Skin ADV
Sabato 15 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE




13.12.2018 Vobarno

13.12.2018 Sabbio Chiese

13.12.2018 Salò

13.12.2018 Agnosine

14.12.2018 Vestone Salò

14.12.2018 Barghe Odolo Treviso Bs Mura Capovalle Paitone Valsabbia

13.12.2018

13.12.2018 Valsabbia Garda Provincia

14.12.2018

13.12.2018 Val del Chiese






30 Ottobre 2017, 06.12

RAcconti del Lunedì

Il calcio nel pallone

di Ezio Gamberini
Juventus – Spal, giocata la settimana scorsa, termina con il risultato di 4 a 1 per i campioni d’Italia. Intervistato a fine partita, l’allenatore della squadra ferrarese, Semplici, dichiara: “Però li abbiamo spaventati!”…

Allegri invece, trainer dei torinesi, piuttosto scocciato, afferma che:
“Siamo troppo altalenanti, così non si vincono gli scudetti”.

Atalanta - Verona finisce 3 a 0 per i bergamaschi.

L’allenatore del Verona Pecchia dichiara:
“Abbiamo avuto mille chance, che rabbia!”.

Quello dell’Atalanta, Gasparini, ribatte:
“Non è stata la nostra migliore serata”.

Boh!

Il massimo della schizofrenia si raggiunge in occasione di partite, specialmente in coppa Uefa, tra una squadra di primo livello, super attrezzata, e un’altra invece enormemente inferiore, con l’intera rosa che magari percepisce l’ingaggio di un solo top-player avversario; nelle interviste pre-partita gli allenatori dei “campioni” esprimono di solito questi fondamentali concetti:

“Gli avversari non sono da sottovalutare, le loro punte sono molto mobili, si scambiano continuamente i ruoli e possono far male, la partita non è da prendere sottogamba, perché loro sono estremamente pericolosi”.

Poi la partita finisce sei a zero per i favoriti, con quattro reti segnate nell’ultimo quarto d’ora, ma il mister nel dopopartita afferma che:
“Dovevamo chiuderla prima!”.

Insomma, sarebbe come se nell’antica Roma, Johannes Trapactonius, lanista della famosa squadra gladiatoria “Juvenis”, alla quale appartenevano i suoi combattenti Spartacus, Dibalus, Iguaino e Mandiuco, in occasione di un incontro al Colosseo in cui, anziché affrontare leoni ad altre bestie feroci, i suoi gladiatori si fossero ritrovati a “lottare” contro cinquanta galline, avesse rilasciato la seguente dichiarazione:

“Questi pennuti sono formidabili, col becco ti possono accecare, si muovono veramente in modo esemplare e sono imprevedibili.
I miei dovranno agire con molta astuzia per averne ragione, fare un gioco di squadra, restare concentrati e non rispondere alle provocazioni”.


Poi l’illustre personaggio era solito ricordare i bei tempi in cui si esibivano anche Tardellum, Pablitus Rubeo, Parvus Miles De Livius, e poi Baggius Codinum, Platinum Rex, Zidanum Duris Caput, De Petrus, Cannavarum e tanti altri, e alla fine concludeva con la sua celebre frase:
“Et… non dicere felinum si non habet in saccum!”.

Ci mancavano solo alcuni tifosi “irriducibili” laziali che hanno vestito Anna Frank con la maglietta della Roma.
Poveri noi!

Il presidente laziale, senza che gli fosse richiesto, ha deciso di portare una corona di fiori davanti a una sinagoga romana, salvo poi lasciarsi scappare, sicuro di non essere udito:
“…annamo a fa ‘sta sceneggiata!”.
Dopo un’ora la sua corona è stata rinvenuta sul greto del Tevere…

All’allenatore del Torino, intervistato dopo la sconfitta per tre a zero contro la Fiorentina, hanno chiesto un parere sulla triste vicenda Anna Frank.
“Chi è Anna Frank?” ha risposto.
Quando gli hanno detto che il suo è forse il diario più famoso del mondo, ha ribattuto:
“Non ho mai letto il diario di Anna Frank”.

Ma, nonostante il mal di pancia che provoca tutto ciò, questo sport lo amerò sempre.
Quando avevo un pallone tra i piedi, e ciò succedeva parecchie ore ogni giorno, ero il bambino, poi ragazzo, e in seguito adolescente più felice del mondo.
I miei idoli erano quelli appiccicati sulla sponda del mio lettino, sin da bambino: Furino e Causio, Haller e Anastasi, Castano e Spinosi, e poi Marchetti, Salvadore, Bercellino, Leoncini, Bettega… nomi che oggi dicono poco o nulla, e che per niente, credo, assomigliano alla maggior parte dei “campioni” di oggi.

Quasi quarant’anni fa, quando in Piazza del Popolo ad Ascoli Piceno, in una serata di libera uscita durante il servizio militare, incontrai Pietro Anastasi che a fine carriera giocò in quella città, quasi svenni per l’emozione.

Ma non vorrei apparire troppo nostalgico, anche se fare raffronti col passato, è pericoloso.
Alcuni affermano che il grande Real Madrid, che negli anni ‘50/60 vinse cinque Coppe dei Campioni a fila, sarebbe imbattibile anche oggi.
Non sono d’accordo, e sono certo, non senza qualche punta di rammarico, che se si giocasse una partita fra il Real Madrid di allora con Di Stefano, Puskas e Gento, Del Sol, Marquitos e Santamaria contro il Real Madrid di oggi con Cristiano Ronaldo, Bale e Benzema, Ramos, Marcelo e Modric, credo cha già alla fine del primo tempo il risultato sarebbe di otto a zero per questi ultimi, grazie a una tecnica associata a una forza e forma fisica, ma soprattutto a una velocità di esecuzione, che nel corso degli anni, soprattutto gli ultimi otto-dieci, si sono sviluppate e accresciute in misura esponenziale…

A metà degli anni ’70 restai folgorato dal gioco scintillante degli olandesi capitanati da Johan Cruijff; in quel periodo, le maglie che indossavamo al CSI, con il quale vincemmo il campionato provinciale e in seguito anche quello regionale, erano dello stesso colore arancione, e a noi pareva di essere la nazionale olandese!
Un paio di anni più tardi, con la maglia verde della mitica Falck, provai l’emozione più grande della mia carriera di calciatore: giocai una finale allo stadio Rigamonti di Brescia, su un terreno di gioco liscio come un tavolo di biliardo, foderato di morbido muschio.

E’ però necessario distinguere nettamente tra il calcio giocato e quello parlato, con tutto ciò che gli gira attorno.
So di essere un po’ troppo pretenzioso, ma non sarebbe possibile, non so come, dare più spazio al gioco e meno alle assurde chiacchiere di allenatori, giocatori, procuratori, presidenti, commentatori, arruffoni, veline e saltimbanchi vari?

Quando ho voglia di divertirmi e di “lustrarmi” gli occhi, vado su Youtube e digito: “Messi gol”, “Ronaldihno gol”, “Neymar gol”, oppure, “Gol più belli”; azzero audio e musica e mi gusto unicamente il gesto sportivo, lo spettacolo dell’atleta che parte dalla sua metà campo e salta come birilli gli avversari per depositare la palla in rete, la rovesciata al volo che finisce alle spalle del portiere, il dribbling insistito che si conclude con il gol, la bordata che da trenta metri s’infila all’incrocio dei pali, la punizione calciata a effetto, ripresa da ogni angolazione, con la sfera che si sposta di un paio di metri per aggirare la barriera e improvvisamente cambia traiettoria per gonfiare la rete dopo aver sfiorato il palo, lasciando allibito il portiere. Che spettacolo!

Per concludere, e tornare a casa nostra, come non provare simpatia quest’anno per il Napoli e augurargli di vincere il campionato?
E l’Inter di questo torneo, che sembra tornato ai fasti del “triplete”, e la Roma che da parecchio occupa i piani altissimi della classifica?
E la Lazio, la Sampdoria, la conferma dell’Atalanta?
Insomma, con la massima sobrietà, per lo scudetto mi auguro che alla fine vinca il migliore.

Cioè la Juve.

Ezio Gamberini


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/03/2018 07:00:00
Altri incompresi Nel precedente articolo (“Incompresi”) abbiamo passato in rassegna i profili “incompresi” transitati per i campi della Serie A negli anni 90 e duemila. Eccone un’altra mini lista, comprendente però profili più giovani, e per la maggiore “emigranti” (a volte anche di ritorno). Di solito si parla di fuga dei cervelli, qui invece c’è stata la fuga dei talenti (calcistici) 

02/07/2018 05:41:00
Per un’amica “Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”…

09/10/2017 05:39:00
In medio stat virtus E’ quasi mezzanotte, squilla il telefono: “Ciao Rigoberto, sono Giacomino, non hai per caso un’elettrovalvola servoazionata a due vie da prestarmi? …Ah, ce l’hai? Allora passo subito a prenderla? Va bene, grazie, arrivo”…

11/09/2012 07:26:00
Campioni d'Italia La Rob Roy Scottish Pub, squadra di Lavenone, domenica scorsa ha vinto la 32° rassegna nazionale "gioca con il sorriso" nella categoria Calciatori "Maturi" dell'Anspi.

06/09/2016 09:26:00
Campioni d'Italia A Bellaria, lo scorso fine settimana, l'Anspi Vestone ha vinto le Finali Nazionali Anspi di calcio a 11 giocatori



Altre da Racconti del Lunedì
03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (1)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

27/08/2018

La moretta fanese

Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

23/07/2018

Rape rosse per te

Rape rosse per teeee, ho comprato staseeeraaaa… No, contrordine amici, si trattava di rose!...

02/07/2018

Per un'amica

“Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”… (1)

18/06/2018

La tintoria

La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

21/05/2018

Racconto per telepatici

Questo è un racconto per telepatici… (1)

Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia