Skin ADV
Mercoledì 24 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Cicoria selvatica medicinale

Cicoria selvatica medicinale

di Maria Rosa Marchesi



22.04.2019 Bione

22.04.2019 Vestone Sabbio Chiese Odolo

23.04.2019 Vestone

22.04.2019 Garda

22.04.2019 Villanuova s/C

22.04.2019 Roè Volciano Valsabbia

22.04.2019 Gavardo

23.04.2019 Pertica Bassa

23.04.2019 Bione Provincia

23.04.2019 Val del Chiese






21 Settembre 2015, 08.00

Racconti del lunedì

Ci vediamo domani

di Ezio Gamberini
Quando all’ora di pranzo usciamo dal lavoro, nel breve tragitto che ci separa da casa, Grazia ed io, in macchina, ascoltiamo le notizie del radiogiornale...

Ormai da qualche anno non perdiamo un’edizione del “Gazzettino Padano”, ma, ahimè, dal 2010, anno in cui se n’è andato dopo averne compiuti ottantasei, non ci sono più i gustosi commenti del colonnello Salvatore Furia, del Centro Geofisico Prealpino di Varese, che dopo averci informato sulle previsioni del tempo, ci deliziava con i suoi “pensieri positivi” e gli “usignoli che cantano dal monte al piano”.

Tra di noi parliamo in italiano ma oggi non posso fare a meno di sbottare in dialetto, dopo aver sentito questa notizia alla radio: “A quarantaquattro anni (……), dopo aver scontato in passato una squalifica di due anni per doping, torna a vincere una gara professionistica!”.

Ah, ah…Ma va là. El ga töt ẑo chela buna buna!”, esplodo tra il divertito e l’incredulo.
E poi, considerando il peso degli anni e la fatica sempre maggiore per rispettare i propri impegni, chiedo a Grazia:
Ma non potremmo, una volta o l’altra, per ‘sollevarci’ un po’, prendere anche noi qualche dose di quella ‘buona buona’?”.

La risposta è davvero mitica:
Seee… Som ẑabela svariunacc de per nos cönt, me manca apena chela buna buna!”.

Oggi è la giornata giusta, perché ne capita un’altra che sembra inventata, e invece è vera.
Vera come il mio vaso pieno di biglie di vetro (quasi mille!), più volte menzionato nei miei racconti, che fa bella mostra di sé in sala: “Ma allora c’è davvero, non è inventato!”, dice la gentile signora, che mi legge sempre il lunedì, seduta insieme agli altri commensali, nel pranzo di domenica scorsa in cui abbiamo festeggiato a casa nostra.
No, il nome non lo farò mai e poi mai… Al massimo posso rivelare che si tratta della mia futura consuocera!

Ma torniamo a noi. Devo raccontarla, non è possibile tenerla nella penna.
A sera, quando usciamo dal lavoro, con i colleghi siamo soliti salutarci con un “Ci vediamo domani”, ma in quest’occasione gli altri colleghi sono assenti e nel nostro ufficio siamo rimasti soltanto Grazia ed io, perciò il suo “Ci vediamo domani”, in pratica, è rivolto a me.
Quando ci accorgiamo del paradosso, cominciamo a ridere e non smettiamo più. Continueremo per un quarto d’ora, fino a casa, e ci convinciamo che siamo “rinco” a sufficienza, non c’è proprio bisogno di nessun ‘aiutino’.

Comunque, posso stare tranquillo. L’importante è che non si manifestino segni di squilibrio precoce, come fare discorsi strani e sconnessi, o scrivvere in moddo scoreto.
Io da ani non facio erorri gramatticcalli, o di sintazzi. So, io, la conseguentio temporonium.
Eppoi ciò un topo ke si chiama Algernon.
Maledeto Algernon. Più inteligiente che me, mi bate sempre.
Lodio kuel topo*.

Ezio Gamberini

*Nota dell’autore (temporaneamente rinsavito): il racconto è dedicato alla memoria di Daniel Keyes, morto un anno fa, autore di “Fiori per Algernon”, del 1959, uno dei più bei libri che mi sia capitato di leggere.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
24/08/2015 06:53:00
So distruta! No, il titolo non è in lingua straniera. Si tratta di comunissimo, dalle nostre parti, dialetto bresciano

03/03/2014 06:30:00
La scopa leopardata Gilda era una bidella volenterosa e tenace, infaticabile nel suo lavoro, ma un po’ “strana”, diciamo così...

19/10/2015 06:43:00
Nuovo spiedo, nuova vita Con i miei fratelli e sorelle, che hanno abbandonato il paese natale da decenni, durante l’anno ci vediamo in più occasioni...

11/05/2015 07:00:00
Un amico straordinario Dopo aver cenato ci sediamo sul divano, e comincio a parlare. Tu mi ascolti, mi ascolti, senza interrompermi mai. Che rabbia mi fai venire! Sei fin troppo accomodante…

23/06/2014 06:53:00
Diversi E’ capitato qualche tempo fa, alla Messa delle dieci. Al momento dei canti, il ragazzotto seduto tre o quattro banchi davanti a noi cominciava a dimenarsi...



Altre da Racconti del Lunedì
15/04/2019

Debbo firmare?

Da vent’anni Remo Pascutti era il capo del personale di un’azienda con un centinaio di dipendenti, e dopo ciò che accadde in quel venerdì di Pasqua, tutto cambiò per lui…


18/03/2019

I finestroni di nonna Lina

“Ma nonna Lina, cosa te ne fai del primo premio della Lotteria, cinque milioni di euro?”

04/03/2019

Una domenica mattina

Potrei starmene in letto, ma non c’è verso: all’alba del dì di festa, di tanto in tanto, mi sveglio anche prima delle sette, allora mi alzo e nella quiete ovattata del villaggio ancora silenzioso comincio a godermi la domenica mattina…

11/02/2019

A rider in the Smoke Valley - Un cavaliere in Val di Fumo

Fatto bollire il riso che servirà per il minestrone di stasera, la nostra pausa pranzo volge al termine, quando Grazia sale a cambiarsi per tornare al lavoro...


21/01/2019

Il porziuncolatore

“Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile…  (1)

07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia