Skin ADV
Sabato 18 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE




16.08.2018 Roè Volciano

16.08.2018 Val del Chiese Storo

17.08.2018 Idro Bagolino Anfo

16.08.2018 Bagolino Val del Chiese Storo

17.08.2018 Vestone

17.08.2018 Bagolino

16.08.2018 Idro Treviso Bs Capovalle

16.08.2018 Garda

17.08.2018 Vestone

17.08.2018



05 Febbraio 2018, 10.30

Racconti del lunedì

Due minuti di ritardo

di Ezio Gamberini
“Due minuti di ritardo, si dimette il ministro Bates. Facce incredule: è shock alla Camera dei Lord. Bates, dopo le scuse, ha preso le sue carte e lasciato l’aula”...

Davvero incredibile la notizia riportata dal Televideo della RAI il 2 febbraio scorso: “…Un boato alla Camera dei Lord accompagna la decisione di Michael Bates: ‘Nooo’, si ode al termine del suo intervento durante il quale spiega le dimissioni. Bates, ministro del Dipartimento Internazionale per lo Sviluppo, si è rivolto alla parlamentare Ruth Lister per scusarsi e offrirle le dimissioni perché, arrivato in ritardo alla seduta, non aveva fatto in tempo a rispondere alla sua interrogazione.

‘Offro le mie scuse alla Baronessa Lister – ha detto Bates parlando alla Camera dei Lord – per la maleducazione che ho mostrato non facendomi trovare al mio posto per rispondere alla sua domanda. Nei cinque anni in cui è stato un mio privilegio rispondere alle domande per conto del Governo – ha proseguito Bates in quello che appare come un ‘manifesto’ per rapporti civili tra governo e opposizione – ho sempre creduto che dovremmo elevare il livello di cortesia e rispetto nel rispondere.

Mi vergogno per non essere stato al mio posto, e di conseguenza offrirò al primo ministro le mie dimissioni con effetto immediato’. Il ritardo di Bates era minimo: arrivato in aula un paio di minuti dopo le quindici, l’orario in cui era fissato l’inizio della seduta, è toccato al collega John Taylor rispondere in sua vece. Probabilmente terrà il posto: le sue dimissioni sono state rifiutate da Downing Street”.

 
Che dire? Troppo facile far paragoni con i politici nostrani, ci metteremmo subito tutti a ridere…
 
Ho sempre apprezzato il senso civico degli anglosassoni e degli scandinavi, anche se agli stessi s’imputa di aver meno ‘fantasia’ di noi latini. Credo che sia fondamentalmente una questione di educazione, per cui il bene comune si persegue innanzitutto con il proprio comportamento e le proprie azioni, ed è realizzato senza un’apparente grosso sforzo, ma con naturalezza e disinvoltura.
 
Sabato mattina esco a portare la differenziata nei cassonetti, in fondo alla via, che ancora per pochi giorni assolveranno la loro funzione, prima che nel nostro comune si passi al sistema integrale del “porta a porta”.

Un mio vicino mi sussurra all’orecchio:
 
- “Sai che l’altro giorno ho visto un signore che gettava due sacchetti di umido nel cassonetto della carta, e gli ho detto: ‘Scusi, ma non si fa così!’, e vuoi sapere cosa mi ha risposto?”.

- “Cosa ti ha detto?”, gli chiedo incuriosito. 

- “Fat i cassi tò!”.
 
Ecco, non solo al ministro Bates, ma neppure all’ultimo cittadino britannico passerebbe nell’anticamera del cervello anche il solo pensiero di buttare due sacchi di umido nella carta; non perché sono “bravi”, ma perché non si fa, non si deve fare. Punto.

Questo signore che si è liberato dei suoi rifiuti senza rispettare le regole, forse pensa di essere furbo, e magari si lamenta dei servizi, della sanità, delle pensioni, dei giovani che non vanno a votare… 
 
Pare che, alle prossime elezioni, un giovane su due sotto i venticinque anni non andrà a votare. 
 
Più che indignarsi, le generazioni che li hanno preceduti, tra cui la mia, dovrebbero chiedersi il perché, e non sarebbe male ammettere che forse qualcosa si è sbagliato, perché il mondo che stiamo per lasciare loro non è dei migliori. Insomma, se sono un po’ incazzati, non hanno tutti i torti, e forse anche il considerare “normale” gettare due sacchi di umido nella carta (“Fat i cassi tò!”), ha contribuito in maniera decisiva a creare così com’è il mondo in cui stiamo vivendo.
 
Gambero, Gamberooo! – strilla trafelata Grazia indossando al volo il cappotto (di solito mi si rivolge con un più amichevole ‘Papy’)  – dai che dobbiamo andare. Siamo in ritardo!”.
 
Arrivo, arrivo, sto finendo il racconto per ValleSabbiaNews – le rispondo – cosa vuoi che siano due minuti di rit…”, e mi mordo le labbra!
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/04/2018 07:00:00
Potenza di un vanghetto Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

23/04/2018 08:50:00
La sindrome di Capitan Uncino Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

12/03/2018 07:00:00
Buone notizie Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…

21/05/2018 10:51:00
Racconto per telepatici Questo è un racconto per telepatici…

09/12/2013 14:01:00
Cento E con questo fanno cento! Cento racconti, da lunedì 23 maggio 2011 a oggi, pubblicati sul sito nella rubrica "I racconti del lunedì"



Altre da Racconti del Lunedì
23/07/2018

Rape rosse per te

Rape rosse per teeee, ho comprato staseeeraaaa… No, contrordine amici, si trattava di rose!...

02/07/2018

Per un'amica

“Allora, come va?”. “Non male, dai, ma non ci vedo più niente… sono qui con i miei settantotto anni…” e comincia a sospirare. “Eh, furbo, sono alcuni di più!”, replico sostenuto. “Ah, sì, hai ragione, te li ho detti al contrario, sono ottantasette!”… (1)

18/06/2018

La tintoria

La signora Maria considerò come un miracolo, il nuovo colore dei pantaloni di Adelmo, l’amato marito, anche se burbero e scontroso. Osvaldo, il padrone della tintoria, era proprio un mago nella sua arte…

04/06/2018

L'influencer

Io pensavo che l’influencer fosse una brutta malattia, e invece si tratta di una persona in grado di condizionare, influenzare, soprattutto attraverso i social e i media in generale…

21/05/2018

Racconto per telepatici

Questo è un racconto per telepatici… (1)

07/05/2018

Quest'anno niente Nobel

Nooooooo! Per il Maestro John e il sottoscritto nessuna possibilità di vincere il premio Nobel per la Letteratura, quest’anno, infatti, nel 2018 non sarà assegnato!

23/04/2018

La sindrome di Capitan Uncino

Grazia una mattina mi fa vedere il braccio sinistro. Lo alza, solleva la manica e, sorridendo sorniona, si batte sul polso, dove dovrebbe esserci l’orologio, ma non c’è!…

09/04/2018

Potenza di un vanghetto

Tu dalle in mano un vanghetto, due fiorellini, un metro quadrato di terra e non sai più neanche di averla. Trascorrono ore, ma lei sembra non accorgersene!...

26/03/2018

Una previsione sbagliata

Avevo otto anni quando il mio maestro mi disse, esasperato: “Tu da grande sarai un delinquente!”. Ed io gli risposi, altrettanto furibondo: “E lei sarà il primo che ammazzerò!”(3)

12/03/2018

Buone notizie

Soltanto da pochi giorni è terminata la “sbornia elettorale”, ma le buone notizie apprese in questa settimana m’invogliano a parlare solo di queste ultime…

Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia