Skin ADV
Lunedì 23 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




22.10.2017 Roè Volciano

21.10.2017 Casto Valsabbia

22.10.2017 Giudicarie

21.10.2017 Bagolino

21.10.2017 Valsabbia

22.10.2017 Vobarno

22.10.2017 Valsabbia

21.10.2017 Storo

21.10.2017 Gavardo

22.10.2017 Anfo






03 Ottobre 2011, 07.00

Racconti del lunedì

Albània - Prima puntata

di Ezio Gamberini
E’ sufficiente pronunciarla come lo dicono loro: chiamano la propria terra Alb√†nia, con l’accento sull’a centrale...
 
Proprio così, Albània, e subito pensi ad una terra dolce e seducente.
Quando sbarchiamo a Durazzo la realt√† appare subito diversa e nell’attraversare il territorio montuoso della Mirdita, la regione pi√Ļ povera dell’Albania, solo fango e miseria, la disperazione ci assalir√† senza abbandonarci pi√Ļ.
Tutto √® cominciato quando Don Gianfranco, dopo dieci anni trascorsi in due parrocchie come curato e tredici da vice-rettore in seminario, ha deciso di accettare l’invito del Vescovo: l’Albania!
“Fidei donum” della diocesi di Brescia alla diocesi di Rreschen, cittadina di circa settemila abitanti la cui magnifica cattedrale, donata dalla diocesi di Bologna, sar√† inaugurata sabato 9 novembre. Oltre ad essere capoluogo civile della Mirdita, Rreschen √® sede diocesana poich√©, pur essendo pi√Ļ piccola rispetto ad altri centri limitrofi, √® di tradizione cattolica a larghissima maggioranza.
 
In Albania √® sicuramente pi√Ļ corretto parlare di “tradizioni” cristiane o musulmane, perch√© in effetti la pratica religiosa √® vissuta molto tiepidamente e la convivenza √® assolutamente pacifica.
Non bisogna dimenticare che a pi√Ļ di quattro secoli di dominazione turca, cessata nel 1913 con la dichiarazione d’indipendenza, ha fatto seguito, dal 1946, anno in cui fu istituita la Repubblica Popolare, un periodo di quasi cinquant’anni in cui il regime comunista, provocando di fatto l’isolamento dal mondo intero, si √® rivelato tra i pi√Ļ spietati nel perseguire chi professava la fede.
Chiss√† cosa passava per la testa di Henver Hoxha, che invece di pensare al benessere del suo popolo si premur√≤ di far costruire settecentomila bunker per difendersi dall’ “invasore” occidentale.
 
Ancora oggi in aperta campagna e vicino ai villaggi si possono scorgere delle semisfere metalliche che sbucano dal terreno, larghe pressappoco da uno a due metri, a testimoniare la follia del dittatore.
Nel 1990 la protesta popolare e la crisi economica hanno causato il crollo del regime e nel 1991, in seguito a modifiche apportate all’ordinamento politico, fu costituita la Repubblica Parlamentare.
Dal 1998 la nuova costituzione approvata con un referendum popolare assegna il potere legislativo ad un’Assemblea di centocinquantacinque membri eletti per quattro anni i quali, a loro volta, eleggono il Presidente della Repubblica che dura in carica cinque anni ed √® rieleggibile una sola volta.
L’Assemblea, attraverso l’istituto della fiducia, controlla l’operato del Governo che attualmente √® costituito per la maggior parte da membri che fanno riferimento al partito socialista.
 
L’Italia in particolare, ed altri organismi internazionali, stanno collaborando attivamente con le autorit√† albanesi per fornire strumenti e conoscenze al fine di migliorare i processi che regolano la vita amministrativa, la sicurezza sociale e l’economia.
E’ importante sottolineare le relazioni con l’Italia, strettissime, oltre che per la vicinanza geografica, soprattutto per ci√≤ che il nostro paese rappresenta nell’immaginario e nelle aspirazioni di ogni albanese, che di fatto non pu√≤ ottenere alcun visto per l’espatrio. L’unico modo per raggiungere le coste pugliesi (la via pi√Ļ breve) √® quello di rivolgersi alla malavita per imbarcarsi clandestinamente su un “gommone”, pagando cifre astronomiche procuratesi chiss√† come, oppure indebitandosi drammaticamente.
Ben diverso era l’atteggiamento nel 1939, quando Mussolini proclam√≤ l’annessione dell’Albania all’Italia, che dur√≤ fino al 1944. In quegli anni violenze e soprusi di ogni genere si consumarono in abbondanza.
Dopo l’Italia, l’altro “oggetto del desiderio”, per gli albanesi, √® la Grecia.
Cercano di attraversare clandestinamente i confini, ma quando sono scoperti subiscono dure percosse, prima di essere rispediti al mittente. I racconti dei ragazzi tornati dalla penisola ellenica sono proprio eloquenti e narrano di botte e sevizie elargite senza risparmio di energie.
 
Domenica
Domenica 3 novembre con gli amici fraterni Ezio (Nene), Pierenzo (Piere), e Mario carichiamo il furgone, un Ford Transit prestato dall’oratorio, ed il fuoristrada Galloper che rester√† in Albania con i missionari.
Mario, che fa il chirurgo, conferma che purtroppo non potrà essere dei nostri: un suo paziente sta proprio male.
La comitiva sarà così formata da cinque elementi: il vobarnese Don Gianfranco, il suo confratello Don Marco, di Breno, Ezio, Pierenzo ed il sottoscritto narratore, Ezio pure lui.
 
Lunedì
Gi√† da ieri √® cominciata l’opera di demolizione di “nonno” Nene, da parte mia e di Piere, che siamo pi√Ļ giovani di “ben” tre e quattro anni. Questa settimana lo faremo “morire”.
Luned√¨ mattina alle sei e trenta ci ritroviamo nella minuscola ma graziosissima chiesetta di San Rocco per l’ultima messa vobarnese che Don Gianfranco celebra per i familiari e gli amici.
Il commiato è commovente, soprattutto con la sua eroica mamma che ormai già da qualche anno ha compiuto gli ottanta!
Piere ed io partiamo subito con il furgone con destinazione Desenzano d/Garda, mentre Don Gianfranco e Nene, sul Galloper, si dirigono verso il casello di Brescia Est dove li aspetta Don Marco, che sopraggiunge dalla sua Valcamonica.
Ci teniamo in contatto sia con il cellulare sia con due trasmittenti. Filiamo come il vento, mentre chiacchieriamo di figli e lavoro, di casa e sport, e di quando eravamo ragazzi.
 
Solo verso Forlì siamo raggiunti dal fuoristrada e dopo pochi chilometri ci fermiamo qualche minuto.
Non abbiamo alcun intoppo, i chilometri scivolano via veloci tra uno scroscio improvviso ed un cielo che si riapre regalando colori che impreziosiscono il mare ed il litorale; ogni tanto si sottraggono alla vista tra leggeri dirupi o dolci colline per poi riapparire ancor pi√Ļ belli.
Poi vigne, ulivi e pinete, paesini e villaggi abbarbicati sui rilievi, ancora un paio di scrosci ed infine immense colture di carciofi: siamo finalmente in Puglia.
Adesso con me c’√® Nene alla guida. Sul Galloper si trovano Piere, che riposa sul sedile posteriore, Don Gianfranco al volante e Don Marco al suo fianco.
Quest’ultimo prende il telefonino, compone il numero e comincia a parlare, non visto da Pierenzo, il quale pensa che Don Marco stia conversando con lui: “….perch√© poi, dopo la dogana, sar√† difficile che possiamo parlare…..”.
“Certo, si, si, sono d’accordo, √® meglio che non parliamo dopo aver attraversato la dogana…” risponde Pierenzo, convinto.
Nella ricostruzione successiva si scoprirà che Don Marco pensava che anche Piere, nel medesimo istante, stesse telefonando a qualcuno.
“….poi faremo come abbiamo detto in quella riunione…” continua ancora al telefonino. “Ma io non c’ero, a quella riunione !” confessa Pierenzo a Don Marco, spostandosi un poco in avanti. Don Gianfranco, accortosi della scena, comincia a ridere e non smette pi√Ļ.
L’episodio ci sar√† raccontato, tra mille risate, e diventer√† una ‘tiritera’ per tutta la settimana.
 
Alle diciassette arriviamo a Bari ed entriamo al porto.
L’imbarco √® previsto per le diciannove e trenta sulla motonave Sansovino, traghetto lungo circa duecento e largo suppergi√Ļ una ventina di metri con nove ponti, compreso quello a livello dell’acqua in cui sono parcheggiati TIR ed autovetture.
Appena saliti e pagata la tassa di dodici euro per l’ingresso in Albania, ci sono assegnate le cabine che sono composte da due letti a castello, con la possibilit√† di aprire la porta centrale per comunicare con un'altra identica cabina, sempre con due letti a castello.
I due missionari non hanno dubbi su chi dormir√† sotto e chi sopra: Don Marco, alquanto “rotondetto”, si accomoder√† ai piani bassi.
Pierenzo si sacrifica e mi concede il letto inferiore, mentre a “nonno” Ezio cediamo l’attigua cabina, dopo avere aperto la porta di comunicazione.
Prima che la nave salpi ci rechiamo al self-service, che ha gi√† aperto, e dopo aver mangiato andiamo sul ponte per seguire le operazioni che precedono la partenza. La nave salpa alle ventitr√© in punto. Non ci muoviamo da l√¨ fino a che Bari non appare come un puntolino all’orizzonte, per poi sparire del tutto.
 
Non sono mai salito su una nave, ma √® proprio come me l’aspettavo: un dondolio dolce (il mare √® piuttosto calmo) che provoca un leggero fastidio, ma non nausea.
Ezio sentenzia, ieratico: “Per vincere il mal di mare bisogna sdraiarsi….”, cos√¨, tra le orrende offese rivoltegli dagli altri quattro, prendiamo la via delle cabine e ci prepariamo per dormire, verso la mezzanotte.
Piere ed io ci stiamo svestendo, mentre Nene è già sotto le coperte. Ci rivolge una domanda; gli sto rispondendo, ma, incredibilmente, sta già ronfando!
Il mio compagno si avvicina alla sua cuccetta e gli da una “pappina” sulla nuca. Niente da fare….. √® gi√† partito.
 
Tratto dal volume “Tapascio Bombatus e altre storie” - Ed. Liberedizioni
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/08/2016 08:44:00
Aspettando...in tenda (cap.2 l'alba) La notte trascorre tranquilla interrotta bruscamente solo dall'inequivocabile suono della sveglia puntata all'alba

09/08/2016 09:12:00
Concerto all'alba ¬ęSenza fine¬Ľ Anche quest’anno, a Prandaglio di Villanuova, l’alba del 10 agosto sar√† salutata in musica con il concerto del Gruppo Caronte dedicato alla canzone italiana d’autore

16/08/2016 13:37:00
¬ęSenza fine¬Ľ all'alba di gioved√¨ Sar√† recuperato questo gioved√¨ 18 agosto il concerto all’alba sul sagrato della chiesa di Prandaglio a Villanuova, rimandato a causa del maltempo

07/08/2015 09:53:00
Aspettando l'alba Questo sabato 8 agosto, alle 5 del mattino, un singolare concerto aspettando l’alba con gruppo “Adolphe Sax Quartet”, con un omaggio al padre del sassofono nel bicentenario della sua nascita

17/07/2012 08:00:00
L'alba raccontata dagli uccelli L'alba raccontata dagli uccelli Finestre aperte, un refolo che annuncia il cambio, dalla notte all'alba, il respiro del mondo di luce gira su tutte le anime e ascolto.



Altre da Racconti del Lunedì
09/10/2017

In medio stat virtus

E’ quasi mezzanotte, squilla il telefono: “Ciao Rigoberto, sono Giacomino, non hai per caso un’elettrovalvola servoazionata a due vie da prestarmi? …Ah, ce l’hai? Allora passo subito a prenderla? Va bene, grazie, arrivo”…

18/09/2017

Padre Enzo

L’ultimo incontro con Padre Enzo avvenne una quindicina di anni fa. Rivederlo oggi ci ha procurato un’emozione immensa!

04/09/2017

Il Traviato

Dopo una settimana di ferie, e terminata la prima giornata di lavoro, al rientro, cosa c’√® di meglio di una passeggiata lungo le sponde del fiume Chiese, in mezzo ai boschi?

14/08/2017

Uno splendido sabato alle Piscine Due Pini

L’ultimo sabato di luglio, bello e caldissimo, lo trascorriamo ai Due Pini di Sal√≤, immersi tra le decine di olivi e oleandri che circondano le splendide piscine. Che spettacolo!

24/07/2017

Un merlo impertinente

Da anni e annorum tutte le mattine mi sveglio almeno mezz’ora prima del necessario. “Bello scemo”, diranno i miei due lettori di ValleSabbiaNews. Ehhh, laciatemi spiegare…

03/07/2017

Sono venuto a prenderti

Trenta gradi alle dieci di sera, in camera, non li avevo mai percepiti, e l’estate, almeno quella astronomica, √® soltanto all’inizio! Prendo il cuscino, scendo in taverna, apro il divano letto e mi stendo, rinfrancato… ¬†

19/06/2017

La scomparsa dei càlem

Non era una gran fatica portare un sacchetto di c√†lem dal peso di tre chili, per trecento metri, anche perch√© durante il tragitto c’era un calo “tecnico” di almeno un chilo, che finiva nel mio stomaco... (1)

29/05/2017

Mamma e papà

Sono il Genio della Lampada!”, esclamo con voce baritonale, sotto il cielo stellato. “Allora fai venire qua la mia mamma e il mio pap√†!”, ribatte con enfasi il piccolo folletto di cinque anni, che ho rinominato “Duracell”, come le pile che non si scaricano mai…¬†

15/05/2017

Bon saloto a totti

E’ particolarmente faticoso essere costretti, ovviamente per celia e non per imposizione, a non impiegare certi simboli dell’alfabeto...

01/05/2017

Mal dei Primitives

Toccata e fuga di due giorni a Jesolo, un paio di anni fa. Arriviamo nella localit√† veneta sabato mattina, e dopo esserci goduta la spiaggia tutto il giorno, a sera ci rechiamo sulla “rambla” nostrana, per cercare un po’ di cibo…

Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia