Skin ADV
Venerdì 22 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE




20.03.2019 Villanuova s/C

20.03.2019 Sabbio Chiese

22.03.2019 Bione

21.03.2019 Gavardo

20.03.2019 Storo

22.03.2019 Gavardo

21.03.2019 Gavardo Valsabbia

20.03.2019 Provincia

21.03.2019

20.03.2019 Vobarno Valsabbia






13 Ottobre 2014, 06.40

Racconti del lunedì

Chi è causa del mio mal...

di Ezio Gamberini
«Ahia, hai tenuto il tallone appoggiato sulla mia gamba, che male… mi metterei a piangere!» mi comunica al risveglio Grazia, che ultimamente ha le gambe un po’ “sifole”

Ci penso un po’ su e poi mi viene spontanea la citazione che resterà imperitura nella memoria, eterno e immortale monito per i posteri, incancellabile esortazione che si fisserà in modo indelebile nella mente di chiunque avrà la fortuna di poterla apprendere:

“Chi è causa del mio mal… pianga se stesso”.


Non riesco a immaginare la mia vita senza Grazia; a fine settembre abbiamo festeggiato il trentatreesimo anniversario di matrimonio, che assommati ai quattro di fidanzamento, porta alla bella percentuale del 68,51% della propria vita trascorsa insieme (abbiamo la stessa età).

Quando festeggeremo il sessantesimo anniversario, e sicuramente saremo ancora due bei giovanotti di ottantuno anni, la percentuale sarà del 74,07% .
Insomma, per arrivare a una percentuale decente del 90% vissuto insieme, dovremo aspettare il duecentesimo anniversario di matrimonio, quando ne avremo duecentoventuno.

La matematica non è un’opinione, perciò avevo calcolato che il mio melograno, il quale non ha generato frutti per i primi due anni, dopo averne prodotto uno il terzo anno, tre il quarto, nove il quinto e ventisette il sesto (è proprio così, ve lo posso assicurare!), nel settimo, secondo una semplicissima logica esponenziale, avrebbe dovuto produrne ottantuno, duecentoquarantatre l’ottavo, settecentoventinove il nono e oggi, raggiunto il tredicesimo anno, avrei dovuto raccogliere cinquantanovemilaquarantanove melograni: insomma, uno per ogni abitante della Valle Sabbia, da Serle a Bagolino!

Un po’ troppi, allora ho deciso di tagliare qualche ramo così il raccolto è più gestibile.
Ho cominciato una cura dimagrante, ma non voglio tirarmi troppo il collo.
D’accordo, non si vive per ingerire cibo, ma, al contrario, ci si alimenta per vivere; però mangiare, e soprattutto mangiare bene, è davvero piacevolissimo.

E poi mi fanno paura quelli che calano troppo precipitosamente.
Così, con questa dieta, mi sono ripromesso di calare non più di due grammi a settimana; sono certo che ci riuscirò, senza fare troppa fatica.
Amici, nel 2033 sarò diminuito di due chilogrammi! E saranno chilogrammi che non recupererò mai più, essendo frutto di un percorso lento e ragionato, anche perché m’impegnerò a fondo per non tornare come prima.

E vi prometto che, come sempre, anche allora vi terrò informati: fra diciannove anni, virus Ebola permettendo, farò sapere a tutti com’è andata!


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID50702 - 13/10/2014 18:50:20 (elio@ferrutensili.com) Allegro
E" divertimento leggere due righe scritte cosi.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/05/2018 10:51:00
Racconto per telepatici Questo è un racconto per telepatici…

11/08/2014 06:55:00
Galeotto fu... il racconto del lunedì Egregio Direttore, so che non è suo costume pubblicare lettere anonime, ma in questo caso particolarissimo le chiedo un’eccezione

25/05/2015 06:17:00
Una storia che non può funzionare Cecco ritornò a casa dopo sei mesi. Voleva cambiare una lampadina, in sala, così prese la scala e vi salì fino all’ultimo gradino...

27/08/2018 08:09:00
La moretta fanese Per festeggiare nel modo più appropriato il duecentesimo “Racconto del Lunedì” pubblicato su Vallesabbianews, voglio narrare delle due settimane trascorse in agosto a Fano, nelle Marche, con Grazia…

08/12/2014 06:35:00
Mai più il pennello L’avevo giurato: “Mai più il pennello!”, dopo il tour de force di qualche anno fa che mi vide impegnato a dipingere cancelli e ringhiere della nostra abitazione, dalle sei del mattino alle dieci di sera di un sabato estivo...



Altre da Racconti del Lunedì
18/03/2019

I finestroni di nonna Lina

“Ma nonna Lina, cosa te ne fai del primo premio della Lotteria, cinque milioni di euro?”

04/03/2019

Una domenica mattina

Potrei starmene in letto, ma non c’è verso: all’alba del dì di festa, di tanto in tanto, mi sveglio anche prima delle sette, allora mi alzo e nella quiete ovattata del villaggio ancora silenzioso comincio a godermi la domenica mattina…

11/02/2019

A rider in the Smoke Valley - Un cavaliere in Val di Fumo

Fatto bollire il riso che servirà per il minestrone di stasera, la nostra pausa pranzo volge al termine, quando Grazia sale a cambiarsi per tornare al lavoro...


21/01/2019

Il porziuncolatore

“Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile…  (1)

07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

08/10/2018

La saggezza di Anouk

Anouk è la cagnolina di nostra figlia Anna. La sua razza, Basenji, di origine africana, è nobile e antica: si può notare dal portamento regale, immortalata accanto ai Faraoni. E’ incredibile come ci si possa affezionare a un “affarino” del genere...
(5)

17/09/2018

Le monete d'oro

Alla mitica “pesca” della Madonna della Rocca compro un biglietto, tolgo il minuscolo elastico che lo avvolge e lo apro. Non credo ai miei occhi: “Hai vinto 500.000 euro!”, e la Fabiana me li dà subito: tre sacchi di monete d’oro da cinque o sei chili l’uno!…  (1)

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia