrone di stasera, la nostra pausa pranzo volge al termine, quando Grazia sale a cambiarsi per tornare al lavoro...


21/01/2019

Il porziuncolatore

“Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile…  (1)

07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

27/08/2018

La moretta fanese

Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia