Skin ADV
Giovedì 23 Maggio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Tulipano superbo e vanitoso

Tulipano superbo e vanitoso

di Maria Rosa Marchesi



22.05.2019 Valsabbia

21.05.2019 Salò Valtenesi

21.05.2019 Valsabbia Provincia

22.05.2019 Gavardo

22.05.2019 Vobarno

21.05.2019 Roè Volciano Valsabbia

21.05.2019 Odolo

21.05.2019 Vobarno

21.05.2019 Roè Volciano

22.05.2019 Vestone



05 Febbraio 2018, 10.30

Racconti del lunedì

Due minuti di ritardo

di Ezio Gamberini
“Due minuti di ritardo, si dimette il ministro Bates. Facce incredule: è shock alla Camera dei Lord. Bates, dopo le scuse, ha preso le sue carte e lasciato l’aula”...

Davvero incredibile la notizia riportata dal Televideo della RAI il 2 febbraio scorso: “…Un boato alla Camera dei Lord accompagna la decisione di Michael Bates: ‘Nooo’, si ode al termine del suo intervento durante il quale spiega le dimissioni. Bates, ministro del Dipartimento Internazionale per lo Sviluppo, si è rivolto alla parlamentare Ruth Lister per scusarsi e offrirle le dimissioni perché, arrivato in ritardo alla seduta, non aveva fatto in tempo a rispondere alla sua interrogazione.

‘Offro le mie scuse alla Baronessa Lister – ha detto Bates parlando alla Camera dei Lord – per la maleducazione che ho mostrato non facendomi trovare al mio posto per rispondere alla sua domanda. Nei cinque anni in cui è stato un mio privilegio rispondere alle domande per conto del Governo – ha proseguito Bates in quello che appare come un ‘manifesto’ per rapporti civili tra governo e opposizione – ho sempre creduto che dovremmo elevare il livello di cortesia e rispetto nel rispondere.

Mi vergogno per non essere stato al mio posto, e di conseguenza offrirò al primo ministro le mie dimissioni con effetto immediato’. Il ritardo di Bates era minimo: arrivato in aula un paio di minuti dopo le quindici, l’orario in cui era fissato l’inizio della seduta, è toccato al collega John Taylor rispondere in sua vece. Probabilmente terrà il posto: le sue dimissioni sono state rifiutate da Downing Street”.

 
Che dire? Troppo facile far paragoni con i politici nostrani, ci metteremmo subito tutti a ridere…
 
Ho sempre apprezzato il senso civico degli anglosassoni e degli scandinavi, anche se agli stessi s’imputa di aver meno ‘fantasia’ di noi latini. Credo che sia fondamentalmente una questione di educazione, per cui il bene comune si persegue innanzitutto con il proprio comportamento e le proprie azioni, ed è realizzato senza un’apparente grosso sforzo, ma con naturalezza e disinvoltura.
 
Sabato mattina esco a portare la differenziata nei cassonetti, in fondo alla via, che ancora per pochi giorni assolveranno la loro funzione, prima che nel nostro comune si passi al sistema integrale del “porta a porta”.

Un mio vicino mi sussurra all’orecchio:
 
- “Sai che l’altro giorno ho visto un signore che gettava due sacchetti di umido nel cassonetto della carta, e gli ho detto: ‘Scusi, ma non si fa così!’, e vuoi sapere cosa mi ha risposto?”.

- “Cosa ti ha detto?”, gli chiedo incuriosito. 

- “Fat i cassi tò!”.
 
Ecco, non solo al ministro Bates, ma neppure all’ultimo cittadino britannico passerebbe nell’anticamera del cervello anche il solo pensiero di buttare due sacchi di umido nella carta; non perché sono “bravi”, ma perché non si fa, non si deve fare. Punto.

Questo signore che si è liberato dei suoi rifiuti senza rispettare le regole, forse pensa di essere furbo, e magari si lamenta dei servizi, della sanità, delle pensioni, dei giovani che non vanno a votare… 
 
Pare che, alle prossime elezioni, un giovane su due sotto i venticinque anni non andrà a votare. 
 
Più che indignarsi, le generazioni che li hanno preceduti, tra cui la mia, dovrebbero chiedersi il perché, e non sarebbe male ammettere che forse qualcosa si è sbagliato, perché il mondo che stiamo per lasciare loro non è dei migliori. Insomma, se sono un po’ incazzati, non hanno tutti i torti, e forse anche il considerare “normale” gettare due sacchi di umido nella carta (“Fat i cassi tò!”), ha contribuito in maniera decisiva a creare così com’è il mondo in cui stiamo vivendo.
 
Gambero, Gamberooo! – strilla trafelata Grazia indossando al volo il cappotto (di solito mi si rivolge con un più amichevole ‘Papy’)  – dai che dobbiamo andare. Siamo in ritardo!”.
 
Arrivo, arrivo, sto finendo il racconto per ValleSabbiaNews – le rispondo – cosa vuoi che siano due minuti di rit…”, e mi mordo le labbra!
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/01/2019 08:00:00
La scuola materna San Giorgio “Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

09/04/2018 07:00:00
Potenza di un vanghetto Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

23/04/2018 08:50:00
La sindrome di Capitan Uncino Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

12/03/2018 07:00:00
Buone notizie Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…

13/05/2019 07:00:00
Caro Macron… Approfittando del ponte del 25 aprile, con tutta la famiglia abbiamo visitato Parigi e le sue straordinarie magnificenze, ma con una sorpresa! Perciò ho deciso di scrivere a Macron… 



Altre da Racconti del Lunedì
13/05/2019

Caro Macron...

Approfittando del ponte del 25 aprile, con tutta la famiglia abbiamo visitato Parigi e le sue straordinarie magnificenze, ma con una sorpresa! Perciò ho deciso di scrivere a Macron…  (8)

15/04/2019

Debbo firmare?

Da vent’anni Remo Pascutti era il capo del personale di un’azienda con un centinaio di dipendenti, e dopo ciò che accadde in quel venerdì di Pasqua, tutto cambiò per lui…


18/03/2019

I finestroni di nonna Lina

“Ma nonna Lina, cosa te ne fai del primo premio della Lotteria, cinque milioni di euro?”

04/03/2019

Una domenica mattina

Potrei starmene in letto, ma non c’è verso: all’alba del dì di festa, di tanto in tanto, mi sveglio anche prima delle sette, allora mi alzo e nella quiete ovattata del villaggio ancora silenzioso comincio a godermi la domenica mattina…

11/02/2019

A rider in the Smoke Valley - Un cavaliere in Val di Fumo

Fatto bollire il riso che servirà per il minestrone di stasera, la nostra pausa pranzo volge al termine, quando Grazia sale a cambiarsi per tornare al lavoro...


21/01/2019

Il porziuncolatore

“Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile…  (1)

07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

Eventi

<<Maggio 2019>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia